HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Milan, il problema è chi paga 50 milioni di liquidazione a Galliani. Capello direttore generale. Juve, ti portano via Kessie. Pjanic è un caso. Inter fuori dall'Europa League, meglio così. Fiorentina, Sousa via a giugno

25.11.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 49697 volte
© foto di Federico De Luca

L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni diverse dalla realtà. Magari nella speranza che qualcuno dei potenziali soci si tiri indietro all'ultimo e metta in difficoltà la cordata di Sino Europe Sports che sta comprando il Milan.

Tutto comprensibile, per carità. Fosse stato per lui, il Cavaliere non avrebbe mai venduto, per di non mollare sarebbe andato avanti davvero con una squadra di giovani italiani, ma è stata la Fininvest a decidere. Marina Berlusconi ha spiegato con fermezza al padre che il tempo era scaduto e l'occasione di liberarsi del Milan sempre in rosso da anni e con una montagna di debiti (circa 250 milioni) andava colta al volo. Economicamente trattasi di un grande affare, Berlusconi razionalmente l'ha capito, ma come un novello dottor Jekyll e mister Hyde, deve convivere anche con l'alter ego tifoso e innamorato del Milan. Berlusconi è fatto così, è un doppio, e lo sappiamo bene. Soltanto lui, però, può immaginare di poter rimanere presidente operativo in una società di altri. Non succederà. E non succederà neppure che Galliani possa restare con un incarico di responsabilità. E questo forse è il problema più grosso. Come aveva detto chiaramente quattro anni fa quando Barbara ha tentato la scalata al Milan, dopo trent'anni di lavoro al massimo livello operativo, la liquidazione che gli spetta è mostruosa. La cifra esatta non è data sapere, ma di sicuro si avvicina ai cinquanta milioni di euro. Chi li paga? Galliani è uomo Fininvest e alla Fininvest dovrebbe spettare un onore gigantesco come questo. I cinesi avrebbero già fatto sapere che sono disponibili a coprire i debiti pregressi, ma non la liquidazione di Galliani. Il tentato colpo di coda di Berlusconi potrebbe essere legato anche a questo, se i cinesi imbarcassero anche Galliani il problema sarebbe risolto. Non succederà e allora questo resta l'ultimo giallo.

Per il resto il closing del 13 dicembre sarà rispettato e Berlusconi lo sa. Ieri lo ha confermato pure l'imprenditore Rosso, il signor Diesel, che fa affari anche in Cina e conosce la vicenda. E' tutto pronto, è stato perfino fissato l'orario della conferenza stampa della nuova proprietà, il 13 dicembre alle 16 dopo l'assemblea dei soci convocata in mattinata. Qualche problema è insorto con il governo cinese per l'esportazione dei 420 milioni necessari a chiudere l'acquisto, e questo è vero, ma si lavora per aggirare tutti gli ultimi ostacoli. Il margine di slittamento è assolutamente minimo anche se la prudenza in certe situazioni è sempre buona compagna di viaggio. Ma da qui a pensare che l'affare possa saltare ce ne corre. Chi lo spera e ha fatto di tutto per farlo saltare davvero, si metta l'animo in pace.

Fra l'altro, dopo Fassone e Mirabelli, stanno venendo fuori altri nomi di spicco per l'organigramma del futuro Milan. L'ultimo è quello di Fabio Capello destinato a diventare il direttore generale rossonero con responsabilità di tutto il settore tecnico della società. L'anteprima è di Luciano Moggi, uno che Capello lo conosce bene, ma arrivano conferme da diverse parti. Ecco così spiegato il recente no di Capello all'Inter, ma anche ad altre panchine e alla Nazionale. Tornare al Milan è più di un'idea, il ruolo di grande dirigente per un grande ex, così sarebbe coperto a dovere.

In attesa degli eventi, la settimana delle coppe ci restituisce un calcio italiano in chiaroscuro. Anche l'Inter di Pioli in Europa League delude: ora è fuori. Meglio così, una squadra in ricostruzione, con un allenatore nuovo, avrebbe buttato via inutili energie in una disperata e improbabile corsa alla qualificazione. L'Inter deve puntare tutto sul ritorno in Champions e questo organico ha dimostrato anche ieri di non essere mentalmente pronto per reggere un ritmo gara intenso, c'è da lavorare in tranquillità e adesso Pioli lo potrà fare meglio puntando tutto sul campionato.

La Juve ha conquistato una vittoria e una qualificazione che hanno il sapore della grande impresa. Prima in Champions, sette punti di vantaggio in campionato, cosa si può chiedere di più? I superficiali risponderanno niente, ma io sono invece sicuro che Marotta è preoccupato. Il centrocampo della Juve fatica e ha faticato anche a Siviglia fino all'espulsione di Vazquez, manca gioco, manca soprattutto un uomo che dia fisicità ed energia. E poi Pjanic sta diventando un caso. Non ha ancora giocato una gara al suo livello, fuori dai meccanismi, sempre scialbo. Il tempo dell'inserimento è scaduto, ora è il momento di pretendere di più. E anche se il mercato si avvicina, gli obiettivi sono tutti difficili, a cominciare da Witsel come vi abbiamo detto sette giorni fa. Nessuno degli altri, da Tolisso a Matuidi, si muoveranno in gennaio. Arriverà l'uruguagio Betancour dal Boca, ma non basta. L'ultimo nel mirino è Dahoud del Borussia Monchengladbach visionato da Paratici, ma anche questo colpo è difficile. La Juve ha impostato un discorso con l'Atalanta per prendere almeno tre dei suoi giovani d'oro (Kessie, Caldara e Conti, forse anche Gagliardini) lasciandoli in prestito a Bergamo per maturare. Il discorso non è semplice, l'Atalanta chiede cifre importanti. Per Kessie che potrebbe anche essere pronto subito per la Juventus, servono venti milioni e Marotta rischia di perderlo se non chiude in fretta. Dall'Inghilterra arrivano voci di un interessamento del Chelsea, ma il giovane centrocampista piace anche a Mourinho. Bisogna decidere prima di scatenare un'asta improbabile.

Fra le deluse di Europa League anche la Fiorentina che sperava di chiudere la pratica primo posto ieri sera. La sconfitta con il Paok complica di pochissimo la classifica, ma la gestione della gara non è piaciuta. Troppi alti e bassi, non si trova continuità e le parole di Sousa su Bernardeschi «andrà in una squadra con più ambizioni della Fiorentina», hanno allargato il solco fra la proprietà, la tifoseria e Sousa. L'allenatore portoghese non sarà riconfermato per diverse ragioni, fra l'altro la Fiorentina vuole aprire un nuovo ciclo a giugno ed è giusto farlo con un tecnico diverso. Sousa ha tre possibilità per restare a Firenze: 1) Conquistare un posto in Champions 2) Vincere la coppa Italia 3) Vincere l'Europa League. Veda lui.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.