HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Milan-Bologna: che Balotellata!! Benitez: Napoli lo ha caricato, non deriso. Mihajlovic: due fronti aperti, Inter e Lazio. Nazionale: Prandelli alla fine resta

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
15.02.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 29179 volte

C'e' qualcosa di ossessivo e di viscerale nella furia distruttrice degli odiatori di Mario Balotelli. Di quelli che fanno le prediche a Mario ma che non ne sanno fare a meno e fremono al solo battito di ciglia dell'attaccante bresciano. Tutto questo impasto di avversione e morbosita' genera un muro. Alto e duro. Non e' facile vivere e giocare contro questa energia negativa a orologeria puntata contro. Ma quando Mario riesce a volgere in positivo tutto questo, ecco che nascono meraviglie come quella del gol al Bologna di ieri. Un gol voluto, splendido, che ha superato quello di Sheva alla Juve del 9 Dicembre 2001. Eccolo, quindi, Mario. Campione o non campione, in un anno solare, il suo primo anno solare da titolare al Milan ha segnato 26 gol, 22 in Campionato, 3 in Champions e 1 in coppa Italia. Tutto il resto e' rasoterra.

Bravo Rafa. Nel momento in cui era in bilico, ha chiamato a raccolta il San Paolo e ha sparato il colpo di reni. Le vittorie del Napoli contro Milan e Roma sono stati il momento più bello della stagione partenopea. E sono arrivate nel momento più delicato. Napoli ha saputo criticare e pressare Rafa Benitez nel modo giusto, solleticandone l'orgoglio e la personalità. Questa è la differenza vera con il clima che nell'autunno-inverno 2010 Rafa ha respirato in casa Inter. In quella situazione, Benitez era stato deriso e sottovalutato. All'Inter dicono, non era facile venire dopo Mourinho...vero, assolutamente. Ma anche a Napoli il buon Rafa si è insediato dopo Mazzarri che, mutatis mutandis, può tranquillamente essere considerato il Mourinho del Vomero, per risultati, continuità e personalità. Eppure, al momento del dunque, nell'ora cruciale, la piazza napoletana ha saputo, pur criticando come solo sotto il Vesuvio può accadere, tirare fuori il meglio da Benitez, non il peggio. All'Inter e attorno all'Inter sono tutt'ora impegnati a convincere amici e interlocutori che Benitez fosse un danno. Sarà. La stagione del Napoli non conferma questa convinzione, dopo tutto quello che Rafa ha fatto a Valencia, a Liverpool e a Londra sponda Chelsea. Ad Appiano restano della loro, intanto lui, Rafa, sente l'odore del sangue. Per uno che ha vinto 8 finali in carriera, 5 internazionali e 3 nazionali, l'ultimo atto di Coppa Italia è un invito a nozze.

Sinisa Mihajlovic ha rigenerato psicologicamente la Sampdoria. Ha ridato fiducia e autostima ai giocatori. Si è boskovizzato, in un ambiente che subisce ancora oggi il fascino storico dell'allenatore dello Scudetto. Frasi a effetto, saggezza, sorrisi, occhiatine: Sinisa sta sfoderando tutto il repertorio di Vuja. E i risultati si vedono. Tutto l'ambiente blucerchiato apprezza e sogna. Proprio per questo sembra sia stato proposto nelle ultime settimane il rinnovo al 2015 a Mihajlovic, vista la prevedibilissima, grazie a lui, salvezza doriana. Ma la risposta sarebbe stata interlocutoria. Sinisa avrebbe chiesto tempo, sembra preferisca aspettare. E' forma o è sostanza? Un dettaglio o roba grossa? Sembra infatti che Mihajlovic sia molto attento alle chicane stagionali delle due squadre della sua storia: Inter e Lazio. Mazzarri ha capito che il convento nerazzurro passa quello che può e Reja, che sta facendo benissimo, non durerà in eterno. Nella pole di Sinisa, l'Inter è una ruota avanti rispetto al Club del presidente Lotito, ma tutto può accadere. Mihajlovic a Milano o a Roma, è fronte molto caldo.

Con il massimo del rispetto per tutte le fonti, rispettabilissime, e per tutte le redazioni al lavoro sul tema azzurro, restiamo della nostra opinione. Qualche tempo fa, in questa sede, ci eravamo permessi di sostenere che Cesare Prandelli sarebbe rimasto alla guida della Nazionale azzurra, anche dopo i Mondiali brasiliani di quest'anno. Bene, siamo sempre di questa idea. Massimiliano Allegri, ad oggi, non ha chiuso, discusso o ratificato accordi con la Figc per la guida della Nazionale italiana. Nel calcio tutto è sempre possibile, ma a meno di cataclismi, Prandelli resta il favorito per portare l'Italia all'Europeo del 2016.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.