HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Ma Buffon non era finito? Sarri, è ora di crescere... Icardi, troppa gente intorno!

19.10.2016 10.29 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 30960 volte
© foto di Federico De Luca

Gigi Buffon è tornato Superman. Per l'ennesima volta, il miglior portiere della storia del calcio italiano e, probabilmente, del mondo ha risposto sul campo a chi aveva cominciato a mettere in dubbio i suoi super poteri. Qualche errore pareva aver umanizzato il numero uno della Juventus. Poi, in quel di Lione, ecco tre prodezze assurde: la prima sul calcio di rigore di Lacazette, la seconda, leggendaria, di riflesso su Fekir, poi, per chiudere, un altro intervento prodigioso su Tolisso. Ma come, non era finito? No, signori, non è finita... Buffon è ancora Superman. Certo, un rigore parato (tra l'altro non la specialità della casa del portierone bianconero) non deve essere esaltato più del dovuto, così come i miracoli successivi. Perché? Semplice perché, nella sua lunga carriera, di miracoli, il buon Buffon, ne ha fatti a centinaia. Sapete perché? Semplicemente perché stiamo parlando di un giocatore unico, inimitabile, eterno... Ben tornato Gigi!!! La tua saga non è ancora al capolinea. Per fortuna, voglio aggiungere...
Mi sento in dovere anche di soffermarmi su un caso diametralmente opposto ma che sta facendo discutere tutti, ma proprio tutti, da giorni: Maurito Icardi. Ho intervistato il bomber argentino due volte. In entrambe le occasioni mi sono ritrovato di fronte un ragazzo per bene, con una passione viscerale per il calcio, quasi timido. Ricordo l'ultima intervista, alla Pinetina. Wanda era già presente nella sua vita e lui parlava di lei con raggiante felicità. Da quel giorno è trascorso del tempo ma non credo che il ragazzo sia cambiato. Ho sempre avuto la convinzione che, anche sforzandosi, non sia possibile modificare o stravolgere il proprio io. Quindi, secondo il mio modesto parere, Icardi era e resta un ragazzo semplice, un buono, forse un po' ingenuo ma comunque di grande umanità. Il suo problema è che, troppo spesso, non dà il giusto peso alle questioni extra campo, delegando ad altri... Lui vorrebbe pensare solo a giocare a pallone, quello che gli riesce meglio ma, la sua vita è anche altro. Purtroppo, quando c'è da decidere su questioni che poco hanno a che fare con il pallone, Icardi non è il bomber chirurgico che siamo soliti vedere in azione. Si lascia trasportare dal vento e, alcune volte, si perde... Wanda lo conosce meglio di chiunque altro, è il suo compagno di vita. Normale che Maurito le dia ascolto. Lo facciamo tutti noi con le nostre fidanzate/moglie, non è vero? Lo fa anche Icardi... Ecco, non sempre è la scelta migliore. Pensate a quante volte vi siete fatti convincere dalla vostra partner a vedere quel film che poco vi ispirava. Scommetto che, all'uscita del cinema, avreste voluto strozzarla... Caro Icardi, siamo onesti: decidere di pubblicare un'autobiografia a 23 anni mi è sembrata una notevole forzatura. Capisco se avessi, in questi 23 anni di vita, scoperto un pianeta simile alla Terra, o restando in ambito calcistico, vinto un paio di volte il Pallone d'Oro e qualche Champions... Ma, a conti fatti, la tua carriera è agli inizi... Ecco, meglio pensare a giocare a pallone e cominciare ad aver meno distrazioni e persone attorno...
Chiudo con una preoccupazione: Sarri Potter. La bacchetta magica, forse, è stata smarrita. Spalletti, con un paio di buone intuizioni tattiche, ha messo a nudo i limiti di un tecnico che pare tanto geniale quanto cocciuto. Dei nuovi arrivati, pochi hanno visto il campo e nessuno, di fatto, con continuità (a parte Milik, purtroppo finito ai box). Sarri è in grado di far giocare la sua squadra magnificamente ma il timore è che conosca solo un credo calcistico, senza opzioni alternative. Spero, vivamente, di sbagliarmi. Il Napoli è uno spettacolo, non posso accettare che un grande maestro di calcio come Sarri non capisca che è giunto il momento di rischiare qualcosa di diverso, magari qualche uomo nuovo. Per tenere acceso e intrigante questo campionato, serve il miglior Napoli e un Sarri che sappia diventare camaleontico. Il calcio si evolve sempre, tocca anche agli allenatori farlo, di continuo... Ciò che era vincente ieri, penso a Mourinho (mi pare in evidente difficoltà a Manchester), non è detto che lo sai oggi e lo sarà anche domani...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.