HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan, Darmian come Cerci e Miha come Leonardo. Pirlo: Milan cancellato? Juventus, piace Isco. Napoli: il ritratto di Ischia

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
11.07.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 92298 volte

Il Milan si appresta a vivere un Agosto tutto nuovo. Si è dato una ossatura di mercato fra Giugno e Luglio ed è pronto a vedere cosa succede ad Agosto, mentre prima Agosto era tutto, era il fondamento affannoso dell'estate. Cinque nuovi arrivi importanti (giusto non sottovalutare l'interessante Rodrigo Ely), tre rinnovi pesanti, un nuovo allenatore valore aggiunto. Ma non avevi scritto del gioco che adesso si fa pesante? Vero, ma proprio perché pesante bisogna attendere, sperando poi, nessuno ne ha garanzia mai sul mercato, che le cose succedano sul serio. Intanto le uscite. Sfoltire è il verbo più coniugato in questi giorni a Casa Milan. A inizio Campionato, bisognerà essere in 25. Adesso al Milan sono in 32, dopo il rinnovo di Mexes avvenuto in stra-sintonia con l'allenatore. Bisogna limitare al minimo i giocatori che resteranno a libro-paga senza entrare nei 25: problema che hanno tutti (tutti!) in Serie A. Sì anche quelli che saltellano, sorridiamoci sopra: meglio che saltellino citando la loro ossessione di sempre, piuttosto che saltare a piè pari gli avversari finiti davanti in classifica come avvenne nel 2006 e come stava per avvenire anche quest'anno. Torniamo a noi. Gioco pesante, quindi attese e pazienza pesanti. I tifosi del Milan sognano Romagnoli, Witsel e Ibra. Se ne arriva uno lotta per l'Europa fra CL e EL, se ne arrivano due si puntano dritti i primi due/tre posti, se dovessero mai arrivare tutti e tre è seria candidatura per lo Scudetto. Modestissima e ininfluente previsione personale: almeno uno, importante, con vista poi sul mercato di Gennaio. Due sarebbe una grandissima cosa. Tre pressochè impossibile. A proposito, Buona fortuna Matteo! Darmian allo United. I migliori e più sinceri, lui lo sa, Auguri. Ma se anche dovesse ripetersi la parabola Cerci in uscita dal Torino (prima Atletico e poi Milan) anche per Darmian, ai tifosi del Milan non dispiacerebbe affatto.

Una settimana fa, Sinisa Mihajlovic. Tante cose, ma soprattutto una: "Orgoglio d'appartenenza? No, è presto". Qua la mano, Mister. Tutta sostanza, niente teatrino. Meglio una frase vera che una dichiarazione buttata lì per le telecamere. Quando Leonardo nel dicembre 2010 (scheda di presentazione Sito ufficiale Inter, Milan mai nominato, controllare please) dopo tredici anni di Milan, si presentò ad Appiano Gentile proruppe in un: "Allenare l'Inter? Un sogno". Come sei diverso, Sinisa. Buon lavoro.

Gli unici trionfi euro-mondiali di Club della sua gigantesca carriera, Andrea Pirlo li ha ottenuti al Milan: 1 Mondiale per Club, 2 Champions League, 2 Supercoppe Europee. La squadra di Club nella quale ha giocato di più (dieci anni) e dalla quale ha avuto di più (rilancio dopo anni difficili fra Inter e Reggina e grandi ingaggi) è stato il Milan. Ma ha scelto la Juventus come casa e prima di salutare il calcio italiano, si è dimenticato del Milan e dei Milanisti. Quando era in rossonero, pativa in cuor suo tutto lo spazio che otteneva Ricardo Kakà. Sì, Andrea: i tifosi rossoneri hanno amato lui e ameranno sempre lui, incondizionatamente e senza il minimo dubbio. E dal momento che nella vita c'è sempre un destino per tutto e tutto torna, al netto degli anni e degli episodi al suo posto, il motivo non è gratuito, basta dare una rilettura veloce ad alcune pagine del tuo libro.

I tifosi juventini sognano Oscar, ma Massimiliano Allegri non perde mai di vista Francisco Roman Alarcon Suarez. Ovvero, Isco. L'allenatore della Juventus lo ha incrociato nell'inverno del 2012 in due confronti di Champions League fra Milan e Malaga. Isco fece due grandi partite e nel corso degli anni è migliorato. Se questo gradimento tecnico possa dar vita ad una operazione grata a Morata (erano compagni di squadra in maglia merengue), o attraverso uno scambio con Vidal o con l'ottenimento di una qualche opzione per Pogba, non è dato di sapere. Ma se il Real Madrid entrasse nell'ordine di idee nel corso delle settimane in cui il mercato entrerà fatalmente e fisiologicamente nel vivo, il gradimento tecnico bianconero non manca.

A proposito, grande rumore per i 20 milioni per Andrea Bertolacci. Intanto, il ragazzo è mediaticamente sottovalutato e si riprenderà tutto con gli interessi sul campo. Ma restiamo sui 20 milioni che fan parlare. Punto primo: Andrea, nazionale azzurro reduce da una ottima stagione, è uscito dall'asse Roma-Genoa con una valutazione di mercato di 17 milioni di euro, determinata dagli 8.5 sborsati dalla Roma per la sua metà. Punto secondo: a 20 si è arrivati per via del mancato riscatto rossonero di Mattia Destro (16 milioni), cui la Roma teneva molto e che era entrato negli accordi di Gennaio. Ma dal momento che Mattia, purtroppo, nella pessima stagione rossonera, si è svalutato, tanto è vero che oggi viene trattato sulla base di 12-13 milioni, ecco che nell'operazione Bertolacci potrebbe essere entrato una sorta di signorile indennizzo proprio riferito alla precedente operazione Destro e che sancisce rapporti corretti fra Milan e Roma.

Ha un bel dire Luigi Rapullino, amministratore di Sideralba. Avrà anche un tifo meraviglioso l'Ischia, ma non si può prendere una squadra figlia del suo territorio, amata dalla sua gente, e tenerla tutta la settimana a Napoli. Bene salvare l'Ischia e bene tenere in Lega Pro una squadra che ha un seguito appassionato e civile. Ma senza la sua gente, la squadra del'isola verde diventa una squadra qualsiasi. Per non trasformarla in una operazione di plastica, il dottor Rapullino pensi a eventi settimanali con un paio di giocatori inviati sul territorio, a incontri con i tifosi nell'immediata vigilia delle partite. Ma non nella torre d'avorio. Nella casa del Club.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.