HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan: le ultimissime sull'"incredibile" Ancelotti (ma una strada è già stata presa). Altri due colpi per la Juve! Ecco l'Inter del Mancio: 9 nomi, 2 sogni a un passo e quella cosa da sapere su Icardi. Napoli, quel che non vi hanno detto su Benitez

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
02.06.2015 07.43 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 158611 volte
© foto di Federico De Luca

Oggi inizia il mercato. Anzi, ieri.
Manifesto del mercato 2015, sessione estiva.
Signori, benvenuti al mercato.
Prima regola del mercato: parlate sempre del mercato, anche in rosticceria. "Mi dà due etti di crocchette in prestito oneroso?", "Ok, per il pollarrosto cosa facciamo, lasciamo scadere il diritto di prelazione?", "Sì", "Bene, fanno 7,95 da pagare in otto anni".
Seconda regola del mercato: dovete parlare sempre del mercato, anche se vi lascia la fidanzata. "Ti lascio, ho una relazione pecoreccia con Gualtiero da oltre due mesi", "Ma è un prestito con diritto di riscatto o c'è l'obbligo? Con voi voglio essere chiaro perché ci siamo sempre trovati bene: senza obbligo di riscatto non se ne fa niente, dillo a Gualtiero", "ma sei scemo? Ti ho detto che ti lascio!", "ah no guarda, senza obbligo mando tutto all'aria. Che non venga a citofonarmi sotto casa tipo Galliani perché tanto non apro".
Terza regola del mercato: se uno la spara grossa e ti fa passare per pisquano, tu sparala più grossa tipo "bomba di Mosca". In caso di contestazione al grido di "cazzo dici? Ronaldo non giocherà mai al Tuttocuoio", sfodera il tuo miglior ghigno satanico e appellati alla fonte: "Ho una fonte accreditata", "quale?", "non posso dirtelo, devo proteggere la fonte. Sappi solo che è accreditata". Il termine "accreditata" solitamente spaventa molto il tuo interlocutore.
Quarta regola del mercato: più la trattativa è prossima alla chiusura meno ti conviene azzardare la puttanata. Tutti quanti bene o male si ricordano di quello che hai detto nelle 72 ore precedenti, il resto finisce in cavalleria. Se così non fosse tutti quelli che trattano il calciomercato sarebbero perculati al grido di "ah cazzaro, avevi detto che...", soprattutto io.
Quinta regola del mercato: se uno ti dice "Piripicchio al 50% resta e al 50% va" significa che non sa una beata minchia. Se ti dice "al 70% resta e all'30% va" significa che non sa una beata minchia. Se ti dice "al 99% resta e all'1% va" significa che non sa una beata minchia ma se la tira come se lo sapesse. Se ti dice "al 100% va" significa che ingenuamente non conosce l'opzione "va al 99,99% periodico", che se poi "non va" tu puoi sempre dire "infatti avevo detto 99,99 periodico, son mica scemo che dico 100". E ti salvi.
Sesta regola del mercato: le precedenti regole valgono per tutti noi comuni mortali tranne che per Alfredo Pedullà, cazzutissimo re del mercato, colui che un giorno di giugno di qualche anno fa entrò in mare a Castiglioncello con telefono in mano, auricolare all'orecchio e iPad nell'altra mano. Io: "Alfredo, probabilmente ti sei distratto ma sei in mare con telefono, auricolare e iPad". Lui: "E se in questi 5 minuti vendono Carletti all'Afragola ce lo perdiamo perché bisogna fare il puccia-puccia in mare? Eh no caro, fallo tu il puccia-puccia, io resto sintonizzato". Solo applausi per Alfredo.
Settima regola del mercato: se arrivi vivo all'ultimo giorno di mercato ricordati di utilizzare la formula del "io sono stato tra i primi a dirlo" servito con sguardo da secchioncello della classe. Non ti esporrà ai severissimi controlli del "l'ho detto per primo! Verificate!", né alle figure da cioccolataio del "anche quest'estate non c'ho capito un cazzo, maledetto quello del Tuttocuoio che mi aveva dato Ronaldo per fatto". Personalmente mi porto avanti per allentare l'incredibile pressione: "Io, Biasin, al 2 giugno posso già affermare che certamente quest'estate non ci capirò un cazzo". Amen.
Sotto con le cose serie.
