HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Le Scansate di Buffon come gli Scudetti in segreteria di Mourinho. MisterChef Inter: i tifosi non apprezzano. Montella e Bacca regalano un silenzio assordante

05.11.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 19291 volte

Il problema ormai non è se l'ha detto o non l'ha detto. E nemmeno chi l'ha scritto e perchè l'ha scritto. "In Italia si scansano e in Europa no" è un virgolettato che appartiene ormai alla storia della stagione, ha fatto il giro del mondo, fa giurisprudenza. Perchè Buffon possa averlo detto, anche se va tenuto il beneficio del dubbio, ci sembra piuttosto chiaro e tutt'altro che doloso: voleva pungere sul vivo i compagni. E lo ha fatto con un argomento che veniva sussurrato o citato come battuta sui social dopo Juventus-Sassuolo con i 3 gol dopo 27 minuti, ma affrontato in maniera molto più insistente anche sui media nei giorni successivi a Juventus-Sampdoria. Buffon ha fatto come Mourinho nel Gennaio 2010, al termine di un Atalanta-Inter 3-1: voleva sferzare e ha usato argomenti cari agli avversari proprio per colpire il più possibile l'orgoglio del resto dello spogliatoio. Ci sta e non pensiamo che Buffon intervenga per smentire duramente. Lo ha fatto la Juventus, perchè non può comprensibilmente permettere che le proprie vittorie "passino" come trionfi su squadre molli e rinunciatarie. Il problema è ben altro. Questo virgolettato, vero o presunto che sia, deve stimolare il senso di responsabilità di tutte le squadre nessuna esclusa che vanno a giocare contro la Juventus allo Stadium. Non solo: anche i calendari dei turni infrasettimanali possono e devono essere fatti meglio, con più pensiero e più sensibilità. Dovrebbe stimolare gli avversari della Juventus, che è fortissima per sua natura indipendentemente dagli avversari, per tutelare il valore sportivo del Campionato italiano, anche lo stesso presidente federale dopo queste parole che sono ormai, loro malgrado, passate agli atti.

Il cemento, la chimica della tifoseria nerazzurra è molto particolare. Si esalta quando deve fare gruppo e fronte comune, ad esempio contro l'accanimento dei media troppo severi nei confronti dell'Inter. I sostenitori nerazzurri amano sentirsi unici e soli, tendono a caricarsi vicendevolmente respingendo le aggressioni soprattutto mediatiche alla loro squadra. Sempre contro l'Inter, è il grido di battaglia. Ma se a mettersi nella condizione di essere presa in giro è in primis la propria società, viene a mancare il collante. Questo casting itinerante della nuova proprietà, che sembrava la bacchetta magica solo tre mesi fa con gli aeroporti della Malpensa invasi per gli arrivi di Joao Mario e Gabigol, per il nuovo allenatore sembra un reality. Che indispone una tifoseria moderata e tradizionalista come quella interista. Ma più in generale non è sport e non è programmazione sportiva. La strategia dell'Inter's got talent suona strana, non innovativa. Le eliminazioni dirette che preferiscono i tifosi sono quelle delle coppe europee, non quelle fra un allenatore che sostiene la prova o il provino meglio dell'altro fino a diventare lo Chef, l'allenatore della squadra nella grande cucina di Appiano Gentile. Non è conservatorismo, ma crediamo sano realismo. E' da metà Giugno, quando è apparso chiaro ed evidente il segnale della demotivazione di Roberto Mancini, che forse queste cose le aveva subodorate e previste, che il nuovo assetto nerazzurro gira a vuoto senza riuscire mai a giocare d'anticipo. Tronchetti alcune cose le ha dette, anche se fagocitate dal caos del momento. Ma se decidesse di parlare davvero e sul serio Massimo Moratti...

E il Milan in tutto questo? Bacca non scrive libri, Donnarumma non sgrida i compagni. A proposito di Bacca: c'era spasmodica attesa per il confronto/chiarimento della settimana fra il centravanti colombiano e Vincenzo Montella. Ma tutto si è risolto nella cohibentazione del gruppo che il tecnico rossonero ha avviato e concluso ormai da tempo, con la collaborazione della società, del suo staff e la partecipazione quotidiana di Rocco Maiorino. Qualche sorriso e tanto silenzio: episodio abbondantemente superato. E' da altri ritiri che escono spifferi, non da quello rossonero. Così si fa e così bisogna continuare a fare. Sul fronte societario, si sta stabilizzando la data del closing, è stato indicato il periodo verosimile compreso fra il 23 Novembre e il 3 Dicembre. Come atmosfera complessiva, il clima a San Siro è nettamente migliorato. E' la prova del nove: contaminazioni e inquinamenti influiscono in maniera negativa sulla squadra e fanno esattamente il contrario degli interessi del Milan. Guarda caso oggi, a cielo più sereno, il valore della rosa aumenta di 127 milioni di euro e il tesoretto tecnico è di 200 milioni di euro giovani e non del tutto ma soprattutto italiani. Il simbolo del momento è la comprensione da parte di tutti i giornali, nessuno escluso, dei motivi per i quali Adriano Galliani, per vocazione e per rispetto della propria carriera, da 37 anni a questa parte, può fare solo l'ad di un Club calcistico come è accaduto per altre sue iniziative a livello imprenditoriale. Chiarezza. A beneficio di tutte le parti in causa. In primis della nuova, nascente, proprietà cinese che sta lavorando con serietà e intensità al futuro del Milan.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.