HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Milan, la tela di Cerci. Rabbia Juve per Conte: attenta Inter. Mancini: lo stesso 2-2 di Mazzarri. Mancio: il suo vantaggio sul mercato. Garcia: è stato Juve-Roma anche all'Olimpico

27.12.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 62319 volte

Le tifoserie sono già schierate. Chi spera in un Bonaventura-2 La Vendetta e chi in un Suazo sempre 2 e sempre la vendetta. In questi casi, quando ci sono animi da derby surriscaldati in campo, l'unica cosa da fare è attenersi ai fatti. Ci sono quattro parti in causa, per tre delle quali è già tutto risolto e concordato. Ovvero Atletico Madrid, Milan e Torres. La quarta è lui, Alessio Cerci. La sua pendenza definiamola di carattere psicologico è con l'Atletico. Vuole un futuro chiaro e delineato. Il tema di Alessio Cerci non appare il si o il no al Milan, ma la formula del trasferimento. Sulla quale però, per l'ingegneria dell'operazione che non coinvolge solo lui, non possono esserci deroghe nemmeno verso altri Club. Milan e Atletico sono già in possesso delle reciproche autorizzazioni a far allenare a maglie invertite i due giocatori prima della stipula definitiva degli accordi. Il Milan non dà le cose per fatte ma per ben avviate. Se come sembra dovesse andare tutto in porto, la vicenda Torres insegna. Se sul campo la scelta non ha pagato come nei casi di Diego Lopez, Bonaventura, Alex e Menez, sulla scena del mercato anche la stessa operazione estiva con il Chelsea dimostra che se resti con le trattative nell'alveo dei grandi giocatori, male che vada passi da un giocatore importante ad un altro. E per chi ha chiuso l'anno solare a due punti dal terzo posto, non al nono (ahi ahi brutta cosa l'isterismo), e ha la dolce ossessione sportiva del ritorno in Champions League, tutto questo è fondamentale.

Ha fatto impressione, durante la serie dei rigori di Doha, la tensione di Marotta, Nedved e Paratici. La stessa esultanza senza freni di Andrea Agnelli nel momento in cui sembrava fatta per la Juventus, dopo uno dei rigori falliti dal Napoli. Domanda lecita. Ma come? Con tutto quello che hanno vinto negli anni scorsi, con gli Ottavi di Champions in tasca e il titolo d'inverno 2015 ormai vicinissimo, perché così nervosi per una Supercoppa? Un titolo rispettabile, ma pur sempre una Supercoppa dell'Italietta…I fondali del calcio rispondono: ci tenevano a vincere subito un trofeo perché sarebbe stato il primo del dopo Conte. Il Ct azzurro, gli stage, la gestione dei giocatori juventini: tutti nervi scoperti. E a Doha si è visto. La Juventus coltiverà la sua "stizza" per tutta la sosta natalizia. Fino al 6 Gennaio: Juventus-Inter allo Juventus Stadium…

Non è questione di tifo, credete. Ma di cronaca. L'Inter di Mancini contro la Lazio ha fatto la stessa partita che aveva fatto l'Inter di Mazzarri contro il Napoli. Stesso stadio, stesso punteggio, stessa gara a strappi, vissuta più sul filo dei nervi che su quello del gioco. Roberto Mancini ha fatto 5 punti in 5 partite. Non esattamente una marcia trionfale. Sia ben chiaro: sta lavorando bene e si colgono i suoi tentativi di migliorare proposta di gioco e mentalità. Ma la squadra è quella e con la squadra che c'è Mancini sta facendo più o meno le stesse cose del suo predecessore.

Ma Roberto Mancini ha un vantaggio. Ha carta bianca sul mercato. Non in termini economici. Ma sul piano tecnico. Se lui decide che quel giocatore è da comprare e l'operazione, a livello strutturale ed economico si può fare, si fa. In base alle garanzie che ha chiesto il tecnico al momento di accettare l'incarico e in base alle varie triangolazioni dei delicati equilibri Thohir-Moratti, si fa quello che dice il Mancio. Non c'è un livello superiore che negozia con lui la scelta tecnica. E questo rende più snelle le cose in casa nerazzurra rispetto ad un mercato, quello di Gennaio, che, con l'equilibrio che c'è in giro, può anche fare la differenza per il terzo posto.

Roma-Milan è stata in parte la nemesi di Juve-Roma. Assodato che il rigore di De Jong c'era, ma era molto difficile da vedere in presa diretta perché la sua mano era molto vicina alla spalla di Gervinho, è quello che è accaduto nel secondo tempo che ha colpito. Con il Milan che nei primi 25 minuti della ripresa faceva la partita e tirava in porta (tre volte, con Poli, Menez e soprattutto Bonaventura) in assoluta solitudine e controllo, ecco che dall'ascella della partita sbucava il coniglio dell'espulsione di Armero. Pallone tiratogli sul braccio da Keita, reduce da quattro interventi fallosi da dietro bellamente ignorati uno in fila all'altro. Il punto è che l'arbitro Rizzoli, di suo, questa è stata la sensazione, non aveva maturato la decisione di estrarre il secondo giallo per il colombiano rossonero. Un po' come Rocchi a Torino sul primo rigore successivo all'intervento di Maicon. Poi però un po' lo stadio, un po' il capannello, un po', forse, la segnalazione dell'addizionale, ecco che il secondo giallo arriva. Ricorda nulla caro De Sanctis e cari amici giallorossi? Buone Feste.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.