HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Mancini e l'Inter: l'allenatore non può fare il manager. Altrimenti si rischiano casi come Van Gaal al Manchester United

05.08.2016 07.23 di Redazione TMW  Twitter:   articolo letto 28900 volte
Fonte: Claudio Nassi

Ho seguito con interesse il desiderio di Mancini di voler fare il manager dell'Inter, come molti allenatori d'Oltremanica o come quando guidava il Manchester City. So come ragionano i tecnici. Hanno una paura fottuta di essere esonerati, anche se strapagati e se possono contare su una buonuscita. So anche come sono soliti valutare un calciatore. Prima privilegiano quelli che hanno allenato, perché ne conoscono il carattere e sanno che non saranno traditi, e poi quelli che si adattano al loro modo di interpretare il calcio. Che non è quasi mai lo stesso, anche se i moduli lo potrebbero far pensare. Della società, del bilancio, della situazione economica e quindi del futuro se ne fregano: l'imperativo categorico è salvare le chiappe. Aggiungo che esiste anche il terrore di essere fregati dal D.G. o dal D.S. di turno, che invece di fare gli interessi della società cura i propri, pronto a scaricare le colpe, in caso di un rendimento non pari alle attese, sul tecnico. Quindi attenzione a non demonizzare l'allenatore, perché succede anche che venga usato.

Detto questo, torniamo al caso Inter-Mancini, ma potrei parlare del rapporto appena chiuso Manchester United-Van Gaal o di altri ancora. Al di là del fatto che Roberto ha dimostrato di aver sbagliato non pochi acquisti da quando è ritornato e che il tecnico olandese ha fatto spendere 250 milioni di euro in 18 mesi, mi domando come un club possa accettare questo modus operandi. A maggior ragione se si pensa alle cifre che corrono e che, spesso, una valutazione errata può mettere in crisi l'azienda. Ritengo perciò che ogni acquisto vada attentamente ponderato, dopo aver ascoltato il tecnico, ma sempre con il presidente al tavolo della trattativa. E non si potrà mai prescindere da una domanda: "In caso di fallimento, quanto si perderà?". Se la cifra sarà accettabile si potrà proseguire, altrimenti no! A meno che non si tratti dell'ultimo tassello che potrebbe portare al titolo.

Le poche volte che ho accontentato un allenatore ho sempre sbagliato, perché il tecnico, se è bravo, deve migliorare il materiale a disposizione, motivare e gestire il gruppo e tenere i rapporti con i media. Al resto penserà la società, che prenderà calciatori ancora più forti di quelli richiesti, ma che andranno bene con chi verrà dopo di lui e con altri ancora. E, cosa ancor più importante, quando mai un allenatore-manager sarà capace di vendere uno che ha voluto e ha fallito? Mentre il direttore che conosce il mestiere sa già come riciclarlo se non si esprimerà. Infine, forti di convinzioni radicate e di esperienze vissute da altri, quando i Van Gaal di turno insistono su un nominativo sul quale il club non è d'accordo, dite al mister che sarà accontentato se firmerà un assegno a garanzia di pari importo, nel caso non saranno rispettate le attese. Avrete risolto il problema.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.