HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko

29.11.2016 07.26 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 56819 volte
© foto di Alessio Alaimo

"Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi".

"Fate un bell'applauso a Maurizio".

E giù applausi.

Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De Zerbi: bravo Maurizio, siamo con te.

Era nostra intenzione parlarvi di referendum e, soprattutto, di Barbara D'Urso che intervista tutti: Renzi, Berlusconi, Bettarini e altri potenti, ma tanto non gliene frega niente a nessuno e comunque c'è poco tempo causa "posticipone delle 21 del lunedì".

Amici della minchiata, che vi devo dire, ci rifaremo.

Nemici della minchiata, che vi devo dire, vi è andata di lusso.

QUI INTER
Signori e signore, l'Inter è una squadra disarmante: difficile da capire e giudicare. Contro la Fiorentina si è visto tutto e il suo contrario: una partita chiusa dopo mezz'ora e riaperta con gli avversari ridotti in dieci uomini; una squadra che fatica tremendamente sia dal punto di vista fisico che psicologico e che però dispone di qualità sufficiente per restare aggrappata alla speranza "terzo posto", distante 8 punti. Pioli ci sta provando, ma non sarà semplice per lui, costantemente bombardato da chi pensa solo a Simeone e, colpevolmente, se ne frega di quel che accade.

Accade che Zhang ha già dato i suoi input: a gennaio l'Inter venderà e acquisterà ancora. Il tentativo è quello di trovare finalmente la quadratura giusta in una squadra che ha ancora molti limiti strutturali. Per questo ad Ausilio verrà chiesto di liberare almeno quattro caselle nell'ottica di un gruppo che senza Europa League è decisamente troppo abbondante.

Il resto è nei piedi di una difesa spesso troppo distratta, di un centrocampo che fatica a reggere i 90 minuti e di un ragazzo, Icardi, che - piaccia o non piaccia - e l'appiglio concreto per continuare a sperare in una stagione all'altezza.

QUI MILAN
Si parla in continuazione della questione "cessione-Milan". Proprio sette giorni fa reclamavo il "diritto al passo indietro", ovvero la volontà di non scrivere più una mazza in attesa del famoso 13 dicembre, perché tanto ognuno c'ha la sua bella verità in tasca e buonanotte ai suonatori.

Ieri però ho ricevuto una telefonata assai significativa, arrivata dalla "parte cinese" del cucuzzaro. Mi limito a riportare le cose per come mi sono state raccontate, premettendo che la fonte è sì "di parte" ma anche "certificata".

Questo il succo (per punti) della chiacchierata.

1) La cordata ha raccolto tutti i 420 milioni necessari per completare l'acquisto del Milan.

2) Il ritardo è causato da «problemi burocratici» legati al passaggio di ingenti quantità di denaro sull'asse Cina-Italia.

3) Fassone attenderà questo fine settimana per capire se si potrà rispettare la data del 13 dicembre, da tempo fissata per il closing. In caso contrario chiederà alla Sino Europe di svelare i nomi degli investitori e di «mostrare» il denaro per convincere Fininvest a concedere una proroga senza troppi intoppi (temporali o legati a nuovi vincoli).

4) La concessione della proroga permetterà a Fininvest di incassare ulteriori 80 milioni oltre ai 100 già versati per il preliminare.

5) Due degli investitori ancora «sconosciuti» (il totale non supererà le cinque unità) si sono incontrati con Fassone durante il suo recente tour in Cina. Gli stessi parteciperebbero con cifre tra i 100 e i 200 milioni cadauno.

6) In caso di closing ci sono quattro ipotesi di mercato da sottoporre a Montella, con molti soldi da investire già a gennaio, «anche oltre il necessario». Fabregas è uno dei giocatori che potrebbero arrivare senza grossi problemi e col benestare di Conte.

7) In maniera informale, Fassone e Mirabelli hanno chiesto ai club con i quali stanno ragionando su eventuali "passaggi di giocatori" di pazientare fino al 14 dicembre.

8) Fassone e tutti i coinvolti dalla Sino Europe percepiscono regolarmente il loro stipendio. Visto quello che si legge in giro, non è un dettaglio.

