HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Mazzarri, stai diventando indifendibile. Ausilio blocca Sinisa. Juve, cresci con Allegri e Conte pensi alla Nazionale. Pillole di B e Lega Pro...

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
03.11.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 41104 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La situazione dell'Inter è talmente delicata e di difficile lettura che saremmo solo dei presuntuosi se volessimo dettare la linea da seguire per superare la crisi. Andiamo per tappe, perché quello che più lascia perplessi dopo Parma non è tanto aver perso un'altra partita e neanche aver perso male contro l'ultima in classifica, ma la reazione di Mazzarri. Quando le telecamere di Sky inquadravano, in panchina, il tecnico dell'Inter era un pianto greco. Da uno come Walter ti aspetti urla e bestemmie in cinese per la squadra che non ti ascolta. Pensi, adesso si mette a fare un altro balletto con Frustalupi per dare indicazioni ai calciatori ed invece non batteva ciglio. Nessuna reazione dalla panchina come non c'è stata nessuna reazione della squadra. Ha dato un segnale di resa e, se volete, tutto questo è più preoccupante della sconfitta e della prestazione stessa. Mazzarri ha delle attenuanti: a) l'assenza di una società, nonostante il buon Ausilio da solo il Direttore non può far miracoli. Perché Thohir non c'è e Fassone non determina nulla. b) gli infortunii. c) i calciatori sono modesti e, se anche quei pochi di valore che hai in organico non fanno la differenza, come Handanovic e Palacio allora si fa davvero dura. Il tifoso dell'Inter ha il palato fine, perché l'abbonato a San Siro volente o nolente sono almeno 20 anni che vede passare grandi campioni con la maglia nerazzurra. Il tifoso interista non sarà un allenatore professionista ma inizia ad essere un intenditore e, quando vede giocare la squadra di Mazzarri, gli piange il cuore. Ora Walter deve reagire. Quello che non ha fatto a Parma e che non ha fatto nelle ultime settimane. E' allarmante che uno di carattere non si adiri e non appenda al muro i suoi calciatori. La sensazione è che Mazzarri non creda più nel suo gruppo. Intervenire oggi servirebbe a poco. La squadra non può far miracoli e, sulla piazza, non ci sono allenatori fenomeni. Ausilio, però, una cosa potrebbe farla. Piero si metta in macchina per Genova e chiuda un accordo in dieci minuti, per i prossimi due anni, con Sinisa Mihajlovic. Ha trasformato la Sampdoria, se l'è caricata sulle spalle e la sta rendendo grande con calciatori buoni ma, sicuramente, non superiori a quelli che oggi indossano la maglia dell'Inter. Sinisa è stato chiaro sia con Osti che con Ferrero: voglio vincere e fare bene quest'anno per poi spiccare il volo. Ha carattere e coraggio, quando ha lanciato alla squadra un segnale tangibile parlando da sempre di voler raggiungere la parte sinistra della classifica.
La Juventus perde colpi ma, per fortuna di Allegri, non corre nessuno. La Roma, unica avversaria temibile, in 3 giorni perde immediatamente il terreno recuperato il mercoledì prima. I giallorossi non hanno ancora la mentalità per reggere tutto il campionato e, anche se questa Juve non è imbattibile, non riescono a tenere il passo; bisogna superare la sindrome del braccino del tennista. Se la Roma fosse stata davvero da scudetto a Napoli avrebbe vinto; invece non ha retto e la Juve ad Empoli si è ripresa il trono. Allegri sta incontrando le stesse difficoltà che incontrava Conte in Europa e, in Italia, accusa dei colpi a vuoto che nel campionato post-Mondiale bisogna mettere in preventivo. Quello che forse ha fatto Conte, quando è fuggito al terzo giorno di ritiro. Chi fugge non può mai essere considerato né affidabile né attendibile. Che Conte sia bravo lo dimostra il campo, è un martello ma dalla scorsa estate farà fatica a conquistare la fiducia di tutti gli italiani. Quando prepara il prossimo Europeo, Conte deve considerare che dovrà migliorare l'ultimo risultato europeo azzurro. Prandelli ci lasciò in finale, il paragonale con il Mondiale, eventualmente, andrebbe fatto tra 4 anni non tra 2 con la competizione francese. Conte deve pensare meno alla Juventus e agli juventini, consiglio amicale, e di più a dare equilibrio ad una Nazionale che avrebbe bisogno del suo CT anche fuori dal campo. Tavecchio ha, come Conte, due anni a disposizione per dare una sterzata al nostro calcio. I presupposti, per Carletto, sono poco confortanti. E' arrivato e si è presentato con una frase razzista, è finito sotto inchiesta, ha perso gran parte del budget del Coni e non riesce a trovare mezza medicina che guarisca anche un solo male del nostro sistema. In politica ci lamentiamo di Renzi. Ok, ma solo chi non fa non sbaglia. Se Tavecchio sta adottando questa politica finiremo, tra due anni, nell'anonimato più assoluto. Il tempo stringe e gli anni passano; Tavecchio dovrebbe saperlo. Macalli, in Lega Pro, nonostante l'età e le complessità negli anni ha fatto numerose riforme che hanno portato la serie C ad essere il primo campionato ad aver rivoluzionato il numero di squadre e i gironi e ad aver inventato i play off e play out, poi copiati anche da categorie superiori. A proposito: la pillola settimanale di serie B e Lega Pro. Il Crotone ha sbagliato tutto il mercato estivo e, dopo un'annata, come quella scorsa da una Proprietà seria come quella dei Vrenna ci si aspettava di più. Oggi il Crotone sembra confuso e senza idee. Il Bari sembrava rinato ma è morto nuovamente; Mangia ha le sue responsabilità ma Paparesta dovrebbe intervenire da proprietario leader per cercare di invertire la rotta. Complimenti alla Pro Vercelli, non per il campo ma per quello che fa fuori dal campo: pagamenti puntuali e società seria. Ad avercene. Male la Ternana, occhio Attilio ti stanno preparando il "piattino". Chiamami che ti spiego a che gioco stanno giocando. Il Cittadella non merita commenti, tanto la squadra si vedrà in primavera (come sempre). A Marchetti non serve né il mercato estivo né quello invernale, lui in Primavera fiorisce come le fresie. Bravo, bravissimo il mio amico Rastelli ad Avellino come Stellone a Frosinone. Il Latina preoccupa seriamente. Non c'è mezza idea di gioco. In Lega Pro frena il Bassano ma Asta ha tutto per arrivare fino in fondo. Grande Proprietà e squadra completa, un po' meno in difesa. Il primato può essere consolidato nel tempo. Macalli dovrebbe intervenire a Monza e fare chiarezza per evitare di falsare il campionato e i conti correnti dei tesserati in Brianza. Ulizio dovrebbe dimettersi e salvare, almeno, un pizzico di orgoglio rimasto. Anche perché da Monza a Busto il passo è breve... Nel girone C sembra l'anno giusto per il Benevento e, se vogliamo dirla tutta, Vigorito merita la serie B. Per convinzione, investimenti e determinazione. Di Somma e Brini sono complementari, ognuno fa il proprio mestiere e insieme possono far diventare grande il Benevento. A questa proprietà, che in passato ha sbagliato molto se non tutto, starebbe stretta anche la serie B.
Buona settimana.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.