HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Milan, Balotelli via se arriva un top player. Juve, pochi colpi ma buoni. Prandelli, prima di decidere conta fino a 100. Novara, ecco come Aglietti distrugge la società

Nato ad Avellino il 30-09-1983 vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Organizzatore e conduttore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
09.06.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 77075 volte
© foto di Federico De Luca

Le parole di Silvio Berlusconi, al suo primo giorno a casa Milan, suonano come un "Balotelli è sul mercato". Gli ha detto che deve imparare a fare il centravanti - forse l'unica cosa che sarebbe in grado di fare - e non che deve imparare a comportarsi da uomo maturo. Berlusconi, del Milan, parla poco ma quando lo fa, le sue sono sentenze spietate. Si è giustamente complimentato con la figlia Barbara e quasi quasi la vorrebbe in campo per le sue qualità. Balotelli è arrivato un anno e mezzo fa non 4 anni fa. Il suo futuro è già segnato. Lo spogliatoio non lo regge, Inzaghi non lo ama e Galliani aspetta solo il Mondiale per capire se può fare un pò di cassa con Mario. In Italia è bruciato. Potrebbe tornare in Inghilterra ma il Milan non può svenderlo. Da tifosi italiani ci auguriamo che ci faccia vivere delle notti indimenticabili e, con le qualità che si ritrova, non è escluso che ci faccia divertire. Balotelli è uno da Mondiale, meno da campionato. La sua gestione sul lungo termine è un problema, mentre può favorire le squadre che giocano un torneo dalla durata di un mese. Il problema del Milan è come sostituire Balotelli. In giro per l'Europa non ci sono attaccanti validi e poco costosi. Se l'alternativa è Paloschi, allora, dovrebbero preoccuparsi seriamente i tifosi rossoneri. Dove non arrivano i soldi arriveranno le idee. Galliani è già a lavoro ed è consapevole che questa volta non può sbagliare.

La Juventus è impegnata a rinforzare la rosa ma il rischio è di mettere le mani su reparti già collaudati. Per rinforzarsi in Italia occorre poco, per rinforzarsi in Europa servono idee e soldi. Le prime non mancano, i soldi neanche ma il budget è sacro. Agnelli sta avendo un'ottima gestione societaria e Marotta e Paratici sono gli artefici, con Conte, di questi successi. Alla Juve servono tre calciatori di qualità (due difensori e un attaccante) e tenere l'attuale intelaiatura. Drogba non ci convince. Una squadra che ha costruito questo impero non può permettersi di prendere un calciatore con un ingaggio folle e sul viale del tramonto. Abbiamo già appurato, con Anelka, che questo tipo di giocatori alla Juve non servono. Paratici viaggia spesso, le sue idee sono linfa per il lavoro di Marotta. Lasciateci fare un plauso al nostro calcio, così tanto bistrattato. Siamo un Paese di vecchi e per vecchi ma il mercato italiano lo stanno prendendo in mano i giovani. Ausilio, Paratici e Sogliano garantiscono un ricambio generazionale. Sono bravi e professionali. Come Albertini che, dopo il Mondiale, lascerà la FIGC.

Italia: Prandelli non gode della nostra fiducia. Così come tutte le persone che vogliono sembrare leali e, invece, sono ben altro. Non entriamo nella polemica che riguarda Giuseppe Rossi ma un ragazzo che è caduto due volte e si è subito rialzato meritava di andare in Brasile se, come dicono i medici, aveva superato brillantemente l'infortunio. Prandelli ha poche idee e confuse. Speriamo ci smentisca ma l'Italia nelle sue mani ci fa paura almeno quanto ci avrebbe spaventato il Paese nelle mani del comico Grillo.
In chiusura mi dedico alla Serie B. In particolare al Novara che, dopo grandi cavalcate, saluta momentaneamente la serie B e torna in Lega Pro con 90 minuti di anticipo. Un peccato per la tifoseria, sana e pura, che ha spinto la squadra fino all'ultimo disastro. Chi scrive è parte in causa, senza dubbio e senza paura. Appurato questo chi scrive ha da sempre lucidità e onestà intellettuale per dire ciò che pensa. Come nel prendersi le responsabilità in ciò che fa ma rimanda al mittente accuse che non gli appartengono. Gli errori della proprietà sono evidenti, dai risultati del campo. In ordine: essersi fidati delle persone sbagliate, aver fatto un triennale ad Aglietti, aver ripreso l'allenatore e aver dato quasi l'intera gestione della squadra a lui. Stiamo parlando dell'allenatore più scarso, incompetente e presuntuoso che la B abbia mai avuto negli ultimi 10 anni. Si è fatto appoggiare da dirigenti amici, è rimasto in città a seminare odio nei confronti di Calori dopo il suo esonero, ha continuato a sentire i calciatori anche quando è stato allontanato dalla panchina, non ha indovinato un modulo in 12 mesi e ha cambiato ogni sabato la formazione. I gol presi su palla inattiva non si contano più, i suoi schemi sui calci d'angolo non li capiva neanche un professore nucleare e la sua arroganza ha portato il Novara in C. Per non parlare dei suoi collaboratori; preparazione fisica da terza media. Corre più Galeazzi che il Novara nel secondo tempo. Stiamo parlando di Aglietti, si l'allenatore che due anni fa salvò l'Empoli ai play out contro il Vicenza al 99'. In campo aveva Tavano e Maccarone, che con due anni in più sulla carta di identità hanno portato l'Empoli in A con un signore allenatore come Sarri. Aglietti ha iniziato ad allenare alla stessa età in cui Rita Pavone ha smesso di cantare e ha collezionato solo esoneri e fallimenti. Per fortuna dei tifosi di tutte le squadre non lo vedrete allenare per due anni. Gli anni di beneficenza che farà il Novara Calcio ad Alfredo Aglietti. Andava esonerato e mai più richiamato. Il Novara ripartirà con un nuovo Ds, nuovo Dg e nuovo allenatore. Si può inciampare ma quando si ha una proprietà seria, una gestione sana e un centro sportivo da big europea risalire in fretta è una conseguenza.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.