HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Le Scansate di Buffon come gli Scudetti in segreteria di Mourinho. MisterChef Inter: i tifosi non apprezzano. Montella e Bacca regalano un silenzio assordante

05.11.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 19344 volte

Il problema ormai non è se l'ha detto o non l'ha detto. E nemmeno chi l'ha scritto e perchè l'ha scritto. "In Italia si scansano e in Europa no" è un virgolettato che appartiene ormai alla storia della stagione, ha fatto il giro del mondo, fa giurisprudenza. Perchè Buffon possa averlo detto, anche se va tenuto il beneficio del dubbio, ci sembra piuttosto chiaro e tutt'altro che doloso: voleva pungere sul vivo i compagni. E lo ha fatto con un argomento che veniva sussurrato o citato come battuta sui social dopo Juventus-Sassuolo con i 3 gol dopo 27 minuti, ma affrontato in maniera molto più insistente anche sui media nei giorni successivi a Juventus-Sampdoria. Buffon ha fatto come Mourinho nel Gennaio 2010, al termine di un Atalanta-Inter 3-1: voleva sferzare e ha usato argomenti cari agli avversari proprio per colpire il più possibile l'orgoglio del resto dello spogliatoio. Ci sta e non pensiamo che Buffon intervenga per smentire duramente. Lo ha fatto la Juventus, perchè non può comprensibilmente permettere che le proprie vittorie "passino" come trionfi su squadre molli e rinunciatarie. Il problema è ben altro. Questo virgolettato, vero o presunto che sia, deve stimolare il senso di responsabilità di tutte le squadre nessuna esclusa che vanno a giocare contro la Juventus allo Stadium. Non solo: anche i calendari dei turni infrasettimanali possono e devono essere fatti meglio, con più pensiero e più sensibilità. Dovrebbe stimolare gli avversari della Juventus, che è fortissima per sua natura indipendentemente dagli avversari, per tutelare il valore sportivo del Campionato italiano, anche lo stesso presidente federale dopo queste parole che sono ormai, loro malgrado, passate agli atti.

Il cemento, la chimica della tifoseria nerazzurra è molto particolare. Si esalta quando deve fare gruppo e fronte comune, ad esempio contro l'accanimento dei media troppo severi nei confronti dell'Inter. I sostenitori nerazzurri amano sentirsi unici e soli, tendono a caricarsi vicendevolmente respingendo le aggressioni soprattutto mediatiche alla loro squadra. Sempre contro l'Inter, è il grido di battaglia. Ma se a mettersi nella condizione di essere presa in giro è in primis la propria società, viene a mancare il collante. Questo casting itinerante della nuova proprietà, che sembrava la bacchetta magica solo tre mesi fa con gli aeroporti della Malpensa invasi per gli arrivi di Joao Mario e Gabigol, per il nuovo allenatore sembra un reality. Che indispone una tifoseria moderata e tradizionalista come quella interista. Ma più in generale non è sport e non è programmazione sportiva. La strategia dell'Inter's got talent suona strana, non innovativa. Le eliminazioni dirette che preferiscono i tifosi sono quelle delle coppe europee, non quelle fra un allenatore che sostiene la prova o il provino meglio dell'altro fino a diventare lo Chef, l'allenatore della squadra nella grande cucina di Appiano Gentile. Non è conservatorismo, ma crediamo sano realismo. E' da metà Giugno, quando è apparso chiaro ed evidente il segnale della demotivazione di Roberto Mancini, che forse queste cose le aveva subodorate e previste, che il nuovo assetto nerazzurro gira a vuoto senza riuscire mai a giocare d'anticipo. Tronchetti alcune cose le ha dette, anche se fagocitate dal caos del momento. Ma se decidesse di parlare davvero e sul serio Massimo Moratti...

E il Milan in tutto questo? Bacca non scrive libri, Donnarumma non sgrida i compagni. A proposito di Bacca: c'era spasmodica attesa per il confronto/chiarimento della settimana fra il centravanti colombiano e Vincenzo Montella. Ma tutto si è risolto nella cohibentazione del gruppo che il tecnico rossonero ha avviato e concluso ormai da tempo, con la collaborazione della società, del suo staff e la partecipazione quotidiana di Rocco Maiorino. Qualche sorriso e tanto silenzio: episodio abbondantemente superato. E' da altri ritiri che escono spifferi, non da quello rossonero. Così si fa e così bisogna continuare a fare. Sul fronte societario, si sta stabilizzando la data del closing, è stato indicato il periodo verosimile compreso fra il 23 Novembre e il 3 Dicembre. Come atmosfera complessiva, il clima a San Siro è nettamente migliorato. E' la prova del nove: contaminazioni e inquinamenti influiscono in maniera negativa sulla squadra e fanno esattamente il contrario degli interessi del Milan. Guarda caso oggi, a cielo più sereno, il valore della rosa aumenta di 127 milioni di euro e il tesoretto tecnico è di 200 milioni di euro giovani e non del tutto ma soprattutto italiani. Il simbolo del momento è la comprensione da parte di tutti i giornali, nessuno escluso, dei motivi per i quali Adriano Galliani, per vocazione e per rispetto della propria carriera, da 37 anni a questa parte, può fare solo l'ad di un Club calcistico come è accaduto per altre sue iniziative a livello imprenditoriale. Chiarezza. A beneficio di tutte le parti in causa. In primis della nuova, nascente, proprietà cinese che sta lavorando con serietà e intensità al futuro del Milan.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.