HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Leonardo-Moratti: la verità. Sacchi-Trap: oggi Sarri-Mancini. Diego Lopez tornerà titolare. Juve: Zaza all'Udinese

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
28.11.2015 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 22496 volte

Incontrato Leonardo. Ci siamo chiesti per tanto tempo, forse più da tifosi nell'anima che da persone serene, cosa fosse cambiato in lui al punto da passare dal Milan all'Inter, da un argine all'altro, da un mondo all'altro. Lo abbiamo anche attaccato, come sa il mondo della rete e come lui ha capito e tollerato. Chapeau. Ecco quindi che la vita ci conferma uno dei suoi insegnamenti: meglio comunicare che chiedersi. Insomma, ritrovato il Leo di sempre. Lo stesso ragazzo che conoscevamo a Milanello, un ragazzo che vive guardando negli occhi e spiegando se stesso. Ricordato con piacere il Milan che lui ha vissuto da protagonista dal 1997 al 2010, un altro Milan, un altro pianeta. E' tutto intatto in Leo, nulla di rinnegato, è giusto che i tifosi rossoneri lo sappiano. L'ultima delle curiosità però era: Leo, ma perché hai lasciato la panchina dell'Inter da un momento all'altro nell'estate del 2011? Ci ha risposto. Non era una intervista e non possiamo riportare. Ma è giusto chiudere con una domanda: ma, secondo voi, se Leo non avesse saputo dalla fonte primaria che Massimo Moratti aveva già iniziato le grandi manovre per la cessione del Club, l'avrebbe lasciata l'Inter nell'estate del 2011?

E' stato bello assistere alla polemica fra Arrigo Sacchi e i manciniani più realisti di Mancini. Per un motivo: ci ha fatti sentire giovani. Quando vivevamo come un confronto ideologico all'ultimo sangue il calcio meravigliosamente unico di Arrigo e il calcio stupendamente concreto del Trap. Sarebbe stata ancora più accattivante questa polemica se oggi Maurizio Sarri fosse l'allenatore del Milan. Da Sacchi a Sarri, da Trap a Mancio, sempre Milan e Inter agli antipodi. Sarebbe stato fantastico. Ma dal momento che il Milan quest'estate ha omesso di prendere Sarri, la vicenda si riproporrà lunedì sera al San Paolo, proprio fra la grande antagonista storica di Arrigo, il Napoli, e la stessa Inter che fu del Trap e che oggi è di Mancini. Il ricordo, nitido, che abbiamo è che il cuore della critica batteva per il Milan di Sacchi e questo dava stimoli straordinari all'Inter di Trapattoni negli scontri diretti. Quindi, attenzione Napoli. Continuare a sentire che l'Inter gioca male e il Napoli gioca bene, caricherà a pallettoni i nerazzurri. Sfida aperta a qualsiasi risultato. Con i reduci di Arrigo che non discuteranno mai Sacchi e che continueranno sempre ad amarlo. Anche quando la sua aura calcistica illumina e avvolge altre squadre, come in questo caso il Napoli di Sarri. Ma sapendo anche che l'altro calcio può vincere, eccome se può vincere.

Sinisa Mihajlovic da uomo coraggioso e in buona fede ha rischiato grosso, ma fino ad oggi ha regalato due grandi ricchezze al Milan del futuro: Alessio Romagnoli, un giocatore che manca tremendamente alla Roma e che segnerà un epoca al Milan, e Gianluigi Donnarumma, da ieri ufficialmente Modigliani. Nessuno gliele toglierà, comunque sia e comunque vada. Sinisa ha anche detto però: io Diego Lopez lo aspetto. Ed è giusto così, perché la sensibilità di una grande società è quella di capire che Donnarumma deve continuare a crescere senza essere condannato a fare il titolare fin dall'età di 16 anni e l'obiettivo di una grande società deve essere quello di riportare Diego Lopez titolare. Diego lavora, Diego lo sa, Diego è pronto. E se ce ne fosse bisogno potrebbe in qualsiasi momento far coincidere la cura della sua tendinopatia con il rientro in campo, in caso di qualsiasi emergenza infortuni. Giusto e sacrosanto, così. Diego Lopez è un grande portiere e un grande uomo, attaccato pretestuosamente ma pronto ad affrontare lucidamente ogni situazione.

La Juventus lavora per Gennaio. E' da qualche tempo che azzardiamo qualche scenario nel tentativo di capire dove andrà a parare l'ex bomber del Sassuolo, oggi in forza alla Juventus. Zaza è infatti in grado di spostare equilibri in zone di classifica del nostro Campionato che non siano le primissime. E allora, con ogni probabilità, sarà Udinese. Tra i due Club c'è collaborazione e Zaza dalla Juventus a Udine è uno scenario possibile del prossimo, imminente, mercato. Dalla Juventus è pronto a partire, destinazione Inghilterra, anche il difensore Martin Cáceres.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.