HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Milan, non sarai a posto così ma ci sei! Juve e Inter, propaganda superiore. India-Del Piero, l'Italia è fatta così...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
30.08.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 52201 volte

Il Milan non è a posto così. Il Milan non è ultracompetitivo. Il Milan non pensa che i suoi tifosi siano evoluti o non evoluti, battuta singola ed episodica, datata ormai di 6 anni e quindi mediaticamente prescritta, o no? Il Milan è un grande Club italiano dalla storia inimitabile che fa i conti con i tempi che corrono. Non può prendere i top player, e come nel caso di Balotelli, deve risparmiare i soldi delle rate successive. Questo genera in alcuni passaggi sentimenti autentici, viscerali, come panico e amarezza fra i tifosi. Ma il Milan è anche un Club che si mette lì, con la calma, la pazienza, il cervello e fa di tutto per costruire una buona squadra per il Campionato sul punto di vedere la luce. C'è vita sul pianeta, ragazzi. Una vita diversa dalle abitudini e dalle tradizioni, ma c'è. Vedi Rami che twitta il suo milanismo, il suo essere rossonero e dimostra di voler rimanere al suo posto. Vedi De Jong che, sebbene nessuno gliel'avesse chiesto e nonostante fosse leggermente infortunato, decide di salire con la squadra sull'aereo per Valencia e passa tutta la domenica con i compagni, avendoli visti un po' tristi per le sconfitte Usa. Eppure non era convocato...C'è un Milan che pur senza i ricavi delle coppe europee, prende un grande portiere, mette un titolato come Alex al posto del buon Silvestre, mette un talento serio e voglioso come Menez al posto del talentuoso ma ancora non definito Taarabt (con tutto il rispetto ma quante offerte ha ricevuto dai Top Club quest'estate? Splendide comunque ieri sera le sue parole sul Milan che sono state apprezzate... anche se bisogna fare sempre attenzione a Biabiany...), colloca Armero al posto di Constant, riscatta Poli, acquista Rami, si inventa Fernando Torres al posto di Balotelli e prende, perché lo prende, un centrocampista per cercare di suturare la grave assenza fino a Dicembre di Montolivo. Il mercato del Milan? L'ingaggio di Robinho a Diego Lopez, l'ingaggio di Balotelli a Fernando Torres, l'ingaggio di Kakà ad Alex e Menez e il ricavo dei cartellini di Balo, Paloschi e Constant (quasi 30 milioni) a compensare i mancati introiti Champions. Non è il massimo della vita? Forse, ma è il meglio che si può fare nelle condizioni in cui versano le aziende, in cui versa il Paese e in cui versa il calcio italiano. Rosa più snella, gruppo più coeso, monte-ingaggi più basso. E si parte. Forza ragazzi. Fernando Torres? Per tutto il periodo che era al Chelsea non ha fatto bene? Balle da salotto. Guardate l'anno in cui è stato valorizzato da Benitez, il 2012-2013...ben 23 gol e rete decisiva per la conquista dell'Europa League dei Blues. Si è guardato troppo al nome? Illusione ottica. Il ragazzo c'è ed è di sostanza. Alla Curva del Milan, che amo fin da bambino e nella quale ho militato nello Scudetto della Stella, chiedo di ricordare il dicembre del 2008. Ricordate lo striscione? Io sì, ricordo tutto della Curva del Milan: meglio giovani come Strasser che fenomeni da baraccone come Beckham. Eppure la professionalità di Becks è stata proverbiale. Ha dato il tendine d'Achille per il Milan e ha anche rinunciato all'agognato Mondiale sudafricano per il Milan. Accoglietelo bene El Nino, vi prego. Vi ripagherà! Non a caso sia Antonio Conte che Jose Mourinho lo hanno detto a Milanello: "Prendilo e motivalo!".

E poi basta massacrare sempre il Milan. Non ci sono veline e non ci sono regimi. Si parla e di discute liberamente nel nostro calcio, mancherebbe altro. Ma non proprio sempre contro il Milan. Non è vittimismo. Ma candido stupore. Di fronte ad esempio alle tesi su Allegri. Al Milan il suo modo modesto di fare le Coppe era "il principale motivo di attrito con il presidente Berlusconi". Oggi che è alla Juventus cambia tutto: "Allegri fa bene le coppe europee, non come Conte". Da diventar matti. A proposito di Allegri, prendiamo Pirlo. Le cose più importanti della sua vita Andrea le ha fatte nel Mondiale 2006, Pirlo ha fatto un Mondiale tedesco assolutamente meraviglioso (riguardare per credere) ma è passato quasi inosservato. Una volta alla Juventus, ha fatto un Europeo 2012 certamente buono ma non super ed è stato proposto per il Pallone d'oro...Conosco poi gente alla quale se chiedi che ora è ti risponde che l'Inter ha fatto un mercato intelligente. E va bene non sappiamo l'ora con precisione, ma si può sapere che tempo fa domani? Risposta uguale: l'Inter ha fatto un mercato intelligente. Capito? Vidic parametro zero, Osvaldo in prestito, Dodò botta di c... (davvero ottimo giocatore, proprio per questo la Roma se c'era dormiva e forse si è già pentita, formula dell'operazione da Guinness della dilazione, se si fosse inventato il Milan questa alchimia sai i corsivi come nell'anno dell'emiro Preziosi...), e poi i fini dicitori M'Vila e Medel. Bene, tutti bravi, tutti intelligenti, tutti da Pallone d'oro. Basta che non siano del Milan. Complimenti a tutti, tranne che al Milan naturalmente. Va bene così, ci sta tutto e niente polemica. Ma almeno risparmiamoci la presa in giro del regime e delle veline.

Del Piero in India. Nel paese dei marò. I nostri militari ci stanno a cuore e sono bene impressi nella mente di tutti gli italiani. Ogni giorno e ogni ora. Ma non tocca allo sport andarli a prendere. Nè può il dribbling di Del Piero portare a termine l'annosa, dura e importantissima missione. Non tocca a lui, non tocca allo sport. Tocca alle istituzioni e alle coscienze. L'Italia ama lo sport. Lo ama oggi, come lo amava nel 1976 all'epoca della finale di Coppa Davis in Cile. Anzi, che la scelta di Alex di andare in India a giocare a calcio possa stemperare e possa essere una dimostrazione di apertura e di beau geste nei confronti di tutto il popolo indiano, della sua magistratura e della sua classe politica. Lasciamo il calcio e lo sport al di fuori dei gravi e importanti compiti che spettano ai politici. Grazie.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Film-Milan, la settimana dei pianti e delle feste. De Laurentiis, hai rovinato tutto! Verona, per la A esonera Pecchia e prendi un De Canio... Figc, il gioco si fa duro ma i colpi bassi non pagano mai 27.02 - Il Milan vince a Sassuolo con un rigore da ripetere (almeno), il Napoli perde punti e testa e l'Atalanta è lo spot più bello del nostro campionato. Immaginate se Gasperini avesse indovinato anche le prime cinque giornate oggi dove sarebbe... Roba da matti. Complimenti a Percassi e...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.