HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Milan: mettetevi comodi. Bacca tienitelo: tutta la verità. Inter, derby bello e leale

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
04.07.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 85846 volte

Sul mercato del Milan c'è poco da aggiungere. Non facciamo nomi o previsioni, è assolutamente inutile e poi non è questo il punto. Il Milan ha dato al suo mercato la prima gettata. Adesso si sale, si va sul pesante. Il gioco si fa duro e il palazzo più alto. Scriviamo queste cose, lo sappiamo perfettamente, a nostro rischio e pericolo, ma è dal 3 Maggio che lo ripetiamo e non possiamo sottrarci proprio adesso, sul punto di: la traversata nel deserto sta per finire. Sul mercato del Milan inutile dannarsi l'anima o arrovellarsi: è sufficiente mettersi comodi. Siamo nel vivo su più fronti. E' bello poterlo pensare. Soprattutto, consentitecelo, per noi, che in questi due anni, non lo nascondiamo, abbiamo pianto. Abbiamo sofferto. Abbiamo ingoiato. Abbiamo subìto. Abbiamo deglutito. Ma non ci siamo spostati di un millimetro, mai. Nessuna concessione alle fughe in avanti, alla demagogia o a qualche populismo di maniera. C'è da soffrire per qualche stagione? Bene, noi ci siamo, facciamolo insieme. Il nostro caro, vecchio, insostituibile Milan non va mai dato in pasto ai peggiori. Lì, ammaccati e insultati, ma lì. Fermi. A qualsiasi costo. Attorno a noi le sconfitte, la rabbia, la disgregazione, il veleno, i veleni. Fossimo dei megalomani, si potrebbe addirittura citare una battuta di Codice d'Onore, filmone tutto stelle e strisce di Jack Nicholson, Tom Cruise e Demi Moore: "Dormi pure tranquillo stanotte, ci sono io di guardia". Il Milan, sempre, comunque e quantunque, in ricchezza e in povertà, nella gioia e nel dolore, il resto lo sapete. Unici in tutto questo, come sempre. Anche impopolari certo, ma soli, come sempre. E se c'è in giro qualche spaventapasseri che cerca di insozzare tutto questo, pazienza. Del resto c'è il tempo in cui i posti sono a sedere, le cravatte sono rosa e si difendono a spada tratta le luci di Marsiglia e un altro tempo invece in cui i posti prima sono in piedi e poi si perdono: è quello il momento in cui le cravatte diventano gialle e si spunta nel piatto in cui si è mangiato per undici anni e mezzo (sulle date e i riferimenti non siamo mitomani, mai, lo confermano le fatture aziendali debitamente saldate e pagate). Quindi? Il Milan. E' il Milan al centro. Chi vivrà il "Milan rilanciato" con una fede temprata dal ciclo negativo vissuta nell'occhio del ciclone e non sul trespolo e invece chi lo vivrà con più di una punta di vouyerismo. La vita continua per tutti.

Con buona pace anche dei siti porno che hanno inserito fra una cosciona e l'altra il filmato di Suma e Ordine, vale la pena contestualizzare. E spiegare come è nato "Bacca tienitelo". Mercoledì 24 Giugno, il "buon" Fabio Ravezzani, direttore delle tv del gruppo Mediapason, in base alle sue legittime, professionali e rispettabilissime fonti, tutt'altro che campate in aria per alcuni aspetti, la trasmissione in questo modo: "Il mercato del Milan? Ve lo spiego, arrivano solo Bacca e Baselli e il resto si risolve con lo spostamento di El Shaarawy a centrocampo e il rinnovo di Mexes". Insorgiamo, rifiutiamo la tesi, quello non è il nostro mercato (come Bertolacci, Luiz Adriano e Josè Mauri avrebbero poi confermato) e nasce tutta una serata di gag televisive a spot con Fabio in cui lui dice una cosa sul tema e noi ribattiamo, fra cui la frase fatale. Che può essere compresa e capita solo se riferita al contesto, non al giocatore in particolare. Resta in sospeso qualche altra domandina (Ma come ha fatto il Milan a spendere 58 milioni per Bacca. Bertolacci e Luiz Adriano quando si diceva che non c'erano soldi per il mercato? Come mai tra Fininvest e il consorzio di Mr. Bee Taechaubol tutto procede quando si diceva che era tutta una fiction?), ma va bene così. Alla prossima.

Finalmente, Milan e Inter. Adesso che si è capito, e che si capirà sempre più in questo mercato, che la telefonata su Imbula e Miranda non era guerra preventiva o di aggiramento o addirittura una mossa interessata ad ottenere no fly zone nerazzurre, si può tendere la mano? Adesso che il derby di Montecarlo, dopo una contesa di mercato dura, ma cortese e leale, lo ha vinto l'Inter, si può per una volta applaudirci a Milano? Veniamo tutte e due danni anni duri, amari, laceranti. Anni a guardare gli altri. Anni in bianco e nero. Noi che amiamo il Milan oltre i confini della nostra stessa esistenza e percepiamo la determinazione rossonera di qui alla fine del mercato, facciamo un applauso al coraggio nerazzurro sul mercato e in particolare a Piero Ausilio, che nonostante Biasin si sforzi di renderlo antipatico, è persona serena, corretta, educata e molto capace.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan: le lancette indietro di un giorno. e attenzione alle nuvole nere. Roma: Strootman, calendario decisivo. L'Inter di Kia non trova continuità 10.12 - Per ore intere, giorni e settimane si è parlato del 13 Dicembre. Una volta arrivati in prossimità della data fatidica, abbiamo dovuto un po' tutti cambiare giorno. Una sorta di ora legale moltiplicata per 24. Solitamente si mettono le lancette indietro di un'ora. Questa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Verratti nel mirino. Il Lione libera Tolisso. Il Real non fa paura ma Allegri deve far giocare Higuain, Mandzukic e Dybala. Roma, Strootmann indifendibile. Napoli: 26 milioni per Kalinic. Milan, niente mercato 09.12 - Il primo posto nel girone di Champions era un obiettivo e la Juve l’ha conquistato, cosa volete di più? Su questo Allegri ha ragione. E, pensando al sorteggio, è altrettanto vero che se ti chiami Juventus e vuoi andare avanti devi mettere in conto che prima o poi squadre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.