HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

La serie A di torte e pasticcini. Silvio, un messaggio di addio. Ferrero, è stato bello ma adesso parli Garrone. Ecco la vera favola della A... Cagliari, Rastelli il "normal one"

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
09.05.2016 17.09 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 59085 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Vi avevamo annunciato con una settimana di anticipo come sarebbe finita la serie A. Abbiamo vinto qualcosa? Dico sempre che devo mettere qualcosa da parte per le ultime settimane di campionato e non lo faccio mai. Una scommessina semplice semplice e avrei portato a casa qualcosa. L'ultima volta che avevo scommesso 5 euro ne vinsi 2.300, era 7 anni fa e in vita mia avrò scommesso sì e no 7-8 volte. Chi credeva alla vittoria dell'Atalanta sull'Udinese? Il pareggio era il risultato più scontato dell'anno. Così come il Palermo che non avrebbe perso a Firenze e che la Lazio si sarebbe giocato la partita a Carpi. Va giù il Carpi ma avrebbe meritato qualcosa in più. Bonacini paga gli errori di inizio anno e - se avesse tenuto la sua linea - sarebbe salvo. Dimostrazione questa che è meglio sbagliare con la propria testa che con quella degli altri. In serie B, invece, alcune pasticcerie sono aperte altre sono chiuse. Complimenti alla Ternana e al suo portiere Mazzoni che hanno onorato il campionato, meno Juric che ha detto ciò che pensava al giornalista di Modena quando gli ha chiesto cosa avrebbe fatto il Crotone nelle ultime tre giornate di campionato. Non fa regali ma non fa neanche le guerre puniche. Un punticino al Latina non si nega. L'Avellino sarà l'arbitro dei play off, dovendo affrontare Entella e Cesena. Se ci fosse stato Marcolin i lupi avrebbero fatto 0 punti, più che altro per essere coerente con tutto il suo trend. Marcolin dopo Avellino potrà allenare i pulcini sotto casa. Tesser ha salvato la squadra ma ora ha un altro compito: finire il campionato con l'onore irpino. Meglio schierare un talento meno cristallino ma con più voglia di vincere che qualcuno con la testa già al sole e alle spiagge. E' stata la settimana dei discorsi. Il peggiore? Quello di Silvio Berlusconi. Non riusciamo neanche a sparare sulla croce rossa ma da quel messaggio abbiamo capito che un ciclo è finito. Dopo aver sentito quelle parole abbiamo capito l'esonero di Sinisa e Brocchi buttato nella mischia tanto per bruciarne un altro. Berlusconi non ha più la forza di combattere. Gli è rimasto solo il calcio ed è aggrappato al Milan come un uomo al balcone di casa al nono piano sospeso nel vuoto. Se molla è finito. La politica è andata, la tv che è il suo mondo sta per passare la mano ai più facoltosi francesi di Vivendi mentre il calcio è il giocattolo che nessuno mai vorrà mollare. Per il bene del Milan è giusto che venda, per il bene personale è giusto che resti. Faccia l'ultimo sacrificio e atto di amore verso i colori rossoneri e venda a qualcuno che ha più disponibilità economica ma anche e soprattutto più lucidità gestionale. Galliani che ha mille responsabilità, sempre alla luce di quel messaggio postato su facebook ha anche 999 attenuanti.
Voglio tornare a parlare di Massimo Ferrero perché è un personaggio folcloristico che mi piace particolarmente e che da due anni accompagna i nostri pensieri. Secondo me Ferrero è un genio. Pensiamoci bene: la sua mossa è stata astuta. Dalla Samp ha ottenuto tutti: visibilità, soldi e gloria (al primo anno). Chi fa calcio, i fessi, i soldi li mettono. Lui li guadagna. Si esauriscono. Lui saltella e si diverte con il fazzoletto in testa. Si siede al tavolo con il Presidente del Coni, Malagò, e frequenta gli hotel milanesi di lusso per fare le trattative di calciomercato con l'Avv Romei. Sembra un remake de "L'allenatore nel pallone" invece la Longobarda, in questo caso, non esiste ma la Sampdoria sì. Gli unici responsabili non sono Ferrero e gli amici di Ferrero ma Garrone e i tifosi della Sampdoria che hanno consentito questa pagliacciata per due anni. Ora i tifosi della Samp & Doria iniziano a capire ma un anno fa attaccavano chi criticava il loro Presidente. E Garrone in tutto ciò tace. Non va bene. Il derby umiliazione di ieri segni la fine di questo teatrino e il prossimo anno si ricominci con un progetto serio e pari alla gloria del club. La vera rivelazione della serie A non è il Sassuolo che fa bene avendo un budget da big ma il Chievo Verona. La vera favola è quella clivense che non fa più notizia perché è rientrata nella normalità italiana ma ogni anno scrive pagine sempre più belle. Nell'anno dell'umiliazione del Verona, il Chievo conferma che il calcio non si fa con i quinquennali a Pazzini ma con le idee. Prima l'artefice era Sartori, andato via lui e tornato il Verona in A, il Chievo sarebbe dovuto sparire dai radar in due anni. Dopo due anni il Chievo ha trovato un Sartori più forte e più giovane che si chiama Luca Nember, si è salvato grazie ad un progetto societario, ha scelto un allenatore perfetto come Maran e ha venduto a gennaio a 10 milioni il suo bomber senza che nessuno, nel girone di ritorno, si accorgesse della sua assenza. Una favola? Sì, da raccontare.
Complimenti al Cagliari ritornato in serie A dopo solo un anno dai disastri di Zeman. A Cagliari qualcuno ha la puzza sotto il naso e dice: "siamo andati in A perché avevamo la squadra più forte, ovvio che dovevamo tornare su ma Rastelli avrebbe dovuto far meglio". Bene, a questa gente andrebbe tolta la tessera del tifoso per incompetenza. Vincere la serie B è sempre complicatissimo. Un anno fa il Catania con una squadra forte come il Cagliari si è salvato comprando a Marcolin le ultime 5-6 partite, il Bologna è andato ai play off e ha vinto semifinale e finale con due traverse colpite da Avellino e Pescara e il Bologna è stato salvato solo dal vento. Il Cagliari ha stravinto il campionato, dominando dalla prima all'ultima giornata, non ha mai avuto davanti più di una squadra e la gente si lamenta? Questa gente si merita Zeman. Massimo Rastelli ha vinto perché è pratico, pragmatico, concreto e vincente. Non è bello da vedere? Bene, andate al circo o in Svizzera a vedere il Lugano di Zeman ultimo in classifica. Ditemi un allenatore che nelle ultime tre stagioni di B ha fatto più punti di Rastelli. Due miracoli ad Avellino e un capolavoro a Cagliari. Non è speciale come Mourinho ma è normale come Allegri. Chi vince ha sempre ragione. Rastelli ha ragione. E' un ottimo allenatore con un ottimo vice. Per diventare grandissimo dovrà rivedere solo la preparazione atletica perché va bene correre a mille a novembre ma non va bene correre la metà a febbraio-marzo. Dopo aver sistemato questo aspetto, Rastelli sarà da big di alto livello ma la serie A l'ha sudata e conquistata sul campo. Bentornato Cagliari!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata 06.01 - Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.