HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Le ultime due amichevoli sono state la conferma che Sarri merita credibilità e pazienza. Però deve sbloccare l'attacco. Mertens vuole il Napoli, nonostante le sirene stonate dell'Inter...

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
16.08.2015 08.11 di Raffaele Auriemma   articolo letto 56946 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il precampionato del Napoli è finito e da domani si entrerà nella settimana che porterà direttamente all'inizio della stagione. Per chi è diffidente sul rendimento di una squadra che ancora potrebbe cambiare volto fino al 31 agosto e per chi, invece, ha visto uno squarcio di luce soprattutto attraverso le ultime due amichevoli. Nel giro di una sola settimana, tra Oporto e Latina, gli azzurri non hanno subito gol e hanno mostrato una tenuta difensiva ben diversa rispetto al recente passato, oltre a sfoggiare quel Reina che tanto era mancato l'anno scorso. E' costata fatica e ripetizioni frequenti, quelle che Sarri ha dovuto mettere in pratica dal primo giorno a Dimaro, con l'ausilio del drone che ronzava sulle teste dei difensori per mettere a nudo quanto di errato era stato commesso negli ultimi due anni. E bene ha fatto Sarri, giacché di gol gli attaccanti del Napoli continueranno a segnarne tanti, a soffermarsi innanzitutto sul rifacimento di tutto l'impianto tattico della terza linea. Ed è per questo che il rude, severo, meticoloso, ma apprezzabile tecnico tosco-napoletano merita di ricevere la credibilità che i tifosi del Napoli gli stanno tributando. Tutti. Anche quelli che distratti dal nome roboante, non avevano capito che dietro quei trofei sbandierati dopo ogni sconfitta delle ultime due stagioni, c'era poc'altro. Loro, al pari dei fan che continuano a reclamare acquisti di una caratura superiore e che puntano il dito sulla rivoluzione tecnica che sta mettendo in pratica il presidente De Laurentiis. Sarri è uno stakanovista non di primo pelo eppure con le idee talmente chiare, da aver già dato al Napoli una struttura ed un equilibrio tale, che stupisce possano essere stati assimilati dal gruppo in così breve tempo. Oggi come ieri, la squadra tende sempre ad avere il pallone tra i piedi e tenere alta la linea dei difensori, senza però rischiare troppo come accadeva in precedenza. Non sarà semplice trovare la quadratura in pochi giorni, quelli che mancano all'inizio del campionato che vedrà il Napoli all'esordio in casa del Sassuolo che ha battuto l'Inter ed è stato superato dal Milan solo ai calci di rigore durante l'ultimo Torneo Tim. La formazione emiliana è ben allenata e già con una condizione smagliante, però è anche vero che le due milanesi hanno mostrato i soliti difetti nelle crepe di un mercato dissanguante. Il Napoli deve solo credere nelle sue possibilità e raddrizzare in fretta i movimenti offensivi, anche perché contro il Latina è stato sbloccato il risultato soltanto ad inizio secondo tempo, quando le due squadre avevano speso tanto ed è emersa la qualità tecnica dei campioni. Perché il Napoli balbetta nel suo reparto migliore? Di questo ne è a conoscenza Sarri che avrà sfruttato gli allenamenti e le sei amichevoli precampionato per farsi un'idea chiara su ciò che sarà meglio per sbloccare i bomber. Gli esperimenti sono finiti, ora bisogna riassumere le idee e decidere come sistemare tatticamente la squadra e se sarà ancora il caso di utilizzare certi calciatori diversamente dalle loro attitudini. A cominciare da Callejon: la posizione da punta centrale non gli si addice. E chissà perché, giacche al Real con Mourinho spesso spesso giocava da falso nueve. Magari la sua testa continua ad essere lontana da Napoli e non possiamo nemmeno fargliene un torto. Insigne trequartista? Fornisce lampi illuminanti del suo talento in un ruolo che gli si addice soprattutto quando guarda la porta avversaria, un po' meno quando c'è da accorciare le linee e chiudere gli spazi per le ripartenze avversarie: basterà rivedere come si comporta Saponara per capire perché Sarri insiste ad averlo e perché Insigne è molto più attaccante di lui. Sta di fatto che nel Napoli attuale sarebbe un sacrilegio tenere fuori l'uomo più in forma, quel Mertens che sta dimostrando con i fatti non solo di meritare il posto da titolare, anche da punta centrale, ma soprattutto di volere ancora il Napoli, nonostante certe sirene stonate provenienti dal capoluogo lombardo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.