VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Milan: le cordate non convincono. Juve, Nainggolan il sogno di Allegri. Cremona: Conte figlio di nessuno. Rummenigge: il piano Marshall per Inter e Milan

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
04.04.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 25550 volte

Nella catena del dna, devono per forza esserci degli anelli più solidi degli altri. Quelli che, inglobando lesioni e metabolizzando negatività, si sono fatti la scorza più dura. E' lo scorrere della Storia che passa, colpisce, rafforza il ganglo e se ne va. Nel 2006, Calciopoli, è stato così. Grazie all'avvocato Marco De Luca, il Milan non si è fatto schiacciare unico e solo ben al di là delle proprie colpe come nel 1980, e ventisei anni dopo è riemerso dall'infamia, patita sia sul campo che fuori, più forte di prima almeno in Europa. Pare proprio che sia così anche oggi, 2015, Cordatopoli, chiamiamola così nell'accezione più serena e innocente del termine, il "Monopoli" mica era un reato. Negli anni '70 il grave declino del Milan pre-berlusconiano era iniziato proprio così, a colpi di cordate. Da Ambrosio-Rivera-Armani a Duina-Castelfranchi. Mamma mia. Il Milan trovò pace, e gloria, solo quando finì la lunga e tormentata transizione da un imprenditore puro, Albino Buticchi, all'altro, Silvio Berlusconi. Il quale, presidente del Milan più duraturo (29 anni in carica rispetto ai 9 di Rizzoli e Trabattoni) e vincente (non c'è bisogno di entrare nei "dettagli") di sempre, sembra aver sviluppato nel Dna suo e quindi del Milan proprio questa diffidenza nei confronti delle cordate. Le cordate sono parole, accordi, parentesi, ipotesi di buona volontà, prospettive, tentativi. Non sono ancora lo zoccolo duro della grande stabilità di un grandissimo Club calcistico. Silvio Berlusconi lo ha dichiarato il 31 Luglio 2012 a Milan Channel e vale ancora oggi: "Partnership? Magari, porte aperte, a patto che abbiano a cuore il bene del Milan". Avere a cuore, però, intendiamoci, significa essere sì bravi e intraprendenti, ma soprattutto veri, unici, tangibili, solvibili. Servono sostanza e solidità più di giri di valzer e fluidità. Scriviamo questo con tutto il rispetto per i manager che si susseguono sulla scena mediatica, sperimentando l'esposizione spaventosa connaturata al Milan, e che lavorano con Silvio Berlusconi per provare a garantire alla Società il futuro che merita. E per dare le giuste risposte ai tifosi rossoneri. Insomma quello che per il Milan ci vuole davvero, adesso, nel momento della svolta: non è ancora nato, non ha ancora preso corpo. Come vedete in queste poche righe non ci sonò percentuali e nemmeno equazioni algebriche. Di polvere se ne è fatta fin troppa. Il futuro del Milan è cosa seria e non merita di essere ridotta a materia volatile e probabilistica. Il bene del Milan non è un slogan vuoto da maneggiare magari con tono spazientito sui social. Ha un peso, un valore, un prestigio di altissimo livello e più ci si presenta con garanzie concrete fra le mani e più tutto questo potrà davvero essere lucidato. La scintilla non è ancora scoccata, ma il presidente Berlusconi la sta cercando. E non lascerà mai il Club in mezzo ad una strada come è successo in passato al Milan, come è successo ad altri e come potrebbe accadere oggi se si avallassero scelte delle quali fosse proprio il presidente Berlusconi in primis a non essere convinto.

