HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Milan: mettetevi comodi. Bacca tienitelo: tutta la verità. Inter, derby bello e leale

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
04.07.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 85849 volte

Sul mercato del Milan c'è poco da aggiungere. Non facciamo nomi o previsioni, è assolutamente inutile e poi non è questo il punto. Il Milan ha dato al suo mercato la prima gettata. Adesso si sale, si va sul pesante. Il gioco si fa duro e il palazzo più alto. Scriviamo queste cose, lo sappiamo perfettamente, a nostro rischio e pericolo, ma è dal 3 Maggio che lo ripetiamo e non possiamo sottrarci proprio adesso, sul punto di: la traversata nel deserto sta per finire. Sul mercato del Milan inutile dannarsi l'anima o arrovellarsi: è sufficiente mettersi comodi. Siamo nel vivo su più fronti. E' bello poterlo pensare. Soprattutto, consentitecelo, per noi, che in questi due anni, non lo nascondiamo, abbiamo pianto. Abbiamo sofferto. Abbiamo ingoiato. Abbiamo subìto. Abbiamo deglutito. Ma non ci siamo spostati di un millimetro, mai. Nessuna concessione alle fughe in avanti, alla demagogia o a qualche populismo di maniera. C'è da soffrire per qualche stagione? Bene, noi ci siamo, facciamolo insieme. Il nostro caro, vecchio, insostituibile Milan non va mai dato in pasto ai peggiori. Lì, ammaccati e insultati, ma lì. Fermi. A qualsiasi costo. Attorno a noi le sconfitte, la rabbia, la disgregazione, il veleno, i veleni. Fossimo dei megalomani, si potrebbe addirittura citare una battuta di Codice d'Onore, filmone tutto stelle e strisce di Jack Nicholson, Tom Cruise e Demi Moore: "Dormi pure tranquillo stanotte, ci sono io di guardia". Il Milan, sempre, comunque e quantunque, in ricchezza e in povertà, nella gioia e nel dolore, il resto lo sapete. Unici in tutto questo, come sempre. Anche impopolari certo, ma soli, come sempre. E se c'è in giro qualche spaventapasseri che cerca di insozzare tutto questo, pazienza. Del resto c'è il tempo in cui i posti sono a sedere, le cravatte sono rosa e si difendono a spada tratta le luci di Marsiglia e un altro tempo invece in cui i posti prima sono in piedi e poi si perdono: è quello il momento in cui le cravatte diventano gialle e si spunta nel piatto in cui si è mangiato per undici anni e mezzo (sulle date e i riferimenti non siamo mitomani, mai, lo confermano le fatture aziendali debitamente saldate e pagate). Quindi? Il Milan. E' il Milan al centro. Chi vivrà il "Milan rilanciato" con una fede temprata dal ciclo negativo vissuta nell'occhio del ciclone e non sul trespolo e invece chi lo vivrà con più di una punta di vouyerismo. La vita continua per tutti.

Con buona pace anche dei siti porno che hanno inserito fra una cosciona e l'altra il filmato di Suma e Ordine, vale la pena contestualizzare. E spiegare come è nato "Bacca tienitelo". Mercoledì 24 Giugno, il "buon" Fabio Ravezzani, direttore delle tv del gruppo Mediapason, in base alle sue legittime, professionali e rispettabilissime fonti, tutt'altro che campate in aria per alcuni aspetti, la trasmissione in questo modo: "Il mercato del Milan? Ve lo spiego, arrivano solo Bacca e Baselli e il resto si risolve con lo spostamento di El Shaarawy a centrocampo e il rinnovo di Mexes". Insorgiamo, rifiutiamo la tesi, quello non è il nostro mercato (come Bertolacci, Luiz Adriano e Josè Mauri avrebbero poi confermato) e nasce tutta una serata di gag televisive a spot con Fabio in cui lui dice una cosa sul tema e noi ribattiamo, fra cui la frase fatale. Che può essere compresa e capita solo se riferita al contesto, non al giocatore in particolare. Resta in sospeso qualche altra domandina (Ma come ha fatto il Milan a spendere 58 milioni per Bacca. Bertolacci e Luiz Adriano quando si diceva che non c'erano soldi per il mercato? Come mai tra Fininvest e il consorzio di Mr. Bee Taechaubol tutto procede quando si diceva che era tutta una fiction?), ma va bene così. Alla prossima.

Finalmente, Milan e Inter. Adesso che si è capito, e che si capirà sempre più in questo mercato, che la telefonata su Imbula e Miranda non era guerra preventiva o di aggiramento o addirittura una mossa interessata ad ottenere no fly zone nerazzurre, si può tendere la mano? Adesso che il derby di Montecarlo, dopo una contesa di mercato dura, ma cortese e leale, lo ha vinto l'Inter, si può per una volta applaudirci a Milano? Veniamo tutte e due danni anni duri, amari, laceranti. Anni a guardare gli altri. Anni in bianco e nero. Noi che amiamo il Milan oltre i confini della nostra stessa esistenza e percepiamo la determinazione rossonera di qui alla fine del mercato, facciamo un applauso al coraggio nerazzurro sul mercato e in particolare a Piero Ausilio, che nonostante Biasin si sforzi di renderlo antipatico, è persona serena, corretta, educata e molto capace.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.