HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Mancini verso la Nazionale. Juve tranquilla, Allegri non è il profilo per il Real. No di Cavani. Higuain via da Napoli. Ma Sarri resta?

04.03.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 38479 volte
© foto di Federico De Luca

Ci voleva la coppa Italia per vedere la vera Inter, quella che Mancini aveva in mente. Una squadra con un gioco essenziale, ma piena di carattere, rabbia agonistica e fisicità, dove tutti si sacrificano e lottano per novanta minuti. Troppo tardi? Forse.

Di sicuro all'interno della società le perplessità su questa stagione e sulle scelte di Mancini sono tante, ma anche l'allenatore sta seriamente pensando a un futuro diverso.

Da quando si è aperta con certezza la possibilità di andare in nazionale al posto di Conte, il Mancio riflette eccome. Lo ha confidato a diversi amici, ma lo ha pure detto pubblicamente, alla maglia azzurra è molto legato, non ha una storia in Nazionale da giocatore, gli piacerebbe averla da allenatore.

Cosa ne pensano in Federcalcio? Il nome di Mancini è girato, di sicuro è un allenatore vincente e conosciuto a livello internazionale, non è un maniaco del gioco organizzato e quindi avrebbe maggiori possibilità di far bene e far accettare le sue idee al gruppo. Le controindicazioni sono il budget a disposizione e la non altissima simpatia a livello popolare che ispira il tecnico nerazzurro. Conte ha strappato un ingaggio di quasi cinque milioni per l'intervento dello sponsor, ma un'operazione del genere con Mancini non è possibile. I contratti federali non superano il milione e mezzo, euro più euro meno. Poco per Mancini?

Chi lo conosce dice che sarebbe disposto a guadagnare meno per un incarico del genere. La pista è apertissima e la discussione avviata.

Che farà l'Inter? Mancini è stato consigliato da Moratti a Thohir, ma l'indonesiano si è un po' ricreduto. Non saremmo meravigliati se a fine stagione, soprattutto se l'Inter dovesse restare fuori dalla Champions, tornasse in ballo Frank De Boer, vecchio pallino, con il Mancio in Nazionale.

Ci sembrano invece avere poco fondamento le notizie che rimbalzano dalla Spagna su una attenzione del Real per Allegri. E' vero che forse tutte le divergenze con la Juve non sono state appianate e Allegri è uno permaloso. E' altrettanto vero che Branchini lo sta proponendo alla grande, ma il profilo dell'allenatore del Real è diverso da quello di Allegri. I madridisti si vogliono divertire, amano squadre che impongono il gioco, spregiudicate e l'eccessivo equilibrio del calcio di Allegri con  molte ripartenze e difesa bassa, di sicuro non piace. Perez invece vorrebbe un tipo alla Valverde del Bilbao che ha rinnovato di recente, ma potrebbe liberarsi.

Detto questo, restano le perplessità di Allegri sul contratto proposto dalla Juve fino al 2019 (due anni in più) con opzione per il 2020. Se ne doveva discutere a giorni, tutto è stato rimandato al dopo Bayern. Allegri vuole garanzie sulla campagna acquisti per evitare le contrapposizioni dell'estate scorsa. Non è più intenzionato ad accettare rose di non suo gradimento perché tanto poi il conto lo presentano a lui. L'idea di continuare c'è, basta capirsi. Sfumato il Chelsea e senza altre grandi panchine all'orizzonte, restare alla Juve in fondo conviene anche ad Allegri soprattutto se l'ingaggio (a salire) dovesse davvero arrivare a cinque milioni netti.

Per restare alla Juve, il solito obiettivo Cavani sta ancora una volta sfumando e il motivo è sempre più o meno il solito: l'ingaggio. Marotta ha sempre detto che la Juve non può pagare cifre da sei milioni in su, il Chelsea ed altri possono. Le conclusioni sono banali.

Restando agli allenatori, il toto panchina è vivo perché molte società vogliono definire il tecnico prima di fare mercato. Volete un esempio? Sarri. Resterà al Napoli? Questa è una bella domanda che è stata fatta anche a De Laurentiis. La risposta, come spesso accade, è stata imbarazzante. Il contratto del tecnico toscano era annuale, a 700 mila euro, con rinnovo per altri quattro. Sempre annuale. Secondo De Laurentiis la decisione è unilaterale, solo lui può decidere se tenere Sarri, se aumentargli o meno l'ingaggio e il tecnico deve solo accettare senza pretendere. Questa l'interpretazione presidenziale del contratto. La nostra impressione è che se De Laurentiis non si metterà a trattare il rinnovo su basi economicamente serie, difficilmente Sarri resterà a Napoli visto che continuano a corteggiarlo squadre italiane (il Milan), ma anche straniere. Non si può liberare? Questo lo dice il presidente, ma ne dice tante, il procuratore di Sarri la pensa in maniera opposta.

Anche la battuta sul peso di Higuain, altra gaffe di ADL, non è piaciuta affatto. Il fratello ha bollato certe parole come cazzate e siamo d'accordo. Il problema è che Higuain è permaloso e la voglia di restare a Napoli sta scendendo. L'argentino ha fatto un patto con Sarri, proverà a vincere qualcosa a Napoli, ama la città e i napoletani, vuol battere il record di Angelillo (34 gol stagionali), ma il dopo è tutto da scrivere. Ma anche De Laurentiis non fermerà Higuain, la strategia è chiara: con i 94 milioni della clausola, rifonderà il Napoli come fece nel dopo Cavani.

E se arrivasse lo scudetto? Higuain se ne andrebbe a maggior ragione, sicuro di aver fatto il massimo.

Sempre allenatori, in attesa del mercato giocatori. Su Sousa abbiamo già detto, ma è bene ripetere visto che nel frattempo, dopo il Chelsea e la Juventus, lo hanno cercato anche lo Zenit e il Barcellona. Dopo il chiarimento avuto due settimane fa con i dirigenti viola, Sousa resterà a Firenze per provare a conquistare la Champions e vincere qualcosa l'anno prossimo. Il gioco spettacolare dei viola, però, non ha fermato Juve e Barca. In attesa della firma di Allegri, i bianconeri si sono comunque lasciati una porta aperta con Sousa (piace moltissimo e l'amicizia con Andrea Agnelli pesa) per il 2017. Alla stessa data scade il contratto di Luis Enrique con il Barca e con Sousa si farà presto un discorso futuribile. Questo tanto per far capire anche agli stolti tifosi beceri cosa vuol dire giocare all'Europea come fa la Fiorentina.

Ancora panchine. Tra la Lazio e Pioli è finita o quasi. Lotito vorrebbe Mazzarri che è pronto per rimettersi in pista, il discorso è aperto. Ventura lascerà il Toro e pure lui è uno dei candidati per i biancocelesti, ma i dubbi restano per tutti. Lavorare con Lotito non è semplicissimo per nessuno.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.