HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Mercato finito (non per tutti). Il Pagellone dei migliori procuratori dell'estate 2015. La B riparte e che disastri...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
07.09.2015 13.30 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 66512 volte
© foto di Federico De Luca

Ve lo dico ora e non lo negherò per tutta la stagione. Quest'anno la serie B sarà più entusiasmante della serie A. Tolte le big del nostro calcio, in B ci sono piazze clamorose. Ma avete visto le inquadrature di Sky (esclusiva per i prossimi tre anni) delle curve di Salerno, Perugia e Bari?Stasera toccherà al Cagliari ma anche a Trapani erano belli carichi. Cesena solito gran colore. Una B pazzesca. Anche grandi contenuti con tante stelle. La Salernitana ha vinto il derby con l'Avellino ed è partita alla grande. Vi avevo detto 7 giorni fa che i granata quest'anno puntano ai play off... Il Pescara capirà presto che Oddo per i play off dello scorso anno non ha mezzo merito. Il Cagliari andrà in A, se non sottovaluterà nessuno; ma - conoscendo Rastelli - terrà tutti sul pezzo. Ho visto gli hlts delle gare, sono reduce dal Piola di Novara dove ho visto due belle squadre e rivisto in tribuna Pietro Leonardi. Mancava in uno stadio dallo scorso anno, dopo i fatti di Parma. La barba, qualche chilo in più, ma in ottima forma. I capitani di casa hanno giurato rispetto e lealtà, a Catania chissà cosa hanno giurato. Le prime note stonate, però, dispiace dirlo, vengono ancora dagli arbitri. Posso giudicare solo Illuzzi di Molfetta, perché questa domenica ho visto dal vivo solo lui ma il personaggio già lo conoscevo. In campo corre male, è uno dei promossi dalla C alla B, lo trovi sempre sulla direzione della palla, è scarso come pochi e dovrebbe tornare in C se non in D per come ha esordito. Un rosso a Garofalo al 40' con l'attaccante avversario in fuorigioco di 3 metri, gialli a go go ai padroni di casa e un rosso dopo 94' ad un calciatore del Latina e non ha mai avuto in pugno l'incontro. Gli assistenti? Peggio del signore di Molfetta. Dalla C alla B sono stati promossi molti arbitri, ai quali mancano i fondamentali. Come ebbi modo di dire questa estate ad un mio amico arbitro top player, la categoria è a pezzi e dei nuovi arrivati in B si salva solo Rapuano di Rimini. Il resto improvvisazione. Vedremo come andrà più avanti. Nel frattempo il mercato va avanti per qualcuno. Entella ed Ascoli costruiranno due grandi squadre. Mi dicono che sta giocando l'Italia. Che barba, che noia. Poveri Sandra e Raimondo, quanto ci mancano. Lunedì è finito un mercato clamoroso e, come sempre, da buoni italiani facciamo la figura dei polli. Soriano a Napoli non si è fatta perché tre mesi di mercato non sono bastati a depositare un contratto. Dedichiamoci al motore del mercato: i procuratori. I migliori 5 di tutta l'estate 2015.

1) Giuseppe Bozzo
L'avvocato calabrese guida ancora una volta la classifica dei top di categoria. Se facessi il calciatore mi affiderei a lui. Se mi volesse la Giana Erminio, lui minimo mi manderebbe a giocare nell'Empoli di Carli. Ha portato Fernando alla Sampdoria in massimo silenzio e chiuso una grande operazione, lontano da occhi indiscreti. Marrone al Carpi, Okaka all'Anderlecht e non ha mai mollato per Cassano alla Sampdoria. Ha vinto una clamorosa partita a scacchi con Walter Zenga. Quando Bozzo decide di fare una cosa la fa. Vince sempre. Ha dato il via all'operazione Gerson alla Roma prima di strane infiltrazioni. Bravo a rinnovare a Firenze con Bernardeschi. Classico esempio di procuratore che fa gli interessi del ragazzo e non del proprio iban. Kovacic al Real Madrid è una sua vittoria postdatata. Dal vuoto alla maxi plusvalenza. Quando lo portò a Milano, neanche la mamma di Kovacic credeva un giorno di poter dire "mio figlio gioca al Real Madrid". Olè!

2) Roberto Calenda
Non è una provocazione ma gli riconosciamo grandi meriti. Nonostante chiuda il telefono in faccia alle signore che fanno le giornaliste, quindi, il loro lavoro, entrando nelle grazie di Walter Sabatini e facendo operazioni con la Roma che comunque la Roma avrebbe fatto, dimostra di avere grande abilità. Calenda chiude anche Palmieri dal Palermo alla Roma, fate un po' voi... E si siede a tavola quando Gerson era già con un piede nella Capitale. C'è chi preferisce mangiare essendo servito a tavola e chi il buffet.

3) Fali Ramadani
Doppio colpo con l'Inter che potrebbe cambiare la fisionomia dell'attacco del Mancio. Con Auslio chiude prima Jovetic e poi Lijaic. Porta Behrami in Premier, al Watford, e si muove bene sull'asse Italia-Inghilterra. Sempre puntuale ed operativo.

4) Riccardo Calleri
Protagonista - insieme al collega Vittorio Sabbatini - di un super contratto a Rodriguez con la Sampdoria, si muove bene su più fronti. Doveva riscattare diverse estati da non protagonista e l'ha fatto. Per colpe non sue, gli salta il colpo Zuniga dal Napoli alla Samp. Piazza Ibarbo al Watford l'ultimo giorno di mercato e stringe numerose sinergie con i direttori sportivi di serie A. Buon colpo Quintero al Rennes.

5) Patrick Bastianelli
Procuratore galantuomo e persona educata. Questo mondo non gli appartiene. I suoi assistiti sono in una botte di ferro. Lavora con eleganza ma ottiene sempre grandi risultati. Meriterebbe qualche top player in più. Quest'estate ha sistemato Agazzi e Pisano in Premier, Andreolli al Siviglia e ha rinnovato Babacar alla Fiorentina. Si muove con scioltezza su mercati italiani anche di livello più basso e su mercati esteri, come quelli inglese e spagnolo, con la stessa disinvoltura. Protagonista dal primo all'ultimo giorno.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.