HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Lettera aperta al Presidente della Juve, Andrea Agnelli

Nato ad Avellino il 30-09-1983, lavora a Milano presso la redazione di Sportitalia. Giornalista e conduttore televisivo. Direttore di TuttoMercatoWeb ed editorialista per "Libero". Collabora con "Radio Rai". Scrivi a "direttore@tuttomercatoweb.com"
07.03.2011 00.00 di Michele Criscitiello  articolo letto 26699 volte
© foto di Micri Comunication

Caro Presidente,
dopo esserci rivolti al suo pariruolo napoletano Aurelio De Laurentiis lo scorso 21 Febbraio, lo stesso facciamo oggi con lei per cercare di capire, da queste colonne, quale strada dovrà seguire questa Juventus.
A De Laurentiis consigliammo di aprire gli occhi, perché al Palazzo il Napoli non piaceva, oggi a lei vorremmo porre delle domande, vorremmo aggiungere delle considerazioni e, insieme al suo contributo, vorremmo far capire ai tifosi juventini che futuro avrà questa squadra.
Innanzitutto ci teniamo a sottolineare che le scriviamo con un briciolo di affetto, dopo aver osannato il suo arrivo sulla poltrona più importante ed aver spinto la Presidenza nuovamente verso un Agnelli.
Il bilancio, dopo quasi un anno di lavoro, è estremamente negativo ma quel che non è ancora chiaro è quanto incida la sua volontà all'interno della società. Speriamo di sbagliarci, ma dall'esterno la chiave di lettura è soprattutto una. I vari Blanc, Elkann e Grande Stevens hanno preferito restare dietro le quinte per mandare in scena l'attore più acclamato dalla folla, che non può, però, personalizzare il proprio ruolo, dovendosi accontentare di recitare la parte. Lo scrittore è sempre lo stesso, l'Avvocato Grande Stevens, il quale ha consegnato all'Avvocato Briamonte le chiavi della società, relegando Jean-Claude Blanc ad un ruolo secondario, in attesa dell'addio previsto per la primavera. Vorremmo sapere da lei, Presidente, se davvero si fida di suo cugino John e se realmente sono tutti afflitti da questi risultati catastrofici della Juventus di Agnelli. Ma il punto è proprio questo: non è la Juve di Agnelli. Marotta non lo ha voluto lei, Delneri sapeva da tempo che avrebbe traghettato per una sola stagione la Juventus. Se deve sbagliare, lo faccia con la sua testa. Se non può prendere delle decisioni "da Agnelli" molli tutto e prenda le distanze da un progetto inesistente che spingerà sempre più in basso la Vecchia Signora. Provo a fare le carte al prossimo mercato bianconero: via Delneri, confermato Marotta che a sua volta riscatterà quasi tutti i flop di questa stagione. Investirà altri 70 milioni di euro per ingaggiare 5-6 calciatori mediocri che non cambieranno questa Juve ma cambieranno le tasche di molti procuratori. Vuole il risultato? Tra un anno sarà ancora punto e accapo, con un Direttore da esonerare, un nuovo allenatore da ripudiare ed una Champions lontana dalle vostre mire. Cosa farà Agnelli? Sarà costretto, dopo due anni di fallimenti, ad abbandonare perché i tifosi, a quel punto, ce l'avranno anche con lei, che si ritroverebbe col grande rimpianto di aver fallito senza aver mai potuto decidere come e cosa fare per il bene della sua squadra del cuore.
Suo padre e suo zio le avrebbero dato, volentieri, consigli migliori e non avrebbero consentito una gestione societaria come quella attuale. Prenda decisioni forti ed importanti ma faccia qualcosa da Agnelli, perché con il suo cognome, in Italia, può tornare a fare la "lotta" sul campo alle milanesi. Diffidi del Direttore Marotta, il quale sposta oggi le attenzioni su Delneri per non pagare sulla propria pelle gli errori commessi. Se il progetto fallisce saltano geometra ed architetto, l'importante è che il "Capo cantiere" decida anche gli operai sui quali puntare, altrimenti il palazzo che aveva sognato resterà per sempre un disegno di carta.

Con la stima di sempre.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Conte, basta piangere! Se vuoi, vai pure... Calciopoli, hanno perso tutti. Valzer delle panchine, retroscena e curiosità 30.03 - Qualcuno, gentilmente, può liberarci di Antonio Conte? Il C.T. ha battuto tutti i record. Prima stava sulle scatole a tutti gli anti-juventini d'Italia, adesso li ha riuniti tutti. Diciamolo anche ad alta voce: non se ne può più di un allenatore che piange un giorno sì e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Raffaele Auriemma

C'è un doppio mercato del Napoli, se Benitez prolungherà l'accordo o se dovesse arrivare un altro allenatore: ecco i due elenchi di rinforzi preparati dal ds Bigon 29.03 - Mancano 18 giorni al compleanno di Rafa Benitez: gli faremo gli auguri per un prospero futuro ancora con il Napoli o gli inoltreremo il nostro "buona fortuna" per il resto della sua carriera da allenatore? Siate pazienti, fra poco sapremo tutto, per la felicità di De...

