HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Lettera aperta al Presidente della Juve, Andrea Agnelli

Nato ad Avellino il 30-09-1983, lavora a Milano presso la redazione di Sportitalia. Giornalista e conduttore televisivo. Direttore di TuttoMercatoWeb ed editorialista per "Libero". Collabora con "Radio Rai". Scrivi a "direttore@tuttomercatoweb.com"
07.03.2011 00.00 di Michele Criscitiello  articolo letto 26805 volte
© foto di Micri Comunication

Caro Presidente,
dopo esserci rivolti al suo pariruolo napoletano Aurelio De Laurentiis lo scorso 21 Febbraio, lo stesso facciamo oggi con lei per cercare di capire, da queste colonne, quale strada dovrà seguire questa Juventus.
A De Laurentiis consigliammo di aprire gli occhi, perché al Palazzo il Napoli non piaceva, oggi a lei vorremmo porre delle domande, vorremmo aggiungere delle considerazioni e, insieme al suo contributo, vorremmo far capire ai tifosi juventini che futuro avrà questa squadra.
Innanzitutto ci teniamo a sottolineare che le scriviamo con un briciolo di affetto, dopo aver osannato il suo arrivo sulla poltrona più importante ed aver spinto la Presidenza nuovamente verso un Agnelli.
Il bilancio, dopo quasi un anno di lavoro, è estremamente negativo ma quel che non è ancora chiaro è quanto incida la sua volontà all'interno della società. Speriamo di sbagliarci, ma dall'esterno la chiave di lettura è soprattutto una. I vari Blanc, Elkann e Grande Stevens hanno preferito restare dietro le quinte per mandare in scena l'attore più acclamato dalla folla, che non può, però, personalizzare il proprio ruolo, dovendosi accontentare di recitare la parte. Lo scrittore è sempre lo stesso, l'Avvocato Grande Stevens, il quale ha consegnato all'Avvocato Briamonte le chiavi della società, relegando Jean-Claude Blanc ad un ruolo secondario, in attesa dell'addio previsto per la primavera. Vorremmo sapere da lei, Presidente, se davvero si fida di suo cugino John e se realmente sono tutti afflitti da questi risultati catastrofici della Juventus di Agnelli. Ma il punto è proprio questo: non è la Juve di Agnelli. Marotta non lo ha voluto lei, Delneri sapeva da tempo che avrebbe traghettato per una sola stagione la Juventus. Se deve sbagliare, lo faccia con la sua testa. Se non può prendere delle decisioni "da Agnelli" molli tutto e prenda le distanze da un progetto inesistente che spingerà sempre più in basso la Vecchia Signora. Provo a fare le carte al prossimo mercato bianconero: via Delneri, confermato Marotta che a sua volta riscatterà quasi tutti i flop di questa stagione. Investirà altri 70 milioni di euro per ingaggiare 5-6 calciatori mediocri che non cambieranno questa Juve ma cambieranno le tasche di molti procuratori. Vuole il risultato? Tra un anno sarà ancora punto e accapo, con un Direttore da esonerare, un nuovo allenatore da ripudiare ed una Champions lontana dalle vostre mire. Cosa farà Agnelli? Sarà costretto, dopo due anni di fallimenti, ad abbandonare perché i tifosi, a quel punto, ce l'avranno anche con lei, che si ritroverebbe col grande rimpianto di aver fallito senza aver mai potuto decidere come e cosa fare per il bene della sua squadra del cuore.
Suo padre e suo zio le avrebbero dato, volentieri, consigli migliori e non avrebbero consentito una gestione societaria come quella attuale. Prenda decisioni forti ed importanti ma faccia qualcosa da Agnelli, perché con il suo cognome, in Italia, può tornare a fare la "lotta" sul campo alle milanesi. Diffidi del Direttore Marotta, il quale sposta oggi le attenzioni su Delneri per non pagare sulla propria pelle gli errori commessi. Se il progetto fallisce saltano geometra ed architetto, l'importante è che il "Capo cantiere" decida anche gli operai sui quali puntare, altrimenti il palazzo che aveva sognato resterà per sempre un disegno di carta.

