HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan, Balotelli un problema...anche tattico

Giornalista sportivo a Mediaset, è stato caporedattore di Tele+ (oggi Sky). Opinionista per Telenova e Milan Channel. I suoi libri: "Soianito", "La vita è una" con Martina Colombari, "Sembra facile" con Ugo Conti.
07.03.2014 00.00 di Luca Serafini  Twitter:    articolo letto 17532 volte
© foto di Pietro Mazzara

Dopo il tweet di ieri in cui annunciavamo come di consueto il titolo dell'editoriale del venerdì, qualcuno ha risposto: "E' uno dei pochi buoni nel Milan, perché massacrarlo?". Clarence Seedorf in queste settimane ha risposto spesso alle domande dei giornalisti su SuperMario: "Lasciatelo stare". Pensiamo sia davvero il caso di intendersi. La contro domanda istintiva che verrebbe da fare all'allenatore rossonero sarebbe: "Scusa, ma come mai di te i giornali hanno parlato per 20 anni sempre e solo per le prodezze in campo e qualche volta per una cattiva prestazione?". In questo si riassumerebbe bene quella che è la verità: nessuno insegue, non lascia in pace, tormenta, pedina, spia Mario Balotelli. E' Mario Balotelli a mettersi in evidenza, in vetrina, troppo spesso per atteggiamenti puerili o incomprensibili fuori dal campo, ultimamente per un rendimento non esattamente secondo le attese. Se vi ricordate quanti nel Milan (e non solo nel Milan) negli ultimi 25 anni hanno bruciato le tende in una camera d'albergo, sparato un petardo dalla finestra a un ragazzino delle giovanili, postato una foto che esalta il ping-pong proprio mentre è fuori per un infortunio alla spalla, fatto l'esame del dna per scoprire se un figlio è suo, ci arrendiamo. Il repertorio come si vede è vasto e non riguarda il campo: le ammonizioni, le espulsioni, le maglie gettate per terra, le facce truci, gli zittimenti agli avversari. Restiamo fortemente dell'idea che Mario paghi la sindrome dell'accettazione altrui, un problema esistenziale molto delicato e serio per un fanciullo che ha vissuto un'infanzia come la sua senza cognome. Oggi però è il tempo di dimostrare a tutti che la vita gli ha restituito qualche grande fortuna negata alla maggior parte del resto dell'umanità, a partire dal talento.
Senza volerlo, anzi solo per spiegare come non sono i giornali e le tv a rincorrere Balotelli, bensì lui che li insegue con ostinata continuità, passa sempre in secondo piano la questione calcistica che in verità dovrebbe essere assolutamente primaria. Ricordiamo campioni come Del Piero, Maradona, Gullit che in campo aiutavano la squadra e i compagni oltre ad essere decisivi, rincorrevano gli avversari, in questo senso purtroppo Mario non incide se non quando segna. Ultimamente, contro l'Atletico, era piaciuto invece il suo atteggiamento finalmente a disposizione del collettivo e della tattica di quella sera. Seedorf sta proseguendo sulla strada del sistema e del modulo che maggiormente premia i talenti a disposizione, che non sono molti e sono tutti concentrati in prima linea. Seedorf ha adattato Poli a un lavoro di elastico fondamentale per non scoprire la squadra, consentendole di schierare insieme Honda e Kakà insieme con Taarabt e Balotelli. Il risultato è una tessitura lenta e paziente intorno alle aree avversaie, ma la profondità arriva solo dalle incursioni dello stesso Taarabt, di Kakà, di Poli. I quali devono raddrizzare un po' la mira. Balotelli ci prova da lontano, l'area è uno stagno dove si tuffa di rado. Anche a Pazzini viene chiesto di fare da sponda (una volta si diceva da "boa"), ma è l'unico giocatore della rosa che sappia abitare in area. Una soluzione che in questo momento appare necessaria per finalizzare il molto lavoro. In prospettiva comunque servirà un giocatore con queste caratteristiche.
Delle notizie di cessione del Milan non parliamo: ci basta pensare che con la figlia in sella alla tigre, Berlusconi non abbia alcuna intenzione di disarcionarla.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.