HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Leonardo-Moratti: la verità. Sacchi-Trap: oggi Sarri-Mancini. Diego Lopez tornerà titolare. Juve: Zaza all'Udinese

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
28.11.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 22514 volte

Incontrato Leonardo. Ci siamo chiesti per tanto tempo, forse più da tifosi nell'anima che da persone serene, cosa fosse cambiato in lui al punto da passare dal Milan all'Inter, da un argine all'altro, da un mondo all'altro. Lo abbiamo anche attaccato, come sa il mondo della rete e come lui ha capito e tollerato. Chapeau. Ecco quindi che la vita ci conferma uno dei suoi insegnamenti: meglio comunicare che chiedersi. Insomma, ritrovato il Leo di sempre. Lo stesso ragazzo che conoscevamo a Milanello, un ragazzo che vive guardando negli occhi e spiegando se stesso. Ricordato con piacere il Milan che lui ha vissuto da protagonista dal 1997 al 2010, un altro Milan, un altro pianeta. E' tutto intatto in Leo, nulla di rinnegato, è giusto che i tifosi rossoneri lo sappiano. L'ultima delle curiosità però era: Leo, ma perché hai lasciato la panchina dell'Inter da un momento all'altro nell'estate del 2011? Ci ha risposto. Non era una intervista e non possiamo riportare. Ma è giusto chiudere con una domanda: ma, secondo voi, se Leo non avesse saputo dalla fonte primaria che Massimo Moratti aveva già iniziato le grandi manovre per la cessione del Club, l'avrebbe lasciata l'Inter nell'estate del 2011?

E' stato bello assistere alla polemica fra Arrigo Sacchi e i manciniani più realisti di Mancini. Per un motivo: ci ha fatti sentire giovani. Quando vivevamo come un confronto ideologico all'ultimo sangue il calcio meravigliosamente unico di Arrigo e il calcio stupendamente concreto del Trap. Sarebbe stata ancora più accattivante questa polemica se oggi Maurizio Sarri fosse l'allenatore del Milan. Da Sacchi a Sarri, da Trap a Mancio, sempre Milan e Inter agli antipodi. Sarebbe stato fantastico. Ma dal momento che il Milan quest'estate ha omesso di prendere Sarri, la vicenda si riproporrà lunedì sera al San Paolo, proprio fra la grande antagonista storica di Arrigo, il Napoli, e la stessa Inter che fu del Trap e che oggi è di Mancini. Il ricordo, nitido, che abbiamo è che il cuore della critica batteva per il Milan di Sacchi e questo dava stimoli straordinari all'Inter di Trapattoni negli scontri diretti. Quindi, attenzione Napoli. Continuare a sentire che l'Inter gioca male e il Napoli gioca bene, caricherà a pallettoni i nerazzurri. Sfida aperta a qualsiasi risultato. Con i reduci di Arrigo che non discuteranno mai Sacchi e che continueranno sempre ad amarlo. Anche quando la sua aura calcistica illumina e avvolge altre squadre, come in questo caso il Napoli di Sarri. Ma sapendo anche che l'altro calcio può vincere, eccome se può vincere.

Sinisa Mihajlovic da uomo coraggioso e in buona fede ha rischiato grosso, ma fino ad oggi ha regalato due grandi ricchezze al Milan del futuro: Alessio Romagnoli, un giocatore che manca tremendamente alla Roma e che segnerà un epoca al Milan, e Gianluigi Donnarumma, da ieri ufficialmente Modigliani. Nessuno gliele toglierà, comunque sia e comunque vada. Sinisa ha anche detto però: io Diego Lopez lo aspetto. Ed è giusto così, perché la sensibilità di una grande società è quella di capire che Donnarumma deve continuare a crescere senza essere condannato a fare il titolare fin dall'età di 16 anni e l'obiettivo di una grande società deve essere quello di riportare Diego Lopez titolare. Diego lavora, Diego lo sa, Diego è pronto. E se ce ne fosse bisogno potrebbe in qualsiasi momento far coincidere la cura della sua tendinopatia con il rientro in campo, in caso di qualsiasi emergenza infortuni. Giusto e sacrosanto, così. Diego Lopez è un grande portiere e un grande uomo, attaccato pretestuosamente ma pronto ad affrontare lucidamente ogni situazione.

La Juventus lavora per Gennaio. E' da qualche tempo che azzardiamo qualche scenario nel tentativo di capire dove andrà a parare l'ex bomber del Sassuolo, oggi in forza alla Juventus. Zaza è infatti in grado di spostare equilibri in zone di classifica del nostro Campionato che non siano le primissime. E allora, con ogni probabilità, sarà Udinese. Tra i due Club c'è collaborazione e Zaza dalla Juventus a Udine è uno scenario possibile del prossimo, imminente, mercato. Dalla Juventus è pronto a partire, destinazione Inghilterra, anche il difensore Martin Cáceres.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.