HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

La partita del millennio, Messi e Neymar contro il Jorge Mendes FC. L'Inter non prende mai gol. Santa Lucia con un sacco di regali. Juventus non ancora da Scudetto (sarebbe servito Conte). Napoli alla prova di maturità

13.12.2015 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 36572 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Gestifute. Il nome è anche simpatico. Si abbina perfettamente per una squadra di calcio che fa la spola fra la massima serie del calcio portoghese e la B. Oppure per un club brasiliano. Esotico, semplice da ricordare. Eppure è la squadra più forte del mondo, o quasi. L'idea di confrontare il potere di Jorge Mendes, il procuratore migliore del mondo, e il Barcellona è uscita durante una chiacchierata informale con Stefano Borghi, giornalista per FoxSports, che ha commentato il Clasico stravinto dai blaugrana. Da una parte c'è una squadra che, pur avendo mille difetti, gioca e si diverte con il calcio. Dall'altra i problemi di Benzema, le voci dietro Cristiano Ronaldo, il teatrino de Gea in estate: l'impressione è che il Real Madrid abbia molte difficoltà interne, dovute anche al calo di potere, netto e deciso, di Florentino Perez. Probabilmente a breve ci saranno elezioni e una spaccatura ampia: perché, appunto, nel Real Madrid il fattore Gestifute è quasi in maggioranza. Cristiano Ronaldo e James Rodriguez, per dirne due, prima c'erano anche Fabio Coentrao e Angel Di Maria. O Pepe, ancora dei Galacticos, infine José Mourinho. L'undici migliore di Jorge Mendes potrebbe battersi con il Barça: in porta Ederson, portiere del Benfica. Difesa con Pepe, Mangala e Thiago Silva. Bernardo Silva a destra, Coentrao a sinistra, William Carvalho in mezzo. Joao Moutinho e James Rodriguez in cabina di regia, davanti Cristiano Ronaldo e Falcao. Oppure Diego Costa. E in panchina Garay, André Gomes, Carlos Vela, Danilo, Danny. Miguel Veloso, Ruben Neves. Insomma, Jorge Mendes punta a diventare un punto di riferimento (reale) per il club più conosciuto del mondo. Il Real Madrid non vuole permetterglielo.

Oggi è Santa Lucia e per chi, come me, viene da Bergamo (ma più in generale dal nord), non può che essere un giorno speciale. Perché più che Babbo Natale era la cieca più conosciuta (sin da quando si è bambini) a portare i regali, e il giorno dopo a scuola c'era pure la possibilità di giocare con quello che ti aveva portato. Una tradizione ben rispettata da questa giornata di campionato, perché dopo l'Inter - impossibile è stucchevole fermarsi a ciò che non andrebbe in casa Mancini, Handanovic non prende mai gol e il campionato italiano viene vinto dalla miglior difesa) ci sono due scontri al vertice molto interessanti. Juventus-Fiorentina, gara molto sentita a Firenze, è da sempre un derby atipico, sin dai presunti torti (arbitrali) di trenta anni fa: da lì si è sviluppata una sorta di voglia di rivincita che i viola non riescono mai a perdere, tanto più che il 4-2 di Giuseppe Rossi è ancora ricordato come una partita da liberazione. Potrebbe esserlo anche stavolta, sebbene non ci sia Batistuta in campo (l'ultimo che a Santa Lucia aveva demolito i bianconeri) ma l'ottimo Kalinic, vero e proprio attore protagonista di questo inizio anno. Troppo facile il conto del possibile Scudetto, meno semplice dire che la Juventus è ancora fuori dalla lotta. Perché, al di là di tutto, serve vincere tutte le sfide per rientrare davvero del tutto: servirebbe più Conte che Allegri, in questo momento, ma la forza dei piemontesi è stata quella di accantonare Morata, con una mossa impopolare, per giocare con Mandzukic e Dybala. Dall'altra parte Roma e Napoli sono più in là con i discorsi: ma se i giallorossi vedono tutto nero, i partenopei possono dirsi soddisfatti, al di là della sconfitta con il Bologna. Due squadre agli antipodi che però sono a un passo l'una dall'altra. Anche per gioie e dolori d'Europa. Il Napoli, vincendo, potrebbe dimostrare di essere all'altezza della situazione (e della lotta Scudetto): di fatto, però, nessuno dei match odierni determinano alcunché, con ventidue partite ancora da giocare. Ma chi si allontana dovrà poi fare un filotto: il Napoli è in grado, per le avversarie non è così matematico.

Infine un plauso a Roberto Donadoni, incredibile protagonista con il suo Bologna. Ha perso solamente una gara, contro il Torino, nelle ultime sei. Vincendone altre quattro e pareggiando proprio con la Roma. Dopo l'anno con il Parma non può essere che una bellissima notizia.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.