HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan e Inter si accapigliano spendendo e spandendo, mentre il Napoli centellina le risorse comprando ciò che serve e trattenendo ciò che già aveva. Anche Higuain, che ieri De Laurentiis ha confermato di cedere solo in cambio della clausola da 94

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
12.07.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 49208 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Volano i droni sul Napoli che si affida alla tecnologia per migliorare la difesa, ma la notizia del giorno arriva dalla telecamera sbiadita di un telefonino. "Higuain va via? Ma magari non rimanesse... Con 90 milioni di euro ne compro 8 di giocatori": la confessione resa da De Laurentiis ad un tifoso è stata ripresa in semiclandestinità da un apparato di pochi euro e rimbalzata in tutto il mondo dei tifosi partenopei. "Ma come, De Laurentiis sta scaricando il Pipita?", la reazione a caldo è stata questa, con l'imbarazzo e lo stupore di chi pensa che nella prossima stagione dovrà essere il Pipita a fare la differenza. Io credo che il senso delle parole pronunciate dal presidente sia totalmente opposto rispetto alla reazione emozionale di chi teme in un ridimensionamento della squadra. Quel "ma magari" deve essere un elemento di conforto e non un nefasto presagio, testimone di una determinazione forte che il patron ha sviluppato immediatamente dopo aver salutato Benitez con il ghigno sardonico di chi avrebbe ben volentieri accompagnato il suo addio con una lunga di scia di poco cortesi parole. Quella clausola rescissoria-choc esiste, vale e va rispettata dagli eventuali acquirenti del Pipita. Poi, con 90 milioni di euro in cassa, il Napoli potrà mettersi al passo delle milanesi che hanno fatto il bello ed il cattivo tempo sul mercato, grazie a prestiti multi milionari e facoltosi investitori asiatici. Fino a quando il club azzurro non farà cessioni eccellenti, non c'è alcuna necessità di lanciarsi a capofitto sul mercato, se non per prendere quei calciatori che realmente occorrono per migliorare il gruppo che ha clamorosamente chiuso lo scorso campionato al quinto posto. Con il 33enne Reina in porta, il 29enne Valdifiori nel ruolo di regista da sempre assente in casa azzurra ed il 28enne Astori appena arrivato per potenziare la difesa, la squadra è diventata molto più equilibrata rispetto al passato, con un investimento minimo (a Reina è stato pagato solo l'ingaggio triennale) di 10,5 milioni di euro per i cartellini di Valdifiori ed Astori. Dicesi: mercato intelligente. Purchè al 31 agosto non ci siano cessioni dolorose e nella considerazione che gli arrivi di due italiani come Valdifiori ed Astori, permettano al Napoli di rispettare i criteri previsti dalla Figc nella prossima stagione (almeno quattro calciatori provenienti da vivai italiani ed altri quattro dal settore giovanile della società). Con l'organico attuale il Napoli resta competitivo pur nella sua fase di intrigante normalizzazione. A cominciare da quella difesa che nelle ultime due stagioni ha rappresentato il tallone di Achille di una squadra che ancora grida vendetta per gli investimenti effettuati (135 milioni di euro in cartellini) e gli ingaggi somministrati (circa 70 milioni) a calciatori che hanno reso al di sotto delle loro reali possibilità. Tra questi c'è anche Albiol, sicuramente in grado di restituire se stesso ai fasti del Mondiale vinto, grazie al lavoro certosino che Sarri ha cominciato a fare fin dal primo giorno in ritiro. Dopo tre giri di campo ha messo la squadra sul terreno di gioco, a cominciare dalla linea dei difensori, a 4 e composta inizialmente da Maggio, Albiol, Henrique e Ghoulam. Con il supporto del drone, guidato e letto dall'ex calciatore azzurro Bonomi, ha ricevuto le immagini in tempo reale, spiegando ai quattro interessati come bisogna comportarsi in fase di non possesso e perché un anno fa ciò non accadeva. Semplice, perché Benitez trascurava per intero la fase difensiva, non spiegava ai calciatori le caratteristiche degli avversari se non per pochi minuti prima della rifinitura finale. Ora c'è Sarri con il suo drone e De Laurentiis ripreso da un vecchio telefonino: tutta sostanza, dopo un breve periodo periodo di fumo spagnolo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata 06.01 - Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.