VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Le grandi tutte in movimento. Il 2016 chiude con i botti

29.12.2016 08.33 di Luca Marchetti   articolo letto 27654 volte
© foto di Federico De Luca

Anno nuovo, squadra nuova. Sembra essere questo il leit motiv del mercato. Ed è per questo che chi vuole migliorarsi e cambiare non perde tempo e anticipa il prima possibile le operazioni per poter chiudere e consegnare ai propri allenatori gli "aggiustamenti" di cui hanno bisogno.
La Juve ha bruciato tutti per Rincon e già in mattinata leggerete le prime dichiarazioni del venezuelano da bianconero. Tra prestito e obbligo di riscatto stiamo parlando di una cifra vicina ai 10 milioni di euro. Ma non è finita qui: né sull'asse Torino Genova né tantomeno per i centrocampisti della Juve. Infatti la corsa a Witsel non è per nulla finita: sul belga Marotta e Paratici stanno ancora lavorando con una strategia ben chiara. Il prezzo lo fa la Juve e sono 6 milioni di euro. Limite già raggiunto per un giocatore che a giugno sarebbe libero e che prima di marzo non tornerebbe a giocare con lo Zenit. Aspettiamoci ancora un po' di tira e molla, ma di sicuro la Juventus non si farà prendere in giro. L'altra trattativa è Hernanes, che non è rientrato nell'affare Rincon ma che sarà trattato a parte dai rossoblu.
Il giallo della giornata è stato Pavoletti. Doveva essere il giorno delle visite mediche e... lo è stato ma in ritardo. Avrebbe dovuto farle alle 11 ha iniziato nel tardo pomeriggio (per proseguire anche oggi) e i problemi erano tutti legati ai "famigerati" diritti di immagine che ormai come noto devono essere a totale appannaggio della società. Nonostante la situazione sia chiara a tutti questo non impedisce che all'ultimo ci siano sempre dei piccoli/grandi problemi da risolvere. Senza contare che poi le visite mediche per un giocatore infortunato sono sempre più "delicate". Comunque: alla fine tutto risolto, soddisfazione da tutte le parti, grande disponibilità del Genoa anche nei momenti di maggior nervosismo. Pavoletti per i prossimi 4 anni e mezzo sarà un giocatore del Napoli con bonus sul suo ingaggio legati ai traguardi di squadra (Scudetto e qualificazione in Champions) e personali (gol e convocazioni in Nazionale). Contestualmente all'arrivo di Pavoletti a Napoli blindano il falso nueve che finora ha fatto faville: Dries Mertens: accordo fino al 2020. Siamo allo scambio di contratti fra legali. All'interno di questi rinnovo ci sarà, molto probabilmente, una clausola che oscilla fra i 40 e i 50 milioni di euro che però sarà valida solo fra due anni.
Pure il Milan lavora, anche se in uscita. L'incontro fra Galliani e Gilmar Veloz alla fine c'è stato e si va verso la cessione allo Spartak Mosca. Il Milan da questa operazione non guadagnerà molto di cartellino, anzi. La cessione sarà praticamente vicina allo zero. Il vero risparmio il Milan lo avrà sull'ingaggio del giocatore che ha ancora 3 anni e mezzo di contratto a delle cifre decisamente importanti: addirittura a sforare i 6 milioni di euro netti con i bonus. Sulla cessione di Luiz Adriano naturalmente c'è anche l'ok di SES che ha raggiunto l'accordo con Galliani anche per il rinnovo di Bonaventura. Ora dovrebbe essere tutto a posto, anche (e soprattutto) sui famosi 500mila euro di retroattività che da quanto ci risulta saranno equamente divisi fra Fininvest e SES. Il prossimo da rinnovare sarà Suso. Mentre arriva lo stop su Orsolini: non c'è la stessa comunione di intenti in questi caso con i nuovi proprietari. Quindi il Milan si sfila dalla corsa al giocatore che rimane nel mirino di Juventus (che vorrebbe effettuare l'operazione insieme all'Atalanta) e Napoli e sul quale ha chiesto informazioni anche la Sampdoria.
