HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan, ecco la nuova cordata. Pronti 700 milioni. Berlusconi vuole Brocchi e una squadra giovane. Juve, Yaya Tourè se parte Pogba. Allegri, quando la firma? Higuain, il ricorso. Adl troppo ottimista. Sousa domani annuncia che resta a Firenze

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
15.04.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 46507 volte
© foto di Federico De Luca

Berlusconi andrebbe iscritto allo Zamparini fan club. E' vero che fra i due ci sono alcune decine di allenatori, ma la media di esoneri degli ultimi anni è alta e inusuale anche per il presidente rossonero. Che succede? Non sa più fare calcio?

L'inquietudine di Berlusconi è la tipica sindrome del "vorrei, ma non posso". Vorrebbe ancora quel Milan là, quello che vinceva e giocava da Dio, ma questo Milan qua è solo robetta. E così, non avendo più la possibilità di investire "a babbo morto" come si dice in Toscana, se la prende con gli allenatori di turno.

Mihajlovic non è un genio e non lo sarà mai, ma sfido chiunque a fare meglio con gente come il lentigrado Montolivo a centrocampo, Luiz Adriano in attacco, Zapata in difesa tanto per fare dei nomi a caso. Ma l'elenco è assai più lungo.

Ma perché Brocchi? E perché a sei giornate dalla fine?

Mi pare di capire che Berlusconi stia per varare un progetto nuovo: senza soldi, avanti con i giovani. Magari.

L'operazione, se spiegata bene, potrebbe avere un senso. Brocchi è bravissimo con i giovani, lui davvero potrebbe far giocare Locatelli (Berlusconi lo voleva contro la Juve, questo uno dei motivi dell'esonero di Miha) e altri ragazzi in carriera. E con i giovani è più facile gestire lo spogliatoio, insegnare un gioco più moderno, d'attacco, come vuole Berlusconi.

Ma questa idea quanto durerà? Quando il presidente si accorgerà che con i giovani ci vuol pazienza, non si può vincere subito (e neanche provarci), cosa succederà? Non oso pensarci, naturalmente per i tifosi rossoneri e la storia del Milan.

L'unica soluzione sarebbe vendere che, detto fra noi, è anche l'unico modo per far fuori Galliani con il suo calcio da paleolitico.

Ma che fine ha fatto mister Bee?

Forse se lo sta chiedendo anche lo stesso Berlusconi che aspetta di chiudere da un anno e sui 480 milioni della cordata orientale voleva costruire piani seri.

Dando per disperso mister Bee (ditegli che, se vuole, c'è in vendita la squadra del mio quartiere) però la storia non finisce qui.

Nonostante gli insuccessi sportivi del momento, il brand Milan ha sempre un grande appeal e l'ultima notizia parla di un'offerta da 700 milioni avanzata da un banchiere americano riciclatosi broker che sta mettendo insieme una cordata americano-cinese, quanto di più vario possa esserci. I settecento milioni, naturalmente, sono per una quota di maggioranza molto vicina al tutto.

L'anno scorso però Berlusconi valutò il suo Milan un miliardo, questa cifra sembra parecchio lontana dalla meta.

E poi Berlusconi è davvero pronto per vendere il Milan?

La mia risposta è no, ma non si sa mai. Certo, la scelta di Brocchi, senza fare dell'ironia da quattro soldi, sembra quasi un segno del destino. Da Van Basten, Gullit e Rijkaard a Brocchi. Nomen omen....

L'Inter non se la passa meglio. Hai voglia di sentire parlare Thohir, ma come vi abbiamo spiegato la settimana scorsa, il suo intervento è soltanto una architettura finanziaria che sposta al 2019 il grosso dei debiti con le banche. Intanto l'indonesiano si prende gli interessi sui soldi che lui stesso presta all'Inter. Una situazione dalla quale Moratti vorrebbe uscire e quindi conta molto sull'interesse dei cinesi che hanno chiesto a Thohir il 35 per cento della società. Sarà un gioco da ragazzi, dopo, fare un alleanza e conquistare la maggioranza. Moratti nega, ma c'è chi lavora sottotraccia.

Molto sottotraccia anche il mercato della Juventus che dopo aver rastrellato con una operazione intelligente i giovani italiani più interessanti (ultimo Berardi), aspetta di capire cosa fare con Pogba. Per ora una offerta dettagliata da cento milioni ed oltre non è ancora arrivata, solo sondaggi e contatti superficiali. Intanto però Marotta ha messo gli occhi su Yaya Tourè che lascia il City e vuol continuare a giocare la Champions. L'accordo con Benatia c'è, come vi avevamo anticipato. Per il resto, prima dell'affondo decisivo, i nomi sul taccuino sono i soliti, da Isco a Mikitarian, da Oscar a Andrè Gomes. Intanto, nonostante le rassicurazioni ufficiali, noi continuiamo a chiederci come mai Allegri non firma il nuovo contratto. Forse siamo come san Tommaso, ma conoscendo il calcio e le voci che circolano, la Juve dovrebbe dare un'accelerata per accontentare Allegri sullo stipendio (5 milioni) e sulla possibilità in futuro di liberarsi per andare all'estero, clausola da inserire nel contratto.

Rimanendo nel campo allenatori, ieri Della Valle ha riconfermato a Sousa e alla squadra che il piano di lavoro va avanti con l'allenatore portoghese. Ora il presidente viola si aspetta due cose, la reazione della squadra per riconquistare il quarto posto e l'annuncio di Sousa domani in conferenza stampa che dovrebbe annunciare la sua felicità e soddisfazione per la ritrovata fiducia e armonia con la Fiorentina. Aspettiamo fiduciosi anche noi. Del resto domani o mai più.

Ho meno ottimismo quando penso al Napoli e alle parole di De Laurentiis. E' sicuro di trattenere Sarri e Higuain. L'allenatore vuole il doppio dello stipendio (ora 700 mila euro) e tutto sommato merita un ingaggio da allenatore importante per quello che sta facendo. Adl ha deciso di pagare e ridiscutere parti del contratto? Allora non ci saranno problemi, ma non mi sembra così facile e scontato.

Per Higuain oggi comincia la strada che deve portare alla sentenza d'appello. Sarà tolta una giornata per far giocare al Pipita la sfida con la Roma? Tutta Napoli ci spera, ma non dipenderà da questo la sua permanenza in azzurro. L'argentino è affezionato alla città e questo è vero, ma dopo una stagione come questa (miglior bomber d'Europa), c'è la fila delle grandi per portarlo via dall'Italia. Le offerte a De Laurentiis arriveranno, la clausola è di 94 milioni e lo sappiamo, ma se arriva qualcuno e ne offre 80 che fa? Per me vende. E poi il giocatore vuole provare a vincere qualcosa, non è più un ragazzino, e sa che questa potrebbe essere l'ultima occasione. Sarà difficile convincerlo a restare, questa volta forse non basterà neppure il carisma di Sarri come successo l'estate scorsa. Del resto l'impegno preso da Higuain in val Rendena era per un altro anno a Napoli e questo De Laurentiis lo sa bene....

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.