HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Lotito, è tutta una finta: continuerà a decidere. Vergogna attaccare Sacchi. Juve, Allegri vuole Jovetic. In attacco Pazzini e Luiz Adriano. Anche la Roma pensa a Montella

Enzo Bucchioni, giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
20.02.2015 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 27048 volte
© foto di Federico De Luca

Quelli come noi che da una settimana tifano per il Carpi, il Frosinone e tutte quelle squadre che Lotito considera il male del calcio italiano, hanno goduto quando Tavecchio ha deciso di togliere le deleghe al suo amico Latinista.

Poi, però, passata la sbornia ci siamo chiesti: ma sarà vero? L'operazione anti-Lotito voluta dal sottosegretario Delrio con la benedizione del presidente del Coni Malagò, rischia in realtà di essere soltanto una perfetta manovra democristiana. Un bel po' di fumo negli occhi, un intervento immediato per chiudere la bocca a tutti e poi via avanti come prima. Il Latinista, infatti, ha già detto a chiare lettere ai suoi amici-sostenitori che continuerà a fare esattamente quello che faceva, cioè cambiare il calcio italiano. In meglio o in peggio questo non si sa.

In effetti solo qualche ingenuo può pensare di separare Tavecchio da Lotito. Il primo è stato eletto grazie al lavoro fatto proprio dal Latinista sia nella Lega di A dove rappresenta la Lazio, sia in quella di Lega Pro dove rappresenta la Salernitana. Non solo. Lotito ha fatto un grande lavoro diplomatico anche dopo la famosa frase di Opti Poba e compagnia, ha tenuto insieme i pro-Tavecchio, proteggendolo dai nemici. Insomma, liberarsi di Lotito non è possibile.

Magari gli toglieranno l'ufficio presidenziale all'ultimo piano della Federcalcio in via Allegri, vicino a quello di Tavecchio, anche se non è detto, ma poi Lotito continuerà a fare quello che faceva, cioè a consigliare il presidente per cambiare il calcio a suo uso e consumo.

Tra l'altro anche le società di serie A che appoggiano Lotito in Lega e hanno la maggioranza, si sono ben guardate dal chiedere le sue dimissioni. Resterà in Federcalcio come espressione della Lega e quindi è quasi impossibile allontanarlo come sarebbe giusto, dalla cabina di comando del nostro calcio. Lo stesso discorso vale per la Lega Pro dove per un voto ha fatto confermare Macalli garantendosi quindi lo status-quo.

Quindi non capiamo la felicità di Malagò per la decisione di Tavecchio di togliere la delega delle riforme a Lotito. La vicenda assomiglia molto alla filosofia gattopardesca "cambiare tutto per non cambiare niente". Per quello che ha detto e per la disinvoltura con la quale si muove, a Lotito andavano chieste le dimissioni da tutte le cariche e gli incarichi istituzionali. Ma in Italia fare pulizia è quasi impossibile.

Facile invece trovare falsi capri espiatori come è successo con Arrigo Sacchi. Ma davvero siete convinti che l'Arrigo di Fusignano sia razzista? Andatevi a nascondere. Sicuramente a qualcuno serviva speculare su una espressione poco felice, sicuramente sfuggita e non spiegata bene in un contesto particolare, perché Sacchi è sempre stato un portatore sano di valori in un mondo poco etico come quello del calcio.

Chi se l'è presa con Arrigo e poi con Ancelotti che l'ha difeso, non conosce la storia di queste persone.

Sacchi ha sempre predicato i valori, la cultura sportiva, la cultura della vittoria e anche della sconfitta, era perfino venuto a noia perché ripeteva spesso questi concetti.

Siccome conosciamo certi personaggi che hanno massacrato Sacchi, probabilmente è stato un modo per far dimenticare Lotito, per porre l'attenzione su altro. Purtroppo questo è il calcio in Italia oggi.

Comunque, al di là di parole sbagliate, il discorso dei pochi italiani è un problema reale e una maggiore attenzione ai settori giovanili è obbligatoria. Poi i nuovi italiani possono essere neri, gialli o rossi, non è questo il problema, il problema è solo farli crescere e insegnare loro il calcio giusto.

In un momento così difficile per il pallone, comunque il mercato non si ferma.

La Juventus, in particolare, sta disegnando il futuro con o senza Pogba. Il problema, comunque, resta l'attacco numericamente scarso e con un giocatore come Llorente in fase calante che sicuramente sarà ceduto in Spagna dove ha molti estimatori e con Matri in prestito dal Milan e il ragazzino Coman. In pratica due soli resteranno e sono Morata e Tevez quindi servono almeno altri tre attaccanti. Marotta, in attesa di un colpo vero, sta guardando il mercato degli svincolati. Un obiettivo è di sicuro Pazzini che piace ad Allegri ed ha deciso di lasciare il Milan. Ma l'affare vero potrebbe arrivare dallo Shakthar dove Luiz Adriano ha il contratto in scadenza a dicembre e non vuole rinnovare anche per la guerra in Ucraina. L'offerta bianconera è di quattro milioni e Lucescu potrebbe accettarla, pur sempre meglio che perderlo a zero a dicembre.

Ma l'obiettivo vero è un altro e si chiama Jovetic. Vecchio pallino della Juve, in rotta con il City dopo l'esclusione dalla lista Champions, ha voglia di tornare in Italia anche perché scade un vincolo contrattuale che obbligava il City per due anni a non rivendere Jovetic in Italia. Il montenegrino potrebbe anche fare il trequartista nel rombo di Allegri o la seconda punta. La trattativa è partita.

Partito anche il toto-allenatore per la Roma. Il risultato di ieri sera (solo uno a uno con il Fejenoord) accentua il senso di disagio dell'ambiente e di molti giocatori. Il feeling è finito e Sabatini, come dicevamo una settimana fa, ha in mente il grande colpo: portare a Roma Ancelotti. Ma sta monitorando anche Klopp e soprattutto qualcuno in società vorrebbe riportare in giallorosso Montella da sempre beniamino dei tifosi. Tre anni fa aveva litigato con Baldini che non c'è più, quindi potrebbe tornare, ma i primi sondaggi sono stati negativi: Montella vuole provare a vincere qualcosa a Firenze.

twitter @EnzoBucchioni

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.