HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

La passione del tifoso ha un limite di sopportazione. Basta con gli scandali, il calcio non può essere di pochi...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
14.10.2015 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 21130 volte
© foto di Federico De Luca

Ho deciso di fare un'eccezione... L'Italia ha già fatto il suo, Conte ci ha portato agli Europei, quindi c'è modo e tempo per parlare d'altro... Provo, ormai da diverso tempo, una spiacevole sensazione. Ho l'impressione che il mio giocattolo preferito, il pallone da calcio per intenderci, abbia imboccato una via pericolose, di quelle che faresti evitare anche al tuo peggior nemico... Per ora è solo un sospetto ma, si sa, è un attimo a ritrovarsi in guai seri, soprattutto quando parliamo del gioco più diffuso al mondo, nonché quello che muove più quattrini... Spesso ho la fortuna di confrontarmi con tifosi con 10 o 20 primavere più di me sulle spalle... Raccontano il calcio in maniera diversa, più appassionata, per certi versi più reale. "Mi ricordo della traversa di Rivera, l'ho aspettato fuori dallo stadio per dirgli di tirare meglio la prossima volta...", "Mamma quanto era forte Jair, lo vedevi subito se era in giornata... Se aveva freddo, allora era finita". Il loro era un calcio semplice, popolare, di tutti... Oggi non è più così, sia per il tifoso, così come per gli addetti ai lavori. Tutto è ovattato, tremendamente lucido ma incredibilmente falsato. Una volta il contatto con i giocatori era immediato, naturale. Ora l'accesso ai club è di pochi, pochissimi, ossia di chi ha certi diritti (pagati a prezzo carissimo). Le notizie sono filtrate. Si raccontano tante verità a sostegno di questa "chiusura verso l'esterno": siamo in troppi (giornalisti), è un modo per "gestire meglio la professionalità dei giocatori", non si può accontentare tutti. Non è così... Il calcio è diventato uno sport visto da centinaia di milioni di persone ma gestito da sempre meno persone, il cui pass è garantito solo da investimenti di milioni di euro... Forse è meglio così... Indubbiamente l'offerta è meravigliosa. Puoi sapere o vedere ogni singolo calciatore, anche della più sperduta squadra dell'Irlanda del Nord... Eppure non sembra più esserci spazio per la fantasia, dentro e fuori dal campo. Quando i giocatori arrivano allo stadio, pare di assistere ad un'adunata di militari. Cuffie, smarthphone, iPad, nessun sorriso, nessun contatto... Eppure, al pubblico, i "fuori legge" piacevano e piacciono ancora. Mourinho è l'esempio lampante. Lui è fuori dal coro e, per questo, è lo Special One (anche per le vittorie, ovviamente). Grande comunicatore, vero, ma anche uno che non riesce a "farsi inquadrare", nonostante sia anch'egli parte di questo mondo ovattato. Uno come Oronzo Pugliese, allenatore anni '60 famoso soprattutto per le imprese con il suo Foggia, oggi sarebbe un personaggio dalla presa mediatica inimmaginabile. Il Mago di Turi (vi consiglio un giro sulla rete per saperne di più) non era pazzo, era solo sé stesso, quello che, oggi, è difficile essere nel dorato mondo del pallone che conosciamo o, forse, che pensiamo di conoscere. Non so voi ma io mi sono "rotto le palle" (detto alla Gallinari) di svegliarmi la mattina e ritrovarmi per colazione l'ennesimo scandalo legato al calcio. Blatter, Platini, Messi, Lotito, Galliani... Ogni giorno un rappresentante, più o meno illustre, finisce sotto i riflettori ma per motivi che, con il calcio che si pratica su un campo verde, non c'entrano nulla... E se fosse perché non c'è più accesso al calcio come un tempo? E' più facile mettersi d'accordo in pochi che trovare un'intesa se tutti sanno, no? Mi chiedo: fino a quando il tifoso sarà in grado di tollerare tutto questo? Lo stadio, quello che rappresenta, a conti fatti, il teatro del calcio è sempre più deserto. Certo, c'è la splendida offerta televisiva, i costi alti dei biglietti, le troppe partite in settimana, gli impianti fatiscenti, i pochi campioni rispetto al passato, tutte motivazioni che hanno cittadinanza eppure mi pare che c'entri anche con la passione... Che ce ne sia meno? O, meglio, che si sia adeguata ai tempi? In fin dei conti siamo tutti un po' dopati. Forse si è persa quell'innocenza che oggi ritrovi solo nei racconti di chi ha visto un altro calcio, quello che non era in mano a pochi...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.