HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Milan, Fernando no, Essien ni. Pogba: resta non oltre il giugno 2015. La Roma prepara il dopo-Totti. Mazzarri: allena il Napoli o l'Inter? Ischia: troppi debiti anche per Paolillo, l'uomo di Kakà

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
11.01.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 41808 volte
Milan, Fernando no, Essien ni. Pogba: resta non oltre il giugno 2015. La Roma prepara il dopo-Totti. Mazzarri: allena il Napoli o l'Inter? Ischia: troppi debiti anche per Paolillo, l'uomo di Kakà

Gennaio, il mese del centrocampista. Fernando è una idea sfumata di molto, Essien una piccola possibilità, un sassolino di mercato. Che Essien possa diventare un masso di quelli tosti è presto per dirlo, lo si capirà meglio fra 2 settimane. Diamoci questo periodo di tempo. Il resto: Hernanes non arriverà mai al Milan. Sta rinnovando con la Lazio e le trattative con il presidente Lotito, bravissimo a fare il suo, sono impossibili soprattutto se a Gennaio e soprattutto se vicine alla sirena. Ma Hernanes, e in questo non c'è niente di male, incarna il sogno del tifoso rossonero che ha la Champions nella carne e sa quanto sia importante giocarsela con la qualità cucita addosso. Visto che Hernanes, il sogno vero dei tifosi, è impossibile, giusto sondare ogni pista alternativa, ma senza dimenticare che stringere i denti a San Siro all'andata contro l'Atletico senza Montolivo e Muntari potrebbe portare comunque il Milan a giocarsi l'Ottavo fino in fondo nella gara di ritorno.

La Juventus e Mino Raiola stanno dialogando in maniera proficua sul futuro di Paul Pogba. Il destino di Pogba, e in questo la Juventus e gli juventini con centrano niente, è quello di andar via. Fuoriclasse di questo tipo non possono rimanere a lungo in un calcio come quello italiano che per diversi anni non vincerà la Champions League. Giocatori come Pogba possono rimanere qualche anno da giovani in un movimento calcistico come il nostro, ma poi fatalmente vanno. La domanda è: quando? La risposta è chiara: entro un anno e mezzo, Pogba va in un top club. Ci sono buonissime chances che il francesi resti in bianconero anche per il 2014-2015: ingaggio aumentato ma non stratosferico e un giocatore raiolano che piomba a Torino a corredo. Si può fare. Ma il Giugno 2015 resta la data del redde rationem, oltre la quale è pressochè impossibile continuare a vedere Pogba in Italia.

La Roma investe forte su Nainggolan. Dice lo scettico: bella forza, poi cede Strootman al doppio di quanto l'ha acquistato o Pjanic. E invece no, caro scettico. Nainggolan rientra nel progetto di una Roma che entro 2-3 anni vuole vincere il Campionato. Non a caso è partito Bradley e, nel cambio, la Roma si è ulteriormente rafforzata. Per resistere al trauma psicologico del dopo-Totti, la Roma deve avere una squadra forte e una struttura da Scudetto. E' quello che sta facendo. Con un progetto riconoscibile e chiaro. E con Strootman e Pjanic che resteranno al loro posto.

Nel post-partita di Udinese-Inter, ai microfoni Rai, abbiamo sentito Walter Mazzarri magnificare il proprio lavoro a Napoli con pochissimi accenni alla partita appena giocata. Anzi, di quella si è lavato subito le mani. Che volete? Il profilo del Club è basso e la stagione è quella che è? Ma come? Aveva appena definito mirabolante la sua stagione nerazzurra mica come quella del Milan che si vergogni è sotto a meno nove, e non appena si accorge che le cose van male è la società che fa un progetto abbottonato e coperto? Andiamo avanti. L'Inter ha una identità, dice Mazzarri. Spiace Mister, ma ci permettiamo di obiettare: l'abbozzo di identità che l'Inter ha avuto fino a Novembre, l'ha perduta e non da oggi. Il Milan è a meno 9 in Campionato e non si possono paragonare le due stagioni? Spiacente di nuovo Mister, ma le stagioni di chi fa la Champions e di chi non la fa, sono abissalmente diverse. Chi la fa si allena meno, ha più infortunati, si logora di più e qualche punto in Campionato lo lascia. Chi non la fa, gioca il Campionato sul velluto e qualche punto lo guadagna per questo. La verità è che, come il derby ha dimostrato, le due squadre milanesi si equivalgono, e questo è un demerito del Milan che ha la rosa più forte. Ma il Milan lo sa, e non ha bisogno di pagelline post-derby. Ciò di cui ha bisogno il Milan è lucidità. Chiarezza. Senso del momento e buon senso in generale, adesso che qualche piccola premessa di svolta in Campionato sembra esserci. Vedete, piccolo inciso: durante le vacanze di Natale si è rivisto con piacere sulle reti Rai Eccezziunale veramente-2. Nei testi, non addebitabili al buon Diego Abatantuono, si faceva cenno a Inter-Milan 0-6, stagione 2001-2002...Eh no! Se ci si dimentica la data che non scorda più nessuno (11 Maggio 2011, stagione 2000-01, c'è anche il coro...), come si fa a essere precisi e attendibili su tutto il resto?

Amiamo Ischia. Marchio nazionale. Fra le prime 3 località turistiche d'Italia, in tutte le graduatorie di categoria. Il diario, quindi, continua. La squadra continua a pareggiare e il ds Crisano si è dimesso, facendo intendere che lui lasciava anche per l'arrivo di una nuova proprietà. E invece sembra proprio di no. La famiglia milanese Dambra ha visto i conti e spiace molto per i tifosi e per tutta l'isola, ma è più che sicuro che non se ne farà nulla. Uno sguardo alla vicenda Ischia, l'ha data anche Gaetano Paolillo. L'uomo del quale, per inciso, i tifosi del Milan devono essere contenti. Perché l'intuizione giusta e la finalizzazione è sempre di Adriano Galliani, ma negli anni di Madrid è stato Gaetano Paolillo a tenere calda presso il Milan l'idea del ritorno di Ricky in rossonero. Non si riduce l'ingaggio, no, impossibile, non se lo riduce, si pensava a Milano. Ma si che se lo riduce, si che si può fare, era il pensiero positivo di rimando. E così è stato. Insomma, Paolillo vuol bene all'Ischia e una mano su qualche giocatore la può anche dare, ma i conti del Club, così come sono, non permettono l'ingresso della famiglia Dambra. In questo anche il Comune di Ischia deve essere bravo a non illudersi e a non illudere.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.