Editoriale DI: Mauro Suma

Tevez: aveva firmato per il Milan. Panchina Milan, un nome nuovo…Filippo Inzaghi. Mancini: vuole sempre Mihajlovic. Conte: allo Stadium con l'ombra di Allegri. Calciopoli: non c'eravamo sognati… 28.03 - Il Milan ricorda, il Milan conserva. Al Milan non ci sono mitomani, al Milan non bisogna piangersi addosso. Che vuol dire? Che quando Tevez aveva derubricato a cosa da niente il feeling con Adriano Galliani aveva fatto cosa giusta e comprensibile agli occhi dei suoi nuovi...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Dybala-Vazquez, 60 milioni: la Juve non molla. Pogba, il PSG offre Cavani e Verratti. Inter: via Kovacic, arriva Allan. Spalletti e Napoli quasi fatta. Riscatto subito per Salah. Milan, anche Ventura 27.03 - Il futuro di Paul Pogba è legato a doppio filo con il suo procuratore Mino Raiola, lo abbiamo sempre sostenuto e le conferme cominciano ad arrivare. La prima offerta concreta per il fuoriclasse francese l'ha fatta proprio il Paris Saint Germain il club con il quale Raiola ha...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pazzesco, una svolta epocale: Muller più di Bosman, come 100 Bosman. Come cambia il calciomercato... 26.03 - La notizia è di quelle che o passano come curiosità oppure rivoluzionano il mondo per come l'abbiamo conosciuto. Soprattutto il calciomercato per come l'abbiamo conosciuto. Altro che Bosman! Facciamo un passo indietro per contestualizzare il tutto: Heinz Muller, ex portiere...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

La lingua può impiccare un uomo più veloce di una corda... non tutti hanno il biondo pronto a sparare... 25.03 - Calciopoli è finita, almeno così pare… Mamma mia quanto se ne è discusso. Non entro nel merito delle sentenze, mi urge solo dire che, come sempre, i tempi sono stati biblici… Va beh, meglio pensare ad altro. Attenzione rivolta a chi, in questo momento di verdetti, se la passa...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Inter, i perché di un fallimento non annunciato (ma Thohir ha trovato "amici" per il mercato). Milan, venti giorni all'insert coin: ecco chi stringe il patto con il Diavolo. Benitez, Conte, Mihajlovic: via al giro-panchine! Novità su Juve-Tevez… 24.03 - Eccola. Mancava da un po'. Devastante come un discorso a reti unificate del presidente Tavecchio, fetente come la Venier che rivela al nipote cosa c'è nel pacco di Natale il 22 di dicembre ("Bello della zia, è un trenino!" "Ma non l'ho ancora scartato! Zia maledetta!" "Bello...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Consigli a presidenti e direttori sportivi: i migliori 10 giovani allenatori italiani 23.03 - Nell'era degli Inzaghi, Seedorf e Stramaccioni, vogliamo fare alcune riflessioni sui giovani allenatori; del presente e del futuro. La moda dei "Guardiola" sta lentamente finendo perché i presidenti hanno capito che, la maggior parte delle volte, risparmiare e fare la...

Editoriale DI: Raffaele Auriemma

 Comincia un minitorneo di 11 sfide per le 5 squadre che puntano alla Champions. Il Napoli non può commettere altri passi falsi e Benitez dovrà dare spazio a chi ha più voglia 22.03 - Capita anche a noi, nei momenti bui, di rituffarci nel passato per capire come eravamo, quanto meglio ci sentivamo. Rispolverare un album oppure trovare le foto scattate sui vecchi telefonini può diventare un'operazione di autostima che anche il Napoli dovrebbe adottare...

Editoriale DI: Mauro Suma

Sinisa: Ferrero sa tutto. Ancelotti: anche la Roma. Ibra 2006-Tevez 2012: Milan, non farti più del male. Milan, Curva e Aimc hanno ragione. Mancini: fine della carta bianca 21.03 - Sinisa Mihajlovic si trova oggi con il presidente Ferrero nella stessa condizione in cui si trovava un anno fa con il presidente Garrone. Domanda vagante: che facciamo per l'anno prossimo? Risposta attendibile, possiamo proseguire, ma mi lasci in attesa di vedere se arrivano...
 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.