HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Mazzarri, stai diventando indifendibile. Ausilio blocca Sinisa. Juve, cresci con Allegri e Conte pensi alla Nazionale. Pillole di B e Lega Pro...

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
03.11.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 41104 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La situazione dell'Inter è talmente delicata e di difficile lettura che saremmo solo dei presuntuosi se volessimo dettare la linea da seguire per superare la crisi. Andiamo per tappe, perché quello che più lascia perplessi dopo Parma non è tanto aver perso un'altra partita e neanche aver perso male contro l'ultima in classifica, ma la reazione di Mazzarri. Quando le telecamere di Sky inquadravano, in panchina, il tecnico dell'Inter era un pianto greco. Da uno come Walter ti aspetti urla e bestemmie in cinese per la squadra che non ti ascolta. Pensi, adesso si mette a fare un altro balletto con Frustalupi per dare indicazioni ai calciatori ed invece non batteva ciglio. Nessuna reazione dalla panchina come non c'è stata nessuna reazione della squadra. Ha dato un segnale di resa e, se volete, tutto questo è più preoccupante della sconfitta e della prestazione stessa. Mazzarri ha delle attenuanti: a) l'assenza di una società, nonostante il buon Ausilio da solo il Direttore non può far miracoli. Perché Thohir non c'è e Fassone non determina nulla. b) gli infortunii. c) i calciatori sono modesti e, se anche quei pochi di valore che hai in organico non fanno la differenza, come Handanovic e Palacio allora si fa davvero dura. Il tifoso dell'Inter ha il palato fine, perché l'abbonato a San Siro volente o nolente sono almeno 20 anni che vede passare grandi campioni con la maglia nerazzurra. Il tifoso interista non sarà un allenatore professionista ma inizia ad essere un intenditore e, quando vede giocare la squadra di Mazzarri, gli piange il cuore. Ora Walter deve reagire. Quello che non ha fatto a Parma e che non ha fatto nelle ultime settimane. E' allarmante che uno di carattere non si adiri e non appenda al muro i suoi calciatori. La sensazione è che Mazzarri non creda più nel suo gruppo. Intervenire oggi servirebbe a poco. La squadra non può far miracoli e, sulla piazza, non ci sono allenatori fenomeni. Ausilio, però, una cosa potrebbe farla. Piero si metta in macchina per Genova e chiuda un accordo in dieci minuti, per i prossimi due anni, con Sinisa Mihajlovic. Ha trasformato la Sampdoria, se l'è caricata sulle spalle e la sta rendendo grande con calciatori buoni ma, sicuramente, non superiori a quelli che oggi indossano la maglia dell'Inter. Sinisa è stato chiaro sia con Osti che con Ferrero: voglio vincere e fare bene quest'anno per poi spiccare il volo. Ha carattere e coraggio, quando ha lanciato alla squadra un segnale tangibile parlando da sempre di voler raggiungere la parte sinistra della classifica.
La Juventus perde colpi ma, per fortuna di Allegri, non corre nessuno. La Roma, unica avversaria temibile, in 3 giorni perde immediatamente il terreno recuperato il mercoledì prima. I giallorossi non hanno ancora la mentalità per reggere tutto il campionato e, anche se questa Juve non è imbattibile, non riescono a tenere il passo; bisogna superare la sindrome del braccino del tennista. Se la Roma fosse stata davvero da scudetto a Napoli avrebbe vinto; invece non ha retto e la Juve ad Empoli si è ripresa il trono. Allegri sta incontrando le stesse difficoltà che incontrava Conte in Europa e, in Italia, accusa dei colpi a vuoto che nel campionato post-Mondiale bisogna mettere in preventivo. Quello che forse ha fatto Conte, quando è fuggito al terzo giorno di ritiro. Chi fugge non può mai essere considerato né affidabile né attendibile. Che Conte sia bravo lo dimostra il campo, è un martello ma dalla scorsa estate farà fatica a conquistare la fiducia di tutti gli italiani. Quando prepara il prossimo Europeo, Conte deve considerare che dovrà migliorare l'ultimo risultato europeo azzurro. Prandelli ci lasciò in finale, il paragonale con il Mondiale, eventualmente, andrebbe fatto tra 4 anni non tra 2 con la competizione francese. Conte deve pensare meno alla Juventus e agli juventini, consiglio amicale, e di più a dare equilibrio ad una Nazionale che avrebbe bisogno del suo CT anche fuori dal campo. Tavecchio ha, come Conte, due anni a disposizione per dare una sterzata al nostro calcio. I presupposti, per Carletto, sono poco confortanti. E' arrivato e si è presentato con una frase razzista, è finito sotto inchiesta, ha perso gran parte del budget del Coni e non riesce a trovare mezza medicina che guarisca anche un solo male del nostro sistema. In politica ci lamentiamo di Renzi. Ok, ma solo chi non fa non sbaglia. Se Tavecchio sta adottando questa politica finiremo, tra due anni, nell'anonimato più assoluto. Il tempo stringe e gli anni passano; Tavecchio dovrebbe saperlo. Macalli, in Lega Pro, nonostante l'età e le complessità negli anni ha fatto numerose riforme che hanno portato la serie C ad essere il primo campionato ad aver rivoluzionato il numero di squadre e i gironi e ad aver inventato i play off e play out, poi copiati anche da categorie superiori. A proposito: la pillola settimanale di serie B e Lega Pro. Il Crotone ha sbagliato tutto il mercato estivo e, dopo un'annata, come quella scorsa da una Proprietà seria come quella dei Vrenna ci si aspettava di più. Oggi il Crotone sembra confuso e senza idee. Il Bari sembrava rinato ma è morto nuovamente; Mangia ha le sue responsabilità ma Paparesta dovrebbe intervenire da proprietario leader per cercare di invertire la rotta. Complimenti alla Pro Vercelli, non per il campo ma per quello che fa fuori dal campo: pagamenti puntuali e società seria. Ad avercene. Male la Ternana, occhio Attilio ti stanno preparando il "piattino". Chiamami che ti spiego a che gioco stanno giocando. Il Cittadella non merita commenti, tanto la squadra si vedrà in primavera (come sempre). A Marchetti non serve né il mercato estivo né quello invernale, lui in Primavera fiorisce come le fresie. Bravo, bravissimo il mio amico Rastelli ad Avellino come Stellone a Frosinone. Il Latina preoccupa seriamente. Non c'è mezza idea di gioco. In Lega Pro frena il Bassano ma Asta ha tutto per arrivare fino in fondo. Grande Proprietà e squadra completa, un po' meno in difesa. Il primato può essere consolidato nel tempo. Macalli dovrebbe intervenire a Monza e fare chiarezza per evitare di falsare il campionato e i conti correnti dei tesserati in Brianza. Ulizio dovrebbe dimettersi e salvare, almeno, un pizzico di orgoglio rimasto. Anche perché da Monza a Busto il passo è breve... Nel girone C sembra l'anno giusto per il Benevento e, se vogliamo dirla tutta, Vigorito merita la serie B. Per convinzione, investimenti e determinazione. Di Somma e Brini sono complementari, ognuno fa il proprio mestiere e insieme possono far diventare grande il Benevento. A questa proprietà, che in passato ha sbagliato molto se non tutto, starebbe stretta anche la serie B.
Buona settimana.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.