HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Mercato Milan: tutto il mondo chiama Fassone, la priorità Donnarumma. Pioli-Inter-Lazio: triangolo da 2,5 milioni di euro. Allegri come Mancini: vince però gioca male, il nervo scoperto

12.11.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 22504 volte

2 Dicembre, prima convocazione; 13 Dicembre, seconda convocazione. Sono le ultime date trapelate ieri sul combinato disposto Closing-Assemblea dei Soci per il passaggio della proprietà del Milan da Fininvest e Sino-Europe. Tra queste due date, fra gli osservatori, sempre in ambito non ufficiale, c'è chi propende più per la prima e chi più per la seconda. Nell'attesa, la notizia è che tutti i procuratori sportivi del mondo stanno tempestando di telefonate Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli. Segno che la svolta Milan, più volte annunciata e stressata mediaticamente, attizza e ingolosisce il mondo del calcio al suo interno, alle sue fondamenta. In cosa questo si tradurrà sul mercato di Gennaio del Milan lo scopriremo vivendo, ma, come si dice in questi casi, "se va tutto bene", ci sarà davvero da sbizzarrirsi. Il Milan potrebbe tornare un Responsabile Acquisti a cui si riserva lo jus primae noctis, il meglio, la prima scelta. Questo sul fronte esterno. Sul piano interno, invece, un solo nome e un solo cognome: Gianluigi Donnarumma. Accanto al 2 e al 13 Dicembre, cerchieremmo di rosso un'altra data, il 25 Febbraio. Quel giorno Gigio diventerà Gianluigi, il ragazzo diventerà maggiorenne. E per quel giorno dovrà esserci il grande accordo per il grande rinnovo. Il nuovo Milan dei Cinesi non può che partire da lì'.

C'è chi ironizza sull'interismo di Stefano Pioli, Noi, onestamente, non lo facciamo. Perchè il nuovo tecnico nerazzurro, a quanto ci risulta, avrebbe rinunciato a ben tre mensilità laziali, Agosto/Settembre/Ottobre, pur di chiudere nel più breve tempo possibile il nuovo accordo milanese. Ridendo e scherzando, fra le mensilità abbandonate e la rescissione di un contratto che andava fino al 30 Giugno 2018, la Lazio sul suo conto ha risparmiato 2 milioni e mezzo di euro. Che questo possa essere usato dall'Inter come buon viatico per future trattative, lo vedremo. Certamente Lucas Biglia è un giocatore per il quale Stefano Pioli stravede. Lo ha sempre messo in cima alla lista delle sue formazioni iniziali, per lui ha eccepito sulla "personalità" di Candreva nel tenere la fascia di capitano al braccio e lo ha schierato anche contro il "suo" ex Bologna nella partita dell'Agosto 2015 che precedeva la gara di ritorno nel Playoff di Champions League a Leverkusen contro il Bayer. Difficile, molto difficile, che la Lazio faccia partire l'argentino (anche ieri notte fra i meno peggio nel Brasile-Argentina 3-0 di Belo Horizonte, pur nefasto per la sua Nazionale) a Gennaio, ma certamente il chiodo di Pioli per lui resta fisso. Altrettanto certamente sul conto di Pioli si parrà la nobilitate dell'anima calcistica e italiana della nuova Inter. Nel senso che Ausilio, Zanetti e Gardini hanno preso il posto di Bolingbroke. Agli occhi della nuova proprietà cinese, il dirigente inglese era un po' il garante dell'esperienza interista di Frank De Boer. Ora, con Stefano Pioli, tocca ai tre dirigenti sopra citati. Che si sono spesi, si sono presi giustamente una importante responsabilità e si augurano quindi di essere ripagati al meglio dal rendimento del nuovo tecnico e dai miglioramenti della squadra.

E' curioso e interessante. E' inaspettato e per certi versi anche strano. Ma sulla Juventus allenata da Massimiliano Allegri aleggia lo stesso tormentone che accompagnava un anno fa l'Inter guidata da Roberto Mancini. Entrambe prime in inverno, l'Inter nel 2015 e la Juventus oggi, entrambe pizzicate e titillate dallo stesso refrain: "Vincono, ma giocano male". In fin dei conti, il Mancio faceva spallucce rispetto a questo addebito. Era primo oltre ogni previsione, sapeva di aver costruito una squadra più muscolare che tecnica e si godeva il "vince" senza curarsi del "gioca male". Alla Juventus di oggi è un po' diverso. Detto che per Allegri è abbastanza difficile giocare bene con il mancato arrivo di Witsel e il lungo infortunio di Marchisio, con una cabina di regia senza fissa dimora, è abbastanza vero che la manovra della squadra è piuttosto lenta e avara di rifornimenti a Higuain. Attenzione però: anche a Belo Horizonte, il Pipita ha confermato di non trovarsi nel miglior momento di condizione della propria carriera. In fondo ci sono non degli alibi, ma delle attenuanti precise rispetto a quanto si sostiene sulla squadra bianconera. Ma la sensazione è che il nervo sia scoperto. A Torino patiscono questo giudizio. I dirigenti non vogliono passare per quelli che vincono solo con i soldi che spendono per i singoli, l'allenatore, che è sereno per sua natura, teme forse che il luogo comune contamini l'ambiente dei tifosi e i muri dello spogliatoio. Ma per risolvere il busillis occorre semplicemente portare Marchisio nella miglior condizione e intervenire a centrocampo sul mercato di Gennaio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.