HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

La sindrome Arsenal che può colpire il Napoli, la Juve non può ridursi all'ultimo per Witsel. L'Italia è dietro quattro anni alla Germania, ma la Champions ci aiuterà. I cinesi sbagliano bonifico, farsa Palermo, che bel Sassuolo (sul campo)

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
04.09.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 88239 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Nel nostro lavoro capita di sbagliare, soprattutto prendendo per oro colato le notizie di altri giornali che puoi ritenere affidabili, perché le penne prestigiose solitamente non si espongono se non hanno più che un paio di pezze d'appoggio. Così devo chiedere scusa ai napoletani per l'uscita su Reina, perché la notizia che volesse forzare il contratto con il Napoli sembrava davvero un po' forzata. Un contatto a dire la verità c'è stato, ma era ben prima di quanto scritto e comunque la valutazione del portiere era quella di voler rimanere in azzurro. Poi, siccome la ruota gira e tutti sbagliano, Cavani non era a Napoli nonostante la fuga di notizie di una settimana fa, con più di un cronista che giurava su qualsiasi cosa di caro di averne la certezza assoluta. Ciò non sminuisce gli errori altrui ma dimostra come il lavoro da giornalista sia tutt'altro che semplice.

Finito il cappello iniziale, meglio rimanere proprio sul Napoli. Calciomercato buonissimo per vari motivi, grande forza in mezzo alla difesa ma fragilità più o meno manifesta nei terzini - a meno che Maksimovic non possa giocare lì - poi da centrocampo in su c'è grande varietà e qualità. Gabbiadini forse non è centravanti centrale da tridente, il fatto che anche Milik sia sinistro non aiuta di certo, ma la possibilità di scegliere fra titolari e riserve in maniera quasi identica significa poter dare qualche grattacapo in più alla Juventus, nonostante la perdita di Higuain. Non è automatico, però... c'è un però. Il Napoli sembra assomigliare tanto all'Arsenal di Wenger, più che altro per la motivazione che vuole il presidente pronto a reinvestire i soldi di Higuain per avere prossime plusvalenze (Rog, Diawara, lo stesso Zielinski). Ciò non aiuta a migliorare sensibilmente la squadra in questo momento. Il vincere così sembra sempre secondario rispetto alla prospettiva, senza pensare che se è vero che la gallina domani può essere meglio di un uovo oggi, è pacifico pure che la Juventus possa comprarsi gallina e uovo insieme sia oggi che domani. Il rischio è che De Laurentiis diventi un Gazidis per quel che riguarda il bilancio del club, andando sempre in positivo ma spendendo poi in maniera azzardata: per intenderci, l'Arsenal è praticamente sempre qualificato in Champions League, ma poi varia dal secondo al quarto posto. Nelle intenzioni il Napoli ha smesso meglio anche dell'Inter, piena di doppioni e con un sacco di alternative, ma i cavalli si vedono all'arrivo.

Nella scorsa finestra di calciomercato Italia, Germania e Spagna hanno speso più o meno una cifra simile (100 milioni in più, 100 in meno) per i trasferimenti. C'è un però: in Bundes e Liga le grandi non hanno venduto i propri gioielli come da noi. Questo fa capire che abbiamo un problema ancora economico, soprattutto nei confronti dei tedeschi. Perché in questa stagione, Bayern a parte, il Borussia Dortmund si è permesso spese folli, andando a prendersi Schurrle o Gotze, Mor o Bartra, il Wolfsburg Bruma o Gerhardt, lo Schalke Embolo e Stambouli, poi il Leverkusen, il Moenchengladbach... insomma, fra quattro anni le italiane potranno ritornare a fare così, con un Bayern Monaco (la Juve) che comunque disterà molto dalle altre ma forse più umano. Il ritorno alle quattro squadre in Champions porterà altri soldi freschi nella Serie A. Nel calciomercato meraviglioso che ha condotto la Juventus c'è un problema: Witsel. Pur essendo un ottimo giocatore non può essere inseguito fino alle 23 dell'ultimo giorno di mercato per poi non essere preso. Un errore marchiano che discende dai tempi di Iturbe, passando da Draxler la scorsa stagione, arrivando all'Hernanes poi rimasto. Se a gennaio verrà coperto il buco non ci saranno grossi problemi, a patto di essere ancora nell'Europa che più conta.

Pensieri in libertà: i cinesi che sbagliano bonifico forse porteranno il Milan ancora in alto, ma essere costretti a soffiare Mati Fernandez all'ultimo giorno perché hai speso oltre sette milioni per Sosa è il quadro perfetto rossonero. Montella comunque farà bene. Il Palermo continua nella sua farsa con gli allenatori, Ballardini forse fa male a dimettersi ma dimostra che tiene più alla propria faccia che ai soldi, non è una cosa da tutti: e Zamparini dovrebbe capire che non si salva sempre per il rotto della cuffia. Il Sassuolo fa divertire sul campo, un po' meno con la posta elettronica (un peccato, davvero), la Lazio dovrà crescere. Infine, la Fiorentina: i Della Valle nell'ultima sessione di mercato hanno tappato una falla economica di una certa grandezza, hanno forse fatto bene. Sarebbe bello capire, se non fosse andato via Alonso, cosa ne sarebbe stato della società viola. Perché non riuscire a chiudere Marco Sportiello, checché ne dica Corvino (e fa francamente sorridere sostenere come non l'abbiano mai cercato, quando è lapalissiano il contrario) per una questione di settecentomila euro di differenza, dopo avere ceduto anche Mati per qualcosina in più, è una mossa particolare, diciamo così. La viola ha tante scommesse, qualcuna la vincerà, altre verranno perse. Il ridimensionamento è però chiaro, al di là della permanenza dei grossi calibri.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.