Se noialtri "operatori" rischiamo molto spesso la figura di palta, peggio son messi quelli che gli affari li devono concludere, soprattutto se sparano alto. Prendiamo Mancini. L'altro giorno il tecnico dell'Inter è stato piuttosto chiaro: "Mi aspetto 8-9 acquisti". Praticamente un'overdose mercatara. La palla passa ad Ausilio, ovvero colui che sarà chiamato a compiere vere e proprie piroette per non finire sul banco degli imputati al grido di "colpa sua che non è capace". Un po' quello che in altra epoca si diceva di Branca, dirigente attualmente desaparecido, spesso giustamente accusato ma anche capace di portare in nerazzurro giocatori tipo - chessò - Icardi. A suo tempo la critica fu feroce: "Tredici milioni per un ragazzino, Branca è un incapace". Due anni dopo vale tre volte tanto. Oppure Kovacic, pagato 14 milioni e ora richiesto da un paio di club inglesi disposti a spenderne 20 nonostante un'annata passata a combinare poco/niente. Onore a te Branca, anche se non rispondi più al telefono da un anno e mezzo: 'ndo stai Marco? Batti un colpo o ti mando a casa Forlan.
Amarcord a parte, la domanda è sempre la stessa: i soldi ci sono o non ci sono? Pare di sì, a sentir l'azionista. Pare di no, a dar retta a quelli che trattano Thohir come se fosse un filibustiere venuto in Italia a combinar porcherie. La verità come spesso accade esclude gli estremi: l'indonesiano non butterà centinaia di milioni per "tentare di vincere", ma di sicuro non ha acquistato la Beneamata per succhiarle il sangue a suon di interessi. Le prossime settimane ci diranno la verità, anche se un paio di idee ce le siamo già fatte. I sogni di Mancini alla Yaya Tourè resteranno insoddisfatti non perché il club non voglia/possa investire i milioni necessari, semmai perché quelli che con un brutto termine definiamo "top player" difficilmente decidono di sposare la causa di club "isolati" dall'Europa. Meglio sarebbe puntare le fiches sui "nuovi Maicon" o sui "nuovi Julio Cesar", quei giocatori dal "prezzo giusto", non ancora affermati e che - forse - un giorno diventeranno fenomeni. Prendete Allan dell'Udinese: a gennaio l'affare era praticamente fatto, si è deciso di rimandare per questioni di bilancio. L'Inter non poteva spendere nell'immediato, Pozzo non se l'è sentita di fare credito. In sei mesi il prezzo del giocatore è lievitato, così come è lievitato quello di Widmer, altro obiettivo. La sensazione è che in ogni caso per entrambi tutt'oggi valga la pena investire: Ausilio lo sa, Mancini pure. Il problema è che lo sa anche la diabolica concorrenza...
Altre certezze: Mancini - Santon a parte - vuol ricostruire completamente le corsie esterne, mentre sarebbe felice di continuare con Handanovic. Il portiere chiede tre milioni di ingaggio, l'Inter si ferma a 2,6. Con buona probabilità alla fine un accordo si troverà, anche perché i dieci milioni di incasso (a star larghi) verrebbero investiti per acquistare un nuovo numero uno con meno esperienza e qualche punto interrogativo in più. Inciampi delle ultime settimane a parte, Samir resta portiere di buon affidamento. Nota a margine: se l'estate scorsa la fascia di capitano fosse stata affidata allo sloveno probabilmente oggi non staremmo parlando del "problema portiere". Ma si sa: col senno di poi è tutto maledettamente più facile.
Ora il Milan. Come ben sapete tra domani e giovedì Ancelotti comunicherà al mondo la sua decisione. Chi scrive è parecchio scettico sulla buona riuscita dell'affare: se non sono bastati cinque tra pranzi e cene per strappare un sì, perché mai Carletto dovrebbe cambiare idea dopo il viaggio in Canada? Per questioni di riconoscenza e nostalgia? "Maddai!" direbbe il dottor Giampiero. In ogni caso il rischio di toppare la previsione c'è e va evitato come la peste bubbonica, pertanto ci concentreremo su un'altra questione: cosa accadrà da domani in casa del Diavolo? Se Ancelotti dirà "sì" lo farà perché ha avuto le cosiddette "garanzie tecniche", ovvero la promessa di un mercato ricco e consistente. Qualcuno ha scritto che Berlusconi sarebbe disposto a mettere sul piatto 120 milioni da utilizzare in parte (buona parte) per tappare il buco di bilancio della prossima stagione. Il resto (più o meno il 50%) verrebbe immesso sul mercato e quindi nelle mani di chi il mercato al Milan lo fa da 30 anni: Galliani. Sessanta milioni possono bastare per "ricostruire"? La risposta tra poche righe, prima l'opzione "Ancelotti dice no".
