HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

La storia insegna sempre: Leonardo per esempio. Tifosi Milan giustamente disorientati. Mondiali: sale Abate, scende Ranocchia. Ghirardi: forza presidente, ci ripensi. Europa League: con il Milan al posto del Toro, quanto Bonolis...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
31.05.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 39561 volte

Il 15 Maggio 2010 i tifosi del Milan contestarono apertamente la Società e il presidente Berlusconi e si schierarono apertamente a favore di Leonardo. Era la notte dell'ultima giornata di Campionato, del 3-0 alla Juventus e degli abbracci a Leonardo di ogni giocatore dopo ognuno dei tre gol. Dieci mesi e mezzo dopo, il 2 Aprile 2011, Leonardo veniva fatto oggetto della coreografia più clamorosamente contro, era il derby dello Scudetto (un altro 3-0, questa volta in Milan-Inter), mai fatta dalla tifoseria rossonera contro un avversario. Al terzo gol di Cassano, il Maggio 2010 era tombinato, chiuso, dimenticato. Una delle tante fasi del calcio che sembrano incendi apocalittici e che la storia che scorre riconduce invece a fuochini fuochini. Nell'Aprile 2011 il tifoso milanista era pentito di aver contestato dieci mesi e mezzo prima quella stessa Società, con il presidente Berlusconi in primissima fila, discussa più o meno con le stesse modalità anche oggi con lo stesso presidente Berlusconi come sempre in prima fila. Anche chi scrive, ferito nell'orgoglio rossonero da Leo passato con gli altri, non le ha mandate a dire al campione brasiliano. Oggi però Leonardo sorprende ancora e torna di attualità. Nell'Aprile 2011 abbiamo scoperto che era sbagliato difenderlo e nei mesi prossimi potrebbero essere in molti ad ammettere che forse era sbagliato attaccarlo e paragonarlo a Giuda. Perché, ebbene sì, può essere discusso e il presidente Berlusconi lo fece negli stessi termini con cui lo ha fatto con qualsiasi altro suo allenatore, ma Leonardo merita rispetto. Ecco ad esempio quello che diceva il 20 Febbraio 2010 di fronte alle contestazioni sul suo operato da parte del vertice rossonero: "Sono qui da ben 13 anni, non avrei alcun problema di contratto: non permetterei mai alla società di pagare due allenatori". E quello che disse a Febbraio lo fece Leonardo, parola per parola, a Maggio. Per questo le polemiche che ha fatto nei mesi successivi, sono state da uomo libero. Storia, gloria, affetto, amore, forza: tutte parole. I fatti sono altra cosa.

I tifosi del Milan sono giustamente disorientati. Le ipotesi delle ultime ore generano consenso da parte dei media ed entusiasmo da parte dei tifosi che fermano per strada i protagonisti e inneggiano dalle macchine se vedono uno dei loro idoli. Soprattutto uno. Ma il punto non è questo. Se il contatto umano è positivo, la tastiera no. Il tifo social è aizzato e incazzato. Ai tifosi ha iniziato a parlare il capitano, da capitano. Montolivo: "Tutte le decisioni che prendono la proprietà e la società, le prendono per il bene del Milan". Chiaro, cristallino. Ma non basta. Il Milan dovrà spiegare bene cosa è successo in questi mesi e azzerare, non tanto le diffamazioni create ad arte, che non contano nulla e che si afflosceranno da sole, ma, questi sì, i tarli, i dubbi e i sospetti che i tifosi in buona fede nutrono. Se l'obiettivo finale è una squadra con un'anima, una corsa, uno sguardo sempre rivolto ai tifosi, proprio dai tifosi il Milan dovrà partire. Raccontare, spiegare e chiarire: il primo passo verso il futuro. Al momento giusto, ma va fatto.

La formazione di Cesare Prandelli resa nota ieri a Coverciano in vista della gara di oggi contro l'Eire, svela un primo orientamento del Ct. La scrematura dei difensori centrali potrebbe non riguardare Paletta, bensì Ranocchia. L'argentino del Parma parte dall'inizio a Craven Cottage e può essere lui il sostituto di Barzagli. Spiace, se così fosse, per Ranocchia, ragazzo di grande talento e grande prospettiva che non ha tratto giovamento dal travaglio difensivo delle ultime stagioni nerazzurre. Un po' poco protetto Ranocchia, purtroppo, in tutti i sensi. In rialzo invece le quotazioni di Abate. Il timore di Cesare Prandelli era che Ignazio patisse emotivamente il saliscendi delle ultime settimane. Invece il signor Ignazio Abate, quello che non sa fare i cross (nel derby Scudetto 2011 e a Pechino li ha fatti ma la memoria oggi è contaminata dal furore), quello che cambia ruolo da un giorno all'altro senza fiatare per il bene del Milan e contro le proprie prospettive azzurre, sta riavvicinandosi al Mondiale in Brasile dopo aver fatto la Confederations Cup 2013 da podio da titolare. Chapeau, Ignazio. Prima sul piano umano e poi su quello tecnico.

Il presidente Ghirardi ha fatto una conferenza stampa da uomo vero. Lontano anni luce dalla fiction del calcio, dai suoi riti e dai suoi sorrisini finti. Ma anche senza rosicate e cattiverie. Ha parlato con il soffio dell'anima, con gli occhi aperti e il cuore libero da frasi fatte. Era deluso e ferito, ma riproiettatela nei Settori Giovanili quella conferenza. E' insegnamento per i giovani, sono parole che sanno di buono e sanno di sport. Forza Presidente, il suo Leonardi, i suoi giocatori e i suoi tifosi non meritano il danno oltre alla beffa.

A proposito, il presidente del Parma, nel rispetto assoluto che si deve alla sua performance specchiata e onesta, non se la prenderà se ci concediamo un retropensiero cattivello, questo sì da teatrino del calcio. Ma avete pensato per un attimo se al settimo posto, senza il gol di Brienza e con un paio di gol in più al Sassuolo nell'ultima giornata, ci fosse stato il Milan e non il Toro? Quanto avrebbe parlato Bonolis? Quante magliette avrebbero fatto a Firenze? A proposito, quest'anno quanti rigori alla Fiorentina? Ma continuiamo con le domande pertinenti sul tema: quante interrogazioni parlamentari sul Milan in Europa League al posto del Parma? Quante fiaccolate sarebbero state fatte per fare pressione sull'Alta Corte del Coni? Eppure, così come non ci sono stati complotti a favore del Toro (complimenti sempre al cuore granata), non ci sarebbero stati nemmeno a favore del Milan. Però, se ci fosse stato di mezzo il Milan giù cattiverie, infamate social e compagnia cantante. Vero Bonolis?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.