HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Milan, Balotelli via se arriva un top player. Juve, pochi colpi ma buoni. Prandelli, prima di decidere conta fino a 100. Novara, ecco come Aglietti distrugge la società

Nato ad Avellino il 30-09-1983 vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Organizzatore e conduttore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
09.06.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 77078 volte
© foto di Federico De Luca

Le parole di Silvio Berlusconi, al suo primo giorno a casa Milan, suonano come un "Balotelli è sul mercato". Gli ha detto che deve imparare a fare il centravanti - forse l'unica cosa che sarebbe in grado di fare - e non che deve imparare a comportarsi da uomo maturo. Berlusconi, del Milan, parla poco ma quando lo fa, le sue sono sentenze spietate. Si è giustamente complimentato con la figlia Barbara e quasi quasi la vorrebbe in campo per le sue qualità. Balotelli è arrivato un anno e mezzo fa non 4 anni fa. Il suo futuro è già segnato. Lo spogliatoio non lo regge, Inzaghi non lo ama e Galliani aspetta solo il Mondiale per capire se può fare un pò di cassa con Mario. In Italia è bruciato. Potrebbe tornare in Inghilterra ma il Milan non può svenderlo. Da tifosi italiani ci auguriamo che ci faccia vivere delle notti indimenticabili e, con le qualità che si ritrova, non è escluso che ci faccia divertire. Balotelli è uno da Mondiale, meno da campionato. La sua gestione sul lungo termine è un problema, mentre può favorire le squadre che giocano un torneo dalla durata di un mese. Il problema del Milan è come sostituire Balotelli. In giro per l'Europa non ci sono attaccanti validi e poco costosi. Se l'alternativa è Paloschi, allora, dovrebbero preoccuparsi seriamente i tifosi rossoneri. Dove non arrivano i soldi arriveranno le idee. Galliani è già a lavoro ed è consapevole che questa volta non può sbagliare.

La Juventus è impegnata a rinforzare la rosa ma il rischio è di mettere le mani su reparti già collaudati. Per rinforzarsi in Italia occorre poco, per rinforzarsi in Europa servono idee e soldi. Le prime non mancano, i soldi neanche ma il budget è sacro. Agnelli sta avendo un'ottima gestione societaria e Marotta e Paratici sono gli artefici, con Conte, di questi successi. Alla Juve servono tre calciatori di qualità (due difensori e un attaccante) e tenere l'attuale intelaiatura. Drogba non ci convince. Una squadra che ha costruito questo impero non può permettersi di prendere un calciatore con un ingaggio folle e sul viale del tramonto. Abbiamo già appurato, con Anelka, che questo tipo di giocatori alla Juve non servono. Paratici viaggia spesso, le sue idee sono linfa per il lavoro di Marotta. Lasciateci fare un plauso al nostro calcio, così tanto bistrattato. Siamo un Paese di vecchi e per vecchi ma il mercato italiano lo stanno prendendo in mano i giovani. Ausilio, Paratici e Sogliano garantiscono un ricambio generazionale. Sono bravi e professionali. Come Albertini che, dopo il Mondiale, lascerà la FIGC.

Italia: Prandelli non gode della nostra fiducia. Così come tutte le persone che vogliono sembrare leali e, invece, sono ben altro. Non entriamo nella polemica che riguarda Giuseppe Rossi ma un ragazzo che è caduto due volte e si è subito rialzato meritava di andare in Brasile se, come dicono i medici, aveva superato brillantemente l'infortunio. Prandelli ha poche idee e confuse. Speriamo ci smentisca ma l'Italia nelle sue mani ci fa paura almeno quanto ci avrebbe spaventato il Paese nelle mani del comico Grillo.
In chiusura mi dedico alla Serie B. In particolare al Novara che, dopo grandi cavalcate, saluta momentaneamente la serie B e torna in Lega Pro con 90 minuti di anticipo. Un peccato per la tifoseria, sana e pura, che ha spinto la squadra fino all'ultimo disastro. Chi scrive è parte in causa, senza dubbio e senza paura. Appurato questo chi scrive ha da sempre lucidità e onestà intellettuale per dire ciò che pensa. Come nel prendersi le responsabilità in ciò che fa ma rimanda al mittente accuse che non gli appartengono. Gli errori della proprietà sono evidenti, dai risultati del campo. In ordine: essersi fidati delle persone sbagliate, aver fatto un triennale ad Aglietti, aver ripreso l'allenatore e aver dato quasi l'intera gestione della squadra a lui. Stiamo parlando dell'allenatore più scarso, incompetente e presuntuoso che la B abbia mai avuto negli ultimi 10 anni. Si è fatto appoggiare da dirigenti amici, è rimasto in città a seminare odio nei confronti di Calori dopo il suo esonero, ha continuato a sentire i calciatori anche quando è stato allontanato dalla panchina, non ha indovinato un modulo in 12 mesi e ha cambiato ogni sabato la formazione. I gol presi su palla inattiva non si contano più, i suoi schemi sui calci d'angolo non li capiva neanche un professore nucleare e la sua arroganza ha portato il Novara in C. Per non parlare dei suoi collaboratori; preparazione fisica da terza media. Corre più Galeazzi che il Novara nel secondo tempo. Stiamo parlando di Aglietti, si l'allenatore che due anni fa salvò l'Empoli ai play out contro il Vicenza al 99'. In campo aveva Tavano e Maccarone, che con due anni in più sulla carta di identità hanno portato l'Empoli in A con un signore allenatore come Sarri. Aglietti ha iniziato ad allenare alla stessa età in cui Rita Pavone ha smesso di cantare e ha collezionato solo esoneri e fallimenti. Per fortuna dei tifosi di tutte le squadre non lo vedrete allenare per due anni. Gli anni di beneficenza che farà il Novara Calcio ad Alfredo Aglietti. Andava esonerato e mai più richiamato. Il Novara ripartirà con un nuovo Ds, nuovo Dg e nuovo allenatore. Si può inciampare ma quando si ha una proprietà seria, una gestione sana e un centro sportivo da big europea risalire in fretta è una conseguenza.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.