HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan, ecco perché Ancelotti non può tornare. E quelle fantasie sulla Juve...

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
25.05.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 36629 volte
© foto di Federico De Luca

Ho letto che il Milan gufava, alla vigilia di Real-Atletico, per riprendersi indietro Ancelotti. Naturalmente perdente. La fantasia degli scribi a volte non ha limiti. Ma più che fantasia direi improntitudine. Come avrebbe potuto tornare al Milan che l'ha liquidato come un peso, un incomodo, uno da rottamare, insieme ai guerrieri rossoneri che hanno fatto diventare mago Berlusconi, anche Galliani, poi condannati a vederlo vincere con il Chelsea, il Paris SG e trionfare con il Real cui ha consegnato la Decima attesa da dodici lunghi anni? Potrebbe tornarci solo per cogliere una dolce e feroce vendetta, ma lui non ha la stoffa del Conte di Montecristo, piuttosto quella dell'emiliano signore di campagna. L'ultima volta che gli ho parlato e gli ho chiesto "Tornerai in Italia?", mi ha risposto: "Sì. A Reggiolo". L'ho visto nascere, il trionfatore della Champions, uno che l'ha vinta cinque volte - due sul campo, tre in panchina, come Bob Paisley con il Liverpool, ma Carlo con due squadre, Milan e Real - e ho come chiuso un percorso di vita professionale: perché quando aveva vent'anni e giocava nel Parma, nel 1979, in Serie B, gli consegnai il Guerin d'Oro e lo feci sedere a un tavolo della Ca' del Liscio di Raul Casadei, luogo della premiazione, insieme a Niels Liedholm. Me l'aveva chiesto il Barone - vincitore come allenatore - e quella sera, fra un brindisi e un applauso, Ancelotti passò alla Roma per iniziare una carriera strepitosa che non avrebbe mai intaccato la sua naturale modestia. Anche nell'Estadio da Luz dove i madridisti cantavano la sua gloria Carlo s'è presentato per ultimo, dopo i "suoi ragazzi", e ha lasciato che la passerella con la Coppa dalle Grandi Orecchie l'aprisse Casillas, farfalliere di turno, e che Cristiano Ronaldo la facesse da re davanti al re vero, Juan Carlos, solo per avere segnato su rigore il 4-1 dell'ingiusta umiliazione inferta all'Atletico del Coraggio. Il trionfo di Ancelotti - che i fantasiosi avevano collocato anche sulla panchina della Juve, dimentichi dell'affronto arrecatogli dal Trio Pastiglia (copyright Fred Buscaglione) che l'aveva fatto cacciare dagli ultras juventini dopo la pioggia di Perugia - punisce e ridicolizza tutti i detrattori del "made in Italy" e i patiti dei "maghi" stranieri. La Juve s'è salvata per un pelo, confermando il triscudettato Antonio Conte già dato dai Fantasiosi come esule, ma non da me che non ho mai dubitato della sua riconferma e l'ho detto guadagnandomi sorrisi di commiserazione. Facciano tesoro dell'esperienza felicissima di Ancelotti, Conte e la Juve: chi ha visto la emozionante partita con l'Atletico del Coraggio e ha vissuto la sofferenza dei blancos sa che non ha vinto il fatturato ma il lavoro scrupoloso del Signore di Campagna capace di trasformare i soliti Galacticos stramilionari in una squadra unita e scaltra - quasi italiana - esaltata da Sergio Ramos, un difensore, prima con il Bayern poi con l'Atletico. Un soprannome nuovo per Carlo? "'E padràn": il padrone, il paròn. Come Nereo Rocco.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.