HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Lotito tra i bar di Caracas e Marotta può dargli lezioni. Tanti Florenzi, sarebbe bello. Super Pippo e il clima. Mandorlini non fa catenaccio

Alfredo Pedullà è nato a Messina il 15 aprile 1964. Lavora a Sportitalia, giornalista per passione e convinzione. Il più bel premio ricevuto è l'affetto della gente
29.09.2014 00.00 di Alfredo Pedullà  Twitter:    articolo letto 35975 volte
© foto di Federico De Luca

Alla voce Lotito leggo e memorizzo: deferito, inibito, accusato di aggiotaggio poi andato in prescrizione. Una sera di qualche anno fa mi tenne quaranta minuti, dopo una trasmissione, per spiegarmi la sua teoria sulla "morale, comportamenti, lealtà". Poi leggo quelle cose e penso: certo, ci vuole coraggio... Mi tenne quaranta minuti, sputando veleno sulla categoria dei giornalisti, disinformati e prevenuti, la stessa che spesso utilizza per mandare i suoi messaggi. Dice il saggio: quella nei riguardi di Marotta è stata una caduta di stile... Una caduta? Perché, ha stile Lotito? Quale, dove, come, quando? Uno per cadere deve avere lo stile, altrimenti affoga nella volgarità. Quella sera per quaranta minuti Lotito mi fece lezioni di lealtà, mentre fuori dalla tv (dove era arrivato con il solito ritardo: dicono che certi procuratori aspettino anche sei o sette ore, lui non conosce la puntualità, anche se la parola giusta sarebbe diversa) un'auto con i lampeggianti lo stava aspettando. La scorta, per cosa e perché io non l'ho mai capito, siamo in Italia. Viva l'Italia. Quattro mesi fa mi hanno sospeso la patente: omissione di soccorso per un incidente mai visto. Siamo in Italia. Viva l'Italia. Ora, io penso che se mi sospendono la patente per un incidente mai visto, giusto che Lotito abbia la scorta senza un perché e un per come. Giusto che la scorta aspetti quaranta minuti fuori con i lampeggianti, tanto la paghiamo noi. Giusto che il calcio italiano sia finito in questo vicolo. Non cieco, semplicemente vicolo Lotito: mi dicono che qualcuno ha il terrore quando parla lui. E se lui parlasse sempre in latino, piuttosto che in italiano fatto di intercalari ("guardi", "guardi", "guardi": a ogni domanda risponde così), ci risparmierebbe certe cadute. Che al confronto, come ho detto venerdì in tv, i frequentatori dei peggiori bar di Caracas sono rispettabilissimi gentiluomini. A proposito: i frequentatori di Caracas potrebbero non accettare il confronto e chiedere i danni.
Parlando di Marotta, l'ironia di Lotito è stata un misto tra il vomitevole e lo scontato. Scontato perché oggi siamo rappresentati da Lotito, quasi tutti figli di, l'uomo dei deferimenti, delle inibizioni e dell'aggiotaggio andato in prescrizione. Così Lotito sull'amministratore delegato della Juve: "Il problema con Marotta è che con un occhio gioca a biliardo e con l'altro mette i punti", ecco la sintesi del vomitevole riferimento allo strabismo del dirigente bianconero. Premesso che da Marotta il signor Lotito potrebbe prendere lezione di calcio (e di stile) prima e dopo i pasti, con approfondimenti magari durante la merenda, la domanda è: al prossimo giro cosa si inventerà l'uomo capace - unico al mondo o quasi nella storia dei presidenti - di far venire il voltastomaco a un'intera tifoseria, quella laziale? Capace di essere contestato a Salerno? Capace di suggerire direttori sportivi, uno in modo particolare gli fa da scendiletto tutti i giorni, anche in questo caso prima e dopo i pasti. Fossi in Marotta, la prenderei a ridere: lo spessore è quello, basterebbe pescare nei peggiori bar di Caracas per trovare di meglio. Ma io non sono sorpreso, Lotito ha complici anche nella mia categoria.
Ve ne racconto una di qualche mese fa: un inviato di Sportitalia, Luca Cilli, sta provando a fare con diligenza quello che dovrebbero fare tutti i giornalisti del mondo. Ovvero, qualche domanda a Lotito nel bel mezzo della nomina di Conte a commissario tecnico. Lui, il signor deferito più inibito più aggiotaggio prescritto, lo guarda dall'alto in basso e poi gli fa: "Spegni 'sta radio". Evidentemente non gradisce quel pressing mediatico. Alle spalle un gruppetto di giornalisti intento a ossequiare e non contraddire sor Claudio, il signor deferito più inibito più aggiotaggio prescritto.... Qualcuno lo conosco bene, classico figlio della scarsa meritocrazia che ogni tanto c'è all'interno di una redazione media. Tutti a spalleggiare Lotito che prende in giro un giovane giornalista, piuttosto che assumere una posizione "con le palle" a difesa di un collega non espertissimo che viene deriso mentre sta cercando di lavorare e si è imbattuto nell'uomo capace di essere detestato dal novantanove per cento della tifoseria laziale. Dite novanticinque e non novantanove? Sempre record è.
Certo, bisognerebbe parlare anche di calcio. Per fortuna, direi, visto che i temi non mancano. Se la Juve ha il Cannibale, Tevez li sbrana tutti, la Roma risponde con quel "matto" di Alessandro Florenzi. Matto nel senso buono, ci mancherebbe. La duttilità al potere, quei gol (in tutte le soluzioni, al massimo dell'imprevedibilità) li segnava anche a Crotone. Ma siccome era serie B nessuno li pesava come avrebbe dovuto. Siccome quel "matto" di Florenzi ha avuto la forza di ripetere lo stesso repertorio in serie A, chiaramente con i coefficienti di difficoltà molto più alti, bisogna soltanto esaltare questo made in Italy, fine gioielleria piuttosto che altissima bigiotteria. E avremmo bisogno di tanti Florenzi, sarebbe bello. Il resto è di una noia quasi mortale: Inzaghi dice che il Milan ha risentito del caldo, dai Pippo hai tutto il tempo che vuoi, ma non arrampicarti, il clima c'entra poco, non ha senso; Mazzarri non ci spiega per quale motivo l'Inter in difesa perda ettolitri di acqua; non si capisce perché la Fiorentina non dia più spazio a Bernardeschi, col senno del primo e non dopo l'assist a Babacar. Il Napoli? Ha ancora mille problemi, ma almeno ha vinto, servirà per non affogare nei veleni per almeno una settimana. E se Zeman si toglie qualche sassolino dopo l'impresa di San Siro ("Avevano già dato il Cagliari per retrocesso"), Ekdal spiegherà ai nipotini - tra vent'anni - che tre gol all'Inter li poteva stampare solo con quel signore boemo in panchina. O no?

Ps: sabato sera, dopo Roma-Verona, hanno dato del catenacciaro a Mandorlini. Sinceramente mi è sembrata una mezza cattiveria, se non una cattiveria completa. Se il Verona ha una caratteristica è quella di giocare sempre, almeno di provarci. Come ha fatto nel primo tempo dell'Olimpico, malgrado tantissime assenze (come quelle di Garcia, del resto). Nella ripresa la Roma ha forzato, ha pressato, sarebbe stato difficile per chiunque. Mandorlini non merita quell'etichetta, chi gliel'ha affibbiata dovrebbe documentarsi sul Verona e sul modo propositivo di fare calcio. I catenacci bisognerebbe metterli ai piedi di chi, non sono pochi, ha fatto mille attentati alla normalità del nostro calcio. Invece, chissà perché, lorsignori viaggiano sempre a piede libero.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.