HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Ma allora Mazzarri non era scarso... qualità ai minimi storici, è il momento giusto per il made in Italy. Balo all'Inter? Speriamo di no...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
10.12.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 27095 volte
© foto di Federico De Luca

Nel calcio, forse più che nella vita, si fa davvero troppo in fretta a sputare sentenze. Ero a San Siro per seguire Inter-Udinese. Bello assistere agli applausi del popolo nerazzurro. Tutti per Mancini, come è giusto e doveroso che sia. Peccato che, alla fine, il malloppo se lo sia portato a casa l'ex Strama, lasciando al Mancio solo i fischi. E qui entro a gamba tesa: ma allora Mazzarri non era così scarso… Lo ripeto da anni: un allenatore può incidere massimo al 10/15% sulla squadra. Il resto, quindi quasi tutto, dipende dai giocatori. Ed ecco il punto focale della questione. L'Inter, a livello di giocatori, non ha una rosa da "grande squadra". Ci sono delle buone individualità ma, in generale, di fenomeni non se ne vedono. Capisco il tifoso nerazzurro: abituato a vedere fuoriclasse in campo, non è facile abituarsi a gente come Kuzmanovic (nome preso a caso, potrei mettere chiunque altro). La qualità dell'Inter e, in generale, del calcio italiano, è ai minimi storici. E' ormai sempre più complicato vedere qualcuno che, su uno dei nostri campi, riesca a fare la differenza e regalare giocate sopraffine. Purtroppo, per palati fini come i nostri (dominavamo il mondo, calcisticamente parlando, fino a 10/15 anni fa), è complicatissimo tornare ad ingozzarci di panini alla mortadella quando eravamo soliti pasteggiare a caviale. Sono troppo severo? Guardatevi una qualsiasi partita di Bundes, Premier o Liga, anche quelle in cui c'è il Real Madrid che disintegra l'avversario. Bene, vi accorgerete che, in generale, il calcio proposto è decisamente migliore del nostro. Saremo ancora abili nella tecnica ma nell'accarezzare la palla siamo rimasti indietro… Ma, in questo oblio generale, c'è un'occasione da cogliere al volo, già a partire dalla prossima finestra di mercato invernale. Appurato che i campioni non vengono più da noi, è la volta buona (insisto) per regalare un'occasione ai nostri giovani italiani. Basta stranieri di seconda, terza o, peggio, vecchi campioni bolliti alla ricerca dell'ultima chance… Buttiamoci sui nostri giovani. Personalmente mi piacerebbe, al momento della lettura delle squadre, sentire qualche nome italiano in più e, attenzione, di me si può dire tutto tranne che sia razzista… Il mio pensiero è legato esclusivamente al desiderio di provare a "costruire" qualche campioncino in casa. I vari Pirlo, Buffon, Totti, Di Natale non sono eterni. Avere qualcuno che, prima o poi, possa prendere il loro posto sarebbe bellissimo. Se fossero italiani ancora meglio, sarebbe felice anche Conte… Infine mi soffermo su Balotelli. Da più cantoni, sento vociferare che SuperMario potrebbe tornare a casa, alla sua Inter. Con tutto il cuore: speriamo di no!!! L'Italia non fa bene a Balotelli. L'idea di rivederlo in casacca nerazzurra potrebbe causare seri problemi a tanta gente. Mancini lo conosce bene, spero che sappia come la sua presenza potrebbe diventare solo un problema. Non vedo vantaggi per nessuno, Raiola a parte…

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.