HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Le rivoluzioni che partono da lontano

12.03.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 27613 volte
© foto di Federico De Luca

Generalmente se un movimento calcistico funziona si vede dalle fondamenta. E abbiamo sempre detto che la difficoltà più grande del calcio italiano è quella della mancanza di progettualità. Di non aver saputo costruire partendo dal basso.
Purtroppo questo tipo di sensazione è confermata anche dagli studi di analisti che hanno scandagliato i campionati europei (e il nostro "settore giovanile") per capire dove potrebbe funzionare meglio.
Non so se vi ricordate le parole che suscitarono molto scandalo da parte di Arrigo Sacchi sull'utilizzo di stranieri in Primavera. Al di là della connotazione razzistica (che sinceramente io non vedo) della frase dell'ex allenatore del Milan, in molti hanno voluto subito sottolineare come la considerazione non fosse veritiera.
Dati alla mano soltanto meno del 20% degli atleti da Primavera è straniero: anzi per la precisione il 18% di cui il 10% comunitario, 8% extra), ma naturalmente ci sono estremi da una parte e dall'altra. Ad esempio utilizzano molti ragazzi non italiani Inter, Juventus, Modena e Udinese. E soprattutto nei calciatori di 20 anni (quindi quelli più vicini al passaggio in prima squadra) la percentuale di stranieri raggiunge una cifra importante: quasi il 40% sul totale dei calciatori utilizzati.
E se analizziamo il minutaggio dei giocatori utilizzati troviamo che all'Inter e all'Udinese gli stranieri hanno un minutaggio superiore agli italiani. E che in almeno 10 società (Catania, Chievo, Fiorentina, Verona, Lazio, Modena, Parma, Sampdoria, Vicenza ed Entella) il minutaggio dei giocatori stranieri supera il muro dei 4000 minuti.
Quindi la considerazione di Sacchi era tutt'altro che avulsa dalla realtà. Con questo non significa che sia sbagliato utilizzare gli stranieri. Non possiamo certo meravigliarci se nell'Inter (che da sempre ha un anima molto internazionale) o nell'Udinese (che da sempre cerca giovani calciatori in giro per tutto il mondo grazie al suo scouting) ci siano molti stranieri. Né tantomeno questo può essere considerato un (mal)costume tutto italiano. Perché analizzando i dati della Youth League si nota come tuttosommato anche a livello internazionale ci siano le stesse percentuali 83% di calciatori autoctoni, 17% di stranieri. E mano mano che si avanza nella competizione le percentuali variano in favore degli "stranieri".
Quindi un modello non esiste, anzi. Il modello dovrebbe essere rappresentato dall'utilità del settore giovanile.
Un importante settore giovanile produce giocatori da prima squadra. E quindi produce reddito. Secondo il CIES, studio di osservazione calcistica svizzero, la serie A è l'ultima dei cinque maggiori campionati a incassare soldi dai prodotti del settore giovanile. 114 milioni (i trasferimenti dal luglio 2012 per i giocatori dai 15 ai 21 anni siano stati almeno per tre stagioni in una società) su 1.072 movimentati. Vale a dire l'11%, soltanto.
Pensate che il primo posto lo ha la Ligue1 (292 mln), seguita dalla Liga (276 mln), poi la Premier (227 mln) e poi la Bundes (163 mln).
Vale a dire che in Francia (dove ci sono i centri federali che aiutano nel crescere i giocatori) al di là del PSG (fenomeno nato soltanto in queste ultime stagioni) esiste un movimento che permette al sistema calcio di avere una base solida.
Ma quello che fa più impressione è che nella lista delle 20 squadre più "prolifiche" non ci siano che due italiane soltanto e che non siano big ma Genoa (15) e Atalanta (17). Il Genoa ha accresciuto negli anni la capacità di individuare talenti e soprattutto poi rilanciarli (Boakye, El Shaarawy, Cofie, Lazarevic e Sturaro, per un totale di 24,5 milioni). L'Atalanta da sempre ha una grande tradizione e le cessioni di Bonaventura, Colombi, Consigli, Gabbiadini e Olausson hanno fruttato 23 milioni e mezzo.
Ci sono invece, eccome, alcuni appartenenti alla grande aristocrazia del calcio internazionale: ci sono Bayern Monaco (31 milioni) e Borussia Dortmund (43,5), ci sono Real (43) e Barcellona (38,8), ci sono Manchester United (28,7) e Psg (25,2) che evidentemente non solo riescono a tirar fuori dai loro settori giovanili giocatori da prima squadra per sé stessi ma anche per gli altri. Esempi? Da Goetze a Callejon, da Morata a Dos Santos, da Krkic a Kroos, da Welbeck a Sakho.
Ecco perché bisogna essere accorti nelle ristrutturazioni di un sistema. Studiare bene anche le conseguenze e soprattutto la situazione attuale per portare dei correttivi che possano essere di aiuto per il calcio italiano e per le sue società. Rendersi conto di essere diventati un paese (calcisticamente parlando) diverso rispetto a quello a cui eravamo abituati.
I numeri servono per sfatare luoghi comuni. E per fare riflessioni. Non danno soluzioni. Ma non riflettere neanche porterebbe solo a trovare soluzioni miopi. Soluzioni dell'oggi: una toppa per una buca. E anche qui, spesso potrebbe non bastare.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.