HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Le rivoluzioni che partono da lontano

12.03.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 27615 volte
© foto di Federico De Luca

Generalmente se un movimento calcistico funziona si vede dalle fondamenta. E abbiamo sempre detto che la difficoltà più grande del calcio italiano è quella della mancanza di progettualità. Di non aver saputo costruire partendo dal basso.
Purtroppo questo tipo di sensazione è confermata anche dagli studi di analisti che hanno scandagliato i campionati europei (e il nostro "settore giovanile") per capire dove potrebbe funzionare meglio.
Non so se vi ricordate le parole che suscitarono molto scandalo da parte di Arrigo Sacchi sull'utilizzo di stranieri in Primavera. Al di là della connotazione razzistica (che sinceramente io non vedo) della frase dell'ex allenatore del Milan, in molti hanno voluto subito sottolineare come la considerazione non fosse veritiera.
Dati alla mano soltanto meno del 20% degli atleti da Primavera è straniero: anzi per la precisione il 18% di cui il 10% comunitario, 8% extra), ma naturalmente ci sono estremi da una parte e dall'altra. Ad esempio utilizzano molti ragazzi non italiani Inter, Juventus, Modena e Udinese. E soprattutto nei calciatori di 20 anni (quindi quelli più vicini al passaggio in prima squadra) la percentuale di stranieri raggiunge una cifra importante: quasi il 40% sul totale dei calciatori utilizzati.
E se analizziamo il minutaggio dei giocatori utilizzati troviamo che all'Inter e all'Udinese gli stranieri hanno un minutaggio superiore agli italiani. E che in almeno 10 società (Catania, Chievo, Fiorentina, Verona, Lazio, Modena, Parma, Sampdoria, Vicenza ed Entella) il minutaggio dei giocatori stranieri supera il muro dei 4000 minuti.
Quindi la considerazione di Sacchi era tutt'altro che avulsa dalla realtà. Con questo non significa che sia sbagliato utilizzare gli stranieri. Non possiamo certo meravigliarci se nell'Inter (che da sempre ha un anima molto internazionale) o nell'Udinese (che da sempre cerca giovani calciatori in giro per tutto il mondo grazie al suo scouting) ci siano molti stranieri. Né tantomeno questo può essere considerato un (mal)costume tutto italiano. Perché analizzando i dati della Youth League si nota come tuttosommato anche a livello internazionale ci siano le stesse percentuali 83% di calciatori autoctoni, 17% di stranieri. E mano mano che si avanza nella competizione le percentuali variano in favore degli "stranieri".
Quindi un modello non esiste, anzi. Il modello dovrebbe essere rappresentato dall'utilità del settore giovanile.
Un importante settore giovanile produce giocatori da prima squadra. E quindi produce reddito. Secondo il CIES, studio di osservazione calcistica svizzero, la serie A è l'ultima dei cinque maggiori campionati a incassare soldi dai prodotti del settore giovanile. 114 milioni (i trasferimenti dal luglio 2012 per i giocatori dai 15 ai 21 anni siano stati almeno per tre stagioni in una società) su 1.072 movimentati. Vale a dire l'11%, soltanto.
Pensate che il primo posto lo ha la Ligue1 (292 mln), seguita dalla Liga (276 mln), poi la Premier (227 mln) e poi la Bundes (163 mln).
Vale a dire che in Francia (dove ci sono i centri federali che aiutano nel crescere i giocatori) al di là del PSG (fenomeno nato soltanto in queste ultime stagioni) esiste un movimento che permette al sistema calcio di avere una base solida.
Ma quello che fa più impressione è che nella lista delle 20 squadre più "prolifiche" non ci siano che due italiane soltanto e che non siano big ma Genoa (15) e Atalanta (17). Il Genoa ha accresciuto negli anni la capacità di individuare talenti e soprattutto poi rilanciarli (Boakye, El Shaarawy, Cofie, Lazarevic e Sturaro, per un totale di 24,5 milioni). L'Atalanta da sempre ha una grande tradizione e le cessioni di Bonaventura, Colombi, Consigli, Gabbiadini e Olausson hanno fruttato 23 milioni e mezzo.
Ci sono invece, eccome, alcuni appartenenti alla grande aristocrazia del calcio internazionale: ci sono Bayern Monaco (31 milioni) e Borussia Dortmund (43,5), ci sono Real (43) e Barcellona (38,8), ci sono Manchester United (28,7) e Psg (25,2) che evidentemente non solo riescono a tirar fuori dai loro settori giovanili giocatori da prima squadra per sé stessi ma anche per gli altri. Esempi? Da Goetze a Callejon, da Morata a Dos Santos, da Krkic a Kroos, da Welbeck a Sakho.
Ecco perché bisogna essere accorti nelle ristrutturazioni di un sistema. Studiare bene anche le conseguenze e soprattutto la situazione attuale per portare dei correttivi che possano essere di aiuto per il calcio italiano e per le sue società. Rendersi conto di essere diventati un paese (calcisticamente parlando) diverso rispetto a quello a cui eravamo abituati.
I numeri servono per sfatare luoghi comuni. E per fare riflessioni. Non danno soluzioni. Ma non riflettere neanche porterebbe solo a trovare soluzioni miopi. Soluzioni dell'oggi: una toppa per una buca. E anche qui, spesso potrebbe non bastare.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.