HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Milan, Balotelli via se arriva un top player. Juve, pochi colpi ma buoni. Prandelli, prima di decidere conta fino a 100. Novara, ecco come Aglietti distrugge la società

Nato ad Avellino il 30-09-1983 vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Organizzatore e conduttore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
09.06.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 77075 volte
© foto di Federico De Luca

Le parole di Silvio Berlusconi, al suo primo giorno a casa Milan, suonano come un "Balotelli è sul mercato". Gli ha detto che deve imparare a fare il centravanti - forse l'unica cosa che sarebbe in grado di fare - e non che deve imparare a comportarsi da uomo maturo. Berlusconi, del Milan, parla poco ma quando lo fa, le sue sono sentenze spietate. Si è giustamente complimentato con la figlia Barbara e quasi quasi la vorrebbe in campo per le sue qualità. Balotelli è arrivato un anno e mezzo fa non 4 anni fa. Il suo futuro è già segnato. Lo spogliatoio non lo regge, Inzaghi non lo ama e Galliani aspetta solo il Mondiale per capire se può fare un pò di cassa con Mario. In Italia è bruciato. Potrebbe tornare in Inghilterra ma il Milan non può svenderlo. Da tifosi italiani ci auguriamo che ci faccia vivere delle notti indimenticabili e, con le qualità che si ritrova, non è escluso che ci faccia divertire. Balotelli è uno da Mondiale, meno da campionato. La sua gestione sul lungo termine è un problema, mentre può favorire le squadre che giocano un torneo dalla durata di un mese. Il problema del Milan è come sostituire Balotelli. In giro per l'Europa non ci sono attaccanti validi e poco costosi. Se l'alternativa è Paloschi, allora, dovrebbero preoccuparsi seriamente i tifosi rossoneri. Dove non arrivano i soldi arriveranno le idee. Galliani è già a lavoro ed è consapevole che questa volta non può sbagliare.

La Juventus è impegnata a rinforzare la rosa ma il rischio è di mettere le mani su reparti già collaudati. Per rinforzarsi in Italia occorre poco, per rinforzarsi in Europa servono idee e soldi. Le prime non mancano, i soldi neanche ma il budget è sacro. Agnelli sta avendo un'ottima gestione societaria e Marotta e Paratici sono gli artefici, con Conte, di questi successi. Alla Juve servono tre calciatori di qualità (due difensori e un attaccante) e tenere l'attuale intelaiatura. Drogba non ci convince. Una squadra che ha costruito questo impero non può permettersi di prendere un calciatore con un ingaggio folle e sul viale del tramonto. Abbiamo già appurato, con Anelka, che questo tipo di giocatori alla Juve non servono. Paratici viaggia spesso, le sue idee sono linfa per il lavoro di Marotta. Lasciateci fare un plauso al nostro calcio, così tanto bistrattato. Siamo un Paese di vecchi e per vecchi ma il mercato italiano lo stanno prendendo in mano i giovani. Ausilio, Paratici e Sogliano garantiscono un ricambio generazionale. Sono bravi e professionali. Come Albertini che, dopo il Mondiale, lascerà la FIGC.

Italia: Prandelli non gode della nostra fiducia. Così come tutte le persone che vogliono sembrare leali e, invece, sono ben altro. Non entriamo nella polemica che riguarda Giuseppe Rossi ma un ragazzo che è caduto due volte e si è subito rialzato meritava di andare in Brasile se, come dicono i medici, aveva superato brillantemente l'infortunio. Prandelli ha poche idee e confuse. Speriamo ci smentisca ma l'Italia nelle sue mani ci fa paura almeno quanto ci avrebbe spaventato il Paese nelle mani del comico Grillo.
In chiusura mi dedico alla Serie B. In particolare al Novara che, dopo grandi cavalcate, saluta momentaneamente la serie B e torna in Lega Pro con 90 minuti di anticipo. Un peccato per la tifoseria, sana e pura, che ha spinto la squadra fino all'ultimo disastro. Chi scrive è parte in causa, senza dubbio e senza paura. Appurato questo chi scrive ha da sempre lucidità e onestà intellettuale per dire ciò che pensa. Come nel prendersi le responsabilità in ciò che fa ma rimanda al mittente accuse che non gli appartengono. Gli errori della proprietà sono evidenti, dai risultati del campo. In ordine: essersi fidati delle persone sbagliate, aver fatto un triennale ad Aglietti, aver ripreso l'allenatore e aver dato quasi l'intera gestione della squadra a lui. Stiamo parlando dell'allenatore più scarso, incompetente e presuntuoso che la B abbia mai avuto negli ultimi 10 anni. Si è fatto appoggiare da dirigenti amici, è rimasto in città a seminare odio nei confronti di Calori dopo il suo esonero, ha continuato a sentire i calciatori anche quando è stato allontanato dalla panchina, non ha indovinato un modulo in 12 mesi e ha cambiato ogni sabato la formazione. I gol presi su palla inattiva non si contano più, i suoi schemi sui calci d'angolo non li capiva neanche un professore nucleare e la sua arroganza ha portato il Novara in C. Per non parlare dei suoi collaboratori; preparazione fisica da terza media. Corre più Galeazzi che il Novara nel secondo tempo. Stiamo parlando di Aglietti, si l'allenatore che due anni fa salvò l'Empoli ai play out contro il Vicenza al 99'. In campo aveva Tavano e Maccarone, che con due anni in più sulla carta di identità hanno portato l'Empoli in A con un signore allenatore come Sarri. Aglietti ha iniziato ad allenare alla stessa età in cui Rita Pavone ha smesso di cantare e ha collezionato solo esoneri e fallimenti. Per fortuna dei tifosi di tutte le squadre non lo vedrete allenare per due anni. Gli anni di beneficenza che farà il Novara Calcio ad Alfredo Aglietti. Andava esonerato e mai più richiamato. Il Novara ripartirà con un nuovo Ds, nuovo Dg e nuovo allenatore. Si può inciampare ma quando si ha una proprietà seria, una gestione sana e un centro sportivo da big europea risalire in fretta è una conseguenza.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Mercato, soldi e Cina. Ecco cosa è successo a gennaio 09.02 - Tutti a dire che è stato forse il peggior mercato invernale della storia. E forse per emozioni (anche dell’ultimo giorno) è anche vero. Ma non siate così sicuri però. Anzi andate a guardare i numeri, guardiamoli insieme. Il Cies ha preso in analisi i trasferimenti delle big five...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.