VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

La pazza giornata di Astori e il suo personale derby, le ali mondiali del Milan, l'Inter e la punta. E la Juve? Ora tutto su Romulo!

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
24.07.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 51855 volte
© foto di Federico De Luca

La scena se l'è presa tutta Astori, senza dubbio. Già era una vicenda intricata con il Cagliari che non lo voleva mollare e la Lazio che lo corteggiava da un mese. Nel giro di poche ore si è passati dal rinnovo con il Cagliari alla cessione alla Roma ad un passo. Com'è stati possibile? I sardi (con la regia di Marroccu) hanno puntato tutto sul rapporto con il ragazzo: che vuole andare via per provare l'esperienza in una grande (che merita) ma che non vuole lasciare però in difficoltà il suo club. Il patto d'acciaio con Marroccu ha fatto sempre avere forza al Cagliari che ha sempre chiesto almeno 7 milioni di euro alla Lazio. Non uno di meno. Lotito non ci credeva e non ha rilanciato. E così il Cagliari ha fatto rinnovare il ragazzo fissando una sorta di clausola (i famosi 7 milioni chiesti alla Lazio) si è tenuto libero di trattare con chi voleva. La Roma si è fiondata suo giocatore con grande impeto. Il rapporto con il Cagliari è forte. La cifra c'è. Basta l'ultima telefonata pere definire la formula e i pagamenti. Ci sarà nella notte. Poi bisognerà capire quando si definirà nel dettaglio e con i crismi dell'ufficialità, ma l'operazione è decisamente avanti.
Che sia lui il giocatore a cui faceva riferimento Baldissoni? Possibile (anche se io su Sky mi ero "pericolosamente" sbilanciato, seppure con una via di fuga: ma bisogna assumersi le responsabilità e ammettere le "sboronate"!!!!). Ma comunque la Roma non finisce qui, Astori o non Astori. Si può stringere anche per Yedlin, il terzino destro statunitense del Seattle, nonostante la concorrenza di Genoa e soprattutto Inter. Insomma l'imperativo di Garcia (vincere) pare sia lo stesso anche per la società.
Anche il Milan si sta muovendo con grande intensità sul mercato. Alla ricerca dell'ala. Sempre con Cerci come italiano (e per via di questo e della facilità di rapporti con il Torino) ancora al momento sempre primo della lista ma insidiato eccome. Resiste il nome di Griezmann (seguito però dal Monaco molto da vicino), salta il nome di Lavezzi (ma proprio ieri Galliani ha chiamato Jean Claude Blanc che gli ha ribadito che Lavezzi non hanno intenzione di cederlo). Entrano con prepotenza quelli di due protagonisti mondiali. Uno è Campbell della CostaRica. Di proprietà dell'Arsenal ma lo scorso anno all'Olympiacos. Il Milan ha già chiesto informazioni, per età e caratteristiche intriga eccome. L'altro è Giovanni Dos Santos, del Villarreal. Grande talento, messicano. Ex Barcellona, erede designato di Ronaldinho che si era un po' perso, forse nel suo stesso talento, ma che ora si sta decisamente ritrovando. Insomma il Milan allarga gli orizzonti a tutto il mondo. Compreso naturalmente Douglas Costa dello Shakthar che però ha una situazione molto complicata proprio a causa della rigidità del club ucraino. Ma il Milan non molla tanto da andare nuovamente a pranzo con il suo manager Kia Joorabchian due volte in due giorni. Robinho intanto continua a trattare la sua cessione e si apre anche una pista Emirati Arabi.
L'Inter intanto sta definendo nel dettaglio Medel. Ora la differenza è sulle modalità di pagamento. Thohir vorrebbe farlo in tre anni (e da qui non si muove) il Cardiff vorrebbe in due. Insomma, la trattativa è alle battute finali. Non trovano conferme le voci su Balanta. Anzi a dire il vero l'offerta l'inte l'ha fatta: molto tempo fa e molto bassa. Si lavora invece a testa bassa sull'attaccante: non più di una settimana fa sondati ancora Lamela e Jovetic. La risposta è sempre la stessa: non si cedono (a maggior ragione dopo l'infortunio di Negredo il city per Jojo si è irrigidito ancora di più). Budget finora non c'è quindi l'Inter si prepara al colpo a zero (Osvaldo in pole), ma magari aspetta la cessione di Guarin. Attenzione però al Monaco stanno per prendere Gaitan.
Il Napoli per il centrocampo spera di poter arrivare a Javi Garcia: il City sembra aver aperto al prestito, ma io problema è l'ingaggio. Altissimo.
La Juventus sembra non volersi fermare più, invece. Forse stimolata proprio dalla Roma (scatenata sul mercato). Pereyra ha fatto le visite, chiama Eto'o per rinforzare l'attacco (dopo l'infortunio a Morata) ma soprattutto riprende i colloqui con il Verona (dopo la vicenda Iturbe) per cercare di prendere Romulo. Si parla per chiudere, magari il più presto possibile, anche per vincere la concorrenza (stavolta del Galatasaray).
La Samp ha cercato Osvaldo (ma il Southampton al momento rifiuta il prestito), la Fiorentina aspetta di parlare con il Barcellona per capire bene cosa succede con Cuadrado (che rimane sempre un'obiettivo blaugrana).
A Cagliari (al di là della vicenda Astori) arriverà Camporese della Fiorentina, il Cesena ha sondato Buchel e potrebbe mettere sotto contratto Rubin (sul quale c'è anche il Modena), il Verona ha incontrato Nené e si è portato in vantaggio sul Genoa (che molla Pavoletti), il Chievo ha incontrato Bellomo per il rinnovo e l'incontro è andato bene.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.