VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Milan e cordate: il gruppo di Montecarlo. Tevez: il rumore della rottura con Mancini. Milan: progetto Cerci 2017. Napoli, Immobile con Insigne. Dani Alves: la risposta della Lazio a Maicon

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
11.04.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 27216 volte

Poche settimane prima che Silvio Berlusconi prendesse il Milan, Febbraio 1986, i giornali dell'epoca erano pieni di ipotesi e aperture su un altro acquirente: il Milan al gruppo di Montecarlo. Era la fine del mese di Gennaio del 1986 e sembrava che, dopo una serie di incontri nel Principato, la ridda di intrighi che avviluppavano il Milan morente di Farina potesse risolversi proprio a favore di un gruppo di misteriosi imprenditori, il gruppo di Montecarlo appunto. Ventinove anni dopo, mutatis mutandis, Silvio Berlusconi non è Farina, ma sui rispettabilissimi nomi di imprenditori cinesi che vengono fatti oggi siamo lì. Sono anche loro misteriosi. A Fininvest infatti non risulta uno solo di questi acquirenti. Le porte sono aperte, sarebbero i benvenuti per una proficua collaborazione nell'interesse del Milan e dei loro brand, ma non risultano. Non c'è niente da fare. Non risultano. Per cui lo scenario di oggi appare fluido ma chiaro: assoluta compattezza all'interno della famiglia Berlusconi, contatti come spesso ce ne sono stati fra Silvio Berlusconi e manager intraprendenti e in grado di catalizzare e aggregare interessi, ma nessuna cordata. Il futuro di una Società come il Milan non sarà una cordata. O si tratta di una vendita vera e propria ad un imprenditore puro e consistente, oppure è destinata a prendere giorno per giorno sempre più corpo la possibilità che non se ne faccia niente come ha giustamente osservato Filippo Inzaghi in settimana: "Il Milan tornerà grande con questa  proprietà e con questa dirigenza".

Di tanto in tanto l'imperatore d'Europa Carlo Ancelotti viene ancora perseguitato da Thierry Henry. Così come Roy Hodgson da Roberto Carlos e lo stesso Massimiliano Allegri da Andrea Pirlo mezz'ala sinistra e non regista assoluto del Milan. Una valutazione sbagliata non è la fine del mondo. Ma la biografia deve essere completa. Nel caso di Roberto Mancini non lo è. Lo splendido Carlitos Tevez di oggi viene rinfacciato solo ad Adriano Galliani in chiave Milan per il mancato acquisto, ma non a Roberto Mancini sul piano strettamente tecnico. Sul conto del Mancio, mai. Come mai? Quale miracolosa candeggina è stata utilizzata? Perché nel caso in cui qualcuno se ne fosse dimenticato, il Tevez dominus e trascinatore di una delle Juventus più solide e continue della sua Storia, era un giocatore del Manchester City andato in rottura proprio con Mancini. Il caso scoppia nel Settembre 2011, durante un Bayern-M.City di Champions League. Tevez, ai ferri corti con Mancini, si rifiuta di entrare in campo e dopo numerosi tentativi di ricomposizione rifiutati dall'Apache, il meraviglioso attaccante argentino finisce fuori rosa. Altri allenatori verrebbero giustamente inseguiti da cotanto episodio. Tevez in due anni alla Juventus si è sempre comportato benissimo, ma con Mancini era andato in rottura. E che un grande tecnico non debba far scivolare così in basso i rapporti con una risorsa del genere, è abbastanza evidente. Ma, così come è stato al riparo da critiche sui risultati dell'Inter per settimane e settimane, Mancini è in salvo anche dalla nemesi di Tevez. Non è da tutti…

Alessio Cerci è tornato in Nazionale, Alessio Cerci è tornato al gol nel Milan. Due buone notizie per lui, sotto contratto con il Milan fino al 30 Giugno 2016. Ma in cuor suo il Milan, che vanta rapporti fraterni con l'Atletico Madrid, sogna entro quella data di prolungare almeno ancora per un anno il suo  sodalizio con Alessio: fino al 30 Giugno 2017. Il progetto c'è e, alla prova dei fatti, promette di tenere.

Rafa Benitez in uscita dal Napoli. Il Pipita Higuain, di cui ricordiamo l'espressione vuota e stravolta di Bilbao nel primo momento in cui ha realizzato che la sua sarebbe stata una stagione senza Champions League, uguale.  E la sorte potrebbe essere la stessa per altri giocatori arrivati al Napoli con il metodo  "Mancini" e cioè la telefonata dell'allenatore e il rapporto fiduciario con l'allenatore conosciuto e strimato, in questo caso Benitez. I ricavi che ne deriverebbero potrebbero spingere il presidente De Laurentiis a rifare l'operazione Cavani. Quando venne ceduto il Matador, arrivò Higuain. E se dovesse partite il Pipita, potrebbe arrivare Immobile. In quel caso i soldi ci sarebbero. E il primo ad esserne felice sarebbe Lorenzo Insigne. Il talento partenopeo ha bisogno di rilanciarsi dopo l'infortunio e non disdegna rapporti solidi dentro lo spogliatoio. Insigne e Immobile sono stati i gemelli del Pescara di Zeman. Parlano lo stesso linguaggio tecnico, hanno gli stessi guizzi, si completano. Da seguire.

Nessuna città è una City-Derby come Roma. Dai taxi alle radio, dalle borgate all'Olimpico. A Roma è tutto e sempre derby, ogni minuto della giornata. La prossima chiave di lettura potrebbe riguardare la Lazio. E cioè: la Roma dice di aver rimesso la chiesa al centro del villaggio, nell'anno in cui è arrivato Maicon? Bene, se andiamo in Champions League rispondiamo con Dani Alves in uscita dal Barcellona. La presenza di Felipe Anderson nell'organico biancoceleste potrebbe favorire le cose. Ingaggio alto? Vero, ma come insegna il caso Klose, al presidente Lotito ogni tanto piacciono queste cose. Da seguire.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.