HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Mancini verso la Nazionale. Juve tranquilla, Allegri non è il profilo per il Real. No di Cavani. Higuain via da Napoli. Ma Sarri resta?

04.03.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 38427 volte
© foto di Federico De Luca

Ci voleva la coppa Italia per vedere la vera Inter, quella che Mancini aveva in mente. Una squadra con un gioco essenziale, ma piena di carattere, rabbia agonistica e fisicità, dove tutti si sacrificano e lottano per novanta minuti. Troppo tardi? Forse.

Di sicuro all'interno della società le perplessità su questa stagione e sulle scelte di Mancini sono tante, ma anche l'allenatore sta seriamente pensando a un futuro diverso.

Da quando si è aperta con certezza la possibilità di andare in nazionale al posto di Conte, il Mancio riflette eccome. Lo ha confidato a diversi amici, ma lo ha pure detto pubblicamente, alla maglia azzurra è molto legato, non ha una storia in Nazionale da giocatore, gli piacerebbe averla da allenatore.

Cosa ne pensano in Federcalcio? Il nome di Mancini è girato, di sicuro è un allenatore vincente e conosciuto a livello internazionale, non è un maniaco del gioco organizzato e quindi avrebbe maggiori possibilità di far bene e far accettare le sue idee al gruppo. Le controindicazioni sono il budget a disposizione e la non altissima simpatia a livello popolare che ispira il tecnico nerazzurro. Conte ha strappato un ingaggio di quasi cinque milioni per l'intervento dello sponsor, ma un'operazione del genere con Mancini non è possibile. I contratti federali non superano il milione e mezzo, euro più euro meno. Poco per Mancini?

Chi lo conosce dice che sarebbe disposto a guadagnare meno per un incarico del genere. La pista è apertissima e la discussione avviata.

Che farà l'Inter? Mancini è stato consigliato da Moratti a Thohir, ma l'indonesiano si è un po' ricreduto. Non saremmo meravigliati se a fine stagione, soprattutto se l'Inter dovesse restare fuori dalla Champions, tornasse in ballo Frank De Boer, vecchio pallino, con il Mancio in Nazionale.

Ci sembrano invece avere poco fondamento le notizie che rimbalzano dalla Spagna su una attenzione del Real per Allegri. E' vero che forse tutte le divergenze con la Juve non sono state appianate e Allegri è uno permaloso. E' altrettanto vero che Branchini lo sta proponendo alla grande, ma il profilo dell'allenatore del Real è diverso da quello di Allegri. I madridisti si vogliono divertire, amano squadre che impongono il gioco, spregiudicate e l'eccessivo equilibrio del calcio di Allegri con  molte ripartenze e difesa bassa, di sicuro non piace. Perez invece vorrebbe un tipo alla Valverde del Bilbao che ha rinnovato di recente, ma potrebbe liberarsi.

Detto questo, restano le perplessità di Allegri sul contratto proposto dalla Juve fino al 2019 (due anni in più) con opzione per il 2020. Se ne doveva discutere a giorni, tutto è stato rimandato al dopo Bayern. Allegri vuole garanzie sulla campagna acquisti per evitare le contrapposizioni dell'estate scorsa. Non è più intenzionato ad accettare rose di non suo gradimento perché tanto poi il conto lo presentano a lui. L'idea di continuare c'è, basta capirsi. Sfumato il Chelsea e senza altre grandi panchine all'orizzonte, restare alla Juve in fondo conviene anche ad Allegri soprattutto se l'ingaggio (a salire) dovesse davvero arrivare a cinque milioni netti.

Per restare alla Juve, il solito obiettivo Cavani sta ancora una volta sfumando e il motivo è sempre più o meno il solito: l'ingaggio. Marotta ha sempre detto che la Juve non può pagare cifre da sei milioni in su, il Chelsea ed altri possono. Le conclusioni sono banali.

Restando agli allenatori, il toto panchina è vivo perché molte società vogliono definire il tecnico prima di fare mercato. Volete un esempio? Sarri. Resterà al Napoli? Questa è una bella domanda che è stata fatta anche a De Laurentiis. La risposta, come spesso accade, è stata imbarazzante. Il contratto del tecnico toscano era annuale, a 700 mila euro, con rinnovo per altri quattro. Sempre annuale. Secondo De Laurentiis la decisione è unilaterale, solo lui può decidere se tenere Sarri, se aumentargli o meno l'ingaggio e il tecnico deve solo accettare senza pretendere. Questa l'interpretazione presidenziale del contratto. La nostra impressione è che se De Laurentiis non si metterà a trattare il rinnovo su basi economicamente serie, difficilmente Sarri resterà a Napoli visto che continuano a corteggiarlo squadre italiane (il Milan), ma anche straniere. Non si può liberare? Questo lo dice il presidente, ma ne dice tante, il procuratore di Sarri la pensa in maniera opposta.

Anche la battuta sul peso di Higuain, altra gaffe di ADL, non è piaciuta affatto. Il fratello ha bollato certe parole come cazzate e siamo d'accordo. Il problema è che Higuain è permaloso e la voglia di restare a Napoli sta scendendo. L'argentino ha fatto un patto con Sarri, proverà a vincere qualcosa a Napoli, ama la città e i napoletani, vuol battere il record di Angelillo (34 gol stagionali), ma il dopo è tutto da scrivere. Ma anche De Laurentiis non fermerà Higuain, la strategia è chiara: con i 94 milioni della clausola, rifonderà il Napoli come fece nel dopo Cavani.

E se arrivasse lo scudetto? Higuain se ne andrebbe a maggior ragione, sicuro di aver fatto il massimo.

Sempre allenatori, in attesa del mercato giocatori. Su Sousa abbiamo già detto, ma è bene ripetere visto che nel frattempo, dopo il Chelsea e la Juventus, lo hanno cercato anche lo Zenit e il Barcellona. Dopo il chiarimento avuto due settimane fa con i dirigenti viola, Sousa resterà a Firenze per provare a conquistare la Champions e vincere qualcosa l'anno prossimo. Il gioco spettacolare dei viola, però, non ha fermato Juve e Barca. In attesa della firma di Allegri, i bianconeri si sono comunque lasciati una porta aperta con Sousa (piace moltissimo e l'amicizia con Andrea Agnelli pesa) per il 2017. Alla stessa data scade il contratto di Luis Enrique con il Barca e con Sousa si farà presto un discorso futuribile. Questo tanto per far capire anche agli stolti tifosi beceri cosa vuol dire giocare all'Europea come fa la Fiorentina.

Ancora panchine. Tra la Lazio e Pioli è finita o quasi. Lotito vorrebbe Mazzarri che è pronto per rimettersi in pista, il discorso è aperto. Ventura lascerà il Toro e pure lui è uno dei candidati per i biancocelesti, ma i dubbi restano per tutti. Lavorare con Lotito non è semplicissimo per nessuno.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.