VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Milan, l'unico mister è Fininvest. Inter: lo scudetto passa da Wolfsburg. Juventus: assalto ad Abate. Milan, niente Ancelotti. Jovetic: derby Inter-Juve

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
14.03.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 27202 volte

A Milan Channel, la prossima settimana, interverrà a Terza Pagina l'avvocato Alberto Ledda. I veri milanisti ricordano. Era, è, l'avvocato molto amico di Gianni Rivera che curò sul piano legale ben 5 passaggi di proprietà del Milan nel giro di 10 anni: da Buticchi a Rivera, da Rivera a Duina, da Duina a Colombo, da Colombo a Farina e da Farina finalmente a Berlusconi. La memoria ancora fervida e lucida di Ledda ci ha ricordato quanto sia rischioso e fuorviante, in casi del genere, fidarsi di voci e vocine, rincorrere personaggi e faccendieri, dare credito a baristi, nani e ballerine. Da Franco Ambrosio a Mister tal dei tali, la Storia insegna sempre. Ricordiamo alla perfezione la data della prima voce di vendita del Milan di Berlusconi: lunedì 5 Ottobre 2009, il giorno prima la squadra aveva pareggiato 1-1 a Bergamo, cento giorni prima Kakà era volato a Madrid. E' da quel giorno, da quel 5 Ottobre 2009, 1885 giorni fa, che ci dicono che le smentite non servono a niente e che ci spiegano loro come stanno le cose. Ma è esattamente da quel giorno che crediamo solo ai comunicati della Fininvest. Sarà banale, sarà scontato ma è tremendamente vero: Mister Fininvest è molto più credibile di qualsiasi altro Mister. Ma ci pensate? Se da quasi sei anni a questa parte avessimo creduto ad altro o ad altri, avremmo soltanto perso tempo. E quasi duemila giorni perduti non se li può permettere nessuno. Quindi: visto che il gol di Thiago Silva a Londra ci ha ricordato in maniera dolce e spietata, in un attimo commovente e duro, quello che il Milan era e quello che il Milan oggi è, siamo i primi a sperare che la presidenza Berlusconi dia, come tante volte già ha fatto negli ultimi 29 anni, una svolta a se stessa. Sappiamo perfettamente che Silvio Berlusconi ha l'energia per farlo ed è al lavoro per farlo. Sappiamo anche, esattamente come recita Fininvest, che i rumors sono rumors, che i contatti sono contatti, che le eventuali quote di minoranza sono eventuali quote di minoranza. Il 31 Luglio 2012, Silvio Berlusconi disse a Milan Channel: "Partnership? Magari, porte aperte, a patto che abbiano a cuore il bene del Milan". Avere a cuore, ovvero avere, trovare, le risorse per sostenere l'affare di cuore più costoso del mondo. Di questo stiamo parlando e su questo non ci sono certezze. I patti sono patti e vanno mantenuti. Non da Silvio Berlusconi, che da 29 anni garantisce presente, passato e futuro, ma da chi si presenta. Non è lui alla prova, sono i suoi interlocutori. I primi passi nel futuro saranno sempre sulle gambe di Silvio Berlusconi.

Il buon Biasin ha perfettamente ragione. I giornalisti interisti non esistono, sono solo una creatura della perfidia del sottoscritto. Il quale sottoscritto non è solo perfido, ma anche folgorato. Sì, quella di Wolfsburg è stata una vera e propria folgorazione. Abbagliante, convincente. E' stata la conferma che l'Inter andrà in Champions League e che grazie ai ricavi della Champions il presidente Thohir ripianerà tutti i buchi, in porta, in difesa, nei numeri e nei bilanci. Non solo, l'Inter con le parate di Handanovic e con i gol di Icardi lotterà per lo Scudetto dell'anno prossimo e degli anni che verranno. Anni in cui Niang non imparerà a guidare ma durante i quali l'ex luogotenente di Paletta al Parma, ovvero Felipe, farà dormire sonni tranquilli a tutti. I conti sono a posto, la media-punti travolgente di Mister Mancini in Campionato pure, la vita non solo continua ma è anche bellissima. Avete ragione, andate sul Milan, che all'Inter è tutto a posto. Va tutto benissimo.

Il vero giocatore del Milan che la Juventus punta non è Nigel De Jong, ma Ignazio Abate. A Torino ne conoscono serietà, cattiveria sportiva e professionalità. A Ignazio fa tutto piacere, ma il sorriso tenere che si perde nei suoi occhi azzurri campani lascia chiaramente intendere come andrà a finire. Antonio Conte, per la sua Nazionale, osserva attento. A proposito di allenatori, dal momento che a noi non piace lasciare le cose aperte per troppo tempo, è giusto chiudere ciò che va chiuso. Tra Carlo Ancelotti e il Milan va bene così, quello che è stato è stato. Però, negli anni al di fuori del Milan, si è un po' indurito il cuore di Carletto. I presidenti li lascia fare, li tollera, ma non oltre un certo limite. E' venuto via orgogliosamente da Londra, ha avvisato mesi prima il PSG che avrebbe lasciato Parigi e oggi valuta in silenzio l'atteggiamento ondivago, da presidente tutt'altro che innamorato e riconoscente, di Florentino nei suoi confronti. Perez non lo caccia, ma lui se ne andrà. Dove, non al Milan.

L'estate in cui Stevan Jovetic lasciò Firenze per il City, la Juventus lo voleva. In maniera chiara, aperta e trasparente. Poi per una serie di motivi, non ultima la rivalità e non ultimo lo strascico Berbatov, il campione montenegrino non si presentò all'appuntamento con Torino. Sono due anni che Jovetic langue a Manchester, due anni in cui sprizza ma non esplode, due anni in cui vorrebbe ma non può. I boatos di oggi lo danno in orbita Inter, ma la Juventus lo ha tutt'altro che dimenticato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.