HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan, la tua guerra copre il non-gioco dell'Inter. Nerazzurri: per l'Europa League serve Okaka, e parte un altro derby. Juve: Osvaldo è la rivincita di Guarin-Vucinic

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
31.01.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 38487 volte

Il Milan costretto a invidiare la compattezza e la stabilità dell'Inter. Era l'ultima cosa che ci auguravamo di vedere nella vita. Invece è lo spettacolo sotto i nostri occhi. Il Torino, monte-ingaggi un terzo dell'Inter, vince meritatamente checchè ne dica Mancini a San Siro, e nessuno in casa nerazzurra fa una piega. Stanno tranquilli, belli all'ombra, protetti mediaticamente da quella che se non è una guerra civile a cielo aperto molto le assomiglia e che sta indiscutibilmente martoriando il Milan. Una protezione a orologeria. Perché mentre le trasmissioni del lunedì sera stanno andando in maniera sacrosanta sui motivi del non gioco interista di Empoli e Torino nonostante i mega-arrivi di Xherdan (cit. Gazzetta) e spiccioli, ecco che il gioco della bottiglia dei testi colpisce ancora e acuisce il baccanale sul corpo dell'inaccettabile Galliani. La roulette russa di chi fra social, tifosi e amici degli amici, si augura che il Milan vada ancora più a fondo per presentare una volta per tutte l'agognato conto al suddetto inaccettabile, è uno stillicidio poco milanista e molto pericoloso. La caduta libera dei punti e conseguentemente del valore dei giocatori si sa quando inizia ma non quando finisce. Occhio alla classifica: dei punti e della credibilità. La "guerra", nel merito: i tifosi milanisti che, in buona fede e in base alle loro legittime e rispettabili opinioni, pensano che Galliani sia o l'unico o il principale male del Milan, sappiano che è un problema che Silvio e Marina Berlusconi possono risolvere questa mattina, domani mattina, tutte le mattine che ritengono più opportune. Liquidazione? Frottola allo stato puro. Buonuscita? A discrezione della proprietà ma nulla di dovuto. La somma? La Fiat ha tenuto un punto dieci, venti volte più costoso, Luca Cordero di Montezemolo, diluendo, quella sì mega-liquidazione in molti e molti anni. Il nodo centrale è la volontà politica, non il denaro. Nessuno è mai prigioniero di nessuno, la soluzione definitiva e la prosecuzione strisciante della vicenda Mediaset-Emilio Fede ne sono la conferma più plastica. Per farla breve ci permettiamo di rivolgere al presidente Berlusconi, che ama come nessuno può immaginare il suo Milan, l'auspicio di porre fine a quella che somiglia ad una guerra nel più breve tempo possibile e ai ragazzi della Curva, milanisti veri cui vogliamo un gran bene da sempre e non a zig-zag, di pensare che continuare a rafforzare Galliani nel suo ruolo di parafulmine va nella direzione diametralmente opposta a quella che loro in questo momento evidentemente auspicano. Ultima virgola dedicata espressamente a chi ha deciso di esplicitarsi come il volto editoriale della cordata Maldini e dell'odio verso Galliani dal giorno in cui non è stato rinnovato il contratto all'amico Ambrosini: Ottobre 2007, Milan sconfitto in casa da Empoli e Roma, dichiarazione di Galliani ai tifosi inferociti a San Siro. "In momenti come questi, bisogna solo stare calmi". La stessa frase, otto anni dopo, dello scherzo telefonico-ferreriano di questa settimana. Le persone non cambiano. Le persone.

Per questa settimana c'è poco altro. Inter: deve prendere Okaka. La Sampdoria alla fine lo può dare. Visto che il terzo posto è sempe più lontano, nonostante la rischiosa quanto coraggiosa, e fino a questo momento poco produttiva, campagna acquisti invernale, la strada più percorribile per l'Europa è quella della conquista dell'Europa League. Lì Podolski non può giocare. e la prima riserva di Icardi nel ruolo di prima punta è il giovane Bonazzoli. Serve una punta, se davvero si va fino in fondo contro Osvaldo. E quella punta non può che essere il gigante blucerchiato. Ma dal momento che il mercato è dinamico e il Milan non può prevedere se arriverà o meno una telefonata per Pazzini (che comunque preferisce non muoversi dal Milan fino a Giugno), dovesse davvero succedere qualcosa in questo senso anche il Milan si ricorderebbe di Okaka.

La Juventus. Se prende Osvaldo in uscita dal'Inter a zero, fa uno scherzone che vale triplo. Ha bisogno di un uomo-gol (Llorente quest'anno è in forte calo) che a Torino hanno già dimostrato di saper gestire e se lo vede consegnare su un piatto d'argento dai rivali di Calciopoli. Non solo: la crisi Osvaldo-Inter è scoppiata proprio allo Juventus Stadium. Dulcis in fundo: Osvaldo a zero in uscita dall'Inter sarebbe la clamorosa rivincita bianconera sullo scambio sempre invernale ma di un anno fa fra Vucinic e Guarin saltato sul più bello per i motivi che tutti ricordiamo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.