HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

La passione del tifoso ha un limite di sopportazione. Basta con gli scandali, il calcio non può essere di pochi...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
14.10.2015 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 21112 volte
© foto di Federico De Luca

Ho deciso di fare un'eccezione... L'Italia ha già fatto il suo, Conte ci ha portato agli Europei, quindi c'è modo e tempo per parlare d'altro... Provo, ormai da diverso tempo, una spiacevole sensazione. Ho l'impressione che il mio giocattolo preferito, il pallone da calcio per intenderci, abbia imboccato una via pericolose, di quelle che faresti evitare anche al tuo peggior nemico... Per ora è solo un sospetto ma, si sa, è un attimo a ritrovarsi in guai seri, soprattutto quando parliamo del gioco più diffuso al mondo, nonché quello che muove più quattrini... Spesso ho la fortuna di confrontarmi con tifosi con 10 o 20 primavere più di me sulle spalle... Raccontano il calcio in maniera diversa, più appassionata, per certi versi più reale. "Mi ricordo della traversa di Rivera, l'ho aspettato fuori dallo stadio per dirgli di tirare meglio la prossima volta...", "Mamma quanto era forte Jair, lo vedevi subito se era in giornata... Se aveva freddo, allora era finita". Il loro era un calcio semplice, popolare, di tutti... Oggi non è più così, sia per il tifoso, così come per gli addetti ai lavori. Tutto è ovattato, tremendamente lucido ma incredibilmente falsato. Una volta il contatto con i giocatori era immediato, naturale. Ora l'accesso ai club è di pochi, pochissimi, ossia di chi ha certi diritti (pagati a prezzo carissimo). Le notizie sono filtrate. Si raccontano tante verità a sostegno di questa "chiusura verso l'esterno": siamo in troppi (giornalisti), è un modo per "gestire meglio la professionalità dei giocatori", non si può accontentare tutti. Non è così... Il calcio è diventato uno sport visto da centinaia di milioni di persone ma gestito da sempre meno persone, il cui pass è garantito solo da investimenti di milioni di euro... Forse è meglio così... Indubbiamente l'offerta è meravigliosa. Puoi sapere o vedere ogni singolo calciatore, anche della più sperduta squadra dell'Irlanda del Nord... Eppure non sembra più esserci spazio per la fantasia, dentro e fuori dal campo. Quando i giocatori arrivano allo stadio, pare di assistere ad un'adunata di militari. Cuffie, smarthphone, iPad, nessun sorriso, nessun contatto... Eppure, al pubblico, i "fuori legge" piacevano e piacciono ancora. Mourinho è l'esempio lampante. Lui è fuori dal coro e, per questo, è lo Special One (anche per le vittorie, ovviamente). Grande comunicatore, vero, ma anche uno che non riesce a "farsi inquadrare", nonostante sia anch'egli parte di questo mondo ovattato. Uno come Oronzo Pugliese, allenatore anni '60 famoso soprattutto per le imprese con il suo Foggia, oggi sarebbe un personaggio dalla presa mediatica inimmaginabile. Il Mago di Turi (vi consiglio un giro sulla rete per saperne di più) non era pazzo, era solo sé stesso, quello che, oggi, è difficile essere nel dorato mondo del pallone che conosciamo o, forse, che pensiamo di conoscere. Non so voi ma io mi sono "rotto le palle" (detto alla Gallinari) di svegliarmi la mattina e ritrovarmi per colazione l'ennesimo scandalo legato al calcio. Blatter, Platini, Messi, Lotito, Galliani... Ogni giorno un rappresentante, più o meno illustre, finisce sotto i riflettori ma per motivi che, con il calcio che si pratica su un campo verde, non c'entrano nulla... E se fosse perché non c'è più accesso al calcio come un tempo? E' più facile mettersi d'accordo in pochi che trovare un'intesa se tutti sanno, no? Mi chiedo: fino a quando il tifoso sarà in grado di tollerare tutto questo? Lo stadio, quello che rappresenta, a conti fatti, il teatro del calcio è sempre più deserto. Certo, c'è la splendida offerta televisiva, i costi alti dei biglietti, le troppe partite in settimana, gli impianti fatiscenti, i pochi campioni rispetto al passato, tutte motivazioni che hanno cittadinanza eppure mi pare che c'entri anche con la passione... Che ce ne sia meno? O, meglio, che si sia adeguata ai tempi? In fin dei conti siamo tutti un po' dopati. Forse si è persa quell'innocenza che oggi ritrovi solo nei racconti di chi ha visto un altro calcio, quello che non era in mano a pochi...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.