HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Mancini e l'Inter: l'allenatore non può fare il manager. Altrimenti si rischiano casi come Van Gaal al Manchester United

05.08.2016 07.23 di Redazione TMW  Twitter:    articolo letto 29000 volte
Fonte: Claudio Nassi

Ho seguito con interesse il desiderio di Mancini di voler fare il manager dell'Inter, come molti allenatori d'Oltremanica o come quando guidava il Manchester City. So come ragionano i tecnici. Hanno una paura fottuta di essere esonerati, anche se strapagati e se possono contare su una buonuscita. So anche come sono soliti valutare un calciatore. Prima privilegiano quelli che hanno allenato, perché ne conoscono il carattere e sanno che non saranno traditi, e poi quelli che si adattano al loro modo di interpretare il calcio. Che non è quasi mai lo stesso, anche se i moduli lo potrebbero far pensare. Della società, del bilancio, della situazione economica e quindi del futuro se ne fregano: l'imperativo categorico è salvare le chiappe. Aggiungo che esiste anche il terrore di essere fregati dal D.G. o dal D.S. di turno, che invece di fare gli interessi della società cura i propri, pronto a scaricare le colpe, in caso di un rendimento non pari alle attese, sul tecnico. Quindi attenzione a non demonizzare l'allenatore, perché succede anche che venga usato.

Detto questo, torniamo al caso Inter-Mancini, ma potrei parlare del rapporto appena chiuso Manchester United-Van Gaal o di altri ancora. Al di là del fatto che Roberto ha dimostrato di aver sbagliato non pochi acquisti da quando è ritornato e che il tecnico olandese ha fatto spendere 250 milioni di euro in 18 mesi, mi domando come un club possa accettare questo modus operandi. A maggior ragione se si pensa alle cifre che corrono e che, spesso, una valutazione errata può mettere in crisi l'azienda. Ritengo perciò che ogni acquisto vada attentamente ponderato, dopo aver ascoltato il tecnico, ma sempre con il presidente al tavolo della trattativa. E non si potrà mai prescindere da una domanda: "In caso di fallimento, quanto si perderà?". Se la cifra sarà accettabile si potrà proseguire, altrimenti no! A meno che non si tratti dell'ultimo tassello che potrebbe portare al titolo.

Le poche volte che ho accontentato un allenatore ho sempre sbagliato, perché il tecnico, se è bravo, deve migliorare il materiale a disposizione, motivare e gestire il gruppo e tenere i rapporti con i media. Al resto penserà la società, che prenderà calciatori ancora più forti di quelli richiesti, ma che andranno bene con chi verrà dopo di lui e con altri ancora. E, cosa ancor più importante, quando mai un allenatore-manager sarà capace di vendere uno che ha voluto e ha fallito? Mentre il direttore che conosce il mestiere sa già come riciclarlo se non si esprimerà. Infine, forti di convinzioni radicate e di esperienze vissute da altri, quando i Van Gaal di turno insistono su un nominativo sul quale il club non è d'accordo, dite al mister che sarà accontentato se firmerà un assegno a garanzia di pari importo, nel caso non saranno rispettate le attese. Avrete risolto il problema.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.