HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Mazzarri: il pugno di ferro di Moratti. Mancini: adesso Icardi e Juan Jesus felici di restare. Bonera: giù le mani da Inzaghi. San Siro: per Conte e Balotelli applausi e incoraggiamenti

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
15.11.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 34989 volte

La voce è che senza un suo coinvolgimento nelle decisioni fondamentali per l'Inter, Massimo Moratti avrebbe giudicato inutile e insensato sottoscrivere l'aumento di capitale necessario per le casse del Club. E quindi che l'esonero di Mazzarri sia un danno collaterale del grande freddo prima e dell'accordo poi fra lo stesso presidente Moratti e il presidente Thohir. La sensazione invece è che l'aumento di capitale Moratti lo avrebbe sottoscritto comunque e a prescindere per non compromettere il valore economico della sua partecipazione nell'Inter. E che questo abbia indotto Thohir a ricambiare la prova d'amore. Ecco perché fra il "pellegriniano" Zenga e il "morattiano" Mancini, la scelta è caduta guarda caso sul secondo. Nonostante l'excusatio non petita di ieri del Presidente Moratti che, sempre ieri ad esonero ancora caldo, ha fornito forse la prova regina tornando ad elogiare Thohir con una dichiarazione pubblica. Cosa che non accadeva da mesi.

Per l'arrivo di Mancini è stato decisivo il derby. Se il dopo sosta di Novembre fosse iniziato con un'altra gara, Mazzarri avrebbe avuto ancora tempo a disposizione per provare a riprendersi. Ma lo stress dal quale era scavato, la depressione dei tifosi e il disorientamento dello spogliatoio hanno indotto Moratti e Thohir a dare alla squadra una scossa pre-derby. In pratica Allegri un anno fa ha pagato il derby di Palacio tre settimane dopo con l'esonero di Sassuolo e Mazzarri ha subito le consuguenze del prossimo derby senza nemmeno averlo giocato. A proposito di spogliatoio, risulta che vista la situazione della guida tecnica e della squadra in generale, Icardi avesse chiesto la cessione a gennaio due volte e Juan Jesus una. Adesso tutto rientrato. Ed è proprio dalla ricarica dei due big che Mancini ripartirà.

Sia ben chiaro. Inzaghi a Genova ha indicato in Daniele Bonera il migliore in campo non per prendere in giro i tifosi e nemmeno per farsi beffe della critica. Ma per un motivo molto chiaro e legato alla sia linea guida: abbiamo bisogno di tutti. Quindi anche di Bonera, oggetto ormai da tempo di un social-massacro perfino irritante nella sua ossessività. Per cui ad un tiro alzo zero negativo ha risposto con un alzo zero positivo. Non vuol perdere nessuno dei suoi giocatori per il partito preso dei tifosi. Clima che peraltro riguarda un Milanista vero che a Genova non aveva colpe né sul gol di Okaka impossibile da anticipare per il terzino con palla persa dal Milan a centrocampo né sulla prima, inesistente, ammonizione. Sull'amicizia poi vale la pena ricordare ai tifosi che Bonera ha giocato molto di più, praticamente sempre, e bene fra l'altro con Seedorf da gennaio a maggio che con Inzaghi da agosto ad oggi. L'orchestrina ritmata, con passaggi di testimone a orologeria nelle dichiarazioni e nelle tesi, che tenta di costruire un regolamento di conti avendo Bonera come bersaglio, è quindi come sempre poca roba. Dalla quale Inzaghi e le sue scelte sono lontanissimi.

Milano, la vera grande Milano del calcio ha una straordinaria opportunità. Smettere di piangersi addosso e tornare locomotiva del calcio italiano. E non solo: dimostrarsi la vera base sulla quale poter contare per il rilancio ampio e indiscutibile delle sue due squadre di calcio oggi in difficoltà. La grande occasione è lì, a due passi, sul piatto d'argento di Italia -Croazia. La folla di San Siro, soprattutto quella rossonerazzurra, deve dimostrarsi decisiva e trascinare gli azzurri domani sera alla vittoria. Non si faccia, la grande Milano, condizionare dai trascorsi juventini di Conte e risponda presente alla grande all'appello del CT azzurro di sostenere la squadra. Non pensi, la città che tutti i milanesi amano, al Balotelli nelle due versioni meneghine. Se entrerà vorrà dire che la Nazionale avrà bisogno di una sua grande giocata e San Siro dovrà chiamarla e assecondarla. È così che ci si conferma grande città e si dà l'esempio. Anche alle due squadre cittadine delle quali spesso gli sportivi milanesi si sfogano. Prima facciamo l'Italia e poi le milanesi. La parola a San Siro.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.