HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

La solita abitudine italiana: tutti sul carro di Conte, dopo solo novanta minuti. Hooligans: altro che tifosi, solo vandali e teppisti. Ma l'Europeo regala anche storie splendide e favole infinite, come quella di Vardy

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
17.06.2016 14.42 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 37865 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Tutti sul carro, avanti c'è posto. E' la moda italiana, nulla di cui stupirsi. Vituperato ed attaccato per non aver convocato giocatori che avevano sbalordito in Italia, leggi Leonardo Pavoletti, bistrattato per aver scordato leggende come Andrea Pirlo, Antonio Conte ha avuto semplicemente ancora una volta ragione. Magari, poi, da oggi (scongiuri concessi, prego), i risultati gli daranno torto. Ma ha saputo costruire una squadra, vera. Tosta, concreta. Prima dell'Europeo ha confidato agli amici una cosa chiarissima: "non ho qualità, punto sui corridori e su chi ha la mia stessa fame". Non c'è spazio per le piroette. Per chi magari ha più talento (Berardi), più fantasia (Giovinco). E neanche per chi è comunque in Francia ma è stato convocato per le situazioni più d'emergenza che altro (Insigne). Conte ha una sua ossatura, che meglio s'amalgama tra di sè d'ogni altra. A centrocampo un incursore (Giaccherini o Florenzi) ed un interno (Parolo o Sturaro). Un esterno d'attacco (Candreva a destra, El Shaarawy a sinistra), uno di contenimento (Darmian e De Sciglio). In regia De Rossi o Thiago Motta, la BBC davanti a Buffon e davanti un ariete come Pellè e uno più mobile accanto (prima Eder, poi Immobile, con Zaza pronto a sostituire tutti e tre). Amen. Questa è l'Italia, volenti o nolenti, senza stelle ma con un cuore grande così. In pochi l'avevano capito prima del via, Conte si è chiuso dietro al suo forte di Coverciano prima e francese poi, facendo scudo davanti ai suoi.

Comunque, pensatene quel che volete, ma l'Europeo resta una figata. Sì, magari al netto di (passatemi il termine, senza censura) quegli imbecilli, vandali e teppisti che devastano la Francia in nome di niente e di nessuno. Non hanno una causa, un perché. Il terrore ed il panico che stanno seminando è figlio di un'ignoranza che deve essere combattuta, perché nulla ha a che vedere con quel che ci saremmo aspettati da un Europeo in questo momento storico. Dove una deputata viene assassinata in nome di un tempo antico e di confini che hanno poco senso d'esistere. Dove ogni uomo dovrebbe avere il diritto di amare chi vuole ma dove qualcuno che ha svenduto l'anima ad un diavolo che confonde con altre alte fattezze non accetta. Ed uccide, ad Orlando, nella terra delle libertà. Dove viviamo nel terrore dell'altro, dove uno scoppio lontano non porta più alla mente un petardo fuori stagione di un bambino incosciente ma subito le tragiche immagini di Parigi. Ecco, iniziamo noi, che scriviamo. Smettiamo, tutti, di chiamarli 'tifosi'. Sono vandali. Teppisti. E così vanno considerati.

Dicevamo di quella figata dell'Europeo. Dove la terra dei geyser manda in trasferta l'8% della popolazione e ferma pure quella faccia tosta di Cristiano Ronaldo. L'Islanda è una storia bellissima, così come l'Irlanda del Nord. "We're not Brazil, we're Northern Ireland" è canto nato di recente, quando la nazionale che fu di Best sconfisse, nel 2005, l'Inghilterra. "Non siamo il Brasile, non serve. Siamo l'Irlanda del Nord". Che gioisce, dopo la storica vittoria contro l'Ucraina, sebbene l'idolo del web, Grigg, non sia andato in rete. Parliamo del Galles? Che è arrivato ad un passo dal sogno (e da 3 milioni che avrebbe preso dagli sponsor in caso di vittoria proprio contro l'Inghilterra). Chi l'ha fermato? Jamie Vardy. Che Roy Hodgson, commissario tecnico dalle idee bislacche alla stregua di Marc Wilmots e Didier Deschamps, ha inizialmente lasciato fuori. Nossignore. Ha deciso poi di non fermarsi. Di continuare quel party iniziato a settembre. Perché l'Europeo è una figata. Ma sì, anche quando tutti saranno pronti a salire ancora sul carro di Conte o a scendere in caso di ko con la Svezia. Ah, gli scongiuri, son sempre concessi...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.