Ecco, se Ancelotti dovesse dire no si scatenerebbe un discreto - giustificato - finimondo: il Milan (inteso come "i suoi dirigenti") non potrebbero evitare di sentir parlare di "promesse elettorali disattese", soprattutto in assenza di un piano B. Esiste un piano B? C'è chi parla di Montella, chi di Sarri, chi del tandem Brocchi-Lippi, chi di Mihajlovic, chi insiste con Conte in previsione di un improbabile (ma non impossibile) "disastro federale", chi addirittura pensa che Inzaghi abbia ancora una speranza, chi saggiamente preferisce tacere in attesa di comunicazioni ufficiali. Comunicazioni che, a prescindere, dovranno arrivare un nanosecondo dopo l'eventuale "no" di Ancelotti, viceversa il club si troverà in una situazione da "assedio alla Bastiglia" nel quale si è scientemente ficcato.
Veniamo infine al punto: Ancelotti (o la sua alternativa) sarà accontentato? Basteranno x decine di milioni per ripartire? La risposta è "sì", certo che possono bastare, ma solo se in società si renderanno conto che è indispensabile una rivoluzione a livello organizzativo. Galliani ha diritto di prenotare tutti i voli che vuole per trattare le più disparate compravendite, ma non può pretendere di salire su "tutti" gli aerei necessari per rivoltare la rosa dei rossoneri, non sarebbe umano. In tutti i più grandi club d'Europa e del mondo la filiera è più o meno organizzata così: presidente, amministratore delegato, direttore sportivo, osservatori, amici degli osservatori, talent scout. Ognuno di questi prende i suoi aerei e porta avanti le sue trattative; alla fine il responsabile decide per tutti. Al Milan invece va così: l'ad seleziona, tratta, decide, comunica al pubblico e al suo presidente che alla fine dà o non dà l'ok. Questa cosa può funzionare quando hai centinaia di milioni a disposizione e non devi selezionare perché semplicemente prendi "il meglio", se invece ti tocca spulciare, giocoforza hai bisogno di una mano. Galliani negli anni ha dimostrato di essere un fenomeno (il sottoscritto lo definì "Adriano Magno"), per restare tale dovrebbe semplicemente fare mezzo passo indietro (non uno, mezzo), oppure dar retta a John Maxwell che un giorno scrisse "Chi pensa di guidare gli altri e non ha nessuno che lo segue sta solo facendo una passeggiata". Per dire, rinnovare Bonera a 34 anni, con tutto il bene che si può volere a siffatta bandiera rossonera, non sembra per nulla un buon modo per ripartire.
Permettetemi infine di iscrivermi al club "quelli che nelle ultime 36 ore hanno detto una cattiveria su Benitez". Mi rendo conto, il gioco è meschino e soprattutto inutile, ma fa davvero specie vedere come sono andate le cose nella città del Golfo. De Laurentiis ha toppato, ma al limite lo ha fatto per eccesso di arroganza. Pensa di essere infallibile, non lo è. Detto ciò ha fatto e fa tutto per amore del suo club: compra, sbraita, spesso esagera, tratta e ritratta sempre con l'ambizione di puntare al massimo. Sbaglia nei modi, non nelle intenzioni. Benitez invece no, scusatemi ma è imperdonabile. Ha tenuto in piedi una commedia per una stagione intera, ha temporeggiato come sanno fare solo certi strateghi, ha finto di essere indeciso quando invece aspettava solo di trovare un'alternativa ai milioni del Napoli e all'affetto dei napoletani. Quando l'ha trovata (il Real Madrid, mioddio, ma sanno quello che fanno laggiù?) ha semplicemente "sperato" che Hamsik e soci gli regalassero un'uscita da re. Non ci sono riusciti? Peccato, ma in fondo sono fatti loro, non certo suoi che il giorno dopo il 2-4 con la Lazio se n'è andato con la fretta che hanno solo quelli che sanno di essere colpevoli. Il tutto con 7 milioni di euro in più sul conto in banca (a star stretti) e tanta, tantissima irriconoscenza nei confronti di chi si fidava. Così disse qualche giorno fa: "E' sempre difficile lasciare un posto nel quale ti senti coinvolto con la città, con i tifosi...". Ci ha messo il tempo di trangugiare l'ultimo babà.
Il resto son questioni juventine, ma si fa in fretta. Tutti a dire: "Alla Juve non si pensa al mercato, solo alla finale di Champions". E intanto Dybala, Neto, Khedira, Rugani (0 cartellini gialli in 38 partite, 14 per il recordman Juan Jesus: qualcosa vorrà pur dire...) sono certezze, Oscar e Van Persie obiettivi più che "caldi" e Pogba non si muove neanche con le bombe. Non osiamo immaginare cosa accadrà quando al mercato "ci penseranno"... (twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.