HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan e cordate: il gruppo di Montecarlo. Tevez: il rumore della rottura con Mancini. Milan: progetto Cerci 2017. Napoli, Immobile con Insigne. Dani Alves: la risposta della Lazio a Maicon

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
11.04.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 27216 volte

Poche settimane prima che Silvio Berlusconi prendesse il Milan, Febbraio 1986, i giornali dell'epoca erano pieni di ipotesi e aperture su un altro acquirente: il Milan al gruppo di Montecarlo. Era la fine del mese di Gennaio del 1986 e sembrava che, dopo una serie di incontri nel Principato, la ridda di intrighi che avviluppavano il Milan morente di Farina potesse risolversi proprio a favore di un gruppo di misteriosi imprenditori, il gruppo di Montecarlo appunto. Ventinove anni dopo, mutatis mutandis, Silvio Berlusconi non è Farina, ma sui rispettabilissimi nomi di imprenditori cinesi che vengono fatti oggi siamo lì. Sono anche loro misteriosi. A Fininvest infatti non risulta uno solo di questi acquirenti. Le porte sono aperte, sarebbero i benvenuti per una proficua collaborazione nell'interesse del Milan e dei loro brand, ma non risultano. Non c'è niente da fare. Non risultano. Per cui lo scenario di oggi appare fluido ma chiaro: assoluta compattezza all'interno della famiglia Berlusconi, contatti come spesso ce ne sono stati fra Silvio Berlusconi e manager intraprendenti e in grado di catalizzare e aggregare interessi, ma nessuna cordata. Il futuro di una Società come il Milan non sarà una cordata. O si tratta di una vendita vera e propria ad un imprenditore puro e consistente, oppure è destinata a prendere giorno per giorno sempre più corpo la possibilità che non se ne faccia niente come ha giustamente osservato Filippo Inzaghi in settimana: "Il Milan tornerà grande con questa  proprietà e con questa dirigenza".

Di tanto in tanto l'imperatore d'Europa Carlo Ancelotti viene ancora perseguitato da Thierry Henry. Così come Roy Hodgson da Roberto Carlos e lo stesso Massimiliano Allegri da Andrea Pirlo mezz'ala sinistra e non regista assoluto del Milan. Una valutazione sbagliata non è la fine del mondo. Ma la biografia deve essere completa. Nel caso di Roberto Mancini non lo è. Lo splendido Carlitos Tevez di oggi viene rinfacciato solo ad Adriano Galliani in chiave Milan per il mancato acquisto, ma non a Roberto Mancini sul piano strettamente tecnico. Sul conto del Mancio, mai. Come mai? Quale miracolosa candeggina è stata utilizzata? Perché nel caso in cui qualcuno se ne fosse dimenticato, il Tevez dominus e trascinatore di una delle Juventus più solide e continue della sua Storia, era un giocatore del Manchester City andato in rottura proprio con Mancini. Il caso scoppia nel Settembre 2011, durante un Bayern-M.City di Champions League. Tevez, ai ferri corti con Mancini, si rifiuta di entrare in campo e dopo numerosi tentativi di ricomposizione rifiutati dall'Apache, il meraviglioso attaccante argentino finisce fuori rosa. Altri allenatori verrebbero giustamente inseguiti da cotanto episodio. Tevez in due anni alla Juventus si è sempre comportato benissimo, ma con Mancini era andato in rottura. E che un grande tecnico non debba far scivolare così in basso i rapporti con una risorsa del genere, è abbastanza evidente. Ma, così come è stato al riparo da critiche sui risultati dell'Inter per settimane e settimane, Mancini è in salvo anche dalla nemesi di Tevez. Non è da tutti…

Alessio Cerci è tornato in Nazionale, Alessio Cerci è tornato al gol nel Milan. Due buone notizie per lui, sotto contratto con il Milan fino al 30 Giugno 2016. Ma in cuor suo il Milan, che vanta rapporti fraterni con l'Atletico Madrid, sogna entro quella data di prolungare almeno ancora per un anno il suo  sodalizio con Alessio: fino al 30 Giugno 2017. Il progetto c'è e, alla prova dei fatti, promette di tenere.

Rafa Benitez in uscita dal Napoli. Il Pipita Higuain, di cui ricordiamo l'espressione vuota e stravolta di Bilbao nel primo momento in cui ha realizzato che la sua sarebbe stata una stagione senza Champions League, uguale.  E la sorte potrebbe essere la stessa per altri giocatori arrivati al Napoli con il metodo  "Mancini" e cioè la telefonata dell'allenatore e il rapporto fiduciario con l'allenatore conosciuto e strimato, in questo caso Benitez. I ricavi che ne deriverebbero potrebbero spingere il presidente De Laurentiis a rifare l'operazione Cavani. Quando venne ceduto il Matador, arrivò Higuain. E se dovesse partite il Pipita, potrebbe arrivare Immobile. In quel caso i soldi ci sarebbero. E il primo ad esserne felice sarebbe Lorenzo Insigne. Il talento partenopeo ha bisogno di rilanciarsi dopo l'infortunio e non disdegna rapporti solidi dentro lo spogliatoio. Insigne e Immobile sono stati i gemelli del Pescara di Zeman. Parlano lo stesso linguaggio tecnico, hanno gli stessi guizzi, si completano. Da seguire.

Nessuna città è una City-Derby come Roma. Dai taxi alle radio, dalle borgate all'Olimpico. A Roma è tutto e sempre derby, ogni minuto della giornata. La prossima chiave di lettura potrebbe riguardare la Lazio. E cioè: la Roma dice di aver rimesso la chiesa al centro del villaggio, nell'anno in cui è arrivato Maicon? Bene, se andiamo in Champions League rispondiamo con Dani Alves in uscita dal Barcellona. La presenza di Felipe Anderson nell'organico biancoceleste potrebbe favorire le cose. Ingaggio alto? Vero, ma come insegna il caso Klose, al presidente Lotito ogni tanto piacciono queste cose. Da seguire.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.