HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Milan e Inter si accapigliano spendendo e spandendo, mentre il Napoli centellina le risorse comprando ciò che serve e trattenendo ciò che già aveva. Anche Higuain, che ieri De Laurentiis ha confermato di cedere solo in cambio della clausola da 94

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
12.07.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 49206 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Volano i droni sul Napoli che si affida alla tecnologia per migliorare la difesa, ma la notizia del giorno arriva dalla telecamera sbiadita di un telefonino. "Higuain va via? Ma magari non rimanesse... Con 90 milioni di euro ne compro 8 di giocatori": la confessione resa da De Laurentiis ad un tifoso è stata ripresa in semiclandestinità da un apparato di pochi euro e rimbalzata in tutto il mondo dei tifosi partenopei. "Ma come, De Laurentiis sta scaricando il Pipita?", la reazione a caldo è stata questa, con l'imbarazzo e lo stupore di chi pensa che nella prossima stagione dovrà essere il Pipita a fare la differenza. Io credo che il senso delle parole pronunciate dal presidente sia totalmente opposto rispetto alla reazione emozionale di chi teme in un ridimensionamento della squadra. Quel "ma magari" deve essere un elemento di conforto e non un nefasto presagio, testimone di una determinazione forte che il patron ha sviluppato immediatamente dopo aver salutato Benitez con il ghigno sardonico di chi avrebbe ben volentieri accompagnato il suo addio con una lunga di scia di poco cortesi parole. Quella clausola rescissoria-choc esiste, vale e va rispettata dagli eventuali acquirenti del Pipita. Poi, con 90 milioni di euro in cassa, il Napoli potrà mettersi al passo delle milanesi che hanno fatto il bello ed il cattivo tempo sul mercato, grazie a prestiti multi milionari e facoltosi investitori asiatici. Fino a quando il club azzurro non farà cessioni eccellenti, non c'è alcuna necessità di lanciarsi a capofitto sul mercato, se non per prendere quei calciatori che realmente occorrono per migliorare il gruppo che ha clamorosamente chiuso lo scorso campionato al quinto posto. Con il 33enne Reina in porta, il 29enne Valdifiori nel ruolo di regista da sempre assente in casa azzurra ed il 28enne Astori appena arrivato per potenziare la difesa, la squadra è diventata molto più equilibrata rispetto al passato, con un investimento minimo (a Reina è stato pagato solo l'ingaggio triennale) di 10,5 milioni di euro per i cartellini di Valdifiori ed Astori. Dicesi: mercato intelligente. Purchè al 31 agosto non ci siano cessioni dolorose e nella considerazione che gli arrivi di due italiani come Valdifiori ed Astori, permettano al Napoli di rispettare i criteri previsti dalla Figc nella prossima stagione (almeno quattro calciatori provenienti da vivai italiani ed altri quattro dal settore giovanile della società). Con l'organico attuale il Napoli resta competitivo pur nella sua fase di intrigante normalizzazione. A cominciare da quella difesa che nelle ultime due stagioni ha rappresentato il tallone di Achille di una squadra che ancora grida vendetta per gli investimenti effettuati (135 milioni di euro in cartellini) e gli ingaggi somministrati (circa 70 milioni) a calciatori che hanno reso al di sotto delle loro reali possibilità. Tra questi c'è anche Albiol, sicuramente in grado di restituire se stesso ai fasti del Mondiale vinto, grazie al lavoro certosino che Sarri ha cominciato a fare fin dal primo giorno in ritiro. Dopo tre giri di campo ha messo la squadra sul terreno di gioco, a cominciare dalla linea dei difensori, a 4 e composta inizialmente da Maggio, Albiol, Henrique e Ghoulam. Con il supporto del drone, guidato e letto dall'ex calciatore azzurro Bonomi, ha ricevuto le immagini in tempo reale, spiegando ai quattro interessati come bisogna comportarsi in fase di non possesso e perché un anno fa ciò non accadeva. Semplice, perché Benitez trascurava per intero la fase difensiva, non spiegava ai calciatori le caratteristiche degli avversari se non per pochi minuti prima della rifinitura finale. Ora c'è Sarri con il suo drone e De Laurentiis ripreso da un vecchio telefonino: tutta sostanza, dopo un breve periodo periodo di fumo spagnolo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.