VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Milan, la tua guerra copre il non-gioco dell'Inter. Nerazzurri: per l'Europa League serve Okaka, e parte un altro derby. Juve: Osvaldo è la rivincita di Guarin-Vucinic

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
31.01.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 38501 volte

Il Milan costretto a invidiare la compattezza e la stabilità dell'Inter. Era l'ultima cosa che ci auguravamo di vedere nella vita. Invece è lo spettacolo sotto i nostri occhi. Il Torino, monte-ingaggi un terzo dell'Inter, vince meritatamente checchè ne dica Mancini a San Siro, e nessuno in casa nerazzurra fa una piega. Stanno tranquilli, belli all'ombra, protetti mediaticamente da quella che se non è una guerra civile a cielo aperto molto le assomiglia e che sta indiscutibilmente martoriando il Milan. Una protezione a orologeria. Perché mentre le trasmissioni del lunedì sera stanno andando in maniera sacrosanta sui motivi del non gioco interista di Empoli e Torino nonostante i mega-arrivi di Xherdan (cit. Gazzetta) e spiccioli, ecco che il gioco della bottiglia dei testi colpisce ancora e acuisce il baccanale sul corpo dell'inaccettabile Galliani. La roulette russa di chi fra social, tifosi e amici degli amici, si augura che il Milan vada ancora più a fondo per presentare una volta per tutte l'agognato conto al suddetto inaccettabile, è uno stillicidio poco milanista e molto pericoloso. La caduta libera dei punti e conseguentemente del valore dei giocatori si sa quando inizia ma non quando finisce. Occhio alla classifica: dei punti e della credibilità. La "guerra", nel merito: i tifosi milanisti che, in buona fede e in base alle loro legittime e rispettabili opinioni, pensano che Galliani sia o l'unico o il principale male del Milan, sappiano che è un problema che Silvio e Marina Berlusconi possono risolvere questa mattina, domani mattina, tutte le mattine che ritengono più opportune. Liquidazione? Frottola allo stato puro. Buonuscita? A discrezione della proprietà ma nulla di dovuto. La somma? La Fiat ha tenuto un punto dieci, venti volte più costoso, Luca Cordero di Montezemolo, diluendo, quella sì mega-liquidazione in molti e molti anni. Il nodo centrale è la volontà politica, non il denaro. Nessuno è mai prigioniero di nessuno, la soluzione definitiva e la prosecuzione strisciante della vicenda Mediaset-Emilio Fede ne sono la conferma più plastica. Per farla breve ci permettiamo di rivolgere al presidente Berlusconi, che ama come nessuno può immaginare il suo Milan, l'auspicio di porre fine a quella che somiglia ad una guerra nel più breve tempo possibile e ai ragazzi della Curva, milanisti veri cui vogliamo un gran bene da sempre e non a zig-zag, di pensare che continuare a rafforzare Galliani nel suo ruolo di parafulmine va nella direzione diametralmente opposta a quella che loro in questo momento evidentemente auspicano. Ultima virgola dedicata espressamente a chi ha deciso di esplicitarsi come il volto editoriale della cordata Maldini e dell'odio verso Galliani dal giorno in cui non è stato rinnovato il contratto all'amico Ambrosini: Ottobre 2007, Milan sconfitto in casa da Empoli e Roma, dichiarazione di Galliani ai tifosi inferociti a San Siro. "In momenti come questi, bisogna solo stare calmi". La stessa frase, otto anni dopo, dello scherzo telefonico-ferreriano di questa settimana. Le persone non cambiano. Le persone.

Per questa settimana c'è poco altro. Inter: deve prendere Okaka. La Sampdoria alla fine lo può dare. Visto che il terzo posto è sempe più lontano, nonostante la rischiosa quanto coraggiosa, e fino a questo momento poco produttiva, campagna acquisti invernale, la strada più percorribile per l'Europa è quella della conquista dell'Europa League. Lì Podolski non può giocare. e la prima riserva di Icardi nel ruolo di prima punta è il giovane Bonazzoli. Serve una punta, se davvero si va fino in fondo contro Osvaldo. E quella punta non può che essere il gigante blucerchiato. Ma dal momento che il mercato è dinamico e il Milan non può prevedere se arriverà o meno una telefonata per Pazzini (che comunque preferisce non muoversi dal Milan fino a Giugno), dovesse davvero succedere qualcosa in questo senso anche il Milan si ricorderebbe di Okaka.

La Juventus. Se prende Osvaldo in uscita dal'Inter a zero, fa uno scherzone che vale triplo. Ha bisogno di un uomo-gol (Llorente quest'anno è in forte calo) che a Torino hanno già dimostrato di saper gestire e se lo vede consegnare su un piatto d'argento dai rivali di Calciopoli. Non solo: la crisi Osvaldo-Inter è scoppiata proprio allo Juventus Stadium. Dulcis in fundo: Osvaldo a zero in uscita dall'Inter sarebbe la clamorosa rivincita bianconera sullo scambio sempre invernale ma di un anno fa fra Vucinic e Guarin saltato sul più bello per i motivi che tutti ricordiamo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.