HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Mercato Milan: tutto il mondo chiama Fassone, la priorità Donnarumma. Pioli-Inter-Lazio: triangolo da 2,5 milioni di euro. Allegri come Mancini: vince però gioca male, il nervo scoperto

12.11.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 22464 volte

2 Dicembre, prima convocazione; 13 Dicembre, seconda convocazione. Sono le ultime date trapelate ieri sul combinato disposto Closing-Assemblea dei Soci per il passaggio della proprietà del Milan da Fininvest e Sino-Europe. Tra queste due date, fra gli osservatori, sempre in ambito non ufficiale, c'è chi propende più per la prima e chi più per la seconda. Nell'attesa, la notizia è che tutti i procuratori sportivi del mondo stanno tempestando di telefonate Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli. Segno che la svolta Milan, più volte annunciata e stressata mediaticamente, attizza e ingolosisce il mondo del calcio al suo interno, alle sue fondamenta. In cosa questo si tradurrà sul mercato di Gennaio del Milan lo scopriremo vivendo, ma, come si dice in questi casi, "se va tutto bene", ci sarà davvero da sbizzarrirsi. Il Milan potrebbe tornare un Responsabile Acquisti a cui si riserva lo jus primae noctis, il meglio, la prima scelta. Questo sul fronte esterno. Sul piano interno, invece, un solo nome e un solo cognome: Gianluigi Donnarumma. Accanto al 2 e al 13 Dicembre, cerchieremmo di rosso un'altra data, il 25 Febbraio. Quel giorno Gigio diventerà Gianluigi, il ragazzo diventerà maggiorenne. E per quel giorno dovrà esserci il grande accordo per il grande rinnovo. Il nuovo Milan dei Cinesi non può che partire da lì'.

C'è chi ironizza sull'interismo di Stefano Pioli, Noi, onestamente, non lo facciamo. Perchè il nuovo tecnico nerazzurro, a quanto ci risulta, avrebbe rinunciato a ben tre mensilità laziali, Agosto/Settembre/Ottobre, pur di chiudere nel più breve tempo possibile il nuovo accordo milanese. Ridendo e scherzando, fra le mensilità abbandonate e la rescissione di un contratto che andava fino al 30 Giugno 2018, la Lazio sul suo conto ha risparmiato 2 milioni e mezzo di euro. Che questo possa essere usato dall'Inter come buon viatico per future trattative, lo vedremo. Certamente Lucas Biglia è un giocatore per il quale Stefano Pioli stravede. Lo ha sempre messo in cima alla lista delle sue formazioni iniziali, per lui ha eccepito sulla "personalità" di Candreva nel tenere la fascia di capitano al braccio e lo ha schierato anche contro il "suo" ex Bologna nella partita dell'Agosto 2015 che precedeva la gara di ritorno nel Playoff di Champions League a Leverkusen contro il Bayer. Difficile, molto difficile, che la Lazio faccia partire l'argentino (anche ieri notte fra i meno peggio nel Brasile-Argentina 3-0 di Belo Horizonte, pur nefasto per la sua Nazionale) a Gennaio, ma certamente il chiodo di Pioli per lui resta fisso. Altrettanto certamente sul conto di Pioli si parrà la nobilitate dell'anima calcistica e italiana della nuova Inter. Nel senso che Ausilio, Zanetti e Gardini hanno preso il posto di Bolingbroke. Agli occhi della nuova proprietà cinese, il dirigente inglese era un po' il garante dell'esperienza interista di Frank De Boer. Ora, con Stefano Pioli, tocca ai tre dirigenti sopra citati. Che si sono spesi, si sono presi giustamente una importante responsabilità e si augurano quindi di essere ripagati al meglio dal rendimento del nuovo tecnico e dai miglioramenti della squadra.

E' curioso e interessante. E' inaspettato e per certi versi anche strano. Ma sulla Juventus allenata da Massimiliano Allegri aleggia lo stesso tormentone che accompagnava un anno fa l'Inter guidata da Roberto Mancini. Entrambe prime in inverno, l'Inter nel 2015 e la Juventus oggi, entrambe pizzicate e titillate dallo stesso refrain: "Vincono, ma giocano male". In fin dei conti, il Mancio faceva spallucce rispetto a questo addebito. Era primo oltre ogni previsione, sapeva di aver costruito una squadra più muscolare che tecnica e si godeva il "vince" senza curarsi del "gioca male". Alla Juventus di oggi è un po' diverso. Detto che per Allegri è abbastanza difficile giocare bene con il mancato arrivo di Witsel e il lungo infortunio di Marchisio, con una cabina di regia senza fissa dimora, è abbastanza vero che la manovra della squadra è piuttosto lenta e avara di rifornimenti a Higuain. Attenzione però: anche a Belo Horizonte, il Pipita ha confermato di non trovarsi nel miglior momento di condizione della propria carriera. In fondo ci sono non degli alibi, ma delle attenuanti precise rispetto a quanto si sostiene sulla squadra bianconera. Ma la sensazione è che il nervo sia scoperto. A Torino patiscono questo giudizio. I dirigenti non vogliono passare per quelli che vincono solo con i soldi che spendono per i singoli, l'allenatore, che è sereno per sua natura, teme forse che il luogo comune contamini l'ambiente dei tifosi e i muri dello spogliatoio. Ma per risolvere il busillis occorre semplicemente portare Marchisio nella miglior condizione e intervenire a centrocampo sul mercato di Gennaio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.