VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Mazzarri: il pugno di ferro di Moratti. Mancini: adesso Icardi e Juan Jesus felici di restare. Bonera: giù le mani da Inzaghi. San Siro: per Conte e Balotelli applausi e incoraggiamenti

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
15.11.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 34991 volte

La voce è che senza un suo coinvolgimento nelle decisioni fondamentali per l'Inter, Massimo Moratti avrebbe giudicato inutile e insensato sottoscrivere l'aumento di capitale necessario per le casse del Club. E quindi che l'esonero di Mazzarri sia un danno collaterale del grande freddo prima e dell'accordo poi fra lo stesso presidente Moratti e il presidente Thohir. La sensazione invece è che l'aumento di capitale Moratti lo avrebbe sottoscritto comunque e a prescindere per non compromettere il valore economico della sua partecipazione nell'Inter. E che questo abbia indotto Thohir a ricambiare la prova d'amore. Ecco perché fra il "pellegriniano" Zenga e il "morattiano" Mancini, la scelta è caduta guarda caso sul secondo. Nonostante l'excusatio non petita di ieri del Presidente Moratti che, sempre ieri ad esonero ancora caldo, ha fornito forse la prova regina tornando ad elogiare Thohir con una dichiarazione pubblica. Cosa che non accadeva da mesi.

Per l'arrivo di Mancini è stato decisivo il derby. Se il dopo sosta di Novembre fosse iniziato con un'altra gara, Mazzarri avrebbe avuto ancora tempo a disposizione per provare a riprendersi. Ma lo stress dal quale era scavato, la depressione dei tifosi e il disorientamento dello spogliatoio hanno indotto Moratti e Thohir a dare alla squadra una scossa pre-derby. In pratica Allegri un anno fa ha pagato il derby di Palacio tre settimane dopo con l'esonero di Sassuolo e Mazzarri ha subito le consuguenze del prossimo derby senza nemmeno averlo giocato. A proposito di spogliatoio, risulta che vista la situazione della guida tecnica e della squadra in generale, Icardi avesse chiesto la cessione a gennaio due volte e Juan Jesus una. Adesso tutto rientrato. Ed è proprio dalla ricarica dei due big che Mancini ripartirà.

Sia ben chiaro. Inzaghi a Genova ha indicato in Daniele Bonera il migliore in campo non per prendere in giro i tifosi e nemmeno per farsi beffe della critica. Ma per un motivo molto chiaro e legato alla sia linea guida: abbiamo bisogno di tutti. Quindi anche di Bonera, oggetto ormai da tempo di un social-massacro perfino irritante nella sua ossessività. Per cui ad un tiro alzo zero negativo ha risposto con un alzo zero positivo. Non vuol perdere nessuno dei suoi giocatori per il partito preso dei tifosi. Clima che peraltro riguarda un Milanista vero che a Genova non aveva colpe né sul gol di Okaka impossibile da anticipare per il terzino con palla persa dal Milan a centrocampo né sulla prima, inesistente, ammonizione. Sull'amicizia poi vale la pena ricordare ai tifosi che Bonera ha giocato molto di più, praticamente sempre, e bene fra l'altro con Seedorf da gennaio a maggio che con Inzaghi da agosto ad oggi. L'orchestrina ritmata, con passaggi di testimone a orologeria nelle dichiarazioni e nelle tesi, che tenta di costruire un regolamento di conti avendo Bonera come bersaglio, è quindi come sempre poca roba. Dalla quale Inzaghi e le sue scelte sono lontanissimi.

Milano, la vera grande Milano del calcio ha una straordinaria opportunità. Smettere di piangersi addosso e tornare locomotiva del calcio italiano. E non solo: dimostrarsi la vera base sulla quale poter contare per il rilancio ampio e indiscutibile delle sue due squadre di calcio oggi in difficoltà. La grande occasione è lì, a due passi, sul piatto d'argento di Italia -Croazia. La folla di San Siro, soprattutto quella rossonerazzurra, deve dimostrarsi decisiva e trascinare gli azzurri domani sera alla vittoria. Non si faccia, la grande Milano, condizionare dai trascorsi juventini di Conte e risponda presente alla grande all'appello del CT azzurro di sostenere la squadra. Non pensi, la città che tutti i milanesi amano, al Balotelli nelle due versioni meneghine. Se entrerà vorrà dire che la Nazionale avrà bisogno di una sua grande giocata e San Siro dovrà chiamarla e assecondarla. È così che ci si conferma grande città e si dà l'esempio. Anche alle due squadre cittadine delle quali spesso gli sportivi milanesi si sfogano. Prima facciamo l'Italia e poi le milanesi. La parola a San Siro.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.