VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Milan, ecco perché Berlusconi non cede ancora ai cinesi. Conti critici. Inter, Moratti lavora per una nuova maggioranza. Fuori Thohir.Sarri lontano dal Napoli: tutti i motivi di un divorzio a sorpresa

29.04.2016 08.06 di Enzo Bucchioni   articolo letto 75632 volte
© foto di Federico De Luca

Vendere? Non vendere? Questo è il problema. Berlusconi dorme già poco di suo, ma in queste notti dicono che non abbia chiuso occhio. L'aveva promesso al babbo e alla mamma: non venderò mai la villa di Arcore e il Milan. Certe promesse sono sacre e questo è il suo cruccio vero.

Ma vale la pena tenere il Milan in queste condizioni? Non sarebbe meglio vendere proprio per amore?

In fondo i misteriosi cinesi rappresentati dall'advisor Galatioto hanno programmi seri e grande disponibilità economica, se davvero Berlusconi vuol bene ai colori rossoneri e non solo al suo egoismo, non dovrebbe avere la minima esitazione.

E invece no, dopo trent'anni di successi e di amore, è dura dirsi addio. E lo comprendiamo.

Che farà allora? Si aspetta solo lui, la sua decisione finale, una sua idea, un suo colpo di teatro, oppure la firma sugli accordi già stipulati tra i cinesi e Fininvest. Fosse stato per la figlia Marina avrebbe già ceduto due anni fa, anche Piersilvio è d'accordo, ora pure Confalonieri è nel partito dei venditori. Berlusconi sta decidendo nella solitudine, solo con la sua coscienza e il suo portafogli.

Come è noto i cinesi sarebbero disposti a versare subito 500 milioni per il 70 per cento del club, più il ripianamento dei debiti che ammontano a circa 250 milioni come ufficialmente annunciato ieri nell'assemblea dei soci.

Nel giro di due-tre anni si procederà all'acquisto definitivo per arrivare a quel milione di euro che Berlusconi ha sempre valutato il Milan. In questo modo, visto che in 30 anni di euro ne ha spesi quasi novecento, ne uscirebbe senza perdite economiche e tanta gloria. Un'operazione da fare subito, qui non ci sono i fantomatici amici di Mister Bee ma roba seria.

I cinesi vogliono chiudere prima del mercato per poter comprare giocatori importanti e mettere in piedi una squadra immediatamente competitiva.

E allora perché Berlusconi nicchia?

Le persone più vicine raccontano che sta cercando di uscire a testa alta o meglio, sta cercando un'uscita più indolore e meno traumatica possibile.

I consulenti e gli avvocati sono al lavoro. In sostanza il Cavaliere vorrebbe tenere la gestione sportiva e l'immagine legata al Milan fino a quando i cinesi non rileveranno l'intero pacchetto azionario, diciamo tre anni. Gli secca in modo particolare uscire ora con questo Milan minore, fuori dall'Europa che conta, con una squadra di Brocchi (in tutti i sensi).

Vorrebbe essere ricordato come l'uomo che ha fatto e lasciato grande il Milan quindi sta cercando di convincere i cinesi a rilanciare, a fare una grande squadra. Soltanto dopo, quando il Milan sarà tornato grande, Berlusconi si farebbe da parte con un buon ricordo dietro di sè.

Il desiderio è comprensibile e legittimo, ma i cinesi sono disposti a mettere denaro per due anni rimanendo dietro le quinte? Non c'è chiusura totale, un discorso è aperto. Più difficile conservare il posto a Galliani, i cinesi vogliono cambiare tutta la struttura sportiva e non hanno tutti i torti. Dietro la cordata cinese ci sarebbe Davide Lippi che in Cina ha già lavorato e sta lavorando, è lui il garante tecnico, non economico. E con lui il padre, Marcello Lippi, che in Cina è un idolo calcistico. Quel Lippi che piu' volte, nel passato, Berlusconi ha cercato di portare sulla panchina rossonera.

La risposta definitiva dovrebbe arrivare fra domenica e lunedì, l'infuocato Cda di ieri dovrebbe essere stata una spinta ulteriore verso la cessione. Berlusconi sa benissimo che ormai i tifosi sono esasperati, non dovesse vendere e non dovesse costruire una grande squadra, le contestazioni sarebbe forti e probabilmente non più sostenibili a livello di immagine, ma anche pratico. Senza liquidità e progetti di spesa, il Milan rischia di incartarsi sempre più, potrebbe perdere progressivamente valore, senza contare sui provvedimenti possibili dell'Uefa per il fair play finanziario.

