HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan: da Ibra a Balo. Lavezzi: di qua o di là. Roma, tutti i rischi di Garcia. Moratti: finalmente basta Calciopoli

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
29.08.2015 08.23 di Mauro Suma   articolo letto 136474 volte

Nessun tifoso rossonero avvertiva la necessità del ritorno di Mario Balotelli e tutti i tifosi rossoneri hanno sgranato gli occhi quando hanno capito che la notizia era vera. Il primo a sapere tutto questo deve essere proprio lui, Mario Balotelli. Gli servirà. Non solo: il contraccolpo del passaggio dal sogno di Ibra al ritorno di Mario, è stato di quelli duri per i milanisti. Così a questo punto non ci sono dislivelli o dossi. Solo salita. Tanta salita, senza sconti e senza compromessi, caro Mario. Che tutto ciò che lo riguardi sorprenda o sparigli, è dimostrato dal fatto che il mondo social rossonero si è schierato a larga maggioranza contro il suo ritorno, mentre è dall'esterno che sono arrivati gli unici applausi: dal "bentornato Mario, crediamo ancora in lei" e dal "bravo Milan, ma Balotelli non può sbagliare" di Xavier Jacobelli sul Corriere dello Sport-Stadio al "ritorno a sorpresa di Balotelli va letto come il rifugio negli affetti più cari" di Luigi Garlando sulla Gazzetta dello Sport. Per il resto, nessuno al Milan ha pensato di rendere top il significato e la comunicazione su Balotelli. Viene vissuto come un assestamento della rosa alle spalle di Luiz Adriano e Bacca, con un impatto economico di lowissimo profilo: un anno di Balotelli costa un terzo dell'operazione Mancosu fatta nella scorsa stagione dal Bologna per l'acquisto della punta del Trapani. Sovraccaricare e sovraeccitare l'operazione è il tentativo di altri, non del Milan e men che meno di Mihajlovic che si è preso la responsabilità perché ci vuole lavorare sopra, a fondo e con continuità. Non per i lustrini e le paillettes, ma per la sostanza e per la squadra.

Dopo il PSG, ci sarà con ogni probabilità Milano nel futuro di Ezequiel Lavezzi. O all'Inter subito, oppure chissà in una delle prossime due sessioni di mercato. Ma intanto c'è questo di mercato. Che per il Milan non è ancora chiuso, né in entrata né in uscita. Ma ci autointervistiamo lo stesso. 1) Ibra? Kakà è tornato al terzo mercato di tentativi, Sheva idem e Ibra vedremo. Fosse andato altrove capirei il dramma, ma è rimasto a Parigi nel Club più ricco del mondo che non lo molla. 2) Perché con 83 milioni spesi non c'è la sensazione fra i tifosi di avere una squadra importantissima? Intanto i milioni, fra entrate e uscite (El Shaarawy) sono 63, ma senza stare a piluccare sui numeri, è il mercato baby. Il ritorno del Milan sulla giostra è coinciso con una estate assurda di ipervalutazioni dei giocatori, come dimostrano ancora oggi i 50 milioni offerti dal Chelsea per John Stones e i 40 del Manchester United per il Felipe Anderson non pervenuto a Leverkusen. 3) Perché 20 milioni per Bertolacci? Perché quando esci a mani vuote da un derby come quello di Montecarlo, non puoi non reagire subito. Sappiamo bene che oggi Andrea verrebbe via alla metà, ma il peso del 20 Giugno ha inciso su questa operazione e comunque Andrea crescerà e farà bene. 4) Perché il Milan non è andato su Witsel? Perché a Giugno e Luglio costava il doppio di Bertolacci come cartellino e il triplo come ingaggio. Oggi è tutto troppo tardi, anche e soprattutto perché rispetto a Witsel, che ha davanti a sé alcuni anni di calcio, il Milan ha investito forte su Alessio Romagnoli che ha tutta una vita calcistica da affrontare in rossonero in quanto giovane e in quanto italiano. %5) Perché Kucka? Perché Mihajlovic sa cosa farne, perché ha gamba e fisico ad hoc per il nostro Campionato, e perché fra lui a 3 milioni e Soriano a 15 (Roberto, speriamo sempre tu possa arrivare), non c'è gara. 6) Perché così tanti giocatori da Genova? Scusate, ma Ranocchia, Kharja, Icardi, Palacio, forse Eder, Sturaro, Iago Falque, forse Soriano (al Napoli?) da dove vengono e da dove venivano, da Alessandria? E ricordiamoci anche che nella fase di mercato degli investimenti, il Milan ha lavorato con Siviglia, Shakhtar e Roma (Bertolacci e Romagnoli), mentre è solo nella parte finale quando bisognava stare attenti al milione che sono entrati in campo gli accordi con Raiola (Balotelli) e Preziosi (Kucka). 7) Perché il valvassino delle luci di Marsiglia non ti lascia in pace? Va bene così, la solita questua per il solito amico di turno, questa volta Borriello, non ha prezzo.

La Roma quest'estate ha pensato di cambiare l'allenatore. E' un passaggio rischiosissimo, per qualsiasi grande Club. Spesso un viaggio senza ritorno. In casi del genere, o parti subito forte oppure torni subito, perché certe analisi estive lasciano sempre qualche remora, in discussione. E' stato così per Cuper all'Inter nell'estate 2003, per Allegri al Milan nel 2013 e per Mazzarri ancora all'Inter nel 2014. Se la Juventus dovesse abdicare, la Roma resta la favorita per la conquista dello Scudetto. Ha troppa qualità per non esserlo. C'è un solo però: che non si faccia male da sola. E qui torniamo a Garcia. Quanto è stato contaminato il suo ruolo dall'esame estivo fatto dalla Società? Quanto è forte il suo sfondo "politico" attuale? Dalle risposte vere, di risultati e di campo, a queste domande, dipenderà non soltanto Roma-Juventus di domani ma larga parte della stagione giallorossa. La Juventus lo sa e va a Roma per aprire la crepa, subito.

La frase profondamente offensiva del presidente Moratti, "lo Scudetto a tavolino il trofeo più bello", quando purtroppo le intercettazioni che riguardavano la sua Società sono riemerse dall'intercapedine del tavolino qualche anno dopo con l'accusa di responsabilità diretta articolo 1 per il proprietario e per il presidente ravvisata dal procuratore federale Palazzi nell'estate 2011, è filata via senza reazioni di nessun tipo e da nessuna parte. Non perché si sia tutti d'accordo, ma perché grazie al cielo, non se ne ha più voglia. Meno male. L'estate più forcaiola, triste e ingiusta del calcio italiano non generà più rancori e rappresaglie social. E' la scoperta più bella. Continuiamo allora a lasciare la frase in consegna al dimenticatoio. Che ne faccia buon uso.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.