HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Lavezzi per la Juve, Vazquez per il Milan. Pirlo, gli allenatori che saltano. E sullo sfondo la Champions...

05.11.2015 09.22 di Luca Marchetti   articolo letto 42954 volte
© foto di Federico De Luca

Due decisi passi in avanti in Champions, forse decisivi. La Juve avrebbe anche potuto archiviare la fase a girone l'altra sera, ma va bene lo stesso. La Roma capovolge una situazione che cominciava ad essere preoccupante. Nulla è in tasca, soprattutto per i giallorossi, e se volete fate tutte le scaramanzie che volete, ma il peggio sembra passato.
E come al solito, il meglio deve ancora venire. Non solo per quanto riguarda la Champions, ma anche (e soprattutto) per il campionato.
Partiamo proprio dalla Juve che è quella che ha la necessità di forzare le tappe per riprendere la vetta. Ed è stato individuato nel Pocho Lavezzi un possibile innesto. Uno di quelli che ti possono dare la scossa in più per credere nell'impresa. I contatti sono continui, qualche giorno fa i procuratori dell'argentino sono stati anche a Vinovo. Si parla in continuazione, di ingaggio di cifre, di bonus. Una volta che ci sarà intesa con il ragazzo poi partirà l'offensiva al Psg che non creo farà molta resistenza per un giocatore che comunque a giugno se ne andrebbe a zero e che pesa (e non poco) sulle casse parigine. Insomma il nodo è tutto fra Juve e Lavezzi. E visto che spesso Allegri ha parlato di una Juve che con il 4-3-3 non gioca in maniera fluida perché manca l'alterego di Cuadrado, eccolo servito. Esperienza, qualità e duttilità. Nulla è definito, ma Lavezzi è una di quelle opportunità che non puoi lasciarti scappare.
Altra trattatvia che si sta scaldando in queste ore, ma per giugno, è quella di Vazquez. Anche qui si era parlato molto di Juventus, ma in realtà chi sta premendo di più in questo momento per il trequartista della nazionale italiana è il Milan. Che un trequartista lo aveva cercato a giugno scorso, senza riuscire a chiudere (si parlava di Soriano). Lo stesso Milan aveva parlato con il Palermo di Vazquez, ma i rossoneri al momento avevano altre esigneze tecniche su cui investire. Il colpo estivo invece potrebbe essere proprio in trequarti. E Vazquez ora viene valutato dal Palermo fra i 15 e i 20 milioni di euro. La volontà del Milan sarebbe quella di chiudere tutto a gennaio ma con il trasferimento fissato per giugno. La trattativa procede spedita.
Anche la Fiorentina, che vuole consolidare il primato, investirà sul mercato. A modo suo, con l'innesto di un centrocampista uruguaiano del Fenix. Si chiama Schetino (con una T sola mi raccomando!). Lo volevano Siviglia, Sampdoria e Lazio, ha 21 anni e firmerà 4 anni di contratto. Ma non sarà l'unico acquisto viola di gennaio. I nomi come al solito sono top secret, ma i movimenti ci sono eccome.
Si è parlato in queste ore anche molto di un possibile ritorno di Pirlo all'Inter, per via delle "vacanze" americane e la concomitanza con l'Europeo. Lo confesso subito: a noi non risulta che ci possa essere una possibilità di rivederlo in nerazzurro. Sarebbe una pista molto suggestiva, la chiusura del cerchio di Pirlo. Al momento però senza operazioni concrete da parte dei nerazzurri. A rigor di logica più "facile" vederlo al City, visto che la proprietà è la stessa. E a proposito di ritorni: in Inghilterra scrivono che Gerrard (sempre per le vacanze americane) sarebbe pronto a tornare al Liverpool. Sarebbe una bella storia anche questa.
Non lo è stata (almeno finora) quella del Carpi. Il ritorno di Castori, l'esonero di Sannino, l'addio di Sogliano, non sono segnali positivi. Intendiamoci: nessuno pensava che sarebbe stato facile l'esordio in A. Ma tante telefonate hanno indebolito le piccole certezze in casa del Carpi. L'ambiguita fra vecchio e nuovo non ha aiutato.va specificata però una cosa: comunque il Carpi avrebbe dovuto cambiare molto, visto che molti giocatori non erano di proprietà e che Giuntoli aveva appena fatto io grande salto fino a Napoli. Quando si cambia pelle non è mai facile, quando contestualmente si affronta il primo campionato di serie A bisogna avere le idee chiare, sin dall'inizio e avere il coraggio di portarle avanti. Oppure si rischia di portare confusione su confusione. Noi auguriamo al Carpi di risollevarsi da questa impasse il prima possibile ma non sarà semplice. Sogliano ha deciso di lasciare una volta che ha capito come sarebbe andata la situazione: gesto da non sottovalutare, neanche questo. Come a dire: la mia dignità (e la mia indipendenza) non ha prezzo. Evidentemente non c'era il giusto feeling con il presidente, come invece era successo in passato.
Resiste invece Mandorlini con un attestato di stima non comune da parte delle società: esistono delle "scusanti" per i risultati che non arrivano e la squadra è com l'allenatore. Ecco perché a Verona hanno deciso di continuare con lui. E chissà che questa non possa essere la mossa vincente, in un campionato dove generalmente le cose funzionano in un altro verso. Avevano provato a farlo a Bologna: resistere, ma si sono dovuti arrendere a una squadra che con grande difficoltà riusciva a mettere in campo quello che gli chiedeva Rossi. Con il cambio in panchina ne ha beneficiato soprattutto Destro che si è finalmente sbloccato. Vedremo se è un caso o se era un problema di testa e rapporti.
Infine il Genoa che sta vendendo la società. Preziosi intervistato da Telenord ha dichiarato che "il closing ci sarà entro la fine di Dicembre e che io resterò presidente finché non ci sarà qualcuno che dirà che non servo più". Difficile che sia Calabrò, con il quale si è stretto la mano e con il quale ha stretto anche un patto per rendere il Genoa sempre più competitivo. E visto che il mercato di gennaio è vicino i nomi a cui sta guardando il Genoa sono entrambi in B. Uno è Sensi del Cesena per il quale Preziosi vanta un'opzione proprio con il ds dei bianconeri Foschi, l'altro è Lapadula, attaccante del Pescara che sta facendo molto bene anche in B. In ogni caso, giura Preziosi, a gennaio il Genoa interverrà e non farà scommesse...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.