HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Mihajlovic: l’ultima spiaggia di Balotelli. Juventus: molto più Cavani di Dybala. Zeman: canto del cigno in serie A. Quote Milan: fa tutto il presidente. Klopp non allenerà in Italia

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
25.04.2015 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 58030 volte

Genova smobilita. Dopo un Campionato ad alto livello per entrambe le squadre, tecnico e giocatori su entrambe le sponde sono raggiunti e distratti dalle voci di mercato. E' normale. Samp e Genoa oggi sono rampe di lancio, non punti di arrivo. Con tutto il rispetto per due grandi tifoserie e una grande città. Soriano, Okaka, Iago, Perotti, voci e interessamenti. Per non parlare di Mihajlovic, il partente sicuro per eccellenza. Avevamo ipotizzato che il Napoli rischiava di arrivare lungo, di essere in ritardo su di lui. Se come sembra così non sarà, potrebbe essere la chiusura del cerchio per Mario Balotelli. In tanti nel calcio se lo ripetono: ma che fine ha fatto Mario? Poco campo, sprazzi social, un talento così...il solito. Sinisa è un allenatore duro e stimolante, alla Caoello. Pensa e urla, strattona e ottiene. Ruvido all'inverosimile, finchè non fa scattare la molla. Se Mihajlovic andrà davvero al Napoli, Raiola e Balotelli non dovrebbero aspettare un minuto di più a indirizzare il navigatore verso il San Paolo. L'ultima speranza di scuotersi, per Balo, è targata Sinisa. L'allenatore giusto e la città gusta, Naspoli. Una città che Mario sente, al punto che, per non essere riuscito a dare il meglio in quello stadio, una sera di Febbraio di un anno fa arrivò addirittura alle lacrime...

Potrebbero ribattezzarlo Matador Stadium. Lo danno per fatto, Cavani alla Juventus. Molto più di Dybala. Dalle parti di Torino, sanno bene che il presidente Zamparini sopravvaluta e ipervaluta e non vogliono a tutti i costi ripetere l'esperienza Amauri. Sembra dunque proprio Edinson Cavani il profilo giusto per la Juventus di questi anni. Un po' scottata dall'esperienza Llorente, la Società bianconera non vuole puntare su un attaccante d'area, ma su punte di costruzione, di movimento e di gol. E in questo senso il profilo di Cavani è il più vicino che ci sia a quello di Tevez. Attaccanti che ribaltano la situazione di gioco, che tornano a difendere e che sanno dov'è la porta come l'ex Napoli e come lo stesso Morata che è già in casa, questi sono i punti di riferimento. Ecco perché Dybala, che costa troppo e che bazzica da prima punta più degli altri, rischia seriamente di non indossare il bianconero la prossima stagione.

Il presidente innovativo e l'eroe di Calciopoli erano scesi a Cagliari per fare un prodotto nuovo, originale, glamour, mediatico. Tutto il contrario della lezione, tutta polpa e tutta sostanza, di Massimo Cellino. Risultato: sotto gli occhi di tutti. Ecco cosa succede a realizzare qualcosa nel calcio, avendo come unica ossessione quella di marcare la differenza: si perde il contatto con la realtà, con le necessità reali di un ambiente, di una squadra. Il criticato e vituperato Cellino il Cagliari in Serie A, soffrendo e barcollando, ce lo ha sempre tenuto. Il nuovo Cagliari è andato sui giornali come cartina di tornasole del personaggio Zeman, sai che soddisfazione. Gli ultimi sospiri sardi del grande boemo sono destinati ad essere gli ultimi nel massimo Campionato. Anche l'highlander della battuta raffinata saluta. Che cosa centrasse con il Cagliari di questa stagione e con la lotta per la salvezza, non lo ha capito nessuno. Intanto, registriamo, rispettiamo e salutiamo.

Il Milan è lucido, sereno e allineato. Le parole di Marina Berlusconi hanno dettato l'agenda e monitorano il momento. La sensazione è di fluidità e sviluppo. Il presidente Berlusconi cura tutto in prima persona. Bee Tauchebol e la sua intraprendenza raccolgono rispetto. Non ancora entusiasmo. C'è aria di Cina sia nella cordata, termine che al pari dei fondi deve tenere tutti all'erta sempre, sia fra altri interlocutori curati direttamente e solo da Silvio Berlusconi. Non è il momento dei tifosi, annidati sia fra chi punta a sovvertire alleanze mediatiche e quindi politico - sportive sia fra chi coltiva meschine rivendicazioni personali da pura e semplice cartina di tornasole per le proprie amicizie vere o presunte. È il momento del bene del Milan. Del suo Futuro con la maiuscola. Ed è sacrosanto che a stabilirlo, a verificarlo e a soppesarlo fino in fondo, sia chi, il presidente Berlusconi, si appresta a garantire la sopravvivenza del Milan coprendo passivo di gestione e partita fiscale dell'esercizio di bilancio 2014. Sopravvivenza. Non è una parola magica, ma nemmeno qualcosa di scontato. Nel calcio italiano non è e non sarà da tutti e per tutti.

Jurgen Klopp non allenerà in Italia. Non lo convincono le condizioni, le strutture, la pressione che nel caso di un noviziato come il suo potrebbe raggiungere in un amen livelli insopportabili. Spiace se dovesse esserci in tutto questo, qualche pregiudizio di stampo tedesco. Speriamo di no. Chi dovesse finire peggio la stagione fra Real Madrid e Barcellona o il solito PSG, è qui che con ogni probabilità andrà a parare il demiurgo del Dortmund. E' simpatico e solare, buona fortuna.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.