Molto attiva anche la Roma: ieri incontro con il Sassuolo a Trigoria. E i piatti forti della conversazione sono stati Defrel e Pellegrini, che interessano moltissimo alla Roma per gennaio. Il Sassuolo non ha intenzione di cederli, non ora. Per Pellegrini il discorso non si pone, anche perché il ragazzo ha un diritto di riacquisto per giugno proprio in favore dei giallorossi (10 milioni di euro per 2017, 12 per 2018) e comunque ora è diventato uno dei punti fermi della squadra di Di Francesco. Pure per Defrel gli spazi di manovra sono praticamente inesistenti: intanto il Sassuolo non vorrebbe proprio vendere nessuno, ma nel caso di Defrel chi volesse acquistarlo dovrebbe partire dai 30 milioni che ha offerto il Tianjin Quanjan, la squadra di Fabio Cannavaro, appena promossa nella massima serie cinese. Insomma: primo giro di valzer.
La chiacchierata però non è finita qui: al Sassuolo interessano tre ragazzi del vivaio della Roma: Tumminello, Sech e Machin. Se ne continuerà a parlare.
Intanto Massara guarda con attenzione sempre El Ghazi per sostituire Salah (oltre Defrel): Gandini e Jorge Mendes sono entrambi a Dubai e potrebbe essere una buona occasione per parlarne. Altra idea porta anche a Borini (sui cui si è interessato anche il Milan).
La Roma (ma per giugno) sta già cominciando a parlare con il Torino per Skorupski, visto che il Toro non è sicuro di trattanere Hart, che ora sta giocando in prestito.
Aquilani è un nuovo giocatore del Sassuolo, mentre per vedere Lucas Leiva in nerazzurro non servirà molto. Anzi. Il Liverpool nel frattempo ha dato un ok formale sul prestito con diritto di riscatto (dopo la forte apertura di un paio di giorni fa). Le parti devono ancora formalizzare e chissà che l'Inter non si possa impegnare in qualche modo (non certo formalmente) per trasformare poi il prestito in acquisto. Molto dipenderà anhce da cosa decideranno a Nanchino, dove in queste ore ci sono Pioli e Ausilio, pronti a farsi dare non solo l'ok per Lucas Leiva ma anche per le altre strategie nerazzurre, anche per giugno.
Dicevamo all'inizio del Genoa che può prendere Hernanes. Ma non è la sola operazione dei rossoblu. Intanto è praticamente chiuso l'affare Morosini, con il Brescia. 3 milioni di euro più bonus, ad inizio anno dovrebbe essere formalizzato tutto. Per sostituire Rincon il Genoa punta Gabriel (del Palmeiras che però potrebbe anche rinnovare in Brasile) e corteggia Dezi. In attacco piace moltissimo Seferovic (che interessa molto anche alla Fiorentina) che ora gioca con il Francoforte ma che in Italia era già stato all'inizio della sua carriera.
Scatenato anche il Pescara che vuole centrare la salvezza, nonostante le difficoltà di questa prima parte di campionato. In attacco molto vicino Budimir (incontro previsto con la Samp per definire) sul quale c'è anche il Crotone. Si continua a seguire con interesse Paloschi. E un altro giocatore reputato molto interessante è Thiam (che ora gioca nel Paok). A centrocampo può tornare Mandragora, interesse per Ledesma (ora svincolato) mentre in difesa oltre a Stendardo può arrivare anche Bovo dal Torino (magari con Fornasier nell'operazione che Mihajlovic ha già allenato alla Sampdoria)
Al Crotone piace Gonzalez della Lazio e sempre alla Lazio ha chiesto Djordjevic. A centrocampo obiettivo Gnoukouri dell'Inter. A Cagliari Barella ha rinnovato fino al 2021, mentre Storari si vedrà con Giulini e Capozucca per decidere il suo futuro: se dovesse partire potrebbe arrivare Gabriel dal Milan. Birsa del Chievo ha ricevuto un'offerta dalla Cina: lo Chanchung Yatai. Abbiamo già iniziato con il mercato. Tenetevi forte...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.