HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Messi ha un'utilità? Che cambi squadra. La Roma perde un'occasione, ed è una di troppo: soprattutto con la Juventus troppo vicina. È la stagione più strana del mondo: chi può vincere lo Scudetto?

22.11.2015 09.06 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 56173 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Lionel Messi è il miglior giocatore del mondo. Cristiano Ronaldo può esserlo altrettanto: nell'immensa discussione se uno o l'altro può passare alla storia come il dominatore del calcio alla prima decade degli anni duemila, ci può essere un passaggio di testimone con il Clasico di ieri sera. Perché se è vero che bisogna andare con i piedi di piombo nel pensionare questo o l'altro giocatore da Pallone d'Oro, è altrettanto chiaro come il Barcellona abbia impartito una lezione al Real Madrid. Da una parte Cristiano Ronaldo c'era, dall'altra Messi no: cosa significherebbe, almeno sulla carta? Real ampiamente favorito. Invece, al di là degli errori possibili di Benitez, c'è stata una squadra di extraterrestri e un'altra "normale", colpita tra capo e collo, più volte, nel proprio animo. E questo senza il suo uomo simbolo, con Claudio Bravo che un paio di volte ha salvato la porta, ma con Lionel che guardava dalla panchina fino allo 0-3, mettendo lo zampino sullo quarto gol. Ha un'utilità, in questo momento, Messi nel Barcellona? No. Oltre a quella meramente scenica e chiaramente decisiva dell'essere il migliore al mondo. Con Suarez e Neymar ci sono due super campioni che possono trascinare i blaugrana, pur senza il proprio capitano nonché numero 10. Lasciando perdere Iniesta. Così Leo, anche per certificare il suo status di migliore giocatore al mondo, deve cambiare squadra. Come Maradona a Napoli, e non come Pelè negli anni 70: il Santos era il club più forte del mondo, ma l'Europa rimane una grossa pecca. Così Messi: scelga, magari da globe-trotter, un'annata in Premier, una in Serie A e, volendo, una nella Bundesliga. Applausi a Luis Enrique, perché il suo undici gioca un calcio meraviglioso.

Torniamo al nostro campionato. Di marziani non ce ne sono, nemmeno la Juventus che, sulla carta, avrebbe un vantaggio enorme dato il fatturato clamoroso che può contare rispetto agli altri. Napoli in primis, che ha chiuso il bilancio dell'anno passato con un meno tredici che non grida vendetta, ma con la chiara idea che la Champions è assolutamente decisiva, quasi come vendere un grande campione l'anno. De Laurentiis non sbaglia dal punto di vista economico, il progetto deve essere sostenibile, ma la crescita sarà sempre molto lenta: anche con il possibile stadio di proprietà, servirebbe un brand forte al di fuori dall'Italia, sui mercati emergenti. Come la Premier che, al di là dei soldi delle televisioni, ha la possibilità di essere indipendente per le tante entrate. Così la Juventus rimane la solita candidata per lo Scudetto, anzi favorita, perché a gennaio potrebbe cambiare tutto. A patto di non essere troppo distante dalla vetta: la vittoria sul Milan, arrivata ma senza brillare più di tanto, non può essere l'unica. Ecco, proprio i rossoneri sono stati riportati sulla terra dopo tre affermazioni consecutive, ma è complicato capire qual è la gara peggiore: il pareggio con l'Atalanta o la sconfitta con la Juve? Verrebbe da dire la prima, con paradosso del risultato. Chi perde occasioni è la Roma, che gira il risultato dopo il gol iniziale di Masina, ma che a fine partita viene fermato dal rigore di Destro sul risultato di due a due. È un'occasione persa, e lo è di troppo: solo un filotto può dare la giusta considerazione alla Roma, nella sua possibilità di vincere lo Scudetto: Garcia, probabilmente, deve ancora trovare la quadratura di un cerchio che diventa un'ossessione. I giallorossi, sulla carta, sono forti, fortissimi. Poi si fermano. Inter e Fiorentina, così, hanno la possibilità di allungare sulla diretta concorrente, ma ogni settimana gli sfidanti si mangiano punti a vicenda. Sono tre squadre, inserendo pure il Napoli, troppo incompiute per essere prese sul serio. Però è ancora presto: in Italia, negli ultimi 15 anni, ha vinto sempre la migliore. L'unica e ultima vera e propria sorpresa è il Milan di Zaccheroni, con Guly e Bierhoff, Weah e Leonardo. Un secolo fa.

Questioni sorprese: il Sassuolo non potrà vincere lo Scudetto ma durerà ragionevolmente a lungo, Berardi deve esplodere e a quel punto potrebbe diventare una mina vagante. Atalanta e Torino si sfidano oggi, la Lazio appare aver saltato un battito, perdendo il ritmo. Il mercato è ancora di qui da venire, fra Candreva, Lavezzi, Feghouli e tutti i nomi che stanno scaldando questo tiepido inverno. In attesa che i fenomeni tornino pure da noi - ora sono tutti in Liga, e non sarà un processo veloce da assorbire - possiamo goderci del campionato più bello degli ultimi anni. Per questo in redazione abbiamo fatto un giochino, chi inanella più risposte esatte guadagna una cena. Per chi mi manda una mail o un tweet - e fa un grande slam - potrei offrirgliela pure io. Fa fede chi me la manda prima, ovviamente. Le domande sono queste.

1) chi vince lo Scudetto.
2) chi va in Champions.
3) chi retrocede.
4) il capocannoniere del campionato.
5) chi vince l'Europa League
6) chi vince la Champions.
7) chi vince la Coppa Italia.
8) chi vince il Pallone d'Oro.
9) chi vince l'Europeo.
10) quando verrà eliminata l'Italia.

Buon pronostico a tutti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.