Con la stima di sempre.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
07.02 - Partendo da lontano, la Juventus era distante undici punti dalla prima in classifica, tredici giornate fa. Peccato che, almeno ai tempi, a comandare la classifica era la Roma, ora a quarantuno e allora a ventitré, mentre i bianconeri di Allegri fossero solamente a undici. Di...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

06.02 - L'abbiamo vissuto fino alla fine, Ernestito. Si collegava con Milan Channel anche dal San Raffaele. Sereno, da titolo, come sempre. L'estate di Ronaldinho, ci diceva: "vedrai Mauretto, Dinho andrà meglio di Rivaldo, lo sento". E in effetti andò abbastanza così'. Ma mai avevamo...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

05.02 - Come tutte le società che sanno programmare bene il futuro, la Juventus ha già sul tavolo le strategie per la prossima campagna acquisti. Le idee sono chiare, puntare sui giovani emergenti italiani è un imperativo d'obbligo (vedi gli acquisti di Mandragora, le mani su Sensi,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Mercato e selfie. Ecco cosa ci rimane fra retroscena, considerazioni e storie... 04.02 - Parliamoci chiaro: non è stato un gran mercato. Non è stato scoppiettante come quello estivo, non è stato ricco come quello estivo, non è stato affascinante come quello estivo. Ma è stato comunque seguito ed è stato comunque intrigante. Ecco le cinque selfie, quello che ci...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

03.02 - Un inizio di anno, diciamo così, in salita per il Mancio. Tanti sorrisi e mille brindisi, colmi di felicità, pre Feste, poi un risveglio brusco... Sarà stato il panettone? Prima la polemica con Sarri, poi il dito medio ad esaltare imbecilli pseudo tifosi, poi la litigata in...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

02.02 - Ciao. Sono stato al mercato. Quello del calcio. Lo fanno in un albergo, a Milano, si chiama Ata. Dalla prossima sessione probabilmente cambieranno sede, qui pare che chiudano tutto. Ieri fuori dall'albergo c'erano dipendenti incazzati neri: dentro si parlava di stipendi...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Alle 23:00 si chiude la porta del calciomercato: ecco il pagellone di gennaio dei 20 club di serie A 01.02 - Un po' li ringraziamo, un po' li detestiamo. I Direttori Sportivi italiani si riducono sempre all'ultimo giorno per completare le varie operazioni di calciomercato. Qualcuno potrebbe pensare ad una tattica per abbassare il prezzo, altri hanno capito che è meglio arrivare...

Editoriale DI: Marco Conterio

31.01 - E' stato, sinora, un mercato strano. Di quelli dove incontri la tua ragazza dei tuoi sogni, la inviti a cena e dice pure di sì. Sicché pare l'inizio di una favola, ma arrivati al dunque peschi il due di picche. Ecco. Benvenuti nel mercato di gennaio. Dove tanto tuonò che non...

Editoriale DI: Mauro Suma

Allegri-Mancini e Morata-Icardi: le differenze. Milan mercato chiuso: la vita continua. Zeman: sempre un problema per tutti 30.01 - La Coppa Italia è una competizione importante, non un dramma se esci, molto importante se ci resti dentro. Quale che sia il risultato, è importante trasformarla in una opportunità. Non sappiamo e nessuno può sapere come si svilupperà la stagione di Morata, ma se svolterà come...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan nel caos senza Mister Bee. Barbara contro Galliani. E Conte senza chiarezza dice no. Thohir-Mancini a nervi tesi 29.01 - Alla vigilia del derby, le due milanesi fanno i conti con il momento di difficoltà in campionato, ma soprattutto pesano i problemi societari. La conferenza stampa di ieri di Barbara Berlusconi, dopo mesi di basso profilo, ha rimesso in primo piano il suo difficile rapporto...
 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.