HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan, il tuo mercato lo decide Ibra. Rossoneri: da Robinho-Saponara a Bertolacci. Buffon: il biscotto non ammazza nessuno. Mancini: commissioni, non telefonate

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
27.06.2015 08.39 di Mauro Suma   articolo letto 94041 volte

Jackson Martinez era un airone esplosivo. Non è venuto. Il suo sì, e il sì del presidente del Porto, come sa bene sulla sua pelle chi lavora sulle notizie minuto per minuto e non sul trespolo ad aeternum, è diventato un no, ma la vita continua. Se c'è un Club che ha saputo prendere Van Basten dopo il rifiuto di Vialli, Pato dopo il rifiuto di Suazo, e non Podolski dopo il rifiuto di Cerci, quello è il Milan. Detto questo, Carlos Bacca. Arriverà? Chi lo sa. Certo, è un giocatore diverso da Jacskon. Più avvolgente e bello il cigno del Porto, più uomo-gol e finalizzatore cattivo il rompighiaccio del Siviglia. Non sarebbe certo un passo indietro. Sarebbe certamente qualcosa di diverso. In soldoni: se fosse venuto Jackson Martinez non sarebbe mancato chi avrebbe parlato di giocatore troppo vecchio per tutti quei soldi, ma per chi si nega il rutto libero e prova ad analizzare sarebbe stato un arrivo in grado di rendere, bestemmia, "inutile", addirittura lo stesso e quanto mai eventuale ritorno di Ibra. Perché Jackson esce, svaria, recupera, tira, segna, fa tutto. Proprio come Z. Carlos Bacca è invece un goleador affamato e spietato ma che ha bisogno totale e assoluto degli spazi creati da un gigante che catalizza attenzioni e difensori avversari. Quindi, Ibra. Non sempre il lato mediatico del mercato è sullo stesso piano del lato funzionale. L'emozione dei tifosi non sempre va nella stessa direzione delle effettive necessità della squadra. Ma questa volta sì. Annusata l'aria e dato uno sguardo all'orizzonte, oggi l'unico uomo in grado di cambiare davvero e sul serio l'umore dei tifosi del Milan è proprio lui, Ibra. Il Milan sa quello che deve fare e lo farà. La strada del mercato rossonero è indicata ed è imporante. Ma se viene Ibra esce l'arcobaleno per i tifosi, altrimenti, fatalmente, no. E sarebbe proprio l'uomo della Provvidenza nel caso in cui al posto di Jackson arrivasse un finalizzatore. Impresa titanica però, perché Ibra ha detto no al Milan. E' andato a Doha prendendo tre-quattro aerei per dire no al Milan. Sta studiando strategie per dire no al Milan. Non vede l'ora di dire no al Milan.

La sentenza è arrivata subito: venti milioni sono tanti per Bertolacci. Esattamente come quaranta milioni sono tanti per Kondogbia. Ma la prima frase inonda microfoni su microfoni, la seconda no. La seconda frase è silenziata, non esiste, saltella, insieme ai sorrisini compiaciuti di chi, da sempre negli studi televisivi, si compiace di "chi non salta è un rossonero" e parla di beffa e scarso rispetto quando "chi non salta è un nerazzurro". Saranno anche tanti i venti milioni per un nazionale come Bertolacci, ma sono anche i soldi che di fatto il Milan si ritrova dopo le operazioni di Robinho e Saponara. La rescissione del contratto di Robinho, sei milioni netti risparmiati, e la somma del riscatto esercitato dall'Empoli per Saponara più il 30 per cento derivante da una successiva cessione di Riccardo, generano una cifra molto vicina all'investimento per Bertolacci. Quindi c'è tutto il tempo. Che il magone del 20 Giugno non passi con l'arrivo di Bertolacci, è ovvio ed evidente. Ma che adesso il Milan abbia due punte importanti come obiettivo, è altrettanto chiaro. E Witsel? E il centrocampo nel suo complesso? E il difensore? Domande corrette, tarli martellanti, ma il mercato chiude il 31 Agosto. Il Milan si deve rilanciare e alla grande. Non bastano un ragazzo a centrocampo e una punta là davanti. E' necessaria una riconfigurazione della squadra. Senza scorciatoie e senza sconti. Il presidente Berlusconi lo sa e tira dritto a prescindere. Lo scambio della documentazione, e una imminente video-conferenza, con Mr.Bee Taechaubol e il suo consorzio, proseguono spediti. Non dovevano esserci soldi adesso, perché il comunicato del 5 Giugno non è il preliminare dell'acquisto di un appartamento. Niente caparre. Contestualmente alle firme e al trasferimento delle quote, dovrà essere corrisposto il relativo bonifico. L'impalcatura è chiara.

Le intercettazioni su alcune partite di Serie B sono più da cronaca nera che da pagina sportiva. Ma in molti ci sono saltati addosso. Soprattutto sui social bianconeri. Ah ecco Pulvirenti, quello che protestava per il gol annullato al Catania dopo l'intervento della panchina bianconera, l'amico di questo, l'amico di quello. E' giusto che i tifosi appassionati di una squadra si scatenino non solo sulle vicende di campo ma anche sul resto. Carino però notare, come dopo il biscotto dell'Europeo Under 21 con la Svezia e il Portogallo che beffano l'Italia, nessuno ma proprio nessuno sia tornato sulle frasi di Gigi Buffon: meglio due feriti che un morto...Siamo, vero, lontani anni luce. Pulvirenti è dentrissimo una serie di intercettazioni allucinanti, mentre non c'è nessuna correlazione fra le dichiarazioni di Buffon e l'1-1 svedese. Ma sul piano etico-morale, sappiamo tutti abbastanza bene che in cuor suo Buffon non condanna quanto accaduto nell'Europeo Under 21, ma lo accetta e lo giustifica dall'alto della sua esperienza di campo. Parliamone, però. Ricordiamo tutto, non solo quello che conviene.

Una settimana fa scrivevamo qui che non sono le telefonate di Roberto Mancini a decidere se si fa o non si fa, se viene o non viene, se succede o non succede. Il modo in cui è "passato" il fragoroso caso mediatico di Geoffrey Kondogbia, sembrerebbe dimostrare il contrario, con i social che scoppiano di santini e telefoni. Del resto, con un luogo comune che non rende onore ne all'una ne all'altro, il crocevia telefonico sta all'Inter come lo snodo delle libagioni al Milan. Ma insistiamo. Montecarlo, nonostante le dichiarazioni di Kondogbia che abbiamo letto, non è stata decisa dalla telefonata. Sappiamo da sempre che le operazioni di mercato, soprattutto convulse come quella che ha opposto l'Inter che ha vinto al Milan che ha perso, vanno in porto solo se e solo quando "sono tutti contenti". Le parti in causa sono tante, in casi del genere. E a far tutti contenti non sono, bontà loro, le telefonate. Ma le intese, gli accordi, le commissioni. Tutto deve essere chiaro, detto e percepito. Se prevale l'alone di non detto o di sospetto, basta anche un dettaglio per far saltare tutto. E il Milan, sulla sua pelle, non dall'altro capo del filo, lo sa bene.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.