HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan: Darmian-Antonelli, il sogno giovane. Morata: Conte aveva ragione. Tifosi: l'unica via di salvezza per il nostro calcio… Parma: blindate quelle presidenze

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
28.02.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 31568 volte

Matteo Darmian e Luca Antonelli erano compagni di squadra nella Primavera del Milan. E nonostante il meraviglioso gol di Bilbao che metterà le ali alle quotazioni del presidente Cairo, una delle idee rossonere del prossimo mercato potrebbe anche essere proprio quella di ricomporre il binomio delle giovanili. Uno di qua e l'altro di là, con Abate sempre pronto e sempre concentrato. Uno a destra e uno a sinistra. Darmian piace a molti allenatori, è giocatore di colpi e di nozioni. In Torino-Milan, gara finita amministrativamente in pareggio ma sostanzialmente stravinta dal Torino, è stato Matteo a porre le prime pietre dell'ottima prestazione granata. Esattamente come aveva fatto Antonelli in Genoa-Milan. Darmian: Ventura lo ha rifinito, lo ha arricchito, lo ha completato. Matteo è stato bravo a non fermarsi al Mondiale brasiliano. Ha continuato a correre, a lavorare. Nonostante i contrattempi stagionali, i grandi club europei che tengono d'occhio gli attuali gioielli rossoneri non mancano, per cui Darmian, presidente Cairo e circostanze di mercato permettendo, potrebbe in teoria fare la stessa strada di Antonelli. Quella di un ritorno a casa scandito dalla cultura del lavoro e dalla disponibilità nei confronti della squadra.

Perché nella serata in cui sull'1-1 dello Juventus Stadium, momento topico in cui stavano tornando ad aleggiare i fantasmi neanche tanto vecchi del Galatasaray e affini, è stato Morata a sbloccare tutto? Proprio nella serata in cui Pirlo è dovuto uscire, in cui Vidal è rimasto sui suoi livelli stagionali, in cui Tevez rifinisce ma non spacca, in cui Pogba fa alcune giocate ma senza esibire mai in Champions League la stessa strapotenza del Campionato. Ma perché Morata ha nel suo passo e nel suo gioco le stigmate della Champions League. Il Real Madrid gioca il calcio qualitativo e propositivo della Champions League, e Morata lo conosce tutto. Il cerbiatto spagnolo potrà patire le tattiche e i gomiti alti di certi campi della nostra Serie A, ma quando c'è da giocare un calcio ampio sopra l'asticella sul miedo escenico dell'Europa, eccolo. Ed ecco anche perché Antonio Conte aveva identificato in lui il cardine del suo progetto bianconero in Champions League. All'allenatore dei 102 punti l'Italia stava stretta e voleva alzare la testa in Europa. Per questo aveva preso Morata e per questo aveva ragione.

Il calcio italiano si gode, complimenti sinceri, le cinque qualificazioni agli Ottavi di Europa League. Che sono benedette ma che non cambiano uno scenario incrostato da anni. L'Italia arranca in tutte le classifiche di ranking e di ricavi su scala europea. Tranne in una: la classifica dei diritti televisivi. Dopo la Premier League, solo la Serie A. Il Campionato italiano è il secondo in Europa per ricavi da diritti televisivi. Perché secondo voi? Perché nel nostro Campionato ci sono i campioni più grandi e importanti? Evidentemente no. Sarà perché sforniamo un prodotto bello e organizzato, con stadi belli e pieni e con giorni e orari di gara noti a tutti fin dall'inizio della stagione? Ma certo che no. Forse siamo in alto a livello di diritti televisivi perché abbiamo sempre almeno una squadra nelle Semifinali di Champions League? Ebbene, no. La verità, l'unica, è che siamo top come ricavi tv grazie a Sky e Mediaset che investono fior di soldi nel calcio. E lo fanno perché ci sono tanti tifosi appassionati e affamati di calcio in Italia. L'unica via di salvezza per il calcio italiano sono i tifosi. Per i quali nessuno in questo Paese fa mai niente. Fra tornelli, orari strani, colpi bassi, delusioni, tradimenti, l'Italia sta facendo di tutto per deprimerli. Riflettere e cambiare, please.

La frase del presidente Lotito su Carpi e Frosinone è una di quelle frasi che non si possono dire mai, soprattutto se si ha un ruolo e un peso. Perché qui da noi si può togliere tutto ma non il sogno italiano della piccola che batte la grande. Bellissimo, forza Carpi e forza Frosinone. Dopo di che, ci mettiamo a fare i conti. E scopriamo che, Parma oggi e qualcun altro domani, il sistema è davvero al collasso e che al calcio italiano di alto livello mancano ormai tante, troppe, grandi città. I sogni sono belli e cari, ma senza i soldi della benzina per il pullman non resta neppure il tempo di farli. E se non si ricompone il circolo virtuoso delle grandi presidenze e delle grandi città, la pompa di rifornimento dei diritti tv prima o poi si inceppa. Meglio dirselo chiaro, senza troppi inutili giri di parole. A proposito, le presidenze. Visto Manenti e visti altri, di cui per carità di Patria non facciamo il nome ma tanto è tutto chiaro in tv ogni giorno, ma non è proprio possibile fra le istituzioni del nostro calcio dotarsi di un organismo di vigilanza sull'accesso alle presidenze dei Club di Serie A? Non è possibile che, oggi, chiunque possa diventare presidente di una società del massimo campionato italiano. Queste cose poi si pagano. E caro anche.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.