HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Milan, le ragioni di Sinisa: questa squadra non può fare di più. Forza Juve, prova l'impossibile. Spalletti e lo schiaffo a Rudi. Allenatori emergenti: 5 nomi per il futuro...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
14.03.2016 18.36 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 58036 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Mentre la Fiorentina non batteva in casa il Verona retrocesso, il Frosinone perdeva l'occasione della vita a Modena e il Benevento vinceva il derby con la Casertana 6-0, Sinisa stava pensando che forse Berlusconi tutti i torti non li aveva. Perché in fondo cambiare allenatore la prossima stagione conviene soprattutto a Mihajlovic. "Questa squadra più di quello che sta facendo non può fare". Parole e musica di Sinisa Mihajlovic. Ha detto la verità perché la squadra è scarsa, Balotelli non andava ripreso neanche se Raiola iniziava a saltellarti sul letto e 90 milioni spesi così non hanno minimamente senso. Il Milan deve avere un'idea e portarla avanti. Oggi a Berlusconi mancano le idee e detto ad uno che è sempre stato 10 giga avanti a tutti è come bestemmiare a mezzanotte del 24 dicembre quando la Chiesa è piena. Non c'è bisogno di cambiare allenatore per la centoventesima volta, ma semplicemente affiancare a Galliani un uomo che costruisca la squadra e che faccia mercato, sfruttando il famoso brand di cui Berlusconi si vanta un giorno sì e l'altro pure. Questa squadra è scarsa. In un campionato scarso. I valori del Milan sono ai minimi storici e finiamola con la pagliacciata del traguardo raggiunto della finale di Coppa Italia. Il calendario e la sorte hanno riservato ai rossoneri tre amichevoli sulla strada di Roma. Se Abate è il simbolo e Bonaventura il giocatore di maggiore qualità, il Milan non ha speranze per il futuro. Bertolacci è stato un flop e Romagnoli può diventare grande, in due anni, solo se gioca con un grande.
Mentre la Juventus si appresta a vincere l'ennesimo scudetto, Allegri prova il miracolo in Germania. Se la Roma a Madrid aveva il 2% di possibilità la Juve ha il 20%. Attenzione: è una percentuale alta, quasi quanto il valore dell'Iva in Italia. Se al posto di Agnelli ci fosse stato Mario Monti alla guida del club, allora, le possibilità sarebbero aumentate. Passare il turno è quasi impossibile, visti soprattutto i valori dell'andata. Il Bayern è una delle due squadre più forti del pianeta e vincere in casa loro o pareggiare facendo tre gol non può essere catalogata come "impresa" ma "miracolo". La notte perfetta servirebbe. Allegri, comunque, ha già messo le mani avanti. "Se usciremo lo faremo contro i più forti di tutti". Frasi rilasciate in occasione della meritata conquista della panchina d'oro. Premio prestigioso ma discutibile dove assegnano una panchina d'oro in Lega Pro ad un allenatore, bravissimo certo, ma che ha ottenuto sul campo un risultato secondo la Procura Federale e non secondo noi "drogato" dalla combine. In poche parole, l'allenatore del Teramo è stato premiato per aver vinto un campionato mai vinto. Una delle tante contraddizioni che arrivano dal sistema calcio, come Conte prima nemico e poi stipendiato da Via Allegri.
A Roma ci massacravano quando scrivevamo delle incapacità di Garcia, un po' come a Napoli con Benitez. Rudi era il vero problema della Roma e, se non fosse stato per l'ostinazione di Sabatini, oggi i giallorossi sarebbero in corsa anche per il titolo. Spalletti, a Trigoria, ha portato poche cose ma essenziali: metodo, mentalità e lavoro. Un allenatore che "cazzia" i suoi giocatori perché contenti della prestazione di Madrid dovrebbe vincere l'oscar. Ma che cavolo mi esulti se comunque a casa vai? Grandissimo Luciano che non si pone limiti e porta nello spogliatoio una mentalità da vincente. Lo ha aiutato l'esperienza all'estero ma soprattutto la dedizione al lavoro. Non vinci 8 partite consecutive se non ti alleni come devi e se non capisci che le partite non si vincono la domenica ma dal martedì al sabato. La Roma vince senza Totti e De Rossi e Spalletti non guarda in faccia a nessuno. Garcia ha fatto perdere tempo con i suoi violini e le sue teorie. A Trigoria la squadra non si allenava e il francese non sapeva neanche da dove iniziare una seduta. La colpa non è sua ma di Sabatini che avrebbe dovuto accorgersi prima che il lavoro settimanale non era idoneo alle aspettative della squadra e della piazza.
