VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Milan, ecco la nuova cordata. Pronti 700 milioni. Berlusconi vuole Brocchi e una squadra giovane. Juve, Yaya Tourè se parte Pogba. Allegri, quando la firma? Higuain, il ricorso. Adl troppo ottimista. Sousa domani annuncia che resta a Firenze

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
15.04.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 46533 volte
© foto di Federico De Luca

Berlusconi andrebbe iscritto allo Zamparini fan club. E' vero che fra i due ci sono alcune decine di allenatori, ma la media di esoneri degli ultimi anni è alta e inusuale anche per il presidente rossonero. Che succede? Non sa più fare calcio?

L'inquietudine di Berlusconi è la tipica sindrome del "vorrei, ma non posso". Vorrebbe ancora quel Milan là, quello che vinceva e giocava da Dio, ma questo Milan qua è solo robetta. E così, non avendo più la possibilità di investire "a babbo morto" come si dice in Toscana, se la prende con gli allenatori di turno.

Mihajlovic non è un genio e non lo sarà mai, ma sfido chiunque a fare meglio con gente come il lentigrado Montolivo a centrocampo, Luiz Adriano in attacco, Zapata in difesa tanto per fare dei nomi a caso. Ma l'elenco è assai più lungo.

Ma perché Brocchi? E perché a sei giornate dalla fine?

Mi pare di capire che Berlusconi stia per varare un progetto nuovo: senza soldi, avanti con i giovani. Magari.

L'operazione, se spiegata bene, potrebbe avere un senso. Brocchi è bravissimo con i giovani, lui davvero potrebbe far giocare Locatelli (Berlusconi lo voleva contro la Juve, questo uno dei motivi dell'esonero di Miha) e altri ragazzi in carriera. E con i giovani è più facile gestire lo spogliatoio, insegnare un gioco più moderno, d'attacco, come vuole Berlusconi.

Ma questa idea quanto durerà? Quando il presidente si accorgerà che con i giovani ci vuol pazienza, non si può vincere subito (e neanche provarci), cosa succederà? Non oso pensarci, naturalmente per i tifosi rossoneri e la storia del Milan.

L'unica soluzione sarebbe vendere che, detto fra noi, è anche l'unico modo per far fuori Galliani con il suo calcio da paleolitico.

Ma che fine ha fatto mister Bee?

Forse se lo sta chiedendo anche lo stesso Berlusconi che aspetta di chiudere da un anno e sui 480 milioni della cordata orientale voleva costruire piani seri.

Dando per disperso mister Bee (ditegli che, se vuole, c'è in vendita la squadra del mio quartiere) però la storia non finisce qui.

Nonostante gli insuccessi sportivi del momento, il brand Milan ha sempre un grande appeal e l'ultima notizia parla di un'offerta da 700 milioni avanzata da un banchiere americano riciclatosi broker che sta mettendo insieme una cordata americano-cinese, quanto di più vario possa esserci. I settecento milioni, naturalmente, sono per una quota di maggioranza molto vicina al tutto.

L'anno scorso però Berlusconi valutò il suo Milan un miliardo, questa cifra sembra parecchio lontana dalla meta.

E poi Berlusconi è davvero pronto per vendere il Milan?

La mia risposta è no, ma non si sa mai. Certo, la scelta di Brocchi, senza fare dell'ironia da quattro soldi, sembra quasi un segno del destino. Da Van Basten, Gullit e Rijkaard a Brocchi. Nomen omen....

L'Inter non se la passa meglio. Hai voglia di sentire parlare Thohir, ma come vi abbiamo spiegato la settimana scorsa, il suo intervento è soltanto una architettura finanziaria che sposta al 2019 il grosso dei debiti con le banche. Intanto l'indonesiano si prende gli interessi sui soldi che lui stesso presta all'Inter. Una situazione dalla quale Moratti vorrebbe uscire e quindi conta molto sull'interesse dei cinesi che hanno chiesto a Thohir il 35 per cento della società. Sarà un gioco da ragazzi, dopo, fare un alleanza e conquistare la maggioranza. Moratti nega, ma c'è chi lavora sottotraccia.

Molto sottotraccia anche il mercato della Juventus che dopo aver rastrellato con una operazione intelligente i giovani italiani più interessanti (ultimo Berardi), aspetta di capire cosa fare con Pogba. Per ora una offerta dettagliata da cento milioni ed oltre non è ancora arrivata, solo sondaggi e contatti superficiali. Intanto però Marotta ha messo gli occhi su Yaya Tourè che lascia il City e vuol continuare a giocare la Champions. L'accordo con Benatia c'è, come vi avevamo anticipato. Per il resto, prima dell'affondo decisivo, i nomi sul taccuino sono i soliti, da Isco a Mikitarian, da Oscar a Andrè Gomes. Intanto, nonostante le rassicurazioni ufficiali, noi continuiamo a chiederci come mai Allegri non firma il nuovo contratto. Forse siamo come san Tommaso, ma conoscendo il calcio e le voci che circolano, la Juve dovrebbe dare un'accelerata per accontentare Allegri sullo stipendio (5 milioni) e sulla possibilità in futuro di liberarsi per andare all'estero, clausola da inserire nel contratto.

Rimanendo nel campo allenatori, ieri Della Valle ha riconfermato a Sousa e alla squadra che il piano di lavoro va avanti con l'allenatore portoghese. Ora il presidente viola si aspetta due cose, la reazione della squadra per riconquistare il quarto posto e l'annuncio di Sousa domani in conferenza stampa che dovrebbe annunciare la sua felicità e soddisfazione per la ritrovata fiducia e armonia con la Fiorentina. Aspettiamo fiduciosi anche noi. Del resto domani o mai più.

Ho meno ottimismo quando penso al Napoli e alle parole di De Laurentiis. E' sicuro di trattenere Sarri e Higuain. L'allenatore vuole il doppio dello stipendio (ora 700 mila euro) e tutto sommato merita un ingaggio da allenatore importante per quello che sta facendo. Adl ha deciso di pagare e ridiscutere parti del contratto? Allora non ci saranno problemi, ma non mi sembra così facile e scontato.

Per Higuain oggi comincia la strada che deve portare alla sentenza d'appello. Sarà tolta una giornata per far giocare al Pipita la sfida con la Roma? Tutta Napoli ci spera, ma non dipenderà da questo la sua permanenza in azzurro. L'argentino è affezionato alla città e questo è vero, ma dopo una stagione come questa (miglior bomber d'Europa), c'è la fila delle grandi per portarlo via dall'Italia. Le offerte a De Laurentiis arriveranno, la clausola è di 94 milioni e lo sappiamo, ma se arriva qualcuno e ne offre 80 che fa? Per me vende. E poi il giocatore vuole provare a vincere qualcosa, non è più un ragazzino, e sa che questa potrebbe essere l'ultima occasione. Sarà difficile convincerlo a restare, questa volta forse non basterà neppure il carisma di Sarri come successo l'estate scorsa. Del resto l'impegno preso da Higuain in val Rendena era per un altro anno a Napoli e questo De Laurentiis lo sa bene....

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.