VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Messi ha un'utilità? Che cambi squadra. La Roma perde un'occasione, ed è una di troppo: soprattutto con la Juventus troppo vicina. È la stagione più strana del mondo: chi può vincere lo Scudetto?

22.11.2015 09.06 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 56181 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Lionel Messi è il miglior giocatore del mondo. Cristiano Ronaldo può esserlo altrettanto: nell'immensa discussione se uno o l'altro può passare alla storia come il dominatore del calcio alla prima decade degli anni duemila, ci può essere un passaggio di testimone con il Clasico di ieri sera. Perché se è vero che bisogna andare con i piedi di piombo nel pensionare questo o l'altro giocatore da Pallone d'Oro, è altrettanto chiaro come il Barcellona abbia impartito una lezione al Real Madrid. Da una parte Cristiano Ronaldo c'era, dall'altra Messi no: cosa significherebbe, almeno sulla carta? Real ampiamente favorito. Invece, al di là degli errori possibili di Benitez, c'è stata una squadra di extraterrestri e un'altra "normale", colpita tra capo e collo, più volte, nel proprio animo. E questo senza il suo uomo simbolo, con Claudio Bravo che un paio di volte ha salvato la porta, ma con Lionel che guardava dalla panchina fino allo 0-3, mettendo lo zampino sullo quarto gol. Ha un'utilità, in questo momento, Messi nel Barcellona? No. Oltre a quella meramente scenica e chiaramente decisiva dell'essere il migliore al mondo. Con Suarez e Neymar ci sono due super campioni che possono trascinare i blaugrana, pur senza il proprio capitano nonché numero 10. Lasciando perdere Iniesta. Così Leo, anche per certificare il suo status di migliore giocatore al mondo, deve cambiare squadra. Come Maradona a Napoli, e non come Pelè negli anni 70: il Santos era il club più forte del mondo, ma l'Europa rimane una grossa pecca. Così Messi: scelga, magari da globe-trotter, un'annata in Premier, una in Serie A e, volendo, una nella Bundesliga. Applausi a Luis Enrique, perché il suo undici gioca un calcio meraviglioso.

Torniamo al nostro campionato. Di marziani non ce ne sono, nemmeno la Juventus che, sulla carta, avrebbe un vantaggio enorme dato il fatturato clamoroso che può contare rispetto agli altri. Napoli in primis, che ha chiuso il bilancio dell'anno passato con un meno tredici che non grida vendetta, ma con la chiara idea che la Champions è assolutamente decisiva, quasi come vendere un grande campione l'anno. De Laurentiis non sbaglia dal punto di vista economico, il progetto deve essere sostenibile, ma la crescita sarà sempre molto lenta: anche con il possibile stadio di proprietà, servirebbe un brand forte al di fuori dall'Italia, sui mercati emergenti. Come la Premier che, al di là dei soldi delle televisioni, ha la possibilità di essere indipendente per le tante entrate. Così la Juventus rimane la solita candidata per lo Scudetto, anzi favorita, perché a gennaio potrebbe cambiare tutto. A patto di non essere troppo distante dalla vetta: la vittoria sul Milan, arrivata ma senza brillare più di tanto, non può essere l'unica. Ecco, proprio i rossoneri sono stati riportati sulla terra dopo tre affermazioni consecutive, ma è complicato capire qual è la gara peggiore: il pareggio con l'Atalanta o la sconfitta con la Juve? Verrebbe da dire la prima, con paradosso del risultato. Chi perde occasioni è la Roma, che gira il risultato dopo il gol iniziale di Masina, ma che a fine partita viene fermato dal rigore di Destro sul risultato di due a due. È un'occasione persa, e lo è di troppo: solo un filotto può dare la giusta considerazione alla Roma, nella sua possibilità di vincere lo Scudetto: Garcia, probabilmente, deve ancora trovare la quadratura di un cerchio che diventa un'ossessione. I giallorossi, sulla carta, sono forti, fortissimi. Poi si fermano. Inter e Fiorentina, così, hanno la possibilità di allungare sulla diretta concorrente, ma ogni settimana gli sfidanti si mangiano punti a vicenda. Sono tre squadre, inserendo pure il Napoli, troppo incompiute per essere prese sul serio. Però è ancora presto: in Italia, negli ultimi 15 anni, ha vinto sempre la migliore. L'unica e ultima vera e propria sorpresa è il Milan di Zaccheroni, con Guly e Bierhoff, Weah e Leonardo. Un secolo fa.

Questioni sorprese: il Sassuolo non potrà vincere lo Scudetto ma durerà ragionevolmente a lungo, Berardi deve esplodere e a quel punto potrebbe diventare una mina vagante. Atalanta e Torino si sfidano oggi, la Lazio appare aver saltato un battito, perdendo il ritmo. Il mercato è ancora di qui da venire, fra Candreva, Lavezzi, Feghouli e tutti i nomi che stanno scaldando questo tiepido inverno. In attesa che i fenomeni tornino pure da noi - ora sono tutti in Liga, e non sarà un processo veloce da assorbire - possiamo goderci del campionato più bello degli ultimi anni. Per questo in redazione abbiamo fatto un giochino, chi inanella più risposte esatte guadagna una cena. Per chi mi manda una mail o un tweet - e fa un grande slam - potrei offrirgliela pure io. Fa fede chi me la manda prima, ovviamente. Le domande sono queste.

1) chi vince lo Scudetto.
2) chi va in Champions.
3) chi retrocede.
4) il capocannoniere del campionato.
5) chi vince l'Europa League
6) chi vince la Champions.
7) chi vince la Coppa Italia.
8) chi vince il Pallone d'Oro.
9) chi vince l'Europeo.
10) quando verrà eliminata l'Italia.

Buon pronostico a tutti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.