Complicata anche la situazione dell'Inter. In questo caso, come anticipato tre settimane fa, il gruppo Suning è uscito alla scoperto. E' pronto all'acquisizione del 20 per cento, controvalore una settantina di milioni. E' chiaro, però, che per i cinesi sarebbe solo una fase di passaggio. Investire senza comandare non piace a nessuno. E qui entra in ballo Moratti. L'ex presidente continua a far passare il messaggio che non ha più voglia di restare nel calcio, che è pronto a mollare. In realtà sarebbe solo scontento della gestione Thohir, soprattutto è furibondo per i prestiti del tycon con interessi molto alto. Agli amici Moratti ha piu' volte sottolineato che lui ha mantenuto l'Inter con i soldi della sua famiglia mentre Thohir alla fine potrebbe guadagnarci. Come? Si sta studiando l'ipotesi di metterlo in minoranza, c'è tempo fino a novembre, alla scadenza del terzo anno, per ridiscutere i patti. Moratti è combattuto fra cedere il suo 29 per cento ai cinesi per farli avvicinare alla maggioranza, oppure restare a darsi da fare per un'alleanza con Suning che dopo aver comprato il venti potrebbe prendere un altro dieci per cento. Prendere la maggioranza dell'Inter è il vero obiettivo, ma Thohir mollerà? Probabilmente dopo essere rientrato di quanto anticipato fino ad ora, interessi compresi. Il debito complessivo e con le banche è ancora molto alto (sui 400 milioni) e la spalmatura fino al 2019 è solo un po' d'ossigeno. Vicenda ancora tutta da scrivere, intanto con il probabile venti per cento dei cinesi si potrebbe a fare un buon mercato con obiettivo il ritorno in Champions e quindi nel giro dei soldi veri.

Non ha di questi problemi la Juventus che anzi, fra stadio e diritti di Champions, ha deciso di acquistare senza cedere Pogba per puntare l'anno prossimo a vincere la Champions.

Come vi abbiamo detto la settimana scorsa, con Benatia (in arrivo, barattato con Coman), Andrè Gomez e un trequartista (Oscar? Mkitaryan?), la Juve può competere con le grandi d'Europa. Resta il problema Morata, ma qui si sta pensando a convincere il Real a lasciare l'attaccante ancora un anno a Torino in cambio di un'opzione per Pogba nel 2017. E' più di un'idea. Difficile invece arrivare a Cavani che guadagna troppo e non sembra disposto a fare sconti. Piuttosto la Juve sta pensando al rinnovo di Pogba che vorrebbe portare al 2020 con una adeguamento progressivo dell'ingaggio fino a 7,5 milioni netti. Da top player e da top club.

Più complicata la situazione a Napoli. I giocatori che puntavano gli azzurri stanno andando in direzioni diverse (Gomez, Hummels, Klaassen) e De Laurentiis non sembra progettare il futuro.

Ma Sarri resta o no? Questo è il grande interrogativo che noi ci siamo posti già due mesi fa annusando l'aria.

Ora stanno arrivando tutti i media perché è chiaro che il rinnovo automatico a 700 mila euro non sarà accettato dal'allenatore. Adl si illude che le sue carte possano garantirgli di tutto e di più, ma il rinnovo automatico del contratto non vuol dire che Sarri andrà in panchina anche l'anno prossimo. Oggi non ci sono le condizioni e la situazione è nerissima. Intanto il disinteresse del presidente per l'argomento è ritenuto una mancanza di rispetto per il lavoro svolto.

Sarri sta portando il Napoli al secondo posto, ha fatto giocare agli azzurri il miglior calcio della stagione, ha rilanciato Higuain alle quotazioni massime, ha valorizzato la rosa che adesso vale come minimo il 30-40 per cento in più. Pensate solo a Koulibaly che oggi vogliono tutti. Non vale 30 milioni? Sicuro. Detto questo, come ricordato Sarri ha un ingaggio da allenatore dell'Empoli. L'anno scorso tutto andava bene, anche per lui servivano conferme ad alto livello. Ora che le ha avute, pretende un ingaggio da allenatore di alta classifica, non i cinque milioni di Allegri, ma neppure i 700 mila suoi. Diciamo due milioni? Possibile. Probabile. Ma Sarri vuole anche ridiscutere tutta la parte normativa stracciando soprattutto la clausola vessatoria che lo lega al Napoli per cinque anni ed altre cose burocratiche. A quanto ci risulta vorrebbe anche una società più presente, adeguata al livello che ha, ormai stabilmente ai primi posti della classifica. Vorrebbe più uomini di calcio attorno, strutture più adeguate a Castelvolturno, un ritiro estivo all'altezza, ma anche altre cose (oltre ai programmi di rafforzamento) per far crescere il Napoli e avvicinarlo ancora di più alla Juventus.

Sarà un bel braccio di ferro. Sarri resterà? Oggi non scommetterei neppure un euro conoscendo il carattere tostissimo del toscano. Per lui stare fermo per orgoglio non sarebbe un gran problema. Vedremo. Adl deve fare la prima mossa.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.