In chiusura, spazio ai talenti del futuro. Quelli in panchina. Siamo contenti, apro una parentesi, di aver visto giusto la scorsa settimana con il ragazzino del Sassuolo, classe '98, Adjapong. Eravamo rimasti stregati nel campionato Primavera, venerdì Di Francesco gli ha fatto fare l'esordio in prima squadra a Torino con la Juve. Vi diamo 5 nomi di allenatori protagonisti in un futuro prossimo. 2 in Primavera e 3 in Lega Pro. Il consiglio, per tutti, è di passare dalla serie B senza fare salti che nell'immediato potrebbero sembrare occasioni della vita, ma in due anni si rivelerebbero trampolini arrugginiti. Mai fare l'errore di Inzaghi e Stramaccioni. I tre della Lega Pro sono Cristian Bucchi (Maceratese), Pasquale Padalino (Matera) e Roberto De Zerbi (Foggia). Non scriviamo mai trascinati dall'onda dei risultati; lo sapete. Scriviamo per convinzione che acquisiamo nel tempo. Bucchi è il vero fenomeno del futuro. Allenatore che si presenta bene, studia e lavora egregiamente in settimana, conosce tutti gli avversari ed è un grande motivatore oltre ad un tattico perfetto. A Macerata ha fatto tutto da solo, senza proprietà e senza Direttore, giustamente sollevato dall'incarico a marzo dalla Presidentessa. Meglio solo Bucchi che Dirigenti in cerca di meriti che prima avevano fatto solo la serie D. La Maceratese è figlia di Bucchi, quando andrà via lui ci sarà il vuoto. Ha vinto 4-1 sul campo della capolista Spal, non battuta ma umiliata. Il prossimo anno Bucchi deve andare in B e si starà mangiando le mani il Perugia che gli ha preferito Bisoli la scorsa estate. Ahi ahi Goretti... De Zerbi a Foggia è un altro predestinato. Al contrario di Bucchi ha una piccola pecca: il carattere. Allenatore con idee innovative, bravissimo a preparare e a leggere la gara e grande intenditore. Da allenatore deve migliorare nel carattere. Lo scontro non sempre aiuta. Ha sbagliato clamorosamente a fare un'altra stagione a Foggia. Deve ripartire dalla serie B, le richieste le aveva. Un allenatore che mi piace da anni ma ha perso tempo, soprattutto a Grosseto con Camilli, è Pasquale Padalino. Ha risollevato il Matera ed è un tecnico che doveva essere nel giro che conta già da 2-3 anni. Di lui ne parlava tanto e bene Antonio Caliendo. Se Padalino avrà una occasione in B vedrete che non la fallirà. Esonerati quest'anno, ma comunque molto bravi, sono Riccardo Maspero e Michele Marcolini. Il tempo è galantuomo e ha dimostrato che i problemi di Mantova e Pavia non erano gli allenatori ma le società. In Primavera sono pronti a spiccare il volo i tecnici di Milan e Torino. Cristian Brocchi è bravo ma la trappola Berlusconi è dietro l'angolo. Se Brocchi si ritroverà, prossimo anno, sulla panchina del Milan prima squadra farà la fine di Inzaghi, se invece partirà dalla B è destinato ad una carriera come Montella e Di Francesco. Sta valorizzando i giovani del Milan e ha lo stile per fare una grande carriera. De Santis, Donnarumma, Felicioli e Locatelli sono il futuro del club. A Torino un altro predestinato: Moreno Longo. Per lui potrebbe esserci l'eccezione. Mi spiego. Il consiglio, a tutti, è di passare per la serie B. Se il Torino decidesse di mettere Longo al posto di Ventura potrebbe anche andare bene. Essendo un figlio del club, Cairo non lo manderebbe allo sbaraglio ma lo tutelerebbe. Allora la scommessa in serie A avrebbe un senso. I campioni del mondo del 2006 oggi vogliono fare, quasi, tutti gli allenatori. Fabio Grosso, da Berlino, lo amiamo e gli consentiamo tutto. Sta facendo ottime cose con la Primavera della Juve. Massimo Oddo non è pronto e a Pescara stanno emergendo tutte le lacune del suo tecnico. Prontissimo per il salto è Rino Gattuso che a Pisa sta lavorando benissimo in una piazza non semplice. Poco futuro per Zambrotta, peccato per Inzaghi che si è bruciato con la benzina e Cannavaro che gioca a fare l'allenatore sfruttando il nome del Campione che fu ma non ha le capacità per svolgere la professione.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.