Si sono solo sfiorati, a Cagliari, per pochi mesi. A Gennaio 2010 l'arrivo di Radja Nainggolan, ad Aprile l'esonero di Massimiliano Allegri per mano di Cellino. Ma lo strascico dell'intuizione è rimasto. E il feeling pure. Aveva cercato di portare Radja al Milan, ma la sconfitta nel derby di Dicembre aveva ormai portato il rapporto fra il Milan e Allegri ai titoli di coda. Oggi però Allegri è alla Juventus e Nainggolan in comproprietà fra Roma e Cagliari. Una compartecipazione dura, pesante economicamente, delicata. Se la Roma andrà in Champions League, tutto andrà a favore dei giallorossi. Ma se così non dovesse essere, con una Roma ulteriormente appesantita nei conti, tutto diventerebbe possibile. Anche e soprattutto l'ingresso sulla scena della Juventus, che aveva trattato più volte il giocatore ai tempi di Cellino, e del suo ex tecnico che vorrebbe allenarlo questa volta per un periodo più lungo di tre o quattro mesi.

Cremona è sempre la stessa, nel cuore della pianura padana, non lontana dal Po, con i suoi 150.000 abitanti e con il suo torrone. Il fatto è però che la Cremona di oggi sembra la sorellina spaurita di quella dell'estate 2012. Tre anni fa Cremona era il buco dell'ozono, l'ombelico non del mondo ma dei mondi, il più grande studio televisivo itinerante dopo il big bang. Antonio Conte all'epoca era la Juventus, gli juventini tutti. Con tutta la voglia di rivincita su Calciopoli, che la difesa di Conte comportava. Giù le mani, basta giustizialismo, erano solo alcuni dei feticci del furore difensivista di quell'estate. Esattamente come forcaioli e desiderosi di rivincita per le sconfitte sul campo del Campionato 2011-12 appena concluso, erano gli attacchi degli avversari, noi compresi, all'allora indagato tecnico bianconero. Di questa onda anomala dialettica, tre anni dopo, non è rimasto nulla. Oggi Conte è il Ct della Nazionale, che guiderà l'Italia all'Europeo del 2016, e visto che per la Juventus e gli juventini è l'alfiere di una federazione che a loro non va bene, vada pure a Cremona. Tranquillo, solo, soletto, silenziato. Come è cambiata Cremona.

Karl Heinz Rummenigge. Lo abbiamo apprezzato tante volte, ai Mondiali, ahinoi nei derby, ma non solo sul campo. Anche quando da dirigente suturò la ferita di alcune dichiarazioni rilasciate da Uli Hoeness o per la signorilità con cui agevolò nel Gennaio 2011 il passaggio-Scudetto di Mark Van Bommel dal Bayern Monaco al Milan. Ma ieri lo abbiamo letteralmente adorato. Proprio lui, proprio il grande Kalle, parlava di un Piano Marshall per il Milan e per l'Inter. Di un Europa che ha bisogno di due grandi squadre così. Da uomo di calcio vero, autentico, che ben sa che senza l'avversario muore l'emozione, si azzerano adrenalina e brivido competitivo. Non possiamo accostare ad un dirigente di questo calibro la pochezza degli insetti che avevano taroccato e mistificato quanto, proprio in questa sede cinque anni fa, scrivevamo sulla necessità di rilanciare la Juventus post-Calciopoli dei settimi posti, ma sottolineare le sue tesi sì. Non è che Rummenigge sia diventato interista o milanista, o che noi cinque anni fa fossimo juventini (le tre minacce di querela ricevute durante e dopo Calciopoli e la rassegna stampa nazionale su Milan Channel per le sue lotte sul gol di Muntari sono lì a urlarlo al mondo) e non è facile dare un seguito politico-sportivo all'intervista del presidente dell'ECA apparsa ieri sulla Gazzetta. Ma il messaggio è educativo per i tifosi. E sano per il calcio europeo: il fair play finanziario fa una selezione naturale negativa. Restringe. Settarizza. Proprio in una manifestazione-evento, la Champions League, che ha una sua vocazione ampia, globale. In cui devono esserci tanti, grandi avversari che competono fra loro. Nel rispetto della Storia e all'insegna del futuro.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.