HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Milan, l'unico mister è Fininvest. Inter: lo scudetto passa da Wolfsburg. Juventus: assalto ad Abate. Milan, niente Ancelotti. Jovetic: derby Inter-Juve

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
14.03.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 27200 volte

A Milan Channel, la prossima settimana, interverrà a Terza Pagina l'avvocato Alberto Ledda. I veri milanisti ricordano. Era, è, l'avvocato molto amico di Gianni Rivera che curò sul piano legale ben 5 passaggi di proprietà del Milan nel giro di 10 anni: da Buticchi a Rivera, da Rivera a Duina, da Duina a Colombo, da Colombo a Farina e da Farina finalmente a Berlusconi. La memoria ancora fervida e lucida di Ledda ci ha ricordato quanto sia rischioso e fuorviante, in casi del genere, fidarsi di voci e vocine, rincorrere personaggi e faccendieri, dare credito a baristi, nani e ballerine. Da Franco Ambrosio a Mister tal dei tali, la Storia insegna sempre. Ricordiamo alla perfezione la data della prima voce di vendita del Milan di Berlusconi: lunedì 5 Ottobre 2009, il giorno prima la squadra aveva pareggiato 1-1 a Bergamo, cento giorni prima Kakà era volato a Madrid. E' da quel giorno, da quel 5 Ottobre 2009, 1885 giorni fa, che ci dicono che le smentite non servono a niente e che ci spiegano loro come stanno le cose. Ma è esattamente da quel giorno che crediamo solo ai comunicati della Fininvest. Sarà banale, sarà scontato ma è tremendamente vero: Mister Fininvest è molto più credibile di qualsiasi altro Mister. Ma ci pensate? Se da quasi sei anni a questa parte avessimo creduto ad altro o ad altri, avremmo soltanto perso tempo. E quasi duemila giorni perduti non se li può permettere nessuno. Quindi: visto che il gol di Thiago Silva a Londra ci ha ricordato in maniera dolce e spietata, in un attimo commovente e duro, quello che il Milan era e quello che il Milan oggi è, siamo i primi a sperare che la presidenza Berlusconi dia, come tante volte già ha fatto negli ultimi 29 anni, una svolta a se stessa. Sappiamo perfettamente che Silvio Berlusconi ha l'energia per farlo ed è al lavoro per farlo. Sappiamo anche, esattamente come recita Fininvest, che i rumors sono rumors, che i contatti sono contatti, che le eventuali quote di minoranza sono eventuali quote di minoranza. Il 31 Luglio 2012, Silvio Berlusconi disse a Milan Channel: "Partnership? Magari, porte aperte, a patto che abbiano a cuore il bene del Milan". Avere a cuore, ovvero avere, trovare, le risorse per sostenere l'affare di cuore più costoso del mondo. Di questo stiamo parlando e su questo non ci sono certezze. I patti sono patti e vanno mantenuti. Non da Silvio Berlusconi, che da 29 anni garantisce presente, passato e futuro, ma da chi si presenta. Non è lui alla prova, sono i suoi interlocutori. I primi passi nel futuro saranno sempre sulle gambe di Silvio Berlusconi.

Il buon Biasin ha perfettamente ragione. I giornalisti interisti non esistono, sono solo una creatura della perfidia del sottoscritto. Il quale sottoscritto non è solo perfido, ma anche folgorato. Sì, quella di Wolfsburg è stata una vera e propria folgorazione. Abbagliante, convincente. E' stata la conferma che l'Inter andrà in Champions League e che grazie ai ricavi della Champions il presidente Thohir ripianerà tutti i buchi, in porta, in difesa, nei numeri e nei bilanci. Non solo, l'Inter con le parate di Handanovic e con i gol di Icardi lotterà per lo Scudetto dell'anno prossimo e degli anni che verranno. Anni in cui Niang non imparerà a guidare ma durante i quali l'ex luogotenente di Paletta al Parma, ovvero Felipe, farà dormire sonni tranquilli a tutti. I conti sono a posto, la media-punti travolgente di Mister Mancini in Campionato pure, la vita non solo continua ma è anche bellissima. Avete ragione, andate sul Milan, che all'Inter è tutto a posto. Va tutto benissimo.

Il vero giocatore del Milan che la Juventus punta non è Nigel De Jong, ma Ignazio Abate. A Torino ne conoscono serietà, cattiveria sportiva e professionalità. A Ignazio fa tutto piacere, ma il sorriso tenere che si perde nei suoi occhi azzurri campani lascia chiaramente intendere come andrà a finire. Antonio Conte, per la sua Nazionale, osserva attento. A proposito di allenatori, dal momento che a noi non piace lasciare le cose aperte per troppo tempo, è giusto chiudere ciò che va chiuso. Tra Carlo Ancelotti e il Milan va bene così, quello che è stato è stato. Però, negli anni al di fuori del Milan, si è un po' indurito il cuore di Carletto. I presidenti li lascia fare, li tollera, ma non oltre un certo limite. E' venuto via orgogliosamente da Londra, ha avvisato mesi prima il PSG che avrebbe lasciato Parigi e oggi valuta in silenzio l'atteggiamento ondivago, da presidente tutt'altro che innamorato e riconoscente, di Florentino nei suoi confronti. Perez non lo caccia, ma lui se ne andrà. Dove, non al Milan.

L'estate in cui Stevan Jovetic lasciò Firenze per il City, la Juventus lo voleva. In maniera chiara, aperta e trasparente. Poi per una serie di motivi, non ultima la rivalità e non ultimo lo strascico Berbatov, il campione montenegrino non si presentò all'appuntamento con Torino. Sono due anni che Jovetic langue a Manchester, due anni in cui sprizza ma non esplode, due anni in cui vorrebbe ma non può. I boatos di oggi lo danno in orbita Inter, ma la Juventus lo ha tutt'altro che dimenticato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.