HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan: ha vinto ancora Galliani, Seedorf già al capolinea. Inzaghi in pole, ma torna il nome di Prandelli. La rivolta guidata di Montolivo. Inter: piace Morata, no a Torres ed Eto'o

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
21.03.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 51304 volte
© foto di Federico De Luca

Ha vinto ancora Adriano Galliani. Chi pensava che la drammatica situazione del Milan arrivato in un punto di non ritorno, la peggior classifica dell'era Berlusconi, potesse indurre il Patron a fare la rivoluzione dando pieni poteri a Barbara, inserendo nello staff dirigenziale grandi ex giocatori a cominciare da Maldini, ha sbagliato le previsioni.

Del resto 35 anni assieme non si possono cancellare con facilità, forse per nessuna ragione, troppe cose legano inscindibilmente Berlusconi e Galliani, quindi la sensazione è soltanto una: Galliani uscirà dal Milan soltanto quando e se, un giorno Berlusconi dovesse decidere di vendere.

Cosa fare allora per uscire da questa situazione? Questa è la grande domanda che aspetta una risposta. Galliani in questi giorni ha dimostrato a Berlusconi che la scelta di Seedorf è sbagliata. L'amministratore delegato non lo avrebbe mai preso, avrebbe continuato fino a fine stagione con Allegri dando poi la panchina a Prandelli, ma Berlusconi ha voluto puntare su Seedorf e Galliani si è piegato.

Due mesi dopo il Milan va ancora peggio e allora Galliani ha voluto far sentire al Presidente tutte le voci dello spogliatoio e di Milanello per fargli capire come l'ex centrocampista sia già diventato un corpo estraneo alla squadra o come minimo ci sia in atto una crisi di rigetto.

I primi sentori si erano già avuti leggendo le penne più vicine a Galliani che hanno cominciato l'attacco a Seedorf quando non era ancora il momento e non c'erano i presupposti. Da lì è stato un crescendo. Nell'ultima settimana Berlusconi ha ascoltato soprattutto alcuni giocatori, Montolivo in testa in qualità di capitano. Proprio l'ex viola, paladino di Allegri, ha guidato la rivolta nello spogliatoio per motivi personali. Il ruolo a centrocampo datogli da Seedorf non gli piace, sta ruotando troppo, ha paura per il mondiale, poi non ha gradito di essere stato degradato nella gara con il Napoli in favore di Mexes. Attorno a Montolivo alcuni giovani e senatori che contestano i sistemi di allenamento.

Galliani, però, ha fatto notare come Seedorf stia disperdendo il patrimonio giocatori, Honda non gioca mai, De Sciglio non gli piace, altri sono finiti ai margini. Non piace neppure il feeling che l'allenatore ha instaurato con i tifosi, se la contestazione ha salvato solo lui un motivo ci deve essere. E questo non va bene a Berlusconi.

Il presidente ha parlato direttamente con Seedorf di tattica (non gradisce il 4-2-3-1), ma anche del Milan del. La squadra sarà cambiata, ma non rivoluzionata come pretenderebbe l'allenatore: non ci sono soldi. Troppe cose, quindi, dividono Seedorf da tutti e non soltanto per i risultati. Certo se la squadra fosse cresciuta e avesse fatto punti tutti si sarebbero nascosti, ma visto il flop in campo, tutto quello che succede fuori è stato esasperato e ingigantito fino a mettere Seedorf al muro. Che succederà?

Prima di mollarlo definitivamente, Berlusconi ha chiesto a Seedorf maggiore duttilità tattica passando al 4-3-1-2 con il famoso trequartista che potrà essere Honda con Kakà seconda punta, oppure Kakà con Pazzini-Balotelli in attacco. Seconda cosa una maggiore duttilità nei rapporti con il gruppo e con l'ambiente, l'allenatore non può essere il monarca assoluto, la psicologia conta.

Si vedrà con la Lazio se la scossa avrà dato risultati, se squadra e allenatore si sono riavvicinati, altrimenti dopo la partita con la Fiorentina della settimana successiva si tireranno le somme. Berlusconi spera di recuperare Seedorf, crede ancora che possa diventare un grande allenatore. In caso contrario Tassotti traghettatore fino a giugno. Poi?

Le soluzioni sono due. Piace Prandelli (non a caso è slittato l'incontro con Abete per il rinnovo in nazionale) che Sacchi aveva già suggerito l'estate scorsa a Berlusconi per il dopo-Allegri. Sacchi è sempre molto ascoltato, la candidatura è forte.

La soluzione B, sicuramente più affascinante per il presidente, è quella di Inzaghi. Pippo è una creatura di Galliani, ma anche l'ad ha paura di bruciarlo, lo vedrebbe ancora bene per un paio d'anni nelle giovanili o in una squadra media per fare esperienza per poi farlo tornare al Milan. Comunque dalla formazione di domenica prossima e dall'atteggiamento della squadra capiremo molte cose.

Congelato, quindi, anche il rinnovamento societario. Con l'intervista alla Gazzetta Paolo Maldini si è bruciato definitivamente. L'attacco a Galliani non è stato gradito neppure da Berlusconi, in questo Milan sarà difficile anche per Barbara trovare un posto per l'ex difensore. Anche Demetrio Albertini non è più stato contattato dopo un abboccamento che risale a qualche mese fa.

Insomma il rinnovamento si fermerà a Sogliano del Verona, direttore sportivo al posto di Braida passato alla Samp. Anche Barbara deve prendere atto che Galliani ha ancora forza, non fosse altro per una liquidazione di 30 milioni di euro e rotti... che pretenderebbe in caso di siluramento. Con quei soldi meglio tenersi Galliani e comprare qualche giocatore è il ragionamento condivisibile di Berlusconi. I tempi sono quelli che sono.

Tempi duri anche per l'Inter che vuole rinnovare, ma con budget relativi. Si cercano giocatori d'esperienza e di carisma per dare personalità. Dopo Vidic, Ausilio sta puntando Sagna. Piace Morata. Insensibili, invece, all'appello di Eto'o che vorrebbe tornare a Milano. Come ha detto Mourinho, avrà 35 anni...troppi anche per l'Inter. Anche Torres visto l'altra non piace, allora tanto vale tenere Milito.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.