HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

La solita abitudine italiana: tutti sul carro di Conte, dopo solo novanta minuti. Hooligans: altro che tifosi, solo vandali e teppisti. Ma l'Europeo regala anche storie splendide e favole infinite, come quella di Vardy

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
17.06.2016 14.42 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 37884 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Tutti sul carro, avanti c'è posto. E' la moda italiana, nulla di cui stupirsi. Vituperato ed attaccato per non aver convocato giocatori che avevano sbalordito in Italia, leggi Leonardo Pavoletti, bistrattato per aver scordato leggende come Andrea Pirlo, Antonio Conte ha avuto semplicemente ancora una volta ragione. Magari, poi, da oggi (scongiuri concessi, prego), i risultati gli daranno torto. Ma ha saputo costruire una squadra, vera. Tosta, concreta. Prima dell'Europeo ha confidato agli amici una cosa chiarissima: "non ho qualità, punto sui corridori e su chi ha la mia stessa fame". Non c'è spazio per le piroette. Per chi magari ha più talento (Berardi), più fantasia (Giovinco). E neanche per chi è comunque in Francia ma è stato convocato per le situazioni più d'emergenza che altro (Insigne). Conte ha una sua ossatura, che meglio s'amalgama tra di sè d'ogni altra. A centrocampo un incursore (Giaccherini o Florenzi) ed un interno (Parolo o Sturaro). Un esterno d'attacco (Candreva a destra, El Shaarawy a sinistra), uno di contenimento (Darmian e De Sciglio). In regia De Rossi o Thiago Motta, la BBC davanti a Buffon e davanti un ariete come Pellè e uno più mobile accanto (prima Eder, poi Immobile, con Zaza pronto a sostituire tutti e tre). Amen. Questa è l'Italia, volenti o nolenti, senza stelle ma con un cuore grande così. In pochi l'avevano capito prima del via, Conte si è chiuso dietro al suo forte di Coverciano prima e francese poi, facendo scudo davanti ai suoi.

Comunque, pensatene quel che volete, ma l'Europeo resta una figata. Sì, magari al netto di (passatemi il termine, senza censura) quegli imbecilli, vandali e teppisti che devastano la Francia in nome di niente e di nessuno. Non hanno una causa, un perché. Il terrore ed il panico che stanno seminando è figlio di un'ignoranza che deve essere combattuta, perché nulla ha a che vedere con quel che ci saremmo aspettati da un Europeo in questo momento storico. Dove una deputata viene assassinata in nome di un tempo antico e di confini che hanno poco senso d'esistere. Dove ogni uomo dovrebbe avere il diritto di amare chi vuole ma dove qualcuno che ha svenduto l'anima ad un diavolo che confonde con altre alte fattezze non accetta. Ed uccide, ad Orlando, nella terra delle libertà. Dove viviamo nel terrore dell'altro, dove uno scoppio lontano non porta più alla mente un petardo fuori stagione di un bambino incosciente ma subito le tragiche immagini di Parigi. Ecco, iniziamo noi, che scriviamo. Smettiamo, tutti, di chiamarli 'tifosi'. Sono vandali. Teppisti. E così vanno considerati.

Dicevamo di quella figata dell'Europeo. Dove la terra dei geyser manda in trasferta l'8% della popolazione e ferma pure quella faccia tosta di Cristiano Ronaldo. L'Islanda è una storia bellissima, così come l'Irlanda del Nord. "We're not Brazil, we're Northern Ireland" è canto nato di recente, quando la nazionale che fu di Best sconfisse, nel 2005, l'Inghilterra. "Non siamo il Brasile, non serve. Siamo l'Irlanda del Nord". Che gioisce, dopo la storica vittoria contro l'Ucraina, sebbene l'idolo del web, Grigg, non sia andato in rete. Parliamo del Galles? Che è arrivato ad un passo dal sogno (e da 3 milioni che avrebbe preso dagli sponsor in caso di vittoria proprio contro l'Inghilterra). Chi l'ha fermato? Jamie Vardy. Che Roy Hodgson, commissario tecnico dalle idee bislacche alla stregua di Marc Wilmots e Didier Deschamps, ha inizialmente lasciato fuori. Nossignore. Ha deciso poi di non fermarsi. Di continuare quel party iniziato a settembre. Perché l'Europeo è una figata. Ma sì, anche quando tutti saranno pronti a salire ancora sul carro di Conte o a scendere in caso di ko con la Svezia. Ah, gli scongiuri, son sempre concessi...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.