HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Leonardo-Moratti: la verità. Sacchi-Trap: oggi Sarri-Mancini. Diego Lopez tornerà titolare. Juve: Zaza all'Udinese

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
28.11.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 22506 volte

Incontrato Leonardo. Ci siamo chiesti per tanto tempo, forse più da tifosi nell'anima che da persone serene, cosa fosse cambiato in lui al punto da passare dal Milan all'Inter, da un argine all'altro, da un mondo all'altro. Lo abbiamo anche attaccato, come sa il mondo della rete e come lui ha capito e tollerato. Chapeau. Ecco quindi che la vita ci conferma uno dei suoi insegnamenti: meglio comunicare che chiedersi. Insomma, ritrovato il Leo di sempre. Lo stesso ragazzo che conoscevamo a Milanello, un ragazzo che vive guardando negli occhi e spiegando se stesso. Ricordato con piacere il Milan che lui ha vissuto da protagonista dal 1997 al 2010, un altro Milan, un altro pianeta. E' tutto intatto in Leo, nulla di rinnegato, è giusto che i tifosi rossoneri lo sappiano. L'ultima delle curiosità però era: Leo, ma perché hai lasciato la panchina dell'Inter da un momento all'altro nell'estate del 2011? Ci ha risposto. Non era una intervista e non possiamo riportare. Ma è giusto chiudere con una domanda: ma, secondo voi, se Leo non avesse saputo dalla fonte primaria che Massimo Moratti aveva già iniziato le grandi manovre per la cessione del Club, l'avrebbe lasciata l'Inter nell'estate del 2011?

E' stato bello assistere alla polemica fra Arrigo Sacchi e i manciniani più realisti di Mancini. Per un motivo: ci ha fatti sentire giovani. Quando vivevamo come un confronto ideologico all'ultimo sangue il calcio meravigliosamente unico di Arrigo e il calcio stupendamente concreto del Trap. Sarebbe stata ancora più accattivante questa polemica se oggi Maurizio Sarri fosse l'allenatore del Milan. Da Sacchi a Sarri, da Trap a Mancio, sempre Milan e Inter agli antipodi. Sarebbe stato fantastico. Ma dal momento che il Milan quest'estate ha omesso di prendere Sarri, la vicenda si riproporrà lunedì sera al San Paolo, proprio fra la grande antagonista storica di Arrigo, il Napoli, e la stessa Inter che fu del Trap e che oggi è di Mancini. Il ricordo, nitido, che abbiamo è che il cuore della critica batteva per il Milan di Sacchi e questo dava stimoli straordinari all'Inter di Trapattoni negli scontri diretti. Quindi, attenzione Napoli. Continuare a sentire che l'Inter gioca male e il Napoli gioca bene, caricherà a pallettoni i nerazzurri. Sfida aperta a qualsiasi risultato. Con i reduci di Arrigo che non discuteranno mai Sacchi e che continueranno sempre ad amarlo. Anche quando la sua aura calcistica illumina e avvolge altre squadre, come in questo caso il Napoli di Sarri. Ma sapendo anche che l'altro calcio può vincere, eccome se può vincere.

Sinisa Mihajlovic da uomo coraggioso e in buona fede ha rischiato grosso, ma fino ad oggi ha regalato due grandi ricchezze al Milan del futuro: Alessio Romagnoli, un giocatore che manca tremendamente alla Roma e che segnerà un epoca al Milan, e Gianluigi Donnarumma, da ieri ufficialmente Modigliani. Nessuno gliele toglierà, comunque sia e comunque vada. Sinisa ha anche detto però: io Diego Lopez lo aspetto. Ed è giusto così, perché la sensibilità di una grande società è quella di capire che Donnarumma deve continuare a crescere senza essere condannato a fare il titolare fin dall'età di 16 anni e l'obiettivo di una grande società deve essere quello di riportare Diego Lopez titolare. Diego lavora, Diego lo sa, Diego è pronto. E se ce ne fosse bisogno potrebbe in qualsiasi momento far coincidere la cura della sua tendinopatia con il rientro in campo, in caso di qualsiasi emergenza infortuni. Giusto e sacrosanto, così. Diego Lopez è un grande portiere e un grande uomo, attaccato pretestuosamente ma pronto ad affrontare lucidamente ogni situazione.

La Juventus lavora per Gennaio. E' da qualche tempo che azzardiamo qualche scenario nel tentativo di capire dove andrà a parare l'ex bomber del Sassuolo, oggi in forza alla Juventus. Zaza è infatti in grado di spostare equilibri in zone di classifica del nostro Campionato che non siano le primissime. E allora, con ogni probabilità, sarà Udinese. Tra i due Club c'è collaborazione e Zaza dalla Juventus a Udine è uno scenario possibile del prossimo, imminente, mercato. Dalla Juventus è pronto a partire, destinazione Inghilterra, anche il difensore Martin Cáceres.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.