9) In qualunque data si formalizzerà, il closing comporterà il passaggio di consegne tra Galliani e Fassone. Una gestione «comune» non è ipotizzabile a nessun livello nonostante i due attualmente si sentano con buona regolarità secondo gli accordi presi alla firma del preliminare.

Fine della telefonata.

Il resto è legato alle recenti uscite di Berlusconi e al fatto che davvero questa volta non è responsabile di "quel che accadrà". Il solo appunto che si può muovere al patron è legato alla serenità con cui esprime il concetto "se non chiudiamo, faccio un Milan italiano". Se devo vendere casa cerco un acquirente solido, se questo acquirente all'ultimo si tira indietro mi incazzo come una iena. E voi direte: "Ci sono cento milioni di buoni motivi per cui Silvio sarebbe contento di tenerselo". Avete ragione, gli stessi cento milioni (più gli altri 80 in caso di proroga) sono la garanzia di Fassone, Mirabelli e di tutti i "coinvolti": chi butterebbe tanto denaro al vento per poi dire "pazienza, non ce l'abbiamo fatta, tenetevi pure il malloppo"? Già, chi?

QUI JUVE
Scusate se torno sul punto, non ho parentele con Allegri che, anzi, in passato ho massacrato ben oltre la logica, ma qui si sta esagerando. La sconfitta con il Genoa è stata brutta e certamente causata da qualche scelta "un po' così" del tecnico, ma certe "letture" degli addetti e non addetti ai lavori fanno venire i brividi. "Allegri incapace, Allegri miracolato, Allegri responsabile degli infortuni, Allegri colpevole". Ma colpevole di cosa? Di un primo posto in campionato? Di un passaggio agli ottavi di Champions con un turno di anticipo? Di essere l'unico tecnico primo in campionato e già qualificato in Coppa? Dicono i detrattori: "Gioca male, non ha lo spogliatoio tra le mani". Scusate, ma uno che l'anno scorso affogava nella melma della mezza classifica pensate possa avere problemi a gestire un primo posto con "soli" 4 punti di vantaggio sulla seconda?

Il match di Genova ha mostrato i limiti di una rosa stanca, martoriata dagli infortuni, costruita bene ma non benissimo (se per due anni salta un centrocampista all'ultimo giorno, qualche responsabilità della società ci sarà), soprattutto messa in difficoltà dalle prestazioni di qualche giocatore decisamente sottotono, eppure il responsabile di tutto sembra il tecnico destinato non solo a vincere, ma a stravincere tutte le partite. Viceversa passerà per "miracolato", come se qualcuno (anche tra gli stessi tifosi juventini) avesse una voglia matta di vederlo fallire per poter dire "l'avevo detto tre anni fa". Solo che nel frattempo il toscano ha vinto un paio di scudetti e ha giocato una finale di Champions, se non basta per meritarsi non gli applausi, ma quantomeno un po' di rispetto significa che siamo diventati tutti matti.

QUI ROMA
Perdonate se rubo due righe non per parlare della Roma (la squadra funziona, ha ancora qualche problema di attenzione, ma c'è eccome) ma solo per auto denunciarmi. Era luglio scorso, il Corriere dello Sport propone un fotomontaggio con Dzeko vestito di nerazzurro, il sottoscritto da buon minchione scrive: "Menomale che è un fotomontaggio!" e altre cazzate. Beh, tocca chiedere scusa al giocatore, alla Roma tutta e, soprattutto, al suo allenatore, davvero bravo a credere in quello che attualmente è l'attaccante più completo dell'intera serie A per capacità di segnare e aiutare la squadra. E vaffanculo a quelli come me che, invece, a volte non vedono oltre il loro naso.

Saluti e baci. Sono le 23.55. È talmente tardi che mi tocca troncare così, senza neppure parlarvi del maledetto black Friday che pure ha tirato fuori il peggio di tutti noi. A Dio piacendo, ci rifacciamo settimana prossima.

(Twitter: @FBiasin @ilsensodelgol Mail: ilsensodelgol@gmail.com)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata 06.01 - Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.