HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Mazzarri: il pugno di ferro di Moratti. Mancini: adesso Icardi e Juan Jesus felici di restare. Bonera: giù le mani da Inzaghi. San Siro: per Conte e Balotelli applausi e incoraggiamenti

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
15.11.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 34989 volte

La voce è che senza un suo coinvolgimento nelle decisioni fondamentali per l'Inter, Massimo Moratti avrebbe giudicato inutile e insensato sottoscrivere l'aumento di capitale necessario per le casse del Club. E quindi che l'esonero di Mazzarri sia un danno collaterale del grande freddo prima e dell'accordo poi fra lo stesso presidente Moratti e il presidente Thohir. La sensazione invece è che l'aumento di capitale Moratti lo avrebbe sottoscritto comunque e a prescindere per non compromettere il valore economico della sua partecipazione nell'Inter. E che questo abbia indotto Thohir a ricambiare la prova d'amore. Ecco perché fra il "pellegriniano" Zenga e il "morattiano" Mancini, la scelta è caduta guarda caso sul secondo. Nonostante l'excusatio non petita di ieri del Presidente Moratti che, sempre ieri ad esonero ancora caldo, ha fornito forse la prova regina tornando ad elogiare Thohir con una dichiarazione pubblica. Cosa che non accadeva da mesi.

Per l'arrivo di Mancini è stato decisivo il derby. Se il dopo sosta di Novembre fosse iniziato con un'altra gara, Mazzarri avrebbe avuto ancora tempo a disposizione per provare a riprendersi. Ma lo stress dal quale era scavato, la depressione dei tifosi e il disorientamento dello spogliatoio hanno indotto Moratti e Thohir a dare alla squadra una scossa pre-derby. In pratica Allegri un anno fa ha pagato il derby di Palacio tre settimane dopo con l'esonero di Sassuolo e Mazzarri ha subito le consuguenze del prossimo derby senza nemmeno averlo giocato. A proposito di spogliatoio, risulta che vista la situazione della guida tecnica e della squadra in generale, Icardi avesse chiesto la cessione a gennaio due volte e Juan Jesus una. Adesso tutto rientrato. Ed è proprio dalla ricarica dei due big che Mancini ripartirà.

Sia ben chiaro. Inzaghi a Genova ha indicato in Daniele Bonera il migliore in campo non per prendere in giro i tifosi e nemmeno per farsi beffe della critica. Ma per un motivo molto chiaro e legato alla sia linea guida: abbiamo bisogno di tutti. Quindi anche di Bonera, oggetto ormai da tempo di un social-massacro perfino irritante nella sua ossessività. Per cui ad un tiro alzo zero negativo ha risposto con un alzo zero positivo. Non vuol perdere nessuno dei suoi giocatori per il partito preso dei tifosi. Clima che peraltro riguarda un Milanista vero che a Genova non aveva colpe né sul gol di Okaka impossibile da anticipare per il terzino con palla persa dal Milan a centrocampo né sulla prima, inesistente, ammonizione. Sull'amicizia poi vale la pena ricordare ai tifosi che Bonera ha giocato molto di più, praticamente sempre, e bene fra l'altro con Seedorf da gennaio a maggio che con Inzaghi da agosto ad oggi. L'orchestrina ritmata, con passaggi di testimone a orologeria nelle dichiarazioni e nelle tesi, che tenta di costruire un regolamento di conti avendo Bonera come bersaglio, è quindi come sempre poca roba. Dalla quale Inzaghi e le sue scelte sono lontanissimi.

Milano, la vera grande Milano del calcio ha una straordinaria opportunità. Smettere di piangersi addosso e tornare locomotiva del calcio italiano. E non solo: dimostrarsi la vera base sulla quale poter contare per il rilancio ampio e indiscutibile delle sue due squadre di calcio oggi in difficoltà. La grande occasione è lì, a due passi, sul piatto d'argento di Italia -Croazia. La folla di San Siro, soprattutto quella rossonerazzurra, deve dimostrarsi decisiva e trascinare gli azzurri domani sera alla vittoria. Non si faccia, la grande Milano, condizionare dai trascorsi juventini di Conte e risponda presente alla grande all'appello del CT azzurro di sostenere la squadra. Non pensi, la città che tutti i milanesi amano, al Balotelli nelle due versioni meneghine. Se entrerà vorrà dire che la Nazionale avrà bisogno di una sua grande giocata e San Siro dovrà chiamarla e assecondarla. È così che ci si conferma grande città e si dà l'esempio. Anche alle due squadre cittadine delle quali spesso gli sportivi milanesi si sfogano. Prima facciamo l'Italia e poi le milanesi. La parola a San Siro.